Fintech: la pandemia crea nuovi miliardari - Punto-Informatico.it

Fintech: la pandemia genera nuovi miliardari

La pandemia ha dato una spinta alle valutazioni del settore Fintech, generando nuovi paperoni: le new entry nella classifica dei miliardari.
La pandemia ha dato una spinta alle valutazioni del settore Fintech, generando nuovi paperoni: le new entry nella classifica dei miliardari.

La pandemia da Coronavirus ha stravolto le abitudini e le vite di tutti, mettendo in crisi la maggior parte dei settori, ma non quello delle Fintech. La nuova spinta verso la digitalizzazione imposta dal bisogno di limitare i contatti fisici sembra aver dato al settore nuova linfa vitale, tanto da fare la fortuna di “nuovi ricchi”, ora entrati a far parte della classifica dei miliardari del mondo Fintech.

Classifica miliardari Fintech: le new entry

Nella classifica dei nuovi miliardari del mondo Fintech, stilata dalla nota rivista statunitense di economia Forbes, si registrano 12 new entry. Si tratta di tutti paperoni entrati nella rosa dei super miliardari grazie al successo delle proprie attività e iniziative Fintech, dal lancio di app di trading azionario alla definizione di tecnologie di pagamento back-end.

Entrando nel dettaglio, stiamo parlando di:

  1. David Vélez, co-fondatore della banca digitale Nubank, lanciata per far concorrenza alle banche brasiliane, con 5,2 miliardi di dollari;
  2. Victor Jacobsson di  Klarna, realtà svedese con sede a Stoccolma che ha aperto la strada al modello Fintech “buy-now, pay-later” che consente ai consumatori di utilizzare facilmente piccoli prestiti rateali, invece delle carte di credito, per finanziare gli acquisti di estremo successo soprattutto durante la pandemia, con 2,7 miliardi di dollari;
  3. Sebastian Siemiatkowski, anche lui di Klarna con 2,2 miliardi di dollari;
  4. Max Levchin di Affirm, società quotata in borsa, e già confondatore di PayPal, con 2,2 miliardi di dollari;
  5. Nick Molnar co-CEO di Afterpay, società quotata in Borsa, con 1,8 miliardi di dollari;
  6. Anthony Eisen anche lui co-CEO di Afterpay con 1,8 miliardi di dollari;
  7. Dave Girouard di Upstart, istituto di credito Fintech che offre prestiti personali e utilizza l'apprendimento automatico per valutare il rischio del mutuatario, con 1,6 miliardi di dollari;
  8. Zach Perret ideatore di Plaid, che aiuta le app Fintech come Robinhood a connettersi facilmente ai conti bancari dei consumatori, con 1,5 miliardi di dollari;
  9. William Hockey anche lui di Plaid con 1,4 miliardi di dollari;
  10. Chris Britt, co-fondatore di Chime, la banca digitale gratuita per i clienti statunitensi a reddito medio, con 1,3 miliardi di dollari;
  11. Vlad Tenev di Robinhood, app di trading, con 1 miliardo di dollari;
  12. Baiju Bhatt sempre di Robinhood con 1 miliardo di dollari.
Fonte: Forbes
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 04 2021
Link copiato negli appunti