Foodora, lo sciopero dei fattorini

Protesta nel fine settimana, aperto un tavolo con l'azienda. Sul piatto le condizioni di lavoro e gli orari
Protesta nel fine settimana, aperto un tavolo con l'azienda. Sul piatto le condizioni di lavoro e gli orari

Milano – È quasi un inedito per l’economia 2.0, quella basata sulla intermediazione e disintermediazione di Internet: un gruppo di fattorini di Foodora , startup per la consegna degli ordini gastronomici direttamente a casa, lo scorso sabato ha indetto una protesta al centro di Torino. Una protesta che ha visto il rallentamento progressivo fino al blocco delle consegne : al centro delle rivendicazioni le condizioni di lavoro e il salario che l’azienda offre per chi gira la città in bicicletta con il pranzo e la cena altrui sulle spalle.

A quanto pare la protesta ha ottenuto un risultato tangibile: Foodora, stando al comunicato pubblicato sulla pagina Facebook del collettivo “Deliverance Project”, ha accettato di sedersi a un tavolo e discutere le rivendicazioni dei rider : la questione ruota attorno all’inquadramento dei fattorini, di fatto lavoratori a chiamata che ricevono 2,7 euro per ogni consegna effettuata (senza alcun emolumento relativo al tempo di attesa e di spostamento tra un ordine e il seguente), che puntano invece a diventare dipendenti a tutti gli effetti con un salario più sostanzioso.

Da parte sua l’azienda nelle scorse ore aveva chiarito che Foodora è una startup giovane che costituisce “un generatore di opportunità soprattutto per i giovani, nella maggior parte studenti, che possono gestirsi la collaborazione con totale flessibilità”, e che vada intesa come un secondo o terzo lavoro per chi si diverte ad andare in bicicletta e ha voglia di arrotondare. Si tratta ovviamente anche di bilanciare i profitti coi costi : i margini di una startup, soprattutto quelle basate su un business model digitale, non saranno particolarmente sostanziosi e dunque nella catena del valore tutte le spese vengono tagliate all’osso per garantirne la sopravvivenza.

Di certo la situazione è ancora estremamente tesa: alcuni collaboratori di Foodora che si erano uniti alle proteste pare siano stati “sospesi” dal servizio, e in generale la trattativa tra le controparti sarà complessa. Nell’era del business 2.0, 3.0 e ora anche 4.0, i ruoli tradizionali di datore di lavoro e dipendente sono stravolti da nuove forme di gestione del rapporto tra azienda e impiegati. È possibile che questa situazione dia lo spunto per una revisione completa di tutto il mercato, con conseguenze che andranno oltre la semplice risoluzione di questa disputa.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 10 2016
Link copiato negli appunti