Foursquare, alla ricerca del check-in

Secondo il fondatore Dennis Crowley, la piattaforma di geolocalizzazione social avrebbe tutta l'intenzione di gettarsi nel mondo del search. Garantendo ai vari motori dati anonimi per l'individuazione dei luoghi più trendy

Roma – “I nostri dati generano delle tendenze estremamente interessanti, che potrebbero portare ad un arricchimento del search”. Così Dennis Crowley, co-founder dell’ormai popolare piattaforma di geolocalizzazione social Foursquare. Una breve intervista apparsa tra le pagine online del quotidiano britannico The Telegraph , in cui Crowley ha fatto luce su alcuni dettagli di una prossima strategia nel vasto ecosistema del search online.

Pare infatti che Foursquare abbia tutta l’intenzione di gettarsi a capofitto nell’universo dei motori di ricerca, svelando una serie di colloqui e trattative con alcuni dei suoi massimi protagonisti. Tra questi, Google, Yahoo! e Microsoft , ovvero l’attuale trinità del mercato del search.

La strategia illustrata da Crowley consisterebbe nel fornire ai suoi potenziali partner un flusso sempre aggiornato dei vari check-in effettuati dagli utenti iscritti, trasferiti ovviamente in forma anonima. Ai giganti del search il successivo compito di analizzare questi dati in forma di trend , per capire quali siano i posti più visitati dai vari utenti di Foursquare .

“Possiamo rendere anonimi i vari dati – ha spiegato Crowley – e utilizzarli per mostrare i luoghi più popolari. Twitter ha aiutato il mondo e i search engine a capire di cosa stessero parlando i suoi utenti. Foursquare permetterebbe alle persone di sapere quali siano i luoghi di tendenza”. In sostanza, ristoranti, bar, locali notturni .

Nessuna delle tre aziende citate da Crowley ha tuttavia confermato le sue indiscrezioni, rifiutando di offrire alla stampa dettagli aggiuntivi. C’è comunque chi ha sottolineato come gli attuali due milioni di utenti di Foursquare non costituiscano poi un numero così elevato da permettere al mondo di capire quali siano i posti più trendy del pianeta.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ubunto scrive:
    A quando le ritorsioni?
    Credo che i providers dovrebbero iniziare a valutare l'idea di ritorsioni verso i produttori di contenuti.Un pretesto si trova sempre per portare qualcuno in tribunale e spennarlo.
    • ThEnOra scrive:
      Re: A quando le ritorsioni?
      - Scritto da: Ubunto
      Credo che i providers dovrebbero iniziare a
      valutare l'idea di ritorsioni verso i produttori
      di
      contenuti.
      Un pretesto si trova sempre per portare qualcuno
      in tribunale e
      spennarlo.Accusandoli di cosa? Mica sono loro a mettere nelle reti i propri film, mp3, ecc...
      • Guybrush scrive:
        Re: A quando le ritorsioni?
        - Scritto da: ThEnOra
        - Scritto da: Ubunto[...]

        spennarlo.

        Accusandoli di cosa? Mica sono loro a mettere
        nelle reti i propri film, mp3,
        ecc...no? Io un pensierino ce lo farei.
        • ThEnOra scrive:
          Re: A quando le ritorsioni?
          - Scritto da: Guybrush
          - Scritto da: ThEnOra

          - Scritto da: Ubunto
          [...]


          spennarlo.



          Accusandoli di cosa? Mica sono loro a mettere

          nelle reti i propri film, mp3,

          ecc...
          no? Io un pensierino ce lo farei. :-o :-o :-o
          • Ubunto scrive:
            Re: A quando le ritorsioni?
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: Guybrush

            - Scritto da: ThEnOra


            - Scritto da: Ubunto

            [...]



            spennarlo.





            Accusandoli di cosa? Mica sono loro a mettere


            nelle reti i propri film, mp3,


            ecc...

            no? Io un pensierino ce lo farei.

            :-o :-o :-o" Un pretesto si trova sempre per portare qualcuno in tribunale e spennarlo. "Tipo... "mi sporchi l'acqua".
  • Lord Kap scrive:
    Per la redazione
    Quel 'quindi BREIN deve retrocedere dal proposito' non sarà meglio cambiarlo in 'quindi BREIN deve recedere dal proposito'? ;)-- Saluti, Kap
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: Per la redazione
      Si, direi di si :-P
      • Giorgio Blangetti scrive:
        Re: Per la redazione
        Che Ziggo sia il maggiore provide dell'Olanda ne ho i forti dubbi.Al limite è il piu grande nella televisione (ed internet) via cavo.Comunque, Punto Informatico, sarebbe interessante se faceste un giro tra le offerte internet dell'Olanda, per esempio, Ziggo in questi giorni offre ai suoi abbonati Avatar HD in streeming, la connessione internet arriva a 80MB, ma non è nemmeno il piu veloce, UPC offre collegamenti per privati a 120MB (e nello spot televisivo mostra quanto è lento un vecchio collegamento a 20 MB...)Qui, una classifica aggiornata: http://www.speedtest.nl/Database/Ranking.asp?TestTypeID=8&chkCTC=on&chkCTT=on&chkCTA=on&chkCTI=on&chkCTD=on&chkCTW=onUltima cosa, qui scaricano tutti via Newsgroup.
  • Findi scrive:
    ho paura per loro!
    Entro la fine dell'anno di sicuro ci sarà una "reazione"...
Chiudi i commenti