Garante: proteggete l'utente di telefonia

L'Autorità sulla privacy avverte le compagnie telefoniche: necessario far conoscere al cliente il suo diritto a non apparire negli elenchi e a non ricevere pubblicità sul telefono fisso o su quello mobile


Roma – Quanti sanno che l’attuale normativa sulla privacy consente agli abbonati di telefonia mobile e fissa di non trasformare il proprio abbonamento in un veicolo preferenziale per chi vuole bombardare gli italiani di pubblicità? Se lo chiede l’Autorità garante per la privacy, secondo cui ben pochi sono i clienti di servizi di telefonia mobile o fissa a conoscere i propri diritti.

Per questo il Garante ha avvertito tutti gli operatori sulla necessità di una chiara comunicazione al cliente e dell’opportunità per quest’ultimo di scegliere il proprio “profilo” nel rapporto con gli operatori stessi.

Questo significa, in soldoni, che nella massima trasparenza e chiarezza sarà necessario comunicare ai clienti la possibilità per loro di non apparire negli elenchi telefonici al fine di tenere riservati i propri recapiti telefonici. Nonché il diritto a non ricevere pubblicità telefonica presso le proprie utenze. Allo stesso modo l’utente, con la rimozione dall’elenco, dovrà sempre poter ottenere anche che l’indirizzo della propria residenza non sia utilizzato per finalità pubblicitarie.

Il Garante si è mosso perché sulla stampa sono apparsi moduli informativi e di scelta per i clienti, giudicati “del tutto inidonei” a svolgere la funzione che secondo l’Autorità è necessaria.

Proprio per questo l’Autorità ha invitato tutti gli operatori, che stanno ora preparando i moduli, a sottoporre al Garante bozze dei propri documenti affinché sia possibile valutarne preventivamente l’effettiva rispondenza ai necessari criteri di trasparenza. L’Autorità vuole assicurarsi che non vi sia il rischio che “l’abbonato sia indotto a sottoscrivere, in modo non pienamente consapevole, formule di consenso a raffica, specie per scopi pubblicitari”.

Va da sé che è ancora presto per determinare se l’intervento del Garante consentirà davvero agli abbonati di liberarsi del sempre più frequente e abusato “spam telefonico”. La speranza è che per tutti sarà d’ora in poi più facile sapere di poter scegliere…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ...però sarebbe un peccato...
    ...non vedere l'evoluzione di questa macchina, immaginatela come l'ha sognata l'inventore... leggera, sicura, pulita, silenziosa... e soprattutto ad un prezzo ragionevole.mi rendo conto che per arrivare a questa evoluzione dovranno convincere milioni di persone ad acquistare un pacco dalle proporzioni esagerate.mi ricorda un po' il primo newton della apple... un parto prematuro... Stefano.
  • Anonimo scrive:
    Rivoluzionario??
    Questa era rivoluzionaria : http://www.eoloauto.it peccato non se ne parla più ............ :-(
    • ahia scrive:
      Re: Rivoluzionario??
      - Scritto da: Anonimo
      Questa era rivoluzionaria :
      http://www.eoloauto.it peccato non se ne
      parla più ............ :-(ma e' una cosa vera? dove sta la fregatura?
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivoluzionario??
      - Scritto da: Anonimo
      Questa era rivoluzionaria :
      http://www.eoloauto.it peccato non se ne
      parla più ............ :-(il sito sembra fermo da un annetto... parla in lire, parla delle prossime fabbriche nel 2002... prime vendite nel luglio 2002... bah... se è vero si tengano stretto il progetto... prima o poi verrà comodo... per liberarsi dal petrolio...
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivoluzionario??
      - Scritto da: Anonimo
      Questa era rivoluzionaria :
      http://www.eoloauto.it peccato non se ne
      parla più ............ :-(Infatti il sito non funziona più. Pare che la Eoloauto abbia rinunciato al mercato italiano, e probabilmente quell'auto dava ancora problemi.
  • Anonimo scrive:
    l'idea del millennio... si come no!
    Che dire... era stata trattata come la rivoluzione annunciata, più segreta degli UFO di X-Files, più rivoluzionaria di Robespierre, più necessaria di un cellulare, alla fine cosa è successo? Si è scoperto che un monopattino costa meno, è più leggero e trasportabile, non consuma e inquina per niente, e aiuta a tenersi in forma. Se queste sono le rivoluzioni del nuovo millennio, mi sa tanto che è meglio tornare indietro di 20 anni.
  • Anonimo scrive:
    Già, peccato che...
    Dal giornale CITY di Milano, anno 3 numero 27 di mercoledì 12 febbraio 2003 (giornale distribuito gratuitamente in metrò):Il flop del giorno.Invenzione, non rivoluzione.Doveva essere la rivoluzione dei trasporti urbani del terzo millennio.Invece a poco più di 13 mesi dalla presentazione, Ginger, alias Segway, alias It, alias La Cosa, insomma il monopattino non ha sfondato.Il suo inventore americano Dean Kamen aveva pronosticato che dalla fabbrica nel New Hampshire sarebbero usciti 10.000 modelli alla settimana. In realtà ne escono dieci."Ammetto di aver sbagliato le previsioni", dice oggi Keman.I problemi di Segway sono molti: il prezzo (4.950 dollari a chi ordina online), la scarsa durata delle batterie (bisogna ricaricarle ogni 2 ore!), e l'eccessivo peso (venti chili di troppo). (Ansa)
  • Anonimo scrive:
    Non lo comprerei MAI ma.....
    ....un giretto ce lo farei volentieri, deve essere molto divertente provarlo.Di più, penserei subito ad una versione elaborata che sfiori i 25km/h (ora fa i 20km/h max) senza manubrio a mo' di monosci urbano opportunamente carrozzato con respingenti gommati per non distruggerlo al primo scontro. Così come'è ce lo vedo bene come attrazione nei parchi giochi, offerto a noleggio per girarsi una fiera o una grande mostra interna od esterna ed anche come mezzo ad uso interno delle aziende.Per uso privato dubito molto che possa sfondare , anche perchè in Italia per prima cosa gli si applicherebbe la targa per assoggettarlo al pagamento del bollo.....Tamerlano
  • Anonimo scrive:
    La società è in crisi
    http://www.wired.com/wired/archive/11.03/segway.html
  • Anonimo scrive:
    stronzate
    una stronzata era quando ne hanno parlato la prima volta e una stronzata rimane ora, a distanza di anni...secondo me.[Pancho]
    • Anonimo scrive:
      Re: stronzate
      No, secondo me è anche peggio!
    • Anonimo scrive:
      Re: stronzate
      Il fatto che non piaccia a TE non significa che non debba piacere a nessuno.Se poi Kamen va in bancarotta tanto peggio per lui, ma a te che importa?
    • Anonimo scrive:
      Re: stronzate
      - Scritto da: Anonimo
      una stronzata era quando ne hanno parlato la
      prima volta e una stronzata rimane ora, a
      distanza di anni...

      secondo me.

      [Pancho]Il fatto è che costa un sacco di soldi, deve combattere con le leggi sulla regolamentazione del traffico, può essere pericoloso sui marciapiedi specie se usato dai tamarri, dopo un paio d'ore va ricaricato ed è una grana non da poco.Ho trovato molto divertente comunque la prova fatta da Beppe Severgnini:http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2003/02_Febbraio/13/segway_severgnini.shtmlSecondo me sarà un fallimento per gli obiettivi che si era prefissato, ma magari in futuro potrà essere riciclato per un progetto con fini diversi. D'altrocanto molte grandi invenzioni sono nate per risolvere un bisogno ma poi sono state utilizzate per ben altro.
      • Anonimo scrive:
        Re: stronzate

        D'altrocanto molte grandi invenzioni sono nate per
        risolvere un bisogno ma poi sono state
        utilizzate per ben altro.Questa "grande invenzione" doveva risolve un solo problema, quello dell situazione economica del signor "Segway".In fin dei conti, se escludiamo il fatto che è un po' meno lungo (ma non meno ingombrante) assolve le stesse funzioni di un monopattino elettrico ma:1) Costa 5 volte tanto2) E' inutilmente complicato.3) Non risolve il problema dell'autoE ora la mia grande invenzione. prendo un Segway, tolgo l'elttronica, metto una ruota davanti e invento il triciclo! Costa meno e sta in piedi da solo!Sono un genio..... come minimo mi aspetto che tutti i governi del mondo facciano delle triciclostrade di fianco alle strade ordinarie, apposta per i tricicli.....Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: stronzate
          - Scritto da: Anonimo
          E ora la mia grande invenzione. prendo un
          Segway, tolgo l'elttronica, metto una ruota
          davanti e invento il triciclo! Costa meno e
          sta in piedi da solo!
          Sono un genio..... come minimo mi aspetto
          che tutti i governi del mondo facciano delle
          triciclostrade di fianco alle strade
          ordinarie, apposta per i tricicli.....
          Si vede che non sai nemmeno di cosa stai parlando. Se avessi visto come funziona (cosa che io ho fatto) capiresti (forse) che non è un'invenzione così semplice e così stupida......che poi non prenderà piede questo è un altro tipo di discorso.
    • Akiro scrive:
      Re: stronzate
      fa schifo per tutto il clamore con cui è stata annunciata e per il prezzo... per il resto bhe, calcola che ridurrebbe il traffico e l'inquinamento...se ci fosse una versione anke coperta sarebbe l'ideale... ma che prezzo!
Chiudi i commenti