Gates: fondi per il museo del computer

Con 15 milioni di dollari il chairman Microsoft e sua moglie contribuiscono al museo di Mountain View, che racconta la storia del computing e i primi passi di Silicon Valley


San Francisco – C’è la Bill and Melinda Gates Foundation dietro quella che al momento è la donazione più importante giunta nelle casse di un singolare istituto a cui il chairman Microsoft Bill Gates sembra particolarmente affezionato: il Computer History Museum collocato nel cuore di Silicon Valley .

“La missione del Museo del Computer – si legge sul sito dell’istituzione – è di conservare per la posterità ed esporre gli oggetti e la storia dell’età dell’informazione. Come tale, il Museo gioca un ruolo unico nella storia della rivoluzione informatica e nel suo impatto globale sull’esperienza umana”.

Parole importanti, dunque, che i coniugi Gates premiano ora con 15 milioni di dollari che contribuiranno a costituire un fondo di 125 milioni come richiesto dal Museo: l’idea dell’Istituto è di utilizzare questo denaro per dare maggior peso soprattutto all’aspetto formativo e didattico della propria attività nonché a dar vita ad una “mostra interattiva” sulla storia del computing.

“L’impatto della rivoluzione informatica sulla nostra società – ha dichiarato Bill Gates in una nota – toglie il fiato: ha cambiato il modo in cui lavoriamo, giochiamo, impariamo e comunichiamo. E’ una responsabilità per noi oggi raccogliere i dispositivi e la storia che racconterà questa radicale trasformazione alle generazioni che verranno”.

L’attrattiva esercitata dal Museo si deve al fatto che è nato nei primi anni ’70 del secolo scorso ed ha così raccolto migliaia di oggetti, documenti, software e altri materiali, alcuni dei quali possono essere “visitati” direttamente dal sito, come l’interessante Time Line , un vero e proprio “viaggio nel tempo” aggiornato al 1990. Un progetto, ancora in fieri, dovrebbe portare online quasi tutti i contenuti del Museo entro pochi anni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma de che
    Che qualcuno ci provi a prendermi le impronte digitali o l'irideal massimo, con la collaborazione di una o piò funzionarie fighe, possono farmi il calco del pene eretto come roccosiffredi
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma de che
      - Scritto da: Anonimo
      Che qualcuno ci provi a prendermi le impronte
      digitali o l'iride
      al massimo, con la collaborazione di una o piò
      funzionarie fighe, possono farmi il calco del
      pene eretto come roccosiffredite lo fanno dal di dietro quel calco :|
  • Anonimo scrive:
    Prima affermare certe cose...
    ... dovranno levare la trave dai loro occhi
  • HotEngine scrive:
    LOL.. proprio loro
    Che volevano far divenire passport la piattaforma dove concentrare vita/morte/miracoli dei propri utenti... ;) ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: LOL.. proprio loro
      - Scritto da: HotEngine
      Che volevano far divenire passport la piattaforma
      dove concentrare vita/morte/miracoli dei propri
      utenti... ;) ;)Credo che la loro idea sia di aggregare tutti i dati personali nella ID card elettronica e i dati bancari su server donati dalla microsoft. In questo modo potrebbero derubare inglesi senza bisogno di ricattare i produttori di hardware.
    • Anonimo scrive:
      Re: LOL.. proprio loro
      - Scritto da: HotEngine
      Che volevano far divenire passport la piattaforma
      dove concentrare vita/morte/miracoli dei propri
      utenti... ;) ;)Cencio parla male di Straccio ! (rotfl) (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: LOL.. proprio loro
      Allora non ci hai capito proprio niente....
      • HotEngine scrive:
        Re: LOL.. proprio loro
        - Scritto da: Anonimo
        Allora non ci hai capito proprio niente....Meno male che ci sei tu che capisci tutto, soprattutto l'ironia... ROTFL.
  • Anonimo scrive:
    Non si fa
    Non si adottano queste cose senza averne prima parlato con zio bill. Se le adotteranno in italia sarà solo dopo che ilvio ne avrà discusso a lungo con lui
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si fa
      - Scritto da: Anonimo
      Non si adottano queste cose senza averne prima
      parlato con zio bill.
      Se le adotteranno in italia sarà solo dopo che
      ilvio ne avrà discusso a lungo con luiTi ricordo che Ilvio si scrive con la "i" maiuscola essendo nome proprio. Eppoi non parlerebbe con zio Bill, ma con suo fratello... Dio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si fa
      Si, come no....E Infatti l'ultimo grande DB "pubblico" che è stato fatto, quello dei punti patente, è su macchine SUN che sono (ci) sono costate uno sproposito.Pure l'intervista al telegiornale con in bella vista il logo della SUN.Puah !!!!
Chiudi i commenti