GDrive? Indicazioni finanziarie? Tutto falso?

I portavoce di Google chiudono in difesa e ritrattano dopo l'ultima fuga di notizie: i dati trapelati su Internet dopo l'ultimo Analyst Day sarebbero il frutto d'una svista e sarebbero imbottiti di inesattezze


Mountain View (USA) – Google nega la bontà delle informazioni riservate svelate durante l’ Analyst Day , diffuse sul web e prontamente individuate da osservatori internazionali e media come lo stesso PI. Il re dei motori di ricerca teme che la fuga di notizie possa causare scosse sui mercati azionari e smentisce: “I dati diffusi durante la presentazione”, sostengono i portavoce dell’azienda, “risalgono al 2005 e non contengono informazioni valide”.

“I dati comunicati durante la presentazione non vanno presi come indicazioni di carattere finanziario”, sottolineano con forza i PR di Mountain View. All’interno della trascrizione del documento multimediale , mostrato ad un gruppo di analisti di Wall Street, si parlava di progetti segreti , tra i quali il “misterioso” GDrive.

Ma non solo: il documento forniva anche previsioni finanziarie per il 2007, con indicazioni riguardo ad un ipotetico decremento dei margini di guadagno provenienti dal programma AdSense . Indicazioni immediatamente bollate come “inesatte e completamente fuorvianti”. Non serve troppa malizia per capire che il disegno complessivo della situazione possa nascondere chiari intenti promozionali .

E questo soprattutto perché molte delle informazioni trapelate sono sicuramente ottimistiche e positive. Il paragrafo più “temuto” ed “inaccurato”, stando ad un comunicato rilasciato dall’azienda, è proprio quello in cui vengono rilasciate “previsioni di crescita per il prossimo anno”.

Una crescita, si legge nella presentazione, che prevede un incremento sostanziale nei profitti: da “6 miliardi a 9,5 miliardi di dollari”. “Tutti dati che non hanno rilevanza finanziaria e che non rispecchiano le previsioni reali fornite agli investitori”, incalzano i portavoce. La presentazione finora disponibile per il download, della lunghezza di ben 94 pagine, è stata rimpiazzata con una copia revisionata , depurata dalle suddette inesattezze.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Windows Mobile già lo fa con WMCE
    Come al solito Tivo copia da Microsoft. WMCE lo fa dall'anno scorso, quando è uscito Windows Mobile 5 sugli smartphones.
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Mobile già lo fa con WMCE
      - Scritto da: Anonimo

      Come al solito Tivo copia da Microsoft.Non direi "come al solito", visto che il TiVo (sui cui gira Linux) è nato ben prima del mediacenter.
  • Anonimo scrive:
    Il mercato di TiVo è in calo
    Adesso le stesse società che forniscono contenuti a pagamento stanno fornendo agli abbonati il loro PVR simile a TiVo e quindi per TIVO il mercato diventa sempre più difficile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mercato di TiVo è in calo
      ti riferisci a SKY?beh TiVo dalla sua parte ha quella di essere il pioniere del settore, e, come continua a dimostrare, di essere la piattaforma più "aperta" come possibilità, a tutto vantaggio dei consumatori.Per esempio la scatoletta con HD di Sky immagino che registrerà i contenuti con una chiave a millemila bit, che non saranno esportabili da nessun'altra parte, nemmeno su un'altra scatoletta presente in casa, nè ovviamente rendendo possibile l'uso di un Media Center, grazie all'adozione del simpatico NDS che se non erro ancora oggi non esistono CAM common interface in grado di decodificarlo.Per questo ormai da quasi due anni non sono più loro abbonato: perchè pagare per essere obbligato a usare la loro scatoletta del piffero? in più mi sembra che la varietà dei film e la qualità di trasmissione sia molto peggiorata per risparmiare sui diritti e sui transponder utilizzati....
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mercato di TiVo è in calo
        - Scritto da: Anonimo
        ti riferisci a SKY?
        Be' sì sky offre qualcosa di simile. Però mi riferivo al mercato americano dove le varie cable tv stanno offrendo un prodotto simile al TiVo a tutti i loro abbonati. Anche se pare che come software siano ancora un po' indietro, però a lungo andare non credo che il Tivo resisterà. Immagina di abbonarti a Pinco Pallino e insieme ti danno già un apparecchio compreso nel prezzo che fa tutto quello che fa il tivo, perché comprarlo o affittarlo? In fin dei conti è un semplice PVR con un bel menu che scarica le guide dei programmi. Non sono neanche di una precisione svizzera visto che c'è l'opzione di anticipare o ritardare la registrazione. Sarebbe fantastisco invece se le tv mandassero un segnale che fa partire la registrazione e avvertisse l'apparecchio quando terminarla.
        che registrerà i contenuti con una chiave a
        millemila bit, che non saranno esportabili da
        nessun'altra parte, nemmeno su un'altra
        scatoletta presente in casa, nè ovviamente
        rendendo possibile l'uso di un Media Center,
        grazie all'adozione del simpatico NDS che se non
        erro ancora oggi non esistono CAM common
        interface in grado di decodificarlo.Anche per Tivo stanno adottando forme di drm, o forse le hanno già adottate con i nuovi modelli.Ora fra l'altro spingono molto di più la proposta di noleggio del tivo che è di circa 10 dollari al mese.
        Per questo ormai da quasi due anni non sono più
        loro abbonato: perchè pagare per essere obbligato
        a usare la loro scatoletta del piffero? in più Sì anche io ho disdetto, più che altro perché non la guardavo mai. I film preferisco vederli in Dvd o al cinema. I canali con i documentari erano troppo commerciali per i miei gusti. Poi c'era tutto un gruppo di canali con cartoni animati e video musicali che non ho mai filato.Poi nel mio palazzo ho un impianto centralizzato che non mi fa vedere tutti i canali di Sky e questo in parte mi creava una certa irritazione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il mercato di TiVo è in calo
          - Scritto da: Anonimo
          Sarebbe fantastisco
          invece se le tv mandassero un segnale che fa
          partire la registrazione e avvertisse
          l'apparecchio quando terminarla.No, però gli dicono quando distruggere una registrazione scomoda. Vedi la Fox che ha ordinato ai Tivo di cancellare la nuova serie dei Simpson.
          Anche per Tivo stanno adottando forme di drm, o
          forse le hanno già adottate con i nuovi modelli.Già fatto...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mercato di TiVo è in calo

            No, però gli dicono quando distruggere una
            registrazione scomoda. Vedi la Fox che ha
            ordinato ai Tivo di cancellare la nuova serie dei
            Simpson.Vista la qualità degli ultimi episodi forse è un bene!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mercato di TiVo è in calo
            - Scritto da: Anonimo


            No, però gli dicono quando distruggere una

            registrazione scomoda. Vedi la Fox che ha

            ordinato ai Tivo di cancellare la nuova serie
            dei

            Simpson.

            Vista la qualità degli ultimi episodi forse è un
            bene!http://youtube.com/watch?v=49IDp76kjPw&search=real%20Simpsons
Chiudi i commenti