Giusto scriversi le password

Chi non lo fa rischia di utilizzare sempre la stessa e dunque di esporsi: lo dice un senior manager di Microsoft da sempre impegnato sul fronte della Sicurezza
Chi non lo fa rischia di utilizzare sempre la stessa e dunque di esporsi: lo dice un senior manager di Microsoft da sempre impegnato sul fronte della Sicurezza


Sidney (Australia) – L’uso della rete e del computing moltiplica la necessità di utilizzare password di accesso, ma la delicatezza dei dati protetti da password è tale, in molti casi, da rendere necessario un uso più consapevole di questo strumento. Molti, infatti, sono coloro che usano sempre la stessa password, o parole chiave scontate, facili da indovinare, e dunque altamente insicure.

A dirlo è stato nelle scorse ore Jesper Johansson, guru della Sicurezza e da anni program manager delle politiche della sicurezza di Microsoft , società da anni a caccia di un sistema di password per immagini . Secondo Jesper, intervenuto ad una importante conferenza australiana, l’industria di settore per anni ha sbagliato nel dire agli utenti che non c’è motivo di scriversi le password utilizzate.

Ad una audience di imprenditori e dirigenti, Jesper si è chiesto: “Quante persone adottano una policy sulle password per cui nemmeno sotto tortura riporterebbero le proprie password su carta? Io dico che questo è assolutamente sbagliato, dico che la politica sulle password dovrebbe sempre imporre di scriversi la password. Io ne uso 68 diverse: se non mi è concesso scriverle cosa finirò per fare? Evidentemente userò sempre la stessa password”.

L’uso di un’unica password per una molteplicità di servizi è dai più considerata una leggerezza che può costar cara. “Dal momento che non tutti i sistemi consentono di inserire buone password – ha aggiunto Jesper – mi capiterà di sceglierne una poco furba, di usarla ovunque e di non cambiarla mai. Se le scrivo e proteggo quel pezzo di carta – o il supporto dove le ho scritte – non c’è davvero nulla di male. Questo ci consente di ricordare più password e di scegliere password migliori”.

Va detto che se scrivere su carta le password può anche significare rischiare di perderle, sono molti i software studiati appositamente per archiviare un gran numero di password in sicurezza: gli stessi browser web più evoluti gestiscono in modo piuttosto sicuro le diverse password dell’utente.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 05 2005
Link copiato negli appunti