Goldman Sachs: scoperta l'azienda del primo prestito garantito in Bitcoin

Goldman Sachs: scoperta l'azienda del primo prestito garantito in Bitcoin

È stata scoperta l'identità della misteriosa azienda che per prima ha ricevuto un prestito garantito in Bitcoin dalla banca d'affari Goldman Sachs.
È stata scoperta l'identità della misteriosa azienda che per prima ha ricevuto un prestito garantito in Bitcoin dalla banca d'affari Goldman Sachs.

In data 3 maggio 2022 è stata rivelata l’identità della misteriosa azienda destinataria del primo prestito garantito in Bitcoin. Erogato dalla banca d’affari Goldman Sachs, si tratta di una prima esplorazione. Fino all’altro giorno però non si sapeva ancora chi fosse il beneficiario.

Ora però tutti lo sanno. Ad aver ottenuto il primo prestito con Bitcoin come collaterale è stato Coinbase. Sì, il più grande e importante scambio al mondo ha precorso i tempi sfruttando questa possibile sfida che aprirà le porte a innumerevoli disponibilità.

Secondo quanto dichiarato da Bloomberg, questa operazione è stata eseguita per approfondire il rapporto che c’è tra il mondo delle criptovalute e quello del trading. Un’opportunità che ne Goldman Sachs e nemmeno Coinbase hanno voluto lasciarsi scappare.

La crescita di Coinbase è sotto gli occhi di tutti. Aprire un conto gratuito su questo exchange è facile e veloce. Inoltre, permette a chiunque di sperimentare tutte le soluzioni che la piattaforma offre per il trading crypto e l’investimento a lungo termine.

Goldman Sachs collabora con Coinbase: nasce una partnership interessante

Sembra proprio sia nata una partnership interessante tra Goldman Sachs, l’erogatore del prestito, e Coinbase, il beneficiario. La particolarità evidente di questa operazione è che quanto concesso dalla banca d’affari di Wall Street è garantito da 4.487 bitcoin.

In pratica, come collaterale, Coinbase ha messo sul piatto circa 170 milioni di dollari in criptovaluta. Attualmente non sappiamo a quanto ammonti la somma erogata come prestito da Goldman Sachs, ma siamo certi dell’inizio di una collaborazione che potrebbe continuare a lungo. Ecco quanto ha affermato Brett Tejpaul, Head of Coinbase Institutional:

Il lavoro di Coinbase con Goldman Sachs è un primo passo nel riconoscimento delle criptovalute come garanzia che approfondisce il ponte tra le economie fiat e crypto.

Una notizia particolarmente interessante dato che spinge molto sulla continua adozione delle criptovalute. La finanza tradizionale potrebbe beneficiare di questo “esperimento” e molte altre realtà si affacceranno in futuro per esplorare i prestiti o i mutui garantiti con Bitcoin come collaterale.

Ha sorpreso tutti scoprire che dietro la prima operazione di denaro prestato da Goldman Sachs c’era Coinbase. Ma chi meglio di questa società poteva fare da apripista per studiare al meglio il rapporto tra economia fiat e criptovalute?  Puoi aprire un conto gratuito sul suo exchange oggi stesso. Potrai acquistare, vendere e detenere asset digitali in totale sicurezza approfittando della sua esperienza nel settore.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Bloomberg
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 4 mag 2022
Link copiato negli appunti