Google Book Search scarta Adobe

Il motore di ricerca per libri di Google adesso dispone anche di un tool di lettura proprietario; Adobe Acrobat Reader rimane ma serve davvero solo per la stampa e il download dei testi

Mountain View – Google ha deciso di spernacchiare Adobe , rendendo disponibile un nuovo tool per il servizio Book Search che permette di leggere più comodamente i libri digitalizzati e che non richiede software Adobe.

Si tratta di una soluzione online che non ha bisogno di alcuna istallazione o scaricamento di file. Il motore di ricerca per libri, che tanto ha fatto discutere per questioni di copyright e che contemporaneamente ha ricevuto gli elogi dI alcuni importanti editori, è diventato maggiormente user-friendly.

I file dei libri in formato Adobe Acrobat sono ancora disponibili, ma ormai questa sembra essere un’opzione più che un obbligo per l’accesso alla lettura. Il reader di Google è nettamente più veloce e usabile: le pagine dei libri vengono visualizzare immediatamente e, rispetto a quelle Adobe, godono di un dettaglio superiore.

Il servizio di BigG Lo scrolling può essere effettuato sia tramite una classica barra di scorrimento verticale, che utilizzando due comodi tasti per l’Avanti/Indietro. Non mancano le funzioni di zoom, con otto livelli, e l’opzione di visualizzazione a pagina intera.

L’interfaccia è in stile minimalista: la parte alta della pagina web è occupata dalla stringa testuale di ricerca del servizio; nella zona centrale si sviluppa verticalmente il testo; nella colonna di destra sono presenti tutti i link alle varie funzioni e informazioni. Con un solo click del mouse, quindi, si può accedere all’indice o ai dati sul copyright del libro visualizzato. Ma, volendo, si può procedere anche all’acquisto sulle librerie online segnalate.

Non manca apparentemente alcuna funzione se non quella di stampa, che è possibile solo ed esclusivamente con l’ausilio del vecchio Adobe Acrobat Reader.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Finalmente!
    sono arrivate al punto di lottare tra loro, forse adesso si potra' procedere veramente ad una riforma delle leggi medioevali sul diritto d'autore, ora conviene anche a loro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente!

      adesso si potra' procedere veramente ad una
      riforma delle leggi medioevali sul diritto
      d'autore, ora conviene anche a loro.Apprezzo il tuo ottimismo ma non ci conterei troppo.
Chiudi i commenti