Google, il docuverso esce dalla beta

Il plug-in per la sincronizzazione tra Office e le nuvole di Mountain View esce dallo stato di beta. Google esorta allo switch mentre Microsoft vince la gara per la fornitura di servizi di cloud computing alle istituzioni scolastiche statunitensi

Roma – Annunciato e reso disponibile in stato di beta alla fine del 2010, il plug-in Google Cloud Connect per Microsoft Office si affaccia ora sul mercato come prodotto finito disponibile a livello mondiale. Mountain View esorta gli utenti ad abbandonare il software on-premise e ad adottare il mainframe cloud computing, ma la concorrenza tra le nuvole è forte e Microsoft la spunta su un lauto contratto per la fornitura di servizi telematici alle istituzioni educative USA.

Nato dall’acquisto e dalla successiva integrazione delle tecnologie sviluppate da DocVerse, Cloud Connect ha il compito di interfacciare le versioni più moderne della suite di produttività Microsoft Office (a partire dalla 2003 in poi) con l’infrastruttura telematica di Google Docs, fornendo agli utenti la possibilità di sincronizzare il proprio lavoro online e di condividerlo con i colleghi.

Assieme all’annuncio della prima build ufficiale di Cloud Connect, Google ha messo a disposizione dell’utenza business un piano di prova dei propri servizi chiamato Appsperience : al modico prezzo di 7mila dollari (50-500 utenti) o 15mila dollari (più di 500 utenti), l’azienda può avere “diritto” a provare – per 90 giorni – l’ebbrezza di trasferire i propri documenti (anche i più riservati, s’intende) sui server esterni di Mountain View e l’effetto che fa quando la connessione è down e Google Docs non computa .

Google spinge per l’adozione del cloud computing come modello vincente per la gestione delle infrastrutture IT aziendali e non solo, ma anche sul versante delle nuvole telematiche la concorrenza di Microsoft è tutto tranne che arrendevole : Redmond si è guadagnata l’onore e l’onere (e i ricavi) di fornire servizi di posta elettronica al programma Live@edu per staff e studenti di scuola superiore delle scuole pubbliche di Portland.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Herman Bigflies scrive:
    Dio odia i XXXXX
    Dio odia i XXXXX.Invece P*rc* Di* ama i XXXXX, ma anche le lesbiche, i trans, le ninfomani.P*rc* Di* ama anche te.Convertiti a P*rc* Di*, Egli ha una sua figlia tr*j* che ti aspetta per manifestarti tutto il suo amore per te.
  • Funz scrive:
    Fanatici religiosi
    Che siano battisti cattolici ebrei o islamici o che-so-io, i fanatici fondamentalisti religiosi sono veramente la parte peggiore dell'umanità: dove si concentra tutta la stupidità, l'odio cieco, l'ignoranza e la volontà di prevaricare sul prossimo, il tutto condito di belle parole come "amore" e "salvezza".Sparissero tutti portati via dai rispettivi dei, il mondo sarebbe sicuramente un posto migliore.
  • sciacallo01 0 scrive:
    Fanno solo bene
    Ad andare contro sti XXXXXXXX della WBC
    • brunoliegib astonliegi scrive:
      Re: Fanno solo bene
      Bisogna combatterli nel silenzio.Non meritano nemmeno la pubblicità derivante dall'averli combattuti.
  • bazinga scrive:
    godhatesfags
    godhatesfags.comBel nome! A quando la prossima crociata?
Chiudi i commenti