Google monitora l'affollamento in tempo reale

L'afflusso dei consumatori presso le attività commerciali viene ora rappresentato nel suo sciamare. Geolocalizzazione in tempo reale al servizio delle festività e oltre

Roma – In previsione delle greggi di avventori che si riversano nei negozi a ridosso delle festività imminenti, e per offrire agli utenti una soluzione utile a pianificare le proprie attività nei locali pubblici, Google ha aggiornato la propria funzione Popular Times, proposta anche in Italia con la denominazione di Orari di punta attraverso le mappe e nel contesto dei risultati di ricerca che abbiano per oggetto dei locali pubblici, anche a mezzo mobile.

Orari di punta

Il grafico dei dati relativo alle frequentazioni dell’attività commerciale ricercata è visualizzato dallo scorso anno: sulla base dei dati anonimi e aggregati messi a disposizione dagli utenti che abbiano attivata la funzione di geolocalizzazione nella Cronologia delle posizioni , Mountain View stima per ogni giorno della settimana l’affluenza ad un determinato locale pubblico, offrendo all’utente dati orientativi riguardo all’affollamento.
Google ha ora scelto di mostrare questi dati raccolti ed elaborati in tempo reale , così da consentire all’utente di organizzarsi in maniera più precisa in giornate affatto ordinarie, per le quali una stima basata sull’afflusso medio potrebbe non risultare attendibile. Google invita altresì l’utente a collaborare, offrendogli la possibilità di confermare o smentire i dati con la propria testimonianza diretta.

I dati sull’affluenza in tempo reale si vanno così ad aggiungere alle stime declinate sui giorni della settimana e, associati ai dati relativi ai tempi di permanenza medi , potranno agevolare l’utente nella pianificazione delle proprie attività.

Oltre a semplificare la programmazione degli itinerari di consumo per l’avventore, Google permette agli esercenti di offrire informazioni più dettagliate sugli orari di chiusura dei diversi reparti delle attività commerciali e promette loro di sfruttare al meglio i dati di localizzazione degli utenti, massimizzandone l’utilità in funzione dell’advertising.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uffa scrive:
    non abbondonera' anche iphone?
    http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/hitech/2016/11/23/iphone-7-attira-meno-utenti-android_3c72bcde-7499-4dfa-ab4c-8dda71e28b1d.htmliPhone 7 attira meno utenti AndroidStudio Usa, 17% acquirenti proviene da rivale, era 26% nel 2015
  • Cracker Salato scrive:
    Eccetera
    8.8.8.88.8.4.4 e poi FIREFOX - about config :browser.safebrowsing.downloads.remote.url;https://sb-ssl.google.com/safebrowsing/clientreport/download?key=%GOOGLE_API_KEY%browser.safebrowsing.provider.google.gethashURL;https://safebrowsing.google.com/safebrowsing/gethash?client=SAFEBROWSING_ID&appver=%MAJOR_VERSION%&pver=2.2.... e poi ... ma che ve lo dico a fare.
    • ... scrive:
      Re: Eccetera
      - Scritto da: Cracker Salato
      e poi ... ma che ve lo dico a fare.Esatto, soprattutto perché non sai di cosa parli
      • Cracker Salato scrive:
        Re: Eccetera
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: Cracker Salato

        e poi ... ma che ve lo dico a fare.
        Esatto, soprattutto perché non sai di cosa parliEsatto e soprattutto perché esistono gli idioti come te.
  • AxAx scrive:
    Normale che Google voglia piazzare i rou
    Così non puoi proprio sfuggirgli in nessun modo,.
    • mela marcia scrive:
      Re: Normale che Google voglia piazzare i rou
      Beh in effetti l'evoluzione del controllo da parte delle multinazionali si è svolta così:Fase 1 (controllo minimo): utilizzo dei SW della multinazionale (vedi MS dei primi tempi)Fase 2 (controllo medio): utilizzo dei servizi della multinazionale (vedi Google, Facebook, ecc)Fase 3 (controllo massimo): utilizzo della rete della multinazionale (tutti i "big" si buttano in questo business)
    • maxsix scrive:
      Re: Normale che Google voglia piazzare i rou
      - Scritto da: AxAx
      Così non puoi proprio sfuggirgli in nessun modo,.Sono anni che lo dico, Internet, oggi, ha un padrone che si chiama Google.E la gente sul patibolo del "tutto gratis" ha sacrificato il bene più prezioso che avesse.
      • prova123 scrive:
        Re: Normale che Google voglia piazzare i rou
        Non ci crederai ma c'è anche gente che paga profumatamente per sacrificare il bene più prezioso che ha! :D
  • scumm78 scrive:
    ....erano dei normalissimi router...
    ... non c'e' nessun protocollo magico che debba essere "reso pubblico"
    • blabla scrive:
      Re: ....erano dei normalissimi router...
      - Scritto da: scumm78
      ... non c'e' nessun protocollo magico che debba
      essere "reso
      pubblico"col router google passa tutto da google... mi vengono i brividi.
    • ... scrive:
      Re: ....erano dei normalissimi router...
      - Scritto da: scumm78
      ... non c'e' nessun protocollo magico che debba
      essere "reso pubblico"quando c'e' di mezzo padrona apple, che sia annunziata o galimberti, la leccata di XXXX e' assicurata
  • mela marcia scrive:
    La sintesi di Apple
    "to try to sharpen the companys focus on consumer products that generate the bulk of its revenue." http://www.macrumors.com/2016/11/21/apple-ceases-airport-wireless/Alla fine produrranno solo più l'iPhone...
    • collione scrive:
      Re: La sintesi di Apple
      somiglia tanto a quanto gia' visto negli anni '90temo che maxsix dovra' presto trovarsi un nuovo padrone :D
      • mela marcia scrive:
        Re: La sintesi di Apple
        Già, la storia si ripete...
      • maxsix scrive:
        Re: La sintesi di Apple
        - Scritto da: collione
        somiglia tanto a quanto gia' visto negli anni '90

        temo che maxsix dovra' presto trovarsi un nuovo
        padrone
        :DConsiderando che non ne ho mai acquistato uno perchè:1) un normalissimo NAS di terze parti fa tranquillamente i backup time machine over network2) che i router sono per lo più forniti dai fornitori di connettività3) che sta diventando una giungla gestire tutti i tipi di connettività tra xDSL, FTTH, Wi-FI, routerLTE e altri ancoraRitengo che Apple abbia fatto una scelta corretta.
    • iRoby scrive:
      Re: La sintesi di Apple
      Ma se sparisse Apple, oggi come oggi, sarebbe la fine del monto IT come lo conosciamo?A me non toccherebbe minimamente.Ma non solo a me.Pochissima gente prende seriamente in considerazione un portatile da 2000 euro di cui metà del costo è solo design e hype.Cosa avevano caricatori USB di maggiore qualità? Ma costavano anche fino a 25 euro. Ci sono ottimi caricatori a meno della metà di quel prezzo.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: La sintesi di Apple
        il solito post da "apple hater" dodicenne.
        • Elrond scrive:
          Re: La sintesi di Apple
          I dodicenni ogni tanto ci azzeccano. Come in questo caso.Ha ragione da vendere. L'ipotetica sparizione di Apple farebbe lacrimare qualche iAdepto, ma per il resto, francamente... A chi non usa/possiede iCosi, non potrebbe importare di meno.L'informatica ed il mondo dei gadget andrebbero avanti lo stesso, probabilmente meglio, senza un'azienda che è contro ogni tipo di standardizzazione.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: La sintesi di Apple
        il solito post da "apple hater" dodicenne.
      • mela marcia scrive:
        Re: La sintesi di Apple
        Ma guarda che è così. Il mondo Apple (peraltro sempre più piccolo) è tanta fuffa e poca sostanza. La dimostrazione è che Apple non ha dei prodotti/software insostituibili, tutt'altro. Insostituibile, al giorno d'oggi, è ad esempio il kernel Linux.
        • mela marcia scrive:
          Re: La sintesi di Apple
          Sbagliato livello, la risposta era per Sg@bbio...
        • maxsix scrive:
          Re: La sintesi di Apple
          - Scritto da: mela marcia
          Ma guarda che è così. Il mondo Apple (peraltro
          sempre più piccolo) è tanta fuffa e poca
          sostanza. La dimostrazione è che Apple non ha dei
          prodotti/software insostituibili, tutt'altro.
          Insostituibile, al giorno d'oggi, è ad esempio il
          kernel
          Linux.Tu dici.Io dico che nessuna azienda vive di aria.Nessun sviluppatore vive di aria.https://www.tomshw.it/iphone-contro-android-ma-apple-intasca-tutti-i-guadagni-81640Mi chiedo per quanto tempo le aziende su Android riusciranno a sorreggere una cosa del genere.
          • Uffa scrive:
            Re: La sintesi di Apple

            Mi chiedo per quanto tempo le aziende su Android
            riusciranno a sorreggere una cosa del
            genere.Sicuramente non devono sorreggere la villa con piscina degli azionisti o dei dirigenti tramite dividendi o benefit
      • Pietro scrive:
        Re: La sintesi di Apple
        - Scritto da: iRoby
        Ma se sparisse Apple, oggi come oggi, sarebbe la
        fine del monto IT come lo
        conosciamo?

        A me non toccherebbe minimamente.

        Ma non solo a me.
        Pochissima gente prende seriamente in
        considerazione un portatile da 2000 euro di cui
        metà del costo è solo design e
        hype.

        Cosa avevano caricatori USB di maggiore qualità?
        Ma costavano anche fino a 25 euro. Ci sono ottimi
        caricatori a meno della metà di quel
        prezzo.il problema non è tanto degli utenti ma delle altre aziende IT, mancherebbe quella da cui copiare
Chiudi i commenti