Google rinuncia agli spot a luci rosse

Niente più Adwords per l'industria del porno. Che si dice sorpresa, ma è pronta a far da sé

Roma – Google ha annunciato di non voler più mostrare spot vietati ai minori tra i risultati della sua ricerca. Nelle nuove condizioni di utilizzo del suo servizio AdWords, infatti, non c’è più spazio per i produttori pornografici: “i contenuti esplicitamente sessuali saranno proibiti”.

Si intendono compresi nel divieto gli “atti sessuali inclusa la masturbazione, il sesso orale o qualsiasi immagine anale o genitale”. Inoltre, Mountain View intende rettificare e specificare anche “le condizioni di promozione degli altri contenuti per adulti”.

Secondo i primi commenti provenienti dall’industria pornografica, l’impatto di questo bando non è ancora calcolabile: anche perché i siti che commerciano in questo materiale più che sull’advertising di Google, molto spesso si basano sulla ricerca vera e propria, sulle finestre pop-up all’interno dei siti analoghi e sul passa parola.

A perderci, insomma, potrebbe essere in effetti solo Mountain View: “Porn” rimane una delle ricerche più comuni su Google e secondo Google AdWords Keyword Planner le ricerche con parole chiave ad essa collegate hanno raggiunto i 351 milioni solo nel maggio 2014.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Certo!
    Bisogna avere una lista per ricordare coloro che per qualche motivo vogliono essere dimenticati. Senza lista si viene ricordati comunque ... c'est la vie! :)
  • bubba scrive:
    male male...
    bigG ha fatto male a ripristinare i link al Guardian... doveva alzare le spallucce e dire "ce lo chiede l'Europa" :P
Chiudi i commenti