Google si fa filantropo

La multinazionale delle ricerche online fonda un'istituzione caritatevole. Visibilità ed esenzioni fiscali, col nobile obiettivo di donare miliardi di dollari in progetti benefici


Mountain View (USA) – Google è il “cattivo” che vuole conquistare il mondo come suggeriscono molte malelingue? Larry Page e Sergey Brin, fondatori del fortunato ed onnipresente motore di ricerca, sperano di esaltare il celebre brand multicolore associandolo ad un’ iniziativa filantropica ambiziosa e senza confini.

Nasce così Google.org , autoproclamatosi “braccio filantropico della compagnia di ricerca”. In cambio di detrazioni fiscali da parte del governo statunitense, il colosso spera di guadagnare visibilità gratuita seguendo le orme dei coniugi Gates , impegnati in analoghe iniziative benefiche sotto il segno di Microsoft .

La fondazione Google finanzierà numerosi progetti caritatevoli grazie ad una grande disponibilità finanziaria: le donazioni ammonteranno, secondo le dichiarazioni ufficiali dei portavoce, all’1% del valore azionario dei titoli aziendali quotati sul NASDAQ .

La multinazionale inizierà con una donazione di un miliardo di dollari , destinata ad aumentare velocemente e progressivamente nel corso dei prossimi anni. “L’impegno di Google.org sarà tanto più grande quanto le nostre azioni guadagneranno più valore”, sostiene Sheryl Sandberg, vicepresidente della divisione marketing del motore di ricerca.

“Speriamo che questa istituzione possa migliorare l’immagine del nostro marchio”, si augura Brin, “poiché intendiamo portare innovazione tecnologica laddove il mondo ne ha più bisogno, per risolvere i problemi più gravi”. Nonostante l’indubbia bontà d’intenti , i progetti della fondazione sono “ancora tutti da definire”, conclude Brin.

La strategia della nuova associazione non prevede iniziative non profit , ma finanziamenti concreti per cambiare le sorti di popoli e regioni, attivandone le potenzialità e favorendone l’entrata nel contesto globale. Secondo quanto riportato da AP , Google.org inizierà la sua opera di bene nell’Africa nera, con il finanziamento di aziende agricole nel poverissimo stato del Ghana.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Fanno bene
    Finalmente una presa di posizione con le palle.
  • Anonimo scrive:
    " dove il boom"
    buhuaaahhahaa forte questa..un pò macabra ma d'effetto :D
  • Solvalou scrive:
    Consiglierei di vietare anche la vendita
    ... di sveglie orologini digitali e timer per cucinare, possono essere usati come innesco a tempo.(troll)
  • Anonimo scrive:
    Si pero' anche cosi' e' facile bucare...
    Ok, fanno bene a pretendere la registrazione ma purtroppo questo non basta, i terroristi islamici possono comunque preparare una bomba e solo all'ultimo momento rubare un cellulare registrato.Quanto ai filtri credo che siano poca cosa, si puo' attivare con un semplice squillo tutto cio' che si vuole, che filtro hai contro gli squilli!?!?
  • Anonimo scrive:
    GSM detonatori? basta un telecomando...
    Questi governanti non finiranno mai di stupirmi!Purtroppo la loro intelligenza non arriva a capire che qualsiasi dispositivo radioelettrico può essere utilizzato per gli scopi più disparati (anche fungere da detonatore). Anche un telecomando LPD (Low Power Device) andrebbe benissimo a tale scopo...Avete mai fatto caso che durante il passaggio del corteo che scorta il presidente USA c'è sempre un SUV (tipo quello descritto in questo link: http://tinyurl.com/dtohb) con un certo numero di antenne sul tettuccio? Secondo voi che scopo ha ? Semplice: crea un jamming (massiccie interferenze) su una larghissima gamma di frequenze (dalle onde corte alle microonde) in modo che qualsiasi dispositivo radioelettrico si comporti come un fermacarte nel raggio di circa 300 metri dal furgone...Il concetto di jamming è antico quanto l'invenzione della radiotelegrafia, solo che ora è aumentata vertigisomente la quantità di gamme potenzialmente utilizzabili per usi terroristici.
    • Anonimo scrive:
      Re: GSM detonatori? basta un telecomando
      - Scritto da: Anonimo
      Questi governanti non finiranno mai di stupirmi!

      Purtroppo la loro intelligenza non arriva a
      capire che qualsiasi dispositivo radioelettrico
      può essere utilizzato per gli scopi più disparati
      (anche fungere da detonatore). Anche un
      telecomando LPD (Low Power Device) andrebbe
      benissimo a tale scopo...

      Avete mai fatto caso che durante il passaggio del
      corteo che scorta il presidente USA c'è sempre un
      SUV (tipo quello descritto in questo link:
      http://tinyurl.com/dtohb) con un certo numero di
      antenne sul tettuccio? Secondo voi che scopo ha ?
      Semplice: crea un jamming (massiccie
      interferenze) su una larghissima gamma di
      frequenze (dalle onde corte alle microonde) in
      modo che qualsiasi dispositivo radioelettrico si
      comporti come un fermacarte nel raggio di circa
      300 metri dal furgone...

      Il concetto di jamming è antico quanto
      l'invenzione della radiotelegrafia, solo che ora
      è aumentata vertigisomente la quantità di gamme
      potenzialmente utilizzabili per usi terroristici.Cavolo, non ne sapevo nulla :$ Grazie per l'intrigante informazione!Ciao :)
    • Anonimo scrive:
      Re: GSM detonatori? basta un telecomando
      - Scritto da: Anonimo
      Questi governanti non finiranno mai di stupirmi!

      Purtroppo la loro intelligenza non arriva a
      capire che qualsiasi dispositivo radioelettrico
      può essere utilizzato per gli scopi più disparati
      (anche fungere da detonatore). Anche un
      telecomando LPD (Low Power Device) andrebbe
      benissimo a tale scopo...
      mah, mica tanto. gli apparecchi da te citati hanno una portata ridicola, se poi si aggiunge un piccolo ostacolo é finita. Il terrorista farebbe prima a tirare una striscia di polvere da sparo con un barilotto, mettersi dietro un muretto e accendere il tutto con il sigaro (tipo western).per apparecchi più potenti c'é la necessita di avere antenne di una certa lunghezza, senza contare che é più facile acquistare e giustificare la presenza di un telefonino.quindi il telefonino rimane il miglior amico del piccolo terrorista
      Avete mai fatto caso che durante il passaggio del
      corteo che scorta il presidente USA c'è sempre un
      SUV (tipo quello descritto in questo link:
      http://tinyurl.com/dtohb) con un certo numero di
      antenne sul tettuccio? Secondo voi che scopo ha ?
      Semplice: crea un jamming (massiccie
      interferenze) su una larghissima gamma di
      frequenze (dalle onde corte alle microonde) in
      modo che qualsiasi dispositivo radioelettrico si
      comporti come un fermacarte nel raggio di circa
      300 metri dal furgone...

      Il concetto di jamming è antico quanto
      l'invenzione della radiotelegrafia, solo che ora
      è aumentata vertigisomente la quantità di gamme
      potenzialmente utilizzabili per usi terroristici.geniale, mettiamone uno grosso grosso per ogni città!scusa ma mi sono svegliato male...Ex Cardinale Ratzinger
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: GSM detonatori? basta un telecomando
      - Scritto da: Anonimo
      Questi governanti non finiranno mai di stupirmi!

      Purtroppo la loro intelligenza non arriva a
      capire che qualsiasi dispositivo radioelettrico
      può essere utilizzato per gli scopi più disparati
      (anche fungere da detonatore). Anche un
      telecomando LPD (Low Power Device) andrebbe
      benissimo a tale scopo...E la tua intelligenza non arriva a capire che è solo scusa?

      Avete mai fatto caso che durante il passaggio del
      corteo che scorta il presidente USA c'è sempre un
      SUV (tipo quello descritto in questo link:
      http://tinyurl.com/dtohb) con un certo numero di
      antenne sul tettuccio? Secondo voi che scopo ha ?
      Semplice: crea un jamming (massiccie
      interferenze) su una larghissima gamma di
      frequenze (dalle onde corte alle microonde) in
      modo che qualsiasi dispositivo radioelettrico si
      comporti come un fermacarte nel raggio di circa
      300 metri dal furgone...

      Il concetto di jamming è antico quanto
      l'invenzione della radiotelegrafia, solo che ora
      è aumentata vertigisomente la quantità di gamme
      potenzialmente utilizzabili per usi terroristici.Da loro è come per i cattolici: morto un papa...
Chiudi i commenti