Google, tasse non pagate in Indonesia

Accuse pesanti arrivano direttamente dal ministro delle finanze indonesiano: evasione superiore a 400 milioni di dollari nel solo 2015 e gli anni da conteggiare sono cinque

Roma – Ancora problemi di tasse non pagate per i cosiddetti “Over the top”. Questa volta l’imputato è Google e il territorio di riferimento è l’Indonesia. Durante una conferenza stampa il ministro delle finanze indonesiano, Sri Mulyani Indrawati, ha intimato al colosso di Moutain View di pagare tutte le tasse dovute. L’accusa è grave. Stando a quanto riportato da Reuters , Google Indonesia avrebbe pagato meno dello 0,1 per cento di quanto spetterebbe allo stato indonesiano. L’azienda dovrebbe saldare un salatissimo conto di oltre 400 milioni di dollari (o comunque l’equivalente in moneta locale) solo per il 2015. Il totale non è chiaro, ma sarà decisamente superiore, dal momento che l’accusa riguarda almeno 5 anni di tasse non pagate . Le cifre sono ufficiali, in quanto sono comunicate da una fonte diretta: Muhammad Haniv, capo della divisione “casi speciali” della sezione tasse del Ministero delle finanze indonesiano.

Interpellata sulla vicenda, la divisione indonesiana di Google ha ribadito quando dichiarato già la scorsa settimana, ossia che ha pagato tutto quel che doveva e che comunque continua a cooperare con le autorità locali. Il Jakarta Post fa notare però che in passato è accaduto l’opposto , cioè il Ministero delle Finanze è arrivato a questa decisione proprio perché Google si è rifiutata di collaborare , dopo aver ricevuto già una lettera in merito lo scorso aprile.

Presidente e Ministro delle Finanze dell'Indonesia

Il ministro Sri Mulyani ha fatto presente che le misure adottate dalla Direzione Generale Tasse nei confronti di Google sono basate sulle leggi locali, secondo cui tutte le transazioni che avvengono in Indonesia – comprese quelle online – sono soggette a tassazione .
L’Indonesia è il più grande mercato del sud-est asiatico, una piazza nuova per certi versi e di certo in piena espansione. Google ci ha puntato molto, basti pensare a “Loon” , il progetto-test che distribuisce connettività Internet wireless attraverso decine di palloni aerostatici. L’azienda oggi è molto radicata nel paese, fattura tantissimo anche qui, soprattutto attraverso AdWords – un po’ come in tutti gli altri paesi del mondo in cui è presente – ma in questo caso non avrebbe pagato tutte le tasse previste dalle leggi locali.

L’accusa è chiara, ma il punto di vista dell’azienda fondata da Brin e Page è però differente. Secondo Google, la fatturazione delle operazioni che avvengono in Indonesia ricadrebbe sotto la giurisdizione di Singapore (un paese in cui la tassazione sulle aziende è tra le più basse del mondo). Lo scorso giugno Google Asia Pacific, che ha sede proprio a Singapore, ha declinato di rispondere alle accuse di frode fiscale da parte del Ministero delle Finanze – o meglio si è rifiutata di fare un “audit” , una verifica sulle tasse pagate – e questo ha portato all’inasprimento dell’indagine e all’apertura ufficiale di una procedura penale di infrazione.

Cosa succederà ora? Difficile dirlo. Probabilmente la contrattazione tra il governo e l’azienda si protrarrà ancora. Difficile pensare che Google chiuda la sede indonesiana e si ritiri ufficialmente dal paese. L’Indonesia comunque ha deciso di iniziare ad alzare la testa. Google non sarà la sola a subire indagini approfondite da parte dell’ufficio tasse del ministero. È in atto un importante tentativo del governo locale di ridurre il grosso deficit , per cui vedremo certamente nuovi casi del genere, pare anche per finanziare un sontuoso piano di riforme strutturale. Lo stesso Haniv ha dichiarato che l’ufficio tasse ha già pianificato di fare indagini simili su altre grosse aziende che basano il loro business su Internet e che operano in Indonesia.

Problemi di questo genere, comunque, non sono nuovi e non riguardano certo solo l’Indonesia. Google sta avendo problemi simili anche con il governo spagnolo con quello francese e con quello italiano . Ma non è la sola. Altre aziende della stazza di Google sono state accusate di reati fiscali. Ad esempio, proprio qualche settimane fa la Commissione Europea ha accusato l’Irlanda di aver favorito Apple permettendogli di risparmiare fino a 13 miliardi di euro di tasse . E l’azienda diretta da Tim Cook ha ricevuto sanzioni anche dal Ministero delle Finanze giapponese e da quello italiano .

Nicola Bruno

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Il fuddaro scrive:
    Azionare il cervello prego!
    Così imparano ha comperare qualsiasi aggeggio collegato alla rete!C'è gente che se potesse compererebbe anche gli autoparlanti da 5watt collegati alla rete, fa tanto figo!E ora che le nuove generazioni imparino a capire che l'innovazione quella vera, fa a XXXXXtti con l'XXXXXXXXXtà! Non bisogna avere SEMPRE l'ultimo modello( come mio cuggino(rotfl) ) per avere il meglio, a volte il 'vecchio' rodato e conosciuto è meglio del nuovo-markettaro e modaiolo!
    • prova123 scrive:
      Re: Azionare il cervello prego!
      Tutto deve essere offline ed in locale. La connessione in rete si attiva quando è necessario e si sconnette alla fine.
      • ... scrive:
        Re: Azionare il cervello prego!
        - Scritto da: prova123
        Tutto deve essere offline ed in locale. La
        connessione in rete si attiva quando è necessario
        e si sconnette alla
        fine.se sconnetti anche la linea elettrica il sistema risulta ancora più sicuro.
        • prova123 scrive:
          Re: Azionare il cervello prego!
          Secondo me non funziona. Comunque fai questo test una decina di volte e poi tienici informati sui risultati che hai conseguito! :D
      • vrioexo scrive:
        Re: Azionare il cervello prego!
        - Scritto da: prova123
        Tutto deve essere offline ed in locale. La
        connessione in rete si attiva quando è necessario
        e si sconnette alla fine.Ce ne fossero di più di persone che ragionano così...quindi non mi resta che quotare e rilanciare: - Per gli scenari di utilizzo in cui la sicurezza sia un prerequisito fondamentale consiglio un PC airgapped appositamente acquistato (pezzi singoli da montare, non un pre-assemblato!), e che mai e per nessun motivo dovrà essere connesso ad internet...il tutto acXXXXXriato con un kit Tempest o similare https://en.wikipedia.org/wiki/TEMPEST in associazione ad un jammer- Se presente, l'opzione da BIOS ''spread spectrum'' andrebbe abilitata.- L'O.S. reale dovrà essere completamente virtualizzato e sopra andrà montata una VM (quindi un secondo O.S.) da utilizzarsi come area di lavoro, con tutti i programmi isolati singolarmente dalla VM stessa via sandboxing e monitorati costantemente tramite HIPS.- Tutti i dati di lavoro dovranno essere separati dall'O.S. ed inseriti in una partizione apposita rigorosamente crittografata su cui impostare una adeguata politica di backup, preferibilmente via USB con connessione diretta (assolutamente no intranet) e tutta la componentistica esterna utilizzata per il trasferimento dei dati e non coperta dal kit tempest dovrà essere anch'essa schermata, cavetteria compresa.HP o non HP, alternative non ce ne sono se si vuole mantenere il più alto standard di sicurezza possibile. ;)
  • prova123 scrive:
    Se non ricordo male
    già da più di un anno è sufficiente togliere il chip presente sulla propria cartuccia originale hp e metterlo sulla ricarica ... forse ... comunque stampo molto poco, quindi uso cartucce originali.
  • Ciccio Marchettar o scrive:
    Questi sono i risultati...
    ..del turboconsumismo capitalistico.(vediamo se il gran XXXXXXXX ricancella anche questo)
  • user_ scrive:
    Want to PREVENT automatic firmware updat
    updates and other changes..http://h30434.www3.hp.com/t5/Printer-Software-and-Drivers/Want-to-PREVENT-automatic-firmware-updates-amp-other-changes/td-p/4798863"preventing the automatic firmware update for you with your HP Officejet 8600. As long as Web Services is enabled, you can select the Web Services icon, go to Settings, then select Printer Update, then Auto Update, and Off. This will prevent the firmware from being updated on the printer. Within the same menu if you want to, you can also go to ePrint On/Off and Apps On/Off."-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2016 14.36----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2016 14.52-----------------------------------------------------------
  • cognome scrive:
    Basta non comprare piu stampanti HP
    come da titolo.
    • Mario scrive:
      Re: Basta non comprare piu stampanti HP
      - Scritto da: cognome
      come da titolo.e anche se ce l'hai già non è un gran danno, due serie di ricariche costano di più della stampante,
  • socialobserv scrive:
    Alla faccia del libero mercato
    La concorrenza da sempre fastidio
  • Umby scrive:
    Mi piacerebbe...
    Mi piacerebbe sapere come ha fatto ad installarsi questo aggiornamento da solo.Qualche link dettagliato?
    • maranric scrive:
      Re: Mi piacerebbe...
      - Scritto da: Umby
      Mi piacerebbe sapere come ha fatto ad installarsi
      questo aggiornamento da
      solo.
      Qualche link dettagliato?Banalmente : la stampante si collega ad internet e, sfruttando l'opzione "aggiorna automaticamente" si auto-spara il firmware nuovo. Fine.
      • rockroll scrive:
        Re: Mi piacerebbe...
        - Scritto da: maranric
        - Scritto da: Umby

        Mi piacerebbe sapere come ha fatto ad
        installarsi

        questo aggiornamento da

        solo.

        Qualche link dettagliato?

        Banalmente : la stampante si collega ad internet
        e, sfruttando l'opzione "aggiorna
        automaticamente" si auto-spara il firmware nuovo.
        Fine.Io cado dalle nuvole: ma davvero il mondo è pieno di sprovveduti che pensano che per stampare, cioè per mandare comandi a servomeccanismi che azionano getti di inchiostro, sia necessario essere connessi ad Internet? O che pensano che tali servomeccanismi debbano essere aggiornati costantemebte per conseguire chi sa quali meravigliosi migliorementi prstazionali, per gentile concessione del fornitore? Ma non pensano che un prodotto essenzialmente elettromeccanico del genere può fare solo e soltanto quello per cui è stato inizialmente progttato? Ma, mi direte, le stampanti remote? Certo, che bisogno c'è che sia sotto controllo dei suddetti server? Sono il linea LAN locale al massimo, o se devono ricevere documenti sa remoto non sonoe loro ma il compute che le gestisce a ricevere on-line il file da stampare. Mai viste printer che lavorano collegate a computer non connessi ad internet? Personalmente per ogni mia stampante ho neutralizzato i task aggregati inutili che girano in backround: devo solo stampare, non conrollare o comunicare o aggiornare chi sa mai cosa!
        • user_ scrive:
          Re: Mi piacerebbe...
          tutti file che mette in avvio automatico dici? la roba hp che lancia all'avvio di windows. Ok possiamo disabilitarli con Autorun. Se siamo in tempo.
          • rockroll scrive:
            Re: Mi piacerebbe...
            - Scritto da: user_
            tutti file che mette in avvio automatico dici? la
            roba hp che lancia all'avvio di windows. Ok
            possiamo disabilitarli con Autorun. Se siamo in
            tempo.Certo, ma almeno un task normalmente serve per gestire lo spool. Fai come ho fatto io: da task manager provi a cancellarli uno ad uno fino a che trovi, se era previsto, quello che serve per l'effettiva gestione. Ad esempiuo per Lexmark serve il task LEXBCES.exe, ma secondo te cosa faranno gli altri task a partire da LEXBMON.exe il cui nome è tutto un programma?
          • F Type scrive:
            Re: Mi piacerebbe...
            A me che non stampi continuamente puoi cassare anche quello e avviarlo solo poco prima di stampare.
        • iRoby scrive:
          Re: Mi piacerebbe...
          Le stampanti wifi sono connesse in DHCP prendono anche il gateway e i dns e quindi sono connesse.Per evitarlo devi settarle manualmente omettendo gateway e dns, così l'hai in rete locale ma non si affaccerà su internet.Solo che ti giochi eventuali funzioni Google printing per Android e cose simili che per alcuni sono utili.
        • xte scrive:
          Re: Mi piacerebbe...
          Nel caso delle stampanti di rete però ho hai un fw/vlan dedicata o è un po' dura "escluderle da internet". La maggior parte degli utenti domestici non ha il ferro per farlo...
        • Ciccio Marchettar o scrive:
          Re: Mi piacerebbe...
          - Scritto da: rockroll

          Io cado dalle nuvole: ma davvero il mondo è pieno
          di sprovveduti che pensano che per stampare, cioè
          per mandare comandi a servomeccanismi che
          azionano getti di inchiostro, sia necessario
          essere connessi ad Internet? O che pensano che
          tali servomeccanismi debbano essere aggiornati
          costantemebte per conseguire chi sa quali
          meravigliosi migliorementi prstazionali, per
          gentile concessione del fornitore? Ma non pensano
          che un prodotto essenzialmente elettromeccanico
          del genere può fare solo e soltanto quello per
          cui è stato inizialmente progttato?

          Ma, mi direte, le stampanti remote? Certo, che
          bisogno c'è che sia sotto controllo dei suddetti
          server? Sono il linea LAN locale al massimo, o se
          devono ricevere documenti sa remoto non sonoe
          loro ma il compute che le gestisce a ricevere
          on-line il file da stampare.

          Mai viste printer che lavorano collegate a
          computer non connessi ad internet?


          Personalmente per ogni mia stampante ho
          neutralizzato i task aggregati inutili che girano
          in backround: devo solo stampare, non conrollare
          o comunicare o aggiornare chi sa mai
          cosa!Caro, tu dimentichi di vivere nell'epoca del turboconsumismo smodato cacato dalle gegniali menti di capitalisti psicotici e feticisti.
      • F Type scrive:
        Re: Mi piacerebbe...
        Certo se lasci tutto così com'è, gli blocchi l'acXXXXX ad internet,che bisogno c'è per una stampante il collegamento continuo ?
        • ezechiele scrive:
          Re: Mi piacerebbe...
          - Scritto da: F Type
          Certo se lasci tutto così com'è, gli blocchi
          l'acXXXXX ad internet,che bisogno c'è per una
          stampante il collegamento continuo
          ?è già stato detto, non capisco perché ripetere mille volte la stessa domanda
    • xte scrive:
      Re: Mi piacerebbe...
      Se usi la stampante su Windows od OSX avrai installato una caterva si spazzatura che provvede a chiamar casa per aggiornamenti di continuo.Se usi GNU/Linux non hai problemi.In effetti, HP era l'ultimo vendor con stampanti anche di piccola taglia che non davano troppi problemi ora tra la sua involuzione e l'acquisizione della divisione stampanti si Samsung son in effetti un po' preoccupato...
  • bubba scrive:
    sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur
    sembra ke "l'innovazione hp" non sia durata molto.... il suddetto link del vendor olandese dice :Resolution Steps:If you have recently updated your printers software/firmware and have experienced a cartridge lock-out, we recommend you return your cartridges to the retailer. Our retail partners are aware of this issue and will replace the smart chips with newer versions that are compatible with the latest firmware from HP. You will need to bring in ALL refilled cartridges to ensure each has a compatible chip version installed.
    • iRoby scrive:
      Re: sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur
      Ormai queste aziende sono diventate talmente pezzotte da rasentare il ridicolo.Al livello di Apple insomma.
    • cfthvxth scrive:
      Re: sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur


      Resolution Steps:
      Quindi hanno risolto. Però a spese degli utenti che dopo essere rimasti bloccati da un errore improvviso adesso devono andare a caccia dei rivenditori che hanno i ricambi, quelli che vendono cartucce compatibili sono piccoli marchi senza una rete di distribuzione proprietaria.
      • user_ scrive:
        Re: sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur
        Vuol dire che bisogna portare le cartucce non accettate al negozio e il negozio sostituisce il chip della cartuccia (?) con uno compatibile ?E di portargli tutte le cartucce compatibili per fare la verifica di tutti i chip ?Per fortuna che non parla dei modelli Deskjet ,io ho la hp deskjet 2540 seriese per ora uso cartuccia originale (anzi 2, colori +nero) che era dentro la confezione. Certe volte neanche prende l'inchiostro di questa cartucchia originale nera, una volta l'ho dovuta pure mettere a contatto (tipo succhiata) con l'aspirapolvere per fare uscire l'inchiostro (con un fazzoletto di carta in mezzo) .Nella lista ci sonoHP Officejet Pro 6830HP Officejet Pro 8610HP Officejet Pro 8615HP Officejet Pro 8620HP Officejet Pro 8625HP Officejet Pro 8630HP Officejet Pro 8640HP Officejet Pro 8660HP Officejet Pro x451dnHP Officejet Pro x451dwHP Officejet Pro x476dnHP Officejet Pro x476dwHP Officejet Pro x551dwHP Officejet Pro x576dw-------------------------------------------------------If you have recently updated your printers software/firmware and have experienced a cartridge lock-out, we recommend you return your cartridges to the retailer.Our retail partners are aware of this issue and will replace the smart chips with newer versions that are compatible with the latest firmware from HP.You will need to bring in ALL refilled cartridges to ensure each has a compatible chip version installed.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 settembre 2016 23.13-----------------------------------------------------------
        • user_ scrive:
          Re: sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur
          Non è più facile non fargli fare l'update del firmware ? O c'è un modo per fargli rimettere il firmware precedente ??
      • bubba scrive:
        Re: sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur
        - Scritto da: cfthvxth



        Resolution Steps:


        Quindi hanno risolto. Però a spese degli utenti
        che dopo essere rimasti bloccati da un errore
        improvviso adesso devono andare a caccia dei
        rivenditori che hanno i ricambi, quelli che
        vendono cartucce compatibili sono piccoli marchi
        senza una rete di distribuzione
        proprietaria.beh... "tu utente installi il nuovo firmware che screwa il funzionamento del modchip che prima andava benissimo... mica te la vorrai prendere con me,no? sii lieto che ne abbiam fatto uno nuovo"
        • tnfyb scrive:
          Re: sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur

          beh... "tu utente installi il nuovo firmware che
          screwa il funzionamento del modchip che prima
          andava benissimo... mica te la vorrai prendere
          con me,no? sii lieto che ne abbiam fatto uno
          nuovo"L'utente non ha installato niente. Era un auto upgrade.
          • bubba scrive:
            Re: sembra ke "l'innovazione hp" non sia dur
            - Scritto da: tnfyb

            beh... "tu utente installi il nuovo firmware
            che

            screwa il funzionamento del modchip che prima

            andava benissimo... mica te la vorrai
            prendere

            con me,no? sii lieto che ne abbiam fatto uno

            nuovo"

            L'utente non ha installato niente. Era un auto
            upgrade.ah, la Magia. e' sempre piu' presente nel mondo informatico, in effetti.
  • Latenzio Dei Leonzi scrive:
    BOICOTTARE HP
    Basta non comprare più nessuna stampante HP e il problema è risolto.
  • rico scrive:
    Niente cartucce con Laserjet
    Ho abbandonato da tempo la stampante a getto d'inchiostro per una laser, il toner non si secca mai, e dura molto, molto di più.
    • iRoby scrive:
      Re: Niente cartucce con Laserjet
      La mia Brother MFC-J470DW non secca l'inchiostro perché 2-3 volte a settimana fa da sola un ciclo di pulizia e spurgo.Consuma un po' di inchiostro ma le testine resta efficienti.Poi Brother non sta perseguendo la stessa politica di bloccare le cartucce compatibili.Le sue stampanti non le troverai sotto i 50 euro, e in compenso le cartucce compatibili funzionano bene.
      • Skywalker scrive:
        Re: Niente cartucce con Laserjet
        La Mfc J470Dw sembra essere fuori produzione.La Brother Mfc J480Dw ha la stessa funzione?Ho un fermacarte essicato HP sopra uno Epson...
        • iRoby scrive:
          Re: Niente cartucce con Laserjet
          Penso proprio di si.Cerca un po' sui forum le varie funzioni. Ma credo la funzione di pulizia sia ormai standard. Devi tenerla accesa, e a volte ti metti paura perché all'improvviso si risveglia e fa qualche rumore improvviso, ma niente di che, fa la sua polizia e torna a dormire...Le cartucce sono grandi e con 1,80 euro l'una quelle di concorrenza stampi centinaia di pagine.E poi le J470/480 hanno il fronte-retro, che nella loro fascia di prezzo non trovi.Unico appunto è la qualità di stampa foto grafica e dello scanner, non è a livello di Epson e Canon, sembra di una generazione indietro, ma comunque accettabile. Infaticabili per il volume di lavoro.E poi danno tutto per Linux. Driver, tutorial ecc.Io ho usato Epson molto buone per qualità e per costo delle cartucce di concorrenza che posso arrivare a 0,50 euro l'una. Ma da qualche tempo Epson fa modelli come HP con cartucce che hanno testina integrata.Solo che Epson non fanno pulizia periodica automatica per cui te le ritrovi intasate e da buttare, almeno quelle sotto i 60 euro.E raramente resuscitano con la procedura di pulizia con la siringa con acqua e ammoniaca.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2016 10.08-----------------------------------------------------------
          • Skywalker scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            Esattamente quello il punto.Come ho detto ho già sia una EPSON Multifunzione Wifi (pagata ben più di 60 Euro...) configurata su Ubuntu sia come scanner che come stampante, ma è bastata una vacanza un po' più lunga è si è intasata. Fatto un tentativo di pulizia con siringa e ammoniaca, ed ha stampato sbiadito per mesi. Ma da quel momento, basta una settimana di inattività e si intasa.Disperato, un giorno che avevo bisogni di stampare, ho comprato una HP da 80 Euro... ha fatto solo quelle stampe e si è intasata dopo una settimana!Ho anche una Samsung CLP 510, ma comincia ad avere 12 anni ed ha comunque le sue magagne (reset dei contatori via LPT) ed occupa mezza stanza e quindi sta in soffitta....
          • iRoby scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            La mia Brother MFC-J470DW l'ho comprata ad aprile 2014 e stampa ancora come il primo giorno.Le cartucce le prendo su Amazon a kit di 12 per volta al costo di 15 euro inclusa spedizione.https://www.amazon.it/Colour-Direct-Compatibile-dinchiostro-Sostituzione/dp/B00HTMZ1ZQ/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1474446704&sr=8-2&keywords=cartucce+brother+mfc-j470dwE vanno alla grande.Risparmio anche carta perché il fronte retro automatico è troppo comodo.La devi tenere accesa però. Lei va comunque in stand-by e consuma poco, ed ogni tanto si spurga da sola.Non tenerla dove dormi perché a volte lo fa dopo la mezzanotte.Le cartucce per la J480DW costano più care anche di concorrenza, ma vedrai che col tempo diminuiscono di prezzo.Io il kit da 12 lo pagavo 25 euro, ora costa 10 euro meno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2016 10.36-----------------------------------------------------------
          • F Type scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            - Scritto da: iRoby
            E vanno alla grande.
            Risparmio anche carta perché il fronte retro
            automatico è troppo
            comodo.Si blocca se stai stampando in B/N e finisce per esempio il cyano ?
            La devi tenere accesa però. Lei va comunque in
            stand-by e consuma poco, ed ogni tanto si spurga
            da
            sola.Scusa ma questa cosa mi sembra un pò una stupidaggine,perchè lasciare una periferica sempre collegata per fare la pulizia ? Oltre ai consumi elettrici ci aggiungi anche il consumo d'inchiostro anche se non la usi per settimane,metti una ciabatta con interrutore e se non la usi l'attivi un paio di volte al mese.
          • iRoby scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            Si se finisce un colore si ferma perché ormai tutte le stampanti usano tutti i colori per ottenere neri più profondi. Credo usino ciano e magenta e poco o nulla il giallo.Lasciarla accesa in stand-by è proprio lo scopo per avere lo spurgo automatico.Il consumo di inchiostro è inevitabile, ma ti garantisco che è veramente poco.Il costo elettrico dello stand-by è poco perché credo siano pochi milliwatt. L'avevo letto da qualche parte. Hanno quelle CPU Arm con tutti i sistemi di risparmio energetico che ci sono oggi.Il consumo di inchiostro per lo spurgo non incide granché se compri cartucce di concorrenza perché il costo è veramente basso, siamo a 1,20 euro a cartuccia e sono molto capienti il doppio o il triplo di quelle Epson o Canon.Anche perché ti garantisco che è misero in rapporto al volume delle cartucce.Per cui io a conti fatti penso che avere una stampante sempre disponibile quando mi serve una stampa urgente, valga la spesa misera dello stand by e dell'inchiostro sciupato per la pulizia automatica.E puoi anche andare due mesi in vacanza o dimenticarti di accenderla e fare una stampa ogni tanto, senza paura di ritrovarti una stampante da buttare.Tanto se ci pensi, sia che lei spurghi in automatico, sia che fai una stampa che ti serve solo per spurgare, ti fa buttare via lo stesso inchiostro e anche carta.
          • F Type scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            - Scritto da: iRoby
            Si se finisce un colore si ferma perché ormai
            tutte le stampanti usano tutti i colori per
            ottenere neri più profondi. Credo usino ciano e
            magenta e poco o nulla il
            giallo.Io ho una Epson e una vecchia Lexmark sempre inkjet, con la prima se stampo nero su bianco mi aspetterei che usasse solo il nero (a meno che questo non sia finito) ,invece con il passare del tempo vedo scendere anche gli altri. Neanche posso installare solo il nero perchè non parte se non ha tutte le cartucce installate. Con la Lexmark invece è diverso, ha 2 cartucce, una solo nero (in 2 soluzioni con capacità diverse) e l'altra con colori,se stampo in b/n usa solo solo quello e neanche sono costretto ad installarle entrambe, poi certo se finisce il nero in automatico passa a quella a colori per ottenerlo.Molto meglio quelle vecchie che nono usavano certi trucchetti.
            Lasciarla accesa in stand-by è proprio lo scopo
            per avere lo spurgo
            automatico.
            Il consumo di inchiostro è inevitabile, ma ti
            garantisco che è veramente
            poco.Alcune fanno una cosa simile in accensione e spegnimento,Epson per esempio
            Il costo elettrico dello stand-by è poco perché
            credo siano pochi milliwatt. L'avevo letto da
            qualche parte. Hanno quelle CPU Arm con tutti i
            sistemi di risparmio energetico che ci sono
            oggi.pochi mW ho i miei dubbi.
            Il consumo di inchiostro per lo spurgo non incide
            granché se compri cartucce di concorrenza perché
            il costo è veramente basso, siamo a 1,20 euro a
            cartuccia e sono molto capienti il doppio o il
            triplo di quelle Epson o
            Canon.
            Anche perché ti garantisco che è misero in
            rapporto al volume delle
            cartucce.Con quello che fa lo spurgo ci puoi stampare per esempio, ovviamente visto con il passare dei mesi.
            Per cui io a conti fatti penso che avere una
            stampante sempre disponibile quando mi serve una
            stampa urgente, valga la spesa misera dello stand
            by e dell'inchiostro sciupato per la pulizia
            automatica.Non sono del tuo stesso parere ma fai tu..
            E puoi anche andare due mesi in vacanza o
            dimenticarti di accenderla e fare una stampa ogni
            tanto, senza paura di ritrovarti una stampante da
            buttare.ho una Epson se non stampo dopo un mese è ancora perfettamente funzionante
            Tanto se ci pensi, sia che lei spurghi in
            automatico, sia che fai una stampa che ti serve
            solo per spurgare, ti fa buttare via lo stesso
            inchiostro e anche
            carta.Con la differenza che nel tuo caso lo fai molte più volte.
          • iRoby scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            Le vecchie stampanti avevano neri più profondi perché ricoprivano di più, se ci fai caso l'inchiostro doveva asciugare più a lungo. Quelle moderne riempiono meno e se non usano il trucco dei colori aggiuntivi per il nero più profondo, ottieni un grigiastro non un nero.
          • Skywalker scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            - Scritto da: F Type
            ho una Epson se non stampo dopo un mese è ancora
            perfettamente
            funzionanteModello, please?Io ho 6 Epson in gestione (Nonni, zii e affini).5 sono Stylus SX525W.Si sono clogged dopo un mese di inattività.Due sono state recuperate: una ora si clogga dopo una settimana di inattività, l'altra non è mai stata lasciata inattiva per una intera settimana. Le altre quattro fanno i soprammobili.La sesta è una Epson Stylus Color 740. Comprata nel 1998 perché aveva sia la IEEE1284 (parallela) che la USB (1.1) che la seriale Mac, e quindi all'epoca da sola serviva l'Amiga, i PC e il PowerMac 6400 di casa.Grazie all'USB è ancora oggi in servizio, ed è l'unica che non si è MAI clogged. Le cartucce si trovano ancora e costano una miseria.Ho poi anche una HP ENVY 4500, comprata, usata per 50 stampe, rimasta inattiva un mese, ora fa il soprammobile.Capisci che se sommo i soprammobili, se la Brother fa veramente quello che iRoby dice, ci pago la corrente dello standby per i prossimi 200 anni...
          • Skywalker scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            NdR: "le altre tre"
          • F Type scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            - Scritto da: Skywalker
            Come ho detto ho già sia una EPSON Multifunzione
            Wifi (pagata ben più di 60 Euro...) configurata
            su Ubuntu sia come scanner che come stampante, ma
            è bastata una vacanza un po' più lunga è si è
            intasata. Fatto un tentativo di pulizia con
            siringa e ammoniaca, ed ha stampato sbiadito per
            mesi. Ma da quel momento, basta una settimana di
            inattività e si
            intasa.Io ho Epson e devono passare almeno un paio di mesi per seccarsi tutto.
            Disperato, un giorno che avevo bisogni di
            stampare, ho comprato una HP da 80 Euro... ha
            fatto solo quelle stampe e si è intasata dopo una
            settimana!Ma il problema è comune un pò a tutet le InkJet
            Ho anche una Samsung CLP 510, ma comincia ad
            avere 12 anni ed ha comunque le sue magagne
            (reset dei contatori via LPT) ed occupa mezza
            stanza e quindi sta in
            soffitta....La laser è buona se stampi poco,anche le vecchie laser HP...
          • F Type scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            - Scritto da: iRoby
            Ma da qualche tempo Epson fa modelli come HP con
            cartucce che hanno testina
            integrata.Fosse solo quello il difetto,a detta loro serve per avere una qualità di stampa sempre ottimale, in realtà è una balla così sei obbligato a comrpare lel loro.
            Solo che Epson non fanno pulizia periodica
            automatica per cui te le ritrovi intasate e da
            buttare, almeno quelle sotto i 60
            euro.Vero ma basta un paio di volte al mese che stampi una pagina e non sono da buttare.Il problema più grosso è che anche stampando in bianco e nero consuma anche piccole quantità dei colori,poi basta che uno di questi finisce e la stampante si ferma,allucinante. Il risparmio delle cartucce singole poi è inesistente,consumando sempre anche i colori arrivano quasi tutti al termine nello stesso momento,quindi grosso modo li devi ricomprare nello stesso momento.
            E raramente resuscitano con la procedura di
            pulizia con la siringa con acqua e
            ammoniaca.Quelle un pò tutte.
          • user_ scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            Se non va giu' l'inchiostro che è bloccato dovreste provare il metodo che ho usato io. A contatto con l'aspirapolvere a sturare dove esce l'inchiostro . E mettendoci un fazzoletto di carta in mezzo tra aspirapolvere (anche scopa elettrica) e cartuccia .Una volta ha funzionato anche solo estraendo la cartuccia e muovendola un po' ,e cercando di pulire il buco dove esce l'inchiostro. Intendo su cartuccia di stampante a getto di inchiostro.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2016 14.12-----------------------------------------------------------
          • F Type scrive:
            Re: Niente cartucce con Laserjet
            Sulla Epson finora non ho mai avuto problemi, sulla Lexmark invece se non stampi per un mesetto già vedi nella stampa striature o piccoli spazi mancanti, dopo un apagina però ritorna normale.Se invece è molto vecchia stampa con colori sbiaditi e li c'è poco da fare.
  • fvyndrt scrive:
    Estremi per una causa legale
    Secondo me ci sono i termini per una class action.Ci sarà pure qualche clausola nella licenza d'uso per giustificare il blocco. Ma la maniera in cui è stato attuato il blocco è ingiustificabile. Praticamente ha bloccato con un kill switch senza nessun preavviso una mare di stampanti facendo perdere un'enorme quantità di tempo agli utenti bloccati di sorpresa. Il tempo costa, speciamente se devi consegnare un lavoro. Quindi non ha solo bloccato le stampanti, ha danneggiato i suoi clienti.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Estremi per una causa legale
      - Scritto da: fvyndrt
      Secondo me ci sono i termini per una class action.

      Ci sarà pure qualche clausola nella licenza d'uso
      per giustificare il blocco. Ma la maniera in cui
      è stato attuato il blocco è ingiustificabile.
      Praticamente ha bloccato con un kill switch senza
      nessun preavviso una mare di stampanti facendo
      perdere un'enorme quantità di tempo agli utenti
      bloccati di sorpresa. Il tempo costa, speciamente
      se devi consegnare un lavoro. Quindi non ha solo
      bloccato le stampanti, ha danneggiato i suoi
      clienti.Se tutto procede come deve essere nel Mondo degli squali(le solite aziende note USA), fra un pò tutte le sorelle adoteranno gli stessi metodi di XXXXX. :(
  • F Type scrive:
    Stampanti
    Un modo per legare per sempre il consumatore al produttore così non ha neanche alternative a basso costo e guadagnano sempre e solo loro.Un pò come vietare i pezzi di ricambio per le auto se non li produce la casa stessa,una scemenza fatta solo per avere potere sul mercato.Se è vero poi che il firmware sia stato aggiornato anche di nascosto all'utente non mi sembra una pratica corretta.Poi ci sono tanti trucchetti che questi adottano, stampante da 100 Euro e le ricariche costano già la metà. Poi si son inventati le cartucce singoile dicendo che spendi meno perchè compravi solo quella che ti serviva, non dicono però che vengono usate contemporaneamente e che se finisce una la stampante si blocca.Che poi una vera stampante dovrebbe avere solo il serbatoio, non cartucce proprietarie che verificano alcunchè, come al solito chi dovrebbe vigilare lascia invece correre questo tipo di pratiche.
    • rockroll scrive:
      Re: Stampanti
      - Scritto da: F Type
      Un modo per legare per sempre il consumatore al
      produttore così non ha neanche alternative a
      basso costo e guadagnano sempre e solo
      loro.

      Un pò come vietare i pezzi di ricambio per le
      auto se non li produce la casa stessa,una
      scemenza fatta solo per avere potere sul
      mercato.

      Se è vero poi che il firmware sia stato
      aggiornato anche di nascosto all'utente non mi
      sembra una pratica
      corretta.

      Poi ci sono tanti trucchetti che questi adottano,
      stampante da 100 Euro e le ricariche costano già
      la metà. Poi si son inventati le cartucce
      singoile dicendo che spendi meno perchè compravi
      solo quella che ti serviva, non dicono però che
      vengono usate contemporaneamente e che se finisce
      una la stampante si
      blocca.

      Che poi una vera stampante dovrebbe avere solo il
      serbatoio, non cartucce proprietarie che
      verificano alcunchè, come al solito chi dovrebbe
      vigilare lascia invece correre questo tipo di
      pratiche. Altra cosa per cui cado dalle nuvole: anche le stampanti ultraproprietarie marchiate e brandizzate e teoricamente protette hanno comunque un serbatoio, e l'involucro esterno è comunque bucabile per far passare un ago di siringa per l'opportuna ricarica. Come può fare qualche malevolo diabolico chip ad accorgersi che ho bucato l'involucro e aggiunto ink in modica quantità, oltretutto a cartuccia estratta e fuori linea? Ricordo che il serbatoio ha già un forellino superiore all'origine per motivi tecnici, e se uno sa esattamente dove si trova (spesso è solo coperto da un'adesivo) lo può sfruttare per la ricarica.
      • panda rossa scrive:
        Re: Stampanti
        - Scritto da: rockroll
        Come può fare
        qualche malevolo diabolico chip ad accorgersi che
        ho bucato l'involucro e aggiunto ink in modica
        quantità, oltretutto a cartuccia estratta e fuori
        linea? Ricordo che il serbatoio ha già un
        forellino superiore all'origine per motivi
        tecnici, e se uno sa esattamente dove si trova
        (spesso è solo coperto da un'adesivo) lo può
        sfruttare per la
        ricarica.Mica c'e' un sensore sulla quantita' di inchiostro.Semplicemente il chip memorizza la quantita' di inchiostro usata nelle stampe precedenti.Frega niente se hai riempito il serbatoio con la siringa.Dopo 500 stampe il chip segnala che l'inchiostro e' esaurito.
        • iRoby scrive:
          Re: Stampanti
          Confermo, spesso segnala inchiostro esaurito a mezza cartuccia. Perché hai stampato molte pagine ma con poco testo e grafica. E la stampante memorizza numero pagine, non quanto erano state riempite di testo.Sono dei farabutti truffaldini.Altre stampanti hanno il misuratore di livello che dice quando sta per esaurirsi, e smettono quando resta meno di 1cc di inchiostro.Vanno punite queste aziende!
          • panda rossa scrive:
            Re: Stampanti
            - Scritto da: iRoby
            Confermo, spesso segnala inchiostro esaurito a
            mezza cartuccia. Perché hai stampato molte pagine
            ma con poco testo e grafica. E la stampante
            memorizza numero pagine, non quanto erano state
            riempite di
            testo.

            Sono dei farabutti truffaldini.
            Altre stampanti hanno il misuratore di livello
            che dice quando sta per esaurirsi, e smettono
            quando resta meno di 1cc di
            inchiostro.

            Vanno punite queste aziende!Le aziende si puniscono depennandole dall'elenco dei propri fornitori.
  • Fetente scrive:
    Ma perchè, davvero qualcuno usa HP?
    Molto meglio le Epson, si comprano le cartucce ricaricabili con una siringa, si spende un millesimo rispetto alle originale. E se non si vuole litigare con i chip, allora meglio ancora le Brother, certi modelli usano cartucce SENZA chip (c'è un galleggiante che indica il livello!!).
    • F Type scrive:
      Re: Ma perchè, davvero qualcuno usa HP?
      - Scritto da: Fetente
      Molto meglio le Epson, si comprano le cartucce
      ricaricabili con una siringa, si spende un
      millesimo rispetto alle originale.Dipende quale Epson,molte hanno il chip e non stampano se l'inchiostro era finito o quasi. Addirittura a quelle con cartucce separate stampando con il nero consumano inutilmente anche i colori,anche se non lo stai usando e finisce, si ferma.
      E se non si vuole litigare con i chip, allora meglio ancora
      le Brother, certi modelli usano cartucce SENZA
      chip (c'è un galleggiante che indica il
      livello!!).Quelle sarebbero buone,solo con il serbatoio e ricarichi tutte le volte che hai,otlre ad essere le più ecocompatibili ma devi andare a vedere per bene modello per modello.
    • ... scrive:
      Re: Ma perchè, davvero qualcuno usa HP?
      - Scritto da: Fetente
      Molto meglio le Epson, si comprano le cartucce
      ricaricabili con una siringa, si spende un
      millesimo rispetto alle originale. E se non si
      vuole litigare con i chip, allora meglio ancora
      le Brother, certi modelli usano cartucce SENZA
      chip (c'è un galleggiante che indica il
      livello!!).Bene, devo cambiare stampante ma non perché non funziona ma perché le getto di inchiostro ciucciano inchiostro anche se stampi poco,pulizia testine, inchiostro che evapora ecc. quindi prenderò una laser multifunzione e sicuramente non sarà una hp.
  • djechelon scrive:
    Abuso di posizione dominante
    Non credo che in Italia l'AGCM si muova, ma probabilmente l'ufficio antitrust europeo avrebbe di che ridire.E francamente se dovessi scoprire che la mia stampante HP, a cui non ho aggiornato manualmente alcunchè, si rifiutasse di funzionare con le cartucce compatibili avrei sì che da ridire, magari una PEC all'AGCM la manderei
    • svelto corri scrive:
      Re: Abuso di posizione dominante
      - Scritto da: djechelon
      Non credo che in Italia l'AGCM si muova, ma
      probabilmente l'ufficio antitrust europeo avrebbe
      di che
      ridire.

      E francamente se dovessi scoprire che la mia
      stampante HP, a cui non ho aggiornato manualmente
      alcunchè, si rifiutasse di funzionare con le
      cartucce compatibili avrei sì che da ridire,
      magari una PEC all'AGCM la
      mandereichi ha qualche anno sul groppone conosce bene la "truffa" delle inkjet e sta alla larga dalle stampanti da 50 europersonalmente non comprerei mai una stampante inkjet, ma se fossi proprio obbligato opterei per una epson ecotank
      • F Type scrive:
        Re: Abuso di posizione dominante
        - Scritto da: svelto corri
        chi ha qualche anno sul groppone conosce bene la
        "truffa" delle inkjet e sta alla larga dalle
        stampanti da 50
        euroNon è che se spendi di più vai sul sicuro
        personalmente non comprerei mai una stampante
        inkjet, ma se fossi proprio obbligato opterei per
        una epson
        ecotankQuesta dovrebbe essere la normlità per tutte le stampanti.
      • rockroll scrive:
        Re: Abuso di posizione dominante
        - Scritto da: svelto corri
        - Scritto da: djechelon

        Non credo che in Italia l'AGCM si muova, ma

        probabilmente l'ufficio antitrust europeo
        avrebbe

        di che

        ridire.



        E francamente se dovessi scoprire che la mia

        stampante HP, a cui non ho aggiornato
        manualmente

        alcunchè, si rifiutasse di funzionare con le

        cartucce compatibili avrei sì che da ridire,

        magari una PEC all'AGCM la

        manderei

        chi ha qualche anno sul groppone conosce bene la
        "truffa" delle inkjet e sta alla larga dalle
        stampanti da 50
        euro

        personalmente non comprerei mai una stampante
        inkjet, ma se fossi proprio obbligato opterei per
        una epson
        ecotankHo qualche anno sul groppone e conosco la storia, ma la sfruttavo a mio favore: printers da 25 o 30 euro in offerta, molto più valide di quel che farebbe pensare il loro prezzo, comprensive di cartucce inkjet nero e colore; finita la carica originale le ricaricavo colla siringa... e vai... Dimenticavo di dire: diluendo l'ink con acqua distillata, era una pacchia: fino ad una parte acqua e due parti ink (33.3%) la resa era ancora ottima, oltre la stampa incomincava a risultare sbiadita. Ma il vantaggio maggiore era che allontanavo il pericolo di essiccazione. -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2016 01.03-----------------------------------------------------------
        • user_ scrive:
          Re: Abuso di posizione dominante
          e come la apri la cartuccia ??
          • Il fuddaro scrive:
            Re: Abuso di posizione dominante
            - Scritto da: user_
            e come la apri la cartuccia ??Non la apri. Gli pratichi un forellino sulla parte superiore con un ago arroventato.Alcune cartucce hanno già di suo i suddetti forellini.
Chiudi i commenti