Google, un ponte blindato per Hollywood

Mountain View annuncia l'acquisizione di una azienda specializzata in distribuzione dei contenuti e protezioni DRM. Widevine potrebbe giocare il ruolo di testa di ponte per la conquista di Hollywood

Roma – Dopo aver fatto dell’openness la propria bandiera, Google è ora impegnata nel dotarsi di infrastrutture e tecnologie di blindatura per conquistare il mercato dei contenuti: Mountain View continua a investire sulle misure DRM e il digital delivery protetto acquisendo Widevine, società specializzata in tecnologie di protezione e distribuzione di flussi video.

Google annuncia l’acquisizione di Widevine sul blog ufficiale , plaudendo alla capacità che l’azienda ha mostrato nel mettere in piedi partnership preziose all’interno dell’ecosistema dei contenuti, con clienti che vanno dai servizi di digital delivery come Netflix agli studios hollywoodiani.

Widevine fornisce tecnologia software per la distribuzione protetta dei contenuti, e Google ha già reso chiara l’intenzione di virare il proprio business sempre verso il content delivery. Principale presupposto di tale business è la rassicurazione dei produttori sulla protezione e il controllo dei contenuti , ed è appunto il controllo dei flussi multimediali una delle motivazioni che hanno spinto Mountain View a mettere le mani su Widevine.

Google ha bisogno di guadagnarsi la fiducia del business dell’audiovisivo, un mercato che sin qui non ha particolarmente apprezzato né il servizio di distribuzione su YouTube né tantomeno lo scatolotto di Google TV . Widevine potrebbe idealmente rappresentare una chiave di volta capace di accrescere il potere contrattuale di Mountain View facendo approdare YouTube e Google TV su una moltitudine di dispositivi.

Ma il valore della nuova acquisizione di Google non è solo nei sistemi DRM : Widevine è in grado di fornire anche una tecnologia per lo streaming “adattivo” su Android, un sistema operativo che basa parte delle proprie capacità multimediali su Adobe Flash che non è pensato per l’ottimizzazione dell’esperienza video su smartphone e MID.

Un altro vantaggio non meno importante potrebbe infine venire dai contatti e i buoni rapporti di Widevine con Hollywood e l’industria dei contenuti : laddove Google non avesse fatto breccia nel cuore dei grandi studios, l’acquisizione Widevine servirebbe come garanzia per il rinnovato impegno di Mountain View a soddisfare le esigenze del business audiovisivo – controllo, DRM, difesa del copyright.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • non so scrive:
    non è una PSP
    lo chiamano PSP phone, ma non è una PSP. Sarà un prodotto alternativo più a N-Gage che a PSP.PSP avrà seguito con PSP2 e sarà come sempre una console portatile, non l'ennesimo smartphone android ;)
    • lollo scrive:
      Re: non è una PSP
      - Scritto da: non so
      lo chiamano PSP phone, ma non è una PSP. Sarà un
      prodotto alternativo più a N-Gage che a
      PSP.
      PSP avrà seguito con PSP2 e sarà come sempre una
      console portatile, non l'ennesimo smartphone
      android
      ;)http://www.tomshw.it/cont/news/playstation-phone-ecco-lo-smartphone-per-giocare/27740/1.htmlsarà pure così ma non vedo l'ora che arrivi ;)
    • lordream scrive:
      Re: non è una PSP
      - Scritto da: non so
      lo chiamano PSP phone, ma non è una PSP. Sarà un
      prodotto alternativo più a N-Gage che a
      PSP.
      PSP avrà seguito con PSP2 e sarà come sempre una
      console portatile, non l'ennesimo smartphone
      android
      ;)sarà uno smartphone marchiato sony e potra comprare i giochi onlain dallo store pleistescion.. ne usciranno altri ma penso sia un fake perchè è uscito il nome del sistema operativo invece del numero di serie del sistema.. imho fake del SO ma rumors per prossimo lancio del dispositivo in preparazione
  • Roberto Pulito scrive:
    sorry
    Grazie per le segnalazioni. Si è trattato prevalentemente di lapsus (Gingerbread fino a poco fa era considerato il 3.0).Ora ci metto una pezza.@prova provaEra più che altro un gancio, con tanto di link, per ribadire proprio l'addio allo storico sistema.
  • MyName is Reality scrive:
    Finlandese?
    da quando ericsson è finlandese? mi risulta sia SVEDESE .... è come dare a un italiano del francese. La qualità degli articoli di PI comincia a calare?
  • teo scrive:
    Gingerbread is android 2.3
    gingerbread = android 2.3 e non 3.0Si sapeva già da tempo, ma oggi è anche arrivata la notizia ufficiale ( http://android-developers.blogspot.com/2010/12/android-23-platform-and-updated-sdk.html )Strano come siate sempre così attenti all'ultima voce di apple, mantre trattate sempre con approssimazione android... (niente flame, please... sono solo un po' seccato dalla bassa qualità degli articoli)
  • lordream attende il lock di mezzanotte scrive:
    imho
    fake
Chiudi i commenti