GPS, affare di smartphone

Negli Stati Uniti triplicano gli utenti che utilizzano regolarmente i propri telefonini per connettersi a servizi di mappe o per ottenere indicazioni stradali. Scatta l'allarme per i navigatori tradizionali

Roma – Uno studio ComScore sembra confermare la tendenza già preannunciata dai numerosi prodotti sviluppati, che vede gli utenti preferire i servizi GPS degli smartphone rispetto all’utilizzo di appositi navigatori satellitari.

Le statistiche prodotte mostrano che, in cifre complessive, il numero degli utenti statunitensi che utilizza gli smartphone per accedere a servizi dedicati a mappe e navigazione è triplicato rispetto all’anno scorso.

33,5 milioni di utenti (che costituiscono il 14 per cento del traffico telefonico statunitense) hanno utilizzato questo tipo di servizi almeno una volta al mese nel trimestre finito col mese di aprile (una crescita del 44 per cento rispetto allo stesso periodo del 2009), 17,1 milioni ci si sono collegati tre volte al mese , 11,6 milioni una volta a settimana (più 60 per cento rispetto al periodo precedente). Cresciuto anche il numero di persone (4,8 milioni) che controllano le mappe una volta al giorno (più 9 per cento).

Nel 60,3 per cento dei casi si tratta di servizi GPS che offrono indicazioni stradali passo per passo. Nell’87,2 per cento dei casi il servizio viene attivato mentre si è in macchina. Nella restante gran parte dei casi, invece, durante corse in bicicletta o passeggiate, a dimostrazione del ruolo che queste funzionalità hanno raggiunto all’interno della vita di tutti ii giorni.

La preferenza per un unico device multifunzione, maggiori capacità degli smartphone e programmi sempre più avanzati, d’altronde, sono tutti fattori che contribuiscono a rendere sempre più agguerrita la lotta per la sopravvivenza dei navigatori satellitari.

A dimostrazione di ciò, il numero di persone tra coloro che possiedono un dispositivo con cui navigano e che utilizzano gli smartphone durante la guida per ottenere indicazioni è salito al 7-8 per cento.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    niente di nuovo sotto il sole
    I caporioni pakistani usano lo spauracchio della crociata anti blasfemia, i nostri caporioni invece usano lo spauracchio del pedoXXXXXterrorismo.Lo scopo - comune - e' il controllo delle masse.Niente di nuovo sotto il sole.
  • Francesco scrive:
    Perché interferire?
    Perché interferire?Rimangano pure nel loro medioevo, non dobbiamo arrogarci a "quelli-che-sanno-cos'è-giusto" ed imporre il nostro stile di vita.Basta solo che quando questi signori vengano qui si adeguino, siano essi turisti o immigrati, così come io mi adeguo a casa loro.bye
Chiudi i commenti