Guerra dei browser, Microsoft vale meno della metà

Statistiche grame per il browser di Microsoft, che a settembre sarebbe precipitato al di sotto del 50% di market share. La concorrenza di Firefox e (più recentemente) Chrome ha fiaccato IE, e ora si spera in IE9

Roma – Stando alle statistiche raccolte da Stat Counter , Internet Explorer è ora ufficialmente sceso al di sotto del 50% di share nel mercato dei browser. La soglia psicologica del bicchiere mezzo vuoto sarebbe stata varcata questo settembre, con la concorrenza sempre più popolare e agguerrita di Firefox e Chrome a testimoniare una diminuzione di gradimento apparentemente inarrestabile.

Sono anni che Internet Explorer continua a perdere quote di mercato, e lo share del 49,87 registrato ora da Stat Counter non sarebbe che la conseguenza di una rinnovata guerra dei browser in cui il navigatore Microsoft ha giocato una tradizionale strategia di mercato in un settore costantemente portato all’innovazione e al miglioramento delle performance.

Al confronto del 49% di IE, Mozilla Firefox ha raggiunto l’invidiabile traguardo del 31,5% di market share – un risultato solido e indiscutibile per un browser che qualcuno già si arrischia a definire in pericolo di estinzione . Dopo IE e Firefox c’è Google Chrome, browser che ha rivoluzionato il settore e che si è sin qui guadagnato la fiducia dell’11,54% dei netizen.

Le cifre fornite da Stat Counter – che lavora su 15 miliardi di pagine visitate al mese su più di 3 milioni di siti web – si riferiscono alla situazione mondiale, ma i vari mercati locali hanno una loro specifica peculiarità: negli USA IE è ancora al 52,3% contro il 27% abbondante di Firefox e circa il 10% di Chrome, mentre in Europa il browser Microsoft è sceso addirittura al 40,26%.

E Internet Explorer 9 ? La nuova iterazione del browser Microsoft promette miglioramenti e stravolgimenti un po’ in tutti i comparti, ma le performance superiori (unite all’accelerazione hardware del rendering delle pagine web) e una più stretta integrazione con gli standard telematici potrebbero arrivare troppo tardi per ribaltare una tendenza che è rimasta costante nel corso degli anni.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • THe_ZiPMaN scrive:
    Che coraggio
    Sono da sempre un utente Thinkpad e sono/sono stato felicissimo possessore del 600, 380, 370E, T20, T22, R40, R50, T52, R61, X60, R500...Ma ormai il tempo del Thinkpad purtroppo è finito. Da quando IBM ha ceduto il ramo notebook a Lenovo la qualità è andata via via calando vistosamente ad ogni nuova versione. Dei nuovi modelli dire che fanno schifo è fare un complimento; la tastiera, fiore all'occhiello della linea e punto di riferimento ineguagliabile dalle altre marche, ormai è semplicemente la classica tastiera cinese merdosa montata anche dagli altri produttori e coi tasti messi alla c...o.Spiacente, ma ormai i ThinkPad non sono sono più i ThinkPad che hanno fatto la storia del notebook aziendale.
    • Saggio scrive:
      Re: Che coraggio
      Forse se ti fossi preso un x301 invece del r500 non avresti scritto queste banalita' come puoi comparare un x60 costato 1800 euro con un r500 costato 2 anni dopo solo 600 euro???
      • THe_ZiPMaN scrive:
        Re: Che coraggio
        Non so se hai notato i puntini di sospensione. Io uso i PC che mi vengono dati, a volte la serie X, a volte la T, a volte la R, e conosco bene le differenze tra le varie macchine. E' ovvio che non si può fare un paragone tra un X e un R o tra un T e un SL. Ma le differenze ci sono all'interno della stessa classe Il mio collega di fianco p.es. ha un T500; la qualità costruttiva è decisamente inferiore al T22 pur essendo sempre una macchina da quasi 2000 euro. E anche il paragone tra R40, R61 e R500 è impietoso con una qualità costruttiva costantemente calante per arrivare a un R500 che è un plasticone (l'R40 era una macchina eccellente come rapporto qualità prezzo)E giusto per precisare lavoro per un rivenditore di Lenovo, quindi non è certo per interesse che esprimo giudizi sempre più negativi.
    • gennaro tangari scrive:
      Re: Che coraggio
      Ho preso da qualche mese un T410i, non proprio il top della gamma, ma la sua qualità (tastiera compresa) è decisamente superiore ai notebook concorrenti della stessa fascia di prezzo.Per inciso, la tastiera, che non sarà forse allo stesso livello di quella IBM di 10 anni fa, è decisamente superiore a qualunque altro notebook (non thinkpad) che abbia mai provato.Avrei preferito continuare a vedere il loghetto IBM al posto di quello Lenovo, tuttavia della macchina sono comunque soddisfatto.
  • falmux scrive:
    Ma va
    non mi risulta che IBM (ora lenovo) sia mai stata cosi' competitiva nel mondo dei computer ovviamente intendo come prezzi non come innovazione tecnologica!!!
  • giacche scrive:
    Farsa
    Che articolo farsa, lo sanno tutti che ad innovare è solo Apple... (rotfl)
    • Simone scrive:
      Re: Farsa
      Innovazioni del tipo iniziare a proporre un sistema unix nel 2001?
      • Zucca Vuota scrive:
        Re: Farsa
        - Scritto da: Simone
        Innovazioni del tipo iniziare a proporre un
        sistema unix nel
        2001?Microsoft Xenix per PC IBM nel 1983. Io ho giocato con la versione 286.http://it.wikipedia.org/wiki/Microsoft_XENIX
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Farsa
        Innovazioni del tipo PORTARE ALLE MASSE un sistema unix nel 2001?I primi con la USB nel 1999?FireWire?Time Machine?Gli alimentatori MagSafe?E niente, godetevi le vostre fettone di mortadella davanti agli occhi mentre io me ne sbatto di virus, trojan e ammenicoli vari.
        • frank681 scrive:
          Re: Farsa
          Quoto.
        • rover scrive:
          Re: Farsa
          Time machine?Ho pensato di soprannominare così la tazza del mio bagno. Pensa un po' tu!Firewire?Quello che in molti IBM/Lenovo c'è e in molti Apple manca?Sì, Mag Safe è una delle poche cose che differenzia Apple, me non ne giustifica comunque il costo.
        • zuzzurro scrive:
          Re: Farsa
          Amico mio, tu te ne sbatterai pure ma... lo sai che windows ha EAL 4+ e invece OSX EAL 3 ?Quindi occhio ragazzi perchè non c'è nessun motivo "magico" per il quale un sistema può essere più sicuro di un altro. Mi sembra che in questi tempi abbiano dimostrato svariate "magie" per esempio di iOS, e che comuqnue di programmi bucabili ce ne siano a bizzeffe.Pertanto, su qualunque sistema, sempre allerta!
        • cianoz scrive:
          Re: Farsa
          - Scritto da: Nome e cognome
          Innovazioni del tipo PORTARE ALLE MASSE un
          sistema unix nel
          2001?
          I primi con la USB nel 1999?
          FireWire?
          Time Machine?
          Gli alimentatori MagSafe?

          E niente, godetevi le vostre fettone di
          mortadella davanti agli occhi mentre io me ne
          sbatto di virus, trojan e ammenicoli
          vari.MacOS? Intendi quel SO che nel 2010 è rimasto probabilmente l'unico a non consentire di variare la dimensione dei caratteri? Si penso che intendi quello.http://www.italiamac.it/forum/showthread.php?p=4429142#post4429142(L'autore del post sono io, ben 29 pagine di commenti idioti (per la maggior parte) da macachi che non hanno nemmeno capito il problema.
Chiudi i commenti