I call center? Fantastici

Lo dice Assotelecomunicazioni che parla di un alto valore e di un'alta professionalità

Roma – Al senatore della Margherita Treu che in una intervista ha parlato dei call center come di “una forma pezzente e demenziale di capitalismo”, ha risposto Assotelecomunicazioni (Confindustria), sostenendo che l’espressione stessa Call Center va abolita perché “richiama un concetto riduttivo di organizzazione di persone che rispondono solo a chiamate telefoniche, per motivi di richiesta di informazione oppure di assistenza tecnica”.

E invece? Invece i.. call center , quelli insomma, sono di “estremo valore” e forniscono un servizio alla clientela “professionale”.

L’espressione “call center” secondo l’Associazione è inadatta per descrivere “i moderni centri di assistenza alla clientela”, che sono “organizzazioni indispensabili al funzionamento di tutte le attività di servizio, telecomunicazioni in primis, ma anche trasporti, servizi bancari ed assicurativi, pubblica amministrazione e servizi di consulenza in generale”. I “centri”, secondo Assotelecomunicazioni, sono “essenziali per l’evoluzione del settore dei servizi in Italia”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Spendaccion e scrive:
    Cellulari compatibili?
    Sì, ma quanto costa un cellulare o un modem HSUPA-compatibile?Secondo loro dovremmo fare un nuovo acquisto ogni volta (e succede spesso) che la tecnologia migliora?Chissà come mai le nuove tecnologie vengono presentate un po' alla volta, quasi col contagocce, guardandosi bene dall'apportare innovazioni veramente significative e durature...Se vogliono spingermi a spendere 300-400 euro di hardware ogni anno, o a farmi acquistare cellulari bloccati, hanno sbagliato indirizzo. @^
Chiudi i commenti