I PC? Vendono bene

Lo dicono due studi, IDC e Gartner, che annunciano una crescita per il 2007. Che potrebbe non essere confermata nel 2008

Roma – Ma chi ha detto che il mercato dei PC è in crisi? EWeek riporta i risultati di due studi, uno IDC e l’altro Gartner, secondo cui le vendite di personal computer nel mondo nel 2007 sono cresciute considerevolmente: 13 per cento in più rispetto al 2006.

un computer I costruttori che più hanno spinto sull’acceleratore sono ACER e DELL che, però, non riescono ancora a scalzare HP. Quest’ultima, con 50 milioni di PC venduti nel corso dell’anno, mantiene saldamente la posizione di primo costruttore al mondo.

Nel complesso, nel corso del 2007 sono stati venduti 269 milioni di PC , il 14 per cento in più di quanto accaduto nell’anno precedente, con un aumento più consisente nell’ultimo trimestre. I valori tra i due studi variano di pochissimo, anche se Gartner stima almeno due milioni di PC venduti.

Per il 2008, però, le cose potrebbero andare diversamente, a causa soprattutto dell’andamento dell’economia statunitense. Colpita da una congiuntura difficile, dovuta in particolare alla crisi finanziaria che aleggia sui mercati, in aggiunta ad un dollaro debole, ci si attende che nei prossimi 12 mesi “assorba” un numero minore di computer.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CCC scrive:
    SOLITA FREGATURA
    oh oh... non sentite forte e chiara una certa puzza di fregatura e di presa in giro?1) Dal 15 febbraio, inoltre, Microsoft ha annunciato che renderà disponibile sotto Open Specification Promise la documentazione relativa al formato OOXML questa cosa è con tutta evidenza solo una furbesca operazione di marketing "buonista" in perfetto stile M$l'intento è chiaro: facilitare quanto più possibile la diffusione del virus OOXML fino ad arrivare al punto in cui il contagio mondiale sarà divenuto inarrestabile...un film targato M$ già visto molte volte2) Il prossimo 15 febbraio su SourceForge prenderà il via un progetto sotto licenza BSD pensato per la realizzazione di un "traduttore" per il formato Office Open XML di Microsoft ma guarda!!! la licenza scelta è la BSD... per chi non lo sapesse (da Wikipedia): Le licenze BSD garantiscono le quattro libertà del software e sono quindi qualificate come licenze per il software libero. Tuttavia risultando più aperte e libere di altre, ad esempio della licenza GNU General Public License (GNU GPL), non hanno fra i propri obiettivi quello di proteggere la libertà del software cui sono applicate ma semplicemente di rendere per tutti il software completamente libero, accessibile e modificabile. Chi infatti modifichi un programma protetto da licenze BSD, può ridistribuirlo usando la stessa o altra qualunque licenza e senza avere l'obbligo di redistribuire le modifiche apportate al codice sorgente. chissà perché proprio la BSD... e perché non la GPL, e magari la GPLv3...è abbastanza chiara a tutti la fregatura???
  • mario scrive:
    no bsd.GPL e basta, senno ti frega
    con la bsd si frega tutticon la gpl invece non possono predere il programma, ricompilarlo e rivendertelo a euro e cercare di punirti se copi il precompilato a pagamento
    • Banana Joe scrive:
      Re: no bsd.GPL e basta, senno ti frega
      In questo particolare contesto anche se vendono versioni commerciali derivate direi che potrebbe anche non fregar niente agli sviluppatori: ma nel caso MS abbia da far valere qualche generico brevetto, l'implementazione BSD finisce nel WC in tutti i posti dove valgono i maledetti brevetti. Solo se MS stessa rilasciasse un lettore sotto GPL3 si sarebbe al sicuro. Fino alla prossima versione ovviamente.Per quanto mi riguarda, comunque l'esistenza stessa dell'inutile finto standard ooxml e' una rogna, figuriamoci se spendo tempo dietro a progetti che servono a giustificarne l'uso.
      • CCC scrive:
        Re: no bsd.GPL e basta, senno ti frega
        - Scritto da: Banana Joe
        In questo particolare contesto anche se vendono
        versioni commerciali derivate direi che potrebbe
        anche non fregar niente agli sviluppatori: ma nel
        caso MS abbia da far valere qualche generico
        brevetto, bravo! hai colto il punto... e l'atteggiamento di M$ sui brevetti mi pare sian molto molto chiaro...
        l'implementazione BSD finisce nel WC in
        tutti i posti dove valgono i maledetti brevetti.concordo! e mi offro volontario per tirare lo sciacquone
        Solo se MS stessa rilasciasse un lettore sotto
        GPL3 si sarebbe al sicuro. piace molto anche a me la fantascienza...
        Fino alla prossima
        versione
        ovviamente.ah ah... ovviamente...
        Per quanto mi riguarda, comunque l'esistenza
        stessa dell'inutile finto standard ooxml e' una
        rogna, figuriamoci se spendo tempo dietro a
        progetti che servono a giustificarne
        l'uso.e semmai ne spendo per andarci contro...
    • CCC scrive:
      Re: no bsd.GPL e basta, senno ti frega
      - Scritto da: mario
      con la bsd si frega tutti
      con la gpl invece non possono predere il
      programma, ricompilarlo e rivendertelo a euro e
      cercare di punirti se copi il precompilato a
      pagamentoappunto...da cui la scelta della BSD: fregatura!!!
  • dany scrive:
    Curioso...
    Microsoft vuole che OOXML diventi uno standard ISO ma non vuole rendere pubbliche le specifiche...e' quasi divertente.
    • CCC scrive:
      Re: Curioso...
      - Scritto da: dany
      Microsoft vuole che OOXML diventi uno standard
      ISO ma non vuole rendere pubbliche le
      specifiche...e' quasi
      divertente.ehehehehh... ;-)ma dai sei il solito nerd comunista no-global che se la prende con M$ che tanto bene ha fatto al mondo ed alla scienza...non hai letto che dal 15 febbraio M$ renderà addirittura disponibile sotto Open Specification Promise la documentazione relativa al formato OOXML? ma non vedi quanto sono bravi e buoni? e poi c'è pure il progetto sotto licenza BSD pensato per la realizzazione di un "traduttore" per il formato Office Open XML di M$!!!addirittura sotto licenza BSD!!!ma che bravi!!!;-) ;-) ;-)hai ragione... è quasi divertente... che strano però... a leggere di queste belle iniziative di M$ mi sento sempre assalire come da un senso di nausea... che sarà mai?;-)
  • Olicampo scrive:
    Niente da dire
    Nulla da dire, è giusto così, se lasciano tutto in OpenSource e sopra tutto BSD non ho nulla da aggiugnere se non un "bene"
    • Banana Joe scrive:
      Re: Niente da dire
      Ne riparliamo nella malaugurata ipotesi che OOXML vinca la battaglia degli standard. Dimentichi la strategia di MS quando ha un prodotto che non ha ancora monopolizzato il mercato. Confronta internet explorer nell'era netscape con internet explorer monopolista e incastrato ad arte nel sistema operativo. Confronta Win 3.11 piratato da cani e porci con le procedure di activation odierne e il considerare un cambio periferica di troppo come un altro computer.In altre parole SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!(linux)(apple)
    • CCC scrive:
      Re: Niente da dire
      - Scritto da: Olicampo
      Nulla da dire, è giusto così, se lasciano tutto
      in OpenSource e sopra tutto BSD non ho nulla da
      aggiugnere se non un
      "bene"no.. c'è da dire invece...1) Dal 15 febbraio, inoltre, Microsoft ha annunciato che renderà disponibile sotto Open Specification Promise la documentazione relativa al formato OOXML questa cosa è con tutta evidenza solo una furbesca operazione di marketing "buonista" in perfetto stile M$l'intento è chiaro: facilitare quanto più possibile la diffusione del virus OOXML fino ad arrivare al punto in cui il contagio mondiale sarà divenuto inarrestabile...un film M$ già visto molte volte2) Il prossimo 15 febbraio su SourceForge prenderà il via un progetto sotto licenza BSD pensato per la realizzazione di un "traduttore" per il formato Office Open XML di Microsoft ma guarda!!! la licenza scelta è la BSD... chissà perché...da Wikipedia: Le licenze BSD garantiscono le quattro libertà del software e sono quindi qualificate come licenze per il software libero. Tuttavia risultando più aperte e libere di altre, ad esempio della licenza GNU General Public License (GNU GPL), non hanno fra i propri obiettivi quello di proteggere la libertà del software cui sono applicate ma semplicemente di rendere per tutti il software completamente libero, accessibile e modificabile. Chi infatti modifichi un programma protetto da licenze BSD, può ridistribuirlo usando la stessa o altra qualunque licenza e senza avere l'obbligo di redistribuire le modifiche apportate al codice sorgente. è chiara a tutti la fregatura???
Chiudi i commenti