I rischi delle assicurazioni on-line

Il Centro Servizi Legali mette in risalto i rischi che corre il navigatore che decide di fare la sua polizza assicurativa direttamente via internet


Ormai è sufficiente aggiungere il suffisso ?on line? e per miracolo, da casa propria, si può concludere qualsiasi contratto. Così si può acquistare un golf, un computer, o, addirittura, titoli azionari.

Un nuovo servizio è quello dei contratti di assicurazione stipulati via Internet. I vantaggi sono di immediata comprensione. Eliminando agenzie ed intermediari, i prezzi sono (o dovrebbero essere) più competitivi.

Inoltre, l?utente dispone di una gamma di scelta enorme, potendo, anche se vive in un piccolo centro, stipulare contratti con tutte le Compagnie che desidera.

C?è un però.

Non tutte le Compagnie garantiscono le stesse tutele. In fin dei conti si stipula un contratto (fra l?altro, quantomeno per la Responsabilità civile da circolazione da veicoli, obbligatorio) con un soggetto anonimo, solo cliccando particolari finestre.

A tal fine, l?Isvap, il garante di vigilanza sulle assicurazioni private, suggerisce alcuni consigli da seguire per non imbattersi in cattive sorprese.

Esaminiamoli insieme.

L?utente può, infatti, venire in contatto con operatori non abilitati, con la conseguenza di assicurarsi presso compagnie che non risponderanno in un futuro. Occorre quindi accertarsi sull?identità dell?impresa.

Un altro grosso rischio è rappresentato dallo stipulare un contratto con una Compagnia straniera, che per esempio, non copra gli stessi rischi obbligatori per la legislazione italiana.

Addirittura, si potrebbe, inconsciamente, violare la legislazione fiscale nazionale, stipulando contratti con Agenzie estere non ammesse all?esercizio in Italia.

Inoltre, in caso di Compagnia straniera, occorre con attenzione verificare quale sia la legge applicabile in caso di controversia e il Giudice competente.

Potrebbe essere una brutta sorpresa se, per farsi risarcire un danno o un furto il povero assicurato dovesse rivolgersi ad un Giudice, per esempio, di Denver, che magari applicherà il diritto del Colorado.

Anche l?assistenza legale, in tale caso, sarà ben più ardua per il professionista cui l?utente volesse rivolgersi.

La stipulazione del contratto dovrebbe tenere conto dell?esistenza comunque di un supporto cartaceo, esaminando con la dovuta attenzione il termine preciso di decorrenza della copertura assicurativa.

Infatti, qualora non fosse coperto, l?utente potrebbe essere chiamato in prima persona con tutti i suoi beni, a, risarcire l?eventuale danno provocato.

Si rifletta che in caso di incidente mortale, il risarcimento può essere anche superiore al miliardo di lire. Si pensi anche che il contraente è obbligato ad esporre sul veicolo il contrassegno assicurativo, che la Compagnia deve materialmente rilasciare entro cinque giorni dal pagamento della polizza.

In caso contrario, l?utente potrà essere soggetto a sanzioni.

In ultima analisi, parafrasando il Manzoni Assicurazioni on-line, adelante con juicio.
Nei casi dubbi, sarà comunque meglio consultare l?ISVAP al numero 06 421331.

Avv. Marco Boretti

Per accedere all’archivio degli interventi e alla possibilità di inviare direttamente al Centro Servizi Legali i tuoi quesiti riservati gratuiti… clicca qui !

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti