IAB: fine del far west pubblicitario online

L'organismo che si occupa degli standard della pubblicità online il mese prossimo tenterà di imbrigliare il caos


Web – Il mese prossimo l’Internet Advertising Bureau (IAB) dovrà cercare di mettere ordine nel “Far West” della pubblicità online, un passo ritenuto decisivo per poter offrire agli inserzionisti un mercato con regole e numeri chiari. In ballo c’è l’intero volume d’affari della pubblicità su internet, un argomento che riguarda una infinità di editori online.

Lo IAB deve superare alcuni dei problemi più importanti del settore, come la difficoltà di misurazione dell’effettiva “esposizione” della pubblicità piazzata sui siti dagli inserzionisti e la sua resa. E dovrà rilasciare una proposta di “linee guida” per avvicinare le esigenze delle imprese che intendono pubblicizzare servizi e prodotti online con quelle degli editori internet.

Per il momento, rappresentanti dello IAB si limitano a sostenere che lo sforzo potrebbe portare ad un rapporto molto più efficiente tra inserzionisti e siti e dunque ad una maggiore circolazione di advertising online.

Uno degli elementi più complessi sulla via ad una “soluzione” risiede nelle diverse tecnologie di gestione dell’advertising, diversità che si traducono anche in differenti misurazioni per le esposizioni della pubblicità.

Anche per questo lo IAB attende i risultati di uno studio che ha commissionato a PricewaterhouseCoopers proprio sugli aspetti tecnici della questione. Uno studio che si articola su 11 tra le principali net-companies. Lo studio tiene in considerazione le misure utilizzate per registrare le impression, per contare le pagine e i click e per verificare il numero di visite totale e quello degli “utenti unici”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Le aziende come buongiorno.it
    Da una parte vorrei dire apertamentequello che penso di Mauro Del Rio, diBuongiorno.it ed anche di chi utilizzaimpropriamente i dati personali delle persone, e magari spera pure di farlocon finanziamenti pubblici,dall'altra parte penso che forse rischierei di beccarmi una querela e per questo preferisco stare in rispettoso silenzio.Pino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: Le aziende come buongiorno.it
      - Scritto da: Pino Silvestre
      Da una parte vorrei dire apertamente
      quello che penso di Mauro Del Rio, di
      Buongiorno.it anche io vorrei molto, ma ha la querela facile
      e magari spera pure di farlo
      con finanziamenti pubblici,anche il "lasciare morire" i piccoli, favorendo queste aziende è una specia di finanziamento pubblico. o no?

      Pino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: Le aziende come buongiorno.it
      pienamente d'akkordo...son settimane ke sto cerkando d cancellarmi da 1 (una) loro mailing list... e kome per magia ne spunta fuori un'altra... mo vediamo quando mi sono cancellato da tutte se rikomincio o ke ;Pbyez
  • Anonimo scrive:
    venduto

    È questa la forza e la bellezza del mercato.sei un pirla.
  • Anonimo scrive:
    'A del Rio....
    ...e statte zzitto!
Chiudi i commenti