IE 5.5 al primo pacco, IE 6 sulla via

Microsoft rilascia il primo service pack per Internet Explorer 5.5 contenente tutti i bug fix fino ad oggi usciti e alcune altre migliorie. Ormai vicina la fase di beta testing di IE 6, un browser sempre più "gonfio" di funzionalità


Redmond (USA) – Da pochi giorni è disponibile presso il sito di Microsoft il primo service pack per Internet Explorer 5.5 (IE 5.5 SP1), un aggiornamento che colleziona i bug fix e le patch uscite negli ultimi mesi.

Questo service pack ha proporzioni generose visto che, anche su di un sistema aggiornato come Windows Me, richiede in media il download di 8 MB di file, che arrivano a oltre 30 MB nel caso in cui nel sistema di destinazione sia contenuta una versione non recentissima di IE. Cosa un po’ bizzarra per un aggiornamento, questo service pack può essere utilizzato anche per installare IE su sistemi che ne sono privi.

Oltre a tappare falle di sicurezza e scacciare diversi bug, IE 5.5 SP1 contiene un supporto più avanzato a DHTML e CSS e migliora l’anteprima di stampa, che ora dovrebbe visualizzare le pagine Web con molta più fedeltà rispetto al risultato su carta.

IE 5.5 SP1 include i così chiamati Internet Tools, alcuni strumenti che, a detta di Microsoft, rendono più facile la connessione ad Internet e la ricerca di informazioni sul Web. Fra questi troviamo il Connection Manager, un’interfaccia di connessione ad Internet che l’utente può ora decidere di utilizzare di default al posto di Accesso Remoto.

Si spera che questo service pack sia esente dai problemi che si presentarono con l’IE 5.01 SP1 e che costrinsero Microsoft a rilasciare in tutta fretta una patch.

Su questa pagina è possibile scaricare IE 5.5 SP1 nei vari linguaggi al momento disponibili: per la versione in italiano, come tradizione, occorrerà attendere dalle 2 alle 4 settimane. (continua)


Secondo WinInfo dovrebbe ormai mancare poco all’inizio della fase di beta testing di Internet Explorer 6.0, la nuova versione del browserone di Microsoft attesa per la prossima estate.

Sebbene non apporti modifiche sostanziali alla precedente edizione, IE 6.0 diverrà ancor più integrato con i componenti multimediali di Windows e continuerà la politica di Microsoft di rendere il browser Web l’interfaccia utente centralizzata per l’intero sistema operativo. Questo sarà ancor più vero per Whistler, la prossima versione di Windows 2000 che adotterà proprio IE 6.0 come browser standard.

Le due aggiunte più evidenti di IE 6.0 saranno costituite da due nuove funzioni visualizzabili mediante frame a scomparsa del tipo di quelli che già caratterizzano le voci “Cerca”, “Preferiti” e “Cronologia”: il nome provvisorio al momento è “Media” e “Instant Messenger”. Come si può intuire, la prima integra le funzionalità del Windows Media Player e la seconda quelle dell’MSN Instant Messenger all’interno del browser.

Nonostante che l’integrazione delle funzionalità di messaggistica e multimedialità all’interno di IE avvicinino ancor più questo browser all’utenza prettamente consumer, per questa fascia di utilizzatori Microsoft ha di recente dedicato MSN Explorer, un navigatore in grado di fare da interfaccia verso i servizi che il big di Redmond offre attraverso il suo portale.

Ma non sono pochi coloro che storcono il naso di fronte al crescere incontrollato delle proporzioni di Internet Explorer, che prima di ogni altra cosa dovrebbe essere un browser Web. Almeno, chiedono alcuni, sia data facoltà agli utenti di poter installare solo ciò di cui realmente hanno bisogno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti