Il designer di iPod entra nello Who's Who

L'editore della celebre pubblicazione che elenca personalità che si distinguono annuncia l'inserimento di Jonathan Ive nella hall of fame. Per lui è solo l'ennesimo riconoscimento

Londra – Ha disegnato iMac, PowerMac, iBook, iPod e molte altre cose: è Jonathan Ive, il designer a cui la Apple di Steve Jobs deve molto. Le sue qualità creative sono state uno dei motori essenziali della grande crescita della Mela di questi anni, in particolare attorno allo strepitoso successo del player multimediale iPod. Ed ora al genio di Ive è giunto un nuovo riconoscimento.

Gli editori della britannica A&C Black hanno infatti annunciato l’intenzione di inserire il nome di Ive, nato in UK, nella lunga ma selezionatissima lista delle personalità che compongono lo Who’s Who , probabilmente la più autorevole e nota pubblicazione dedicata a chi vuole sapere i nomi di “quelli che contano” nel Regno Unito e in molti altri paesi.

Il celebre designer Va detto che per Ive il nuovo riconoscimento non è che una conferma della fama globale che ormai circonda il suo nome e il suo lavoro. Negli anni scorsi ha ricevuto numerosi importanti award come quello deciso dal Design Museum di Londra, che nel 2003 lo consacrò “Designer dell’anno”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Mah...
    a me dal video sembrava un coso ad aria compressa
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...
      direi addirittura liquida.. ;)comq l'approccio al problema e la visione dell'azienda (il progetto parte letteralmente da zero) sono fantastici.Direi che riassume tutto quello che in italia non sappiamo applicare come modello di lavoro:- "1. You must have a genuine passion for space. Without passion, you will find what we're trying to do too difficult. There are much easier jobs."....si..appunto quello che cerca l'italiano medio..- "2. You must want to work in a small company."..sia mai! vuoi mettere lavorare a vita per una "grande azienda"- "3. We are building real hardware. This must excite you. You must be a builder."...cioe'? mi stai dicendo che vuoi fare cose che funzionino davvero?!?! :p- Scritto da:
      a me dal video sembrava un coso ad aria compressa
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...

      a me dal video sembrava un coso ad aria compressaIdrogeno perossido (acqua ossigenata ad alta concentrazione) e kerosene. L'acqua ossigenata a contatto con un catalizzatore (argento per esempio) si decompone violentemente in ossigeno e idrogeno con una forte produzione di calore, abbastanza da reagire con il kerosene.Come concetto non é male, ma non ha abbastanza delta V per raggiungere l'orbita. Giusto per dire che sei stato a 100 metri di quota (cioé nello spazio), ma se il turismo spaziale é tutto li'...
      • mikeUS scrive:
        Re: Mah...

        Come concetto non é male, ma non ha abbastanza
        delta V per raggiungere l'orbita. Giusto per dire
        che sei stato a 100 metri di quota intendi 100 km vero? ;)
        (cioé nello
        spazio), ma se il turismo spaziale é tutto
        li'...Beh, la virgin / scaled composites se non sbaglio ha intenzione di fare il grande passo, e la Space Ship Three dovrebbe avere capacita' orbitali.Vedremo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Mah...
          - Scritto da: mikeUS


          Come concetto non é male, ma non ha abbastanza

          delta V per raggiungere l'orbita. Giusto per
          dire

          che sei stato a 100 metri di quota

          intendi 100 km vero? ;)Esatto. Ogni tanto mi perdo i chili. Sto cercando di dimagrire.


          (cioé nello

          spazio), ma se il turismo spaziale é tutto

          li'...

          Beh, la virgin / scaled composites se non sbaglio
          ha intenzione di fare il grande passo, e la Space
          Ship Three dovrebbe avere capacita'
          orbitali.Servirà un vettore con gli attributi. Magari una versione del Falcon...
          • mikeUS scrive:
            Re: Mah...

            Esatto. Ogni tanto mi perdo i chili. Sto cercando
            di
            dimagrire.:)

            Ship Three dovrebbe avere capacita'

            orbitali.

            Servirà un vettore con gli attributi. Magari una
            versione del
            Falcon...Beh, potrebbe essere la volta che ci si slega un attimo dalle tradizioni e magari si cercano altri approcci...l'intraprendenza delle aziende private non e' da sottovalutare.Veniamo da 60 anni di lanci di "missili" e cosi' siamo abituati a pensare all'accesso allo spazio.Ma ci potrebbero essere delle sorprese...il lancio della SS1 (e 2, in futuro) da in quota grazie al White Knight gia' e' relativamente diverso dal resto, (so che ci sono altri progetti simili), ma potrebbero esserci idee nuove completamente diverse...
Chiudi i commenti