Il motofonino che slitta e crolla

Motorola si è messa nei guai: i suoi telefonini oggi valgono un decimo di quello che valevano nel 2006. L'azienda decide così di iniettarli in una nuova società. Una strada tutta in salita

Roma – I titoli dei quotidiani statunitensi più noti sono univoci: Motorola ha preso una decisione inevitabile, ha scelto di spezzarsi in due, dedicando una società separata a tutto ciò che è wireless, ossia ai cellulari; e lo ha fatto perché l’azienda è sotto pressione, perché i suoi telefonini anziché produrre reddito producono perdite . Titoli impietosi che non aiutano il maggiore costruttore nordamericano di apparecchi di telefonia mobile, ma descrivono con realistica crudezza i guai in cui si è cacciato.

Che Motorola dovesse prendere atto di una situazione difficile non è una novità: nei mesi scorsi si era parlato persino dell’uscita tout-court dal settore dei mobiles , poi frettolosamente smentita dal nuovo management. Ma era solo questione di tempo: le pressioni di cui parla il New York Times non riguardano solo ed esclusivamente Moto , riguardano tutto il modo precedente di approcciare la telefonia mobile. Modo e mondo , verrebbe da dire: sono cambiati i consumatori, sui mercati maturi pur di stimolare gli acquisti si ragiona quasi esclusivamente per feature, o aggiungendole (perlopiù) o tornando all’antico e riducendole all’osso, mentre sui nuovi mercati si arriva con prodotti alternativi che cercano di imporsi sul più vivace mercato della rivendita e del riuso, quello dei paesi poveri ed emergenti. Cambiano le tecnologie, cambia il software e cambia anche il modo di produrlo .

A volere decisioni drastiche dalla dirigenza Motorola non è stato uno qualunque: Carl Icahn, che da solo controlla il 6,4 per cento della società, voleva scelte capaci di fermare l’emorragia del valore. Già, il valore. Quello della divisione cellulari di Motorola è oggi a 3,8 miliardi di dollari, vale a dire secondo Citigroup un decimo rispetto al 2006 , e questo anche perché nel mercato in movimento, dal GPS agli smarpthone, si moltiplicano le iniziative di player di richiamo come Garmin o HP. Persino Dell ci sta pensando . Dal 30 settembre ad oggi il titolo Motorola ha perduto il 46 per cento, uno slittamento, una emorragia appunto, ed è difficile fermarla visto anche che l’iPhone di Apple procede a vele più o meno spiegate e che i Blackberry di RIM continuano a conquistare il segmento business ammiccando però sempre più alle feature più consumer. Non solo indietro sul piano industriale, indietro anche sul piano delle aspettative, tanto che una ripresa dei motocosi sul mercato dei telefonini sorprenderebbe molti.

Spezzare l’azienda in due significa offrire due destini diversi a ciascuna impresa , è una scelta conservativa, un muretto di difesa che verrà interpretato come tale dal mercato. Significa per Motorola consentire alle ricche attività del networking di lasciare la nave che avevano imparato a inseguire e che da sola rischia sì di navigare in acque perigliose ma cessa di essere un pericolo diretto per il resto del business.

Lo spazio che Motorola sta lasciando andrà tutto a favore dei newcomers ma anche e forse soprattutto di Sony Ericsson : secondo gli analisti (Cowen&Co.) già destinata a diventare il terzo produttore al mondo di telefonini dopo Nokia e Samsung. Soprattutto, finché la “nuova Motorola” non troverà una sua identità, ed una linea di prodotti capaci di competere, sul suo mercato di casa, quello statunitense, si aprono molte golose opportunità per i competitor. Una situazione critica per Motorola, tanto che persino trovare un compratore per le attività mobili ora suonerebbe come una missione impossibile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • shezan74 scrive:
    Mi sembra poco...
    " Nel mese di febbraio gli americani hanno effettuato con BigG 4 milioni e mezzo di ricerche."Vuol dire 155.000 ricerche al giorno su google, in tutti gli stati uniti?Su un ipotesi di 10.000.000 di persone collegate in un giorno, solo 1 su 64 ha fatto una ricerca su google?forse hanno sbagliato l'articolo di un ordine di grandezza?
    • rotfl scrive:
      Re: Mi sembra poco...
      - Scritto da: shezan74
      " Nel mese di febbraio gli americani hanno
      effettuato con BigG 4 milioni e mezzo di
      ricerche."

      Vuol dire 155.000 ricerche al giorno su google,
      in tutti gli stati
      uniti?
      Su un ipotesi di 10.000.000 di persone collegate
      in un giorno, solo 1 su 64 ha fatto una ricerca
      su
      google?

      forse hanno sbagliato l'articolo di un ordine di
      grandezza?Infatti il PDF dice "4.5 billion", non "4.5 million". Hanno tradotto "billion" con milioni invece di miliardi. Squallore... (anonimo)
    • MircoM scrive:
      Re: Mi sembra poco...

      forse hanno sbagliato l'articolo di un ordine di
      grandezza?no... 3 ordini di grandezza (rotfl)
  • Pino scrive:
    Con Adblock filtro tutti i banner Google
    Mi è bastato inserire adv.google.it tra gli indirizzi da filtrare, e magicamente tutta la pubblicità google è scomparsa... :$ :D
    • Toshiro Mifune scrive:
      Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
      Io invece uso flashBlock che mi disabilita le animazioni flash (con possibilità di farle comunque partire) che sono le pubblicità che mi danno veramente fastidio durante la lettura.Se ci sono delle gif animate basta un [Esc] e si fermano (in Firefox).Per quanto riguarda gli ADS non invasivi ho imparato ad ignorarli. Ti dirò di più, quando trovo un articolo ben fatto o che mi è di aiuto in quello che cercavo, come segno di gratitudine clicco su un banner a caso di quella pagina ... mi sembra il minimo.
      • pippo scrive:
        Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google

        Per quanto riguarda gli ADS non invasivi ho
        imparato ad ignorarli. Ti dirò di più, quando
        trovo un articolo ben fatto o che mi è di aiuto
        in quello che cercavo, come segno di gratitudine
        clicco su un banner a caso di quella pagina ...
        mi sembra il
        minimo.Cioè lo paghi con soldi non tuoi? :D
        • Polemik scrive:
          Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
          Ottima osservazione! (rotfl)
        • makanakii scrive:
          Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
          da qual che ne so la ditta per la quale e' stato generato il link paghera' a google il costo del click.
        • MircoM scrive:
          Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
          beh, non paga con soldi, ma con tempo.il (poco) tempo perso alla fine procura (pochi) soldi (anche) a chi pubblica il contenuto che è stato letto. (oltre che a google, ovviamente...)
      • Bastian Contrario scrive:
        Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
        - Scritto da: Toshiro Mifune
        Ti dirò di più, quando
        trovo un articolo ben fatto o che mi è di aiuto
        in quello che cercavo, come segno di gratitudine
        clicco su un banner a caso di quella pagina ...
        mi sembra il minimo.Guarda che così gli fai solo un danno perché G. alla lunga si accorge dei tuoi click fasulli (perché non prosegui) e comincia ad abbassare il prezzo che paga su tutti i click di quel sito, anche su quelli veri.
        • Luigi scrive:
          Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
          Scusa per la mia inesperienza, ma si viene pagati da google quando qualcuno clicca sul link che pubblicizza il proprio sito web? In questo caso si guadagna non da quel che si vende ma dalle visite originate dai link di google.Premetto che non conosco il sistema...
          • Luigi scrive:
            Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
            Ciao volevo dirti solo che ho letto l'articolo del tuo commento nel post precedente e credo di aver capito.
        • .... scrive:
          Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
          Ah bello,mi dici che io vendo un prodotto "spazio pubblicitario" e l'acquirente si "riserva" di cambiare il prezzo di quanto pattuito??cambia mestiere...- Scritto da: Bastian Contrario
          - Scritto da: Toshiro Mifune

          Ti dirò di più, quando

          trovo un articolo ben fatto o che mi è di aiuto

          in quello che cercavo, come segno di gratitudine

          clicco su un banner a caso di quella pagina ...

          mi sembra il minimo.

          Guarda che così gli fai solo un danno perché G.
          alla lunga si accorge dei tuoi click fasulli
          (perché non prosegui) e comincia ad abbassare il
          prezzo che paga su tutti i click di quel sito,
          anche su quelli
          veri.
          • ohmammasant a scrive:
            Re: Con Adblock filtro tutti i banner Google
            - Scritto da: ....
            Ah bello,
            mi dici che io vendo un prodotto "spazio
            pubblicitario" e l'acquirente si "riserva" di
            cambiare il prezzo di quanto pattuito??

            cambia mestiere...con google non pattuisci un bel niente perché è un intermediario che non ti dirà mai qual è la % che trattiene dai soldi che prende dall'acquirente!!http://www.supersense.it/index.php?articoli/faq-smartpricing...forse essere offensivi serve a dimostrare più sicurezza?
  • Jack scrive:
    Crisi ? quale crisi ?
    La mia personale esperienza: uso adsense dal 2004 e non ho visto un mese di calo anzi ogni mese è un nuovo record d'incassi. Grazie Google.
    • Carlo Carobbio scrive:
      Re: Crisi ? quale crisi ?
      - Scritto da: Jack
      La mia personale esperienza: uso adsense dal 2004
      e non ho visto un mese di calo anzi ogni mese è
      un nuovo record d'incassi. Grazie
      Google.Mi piacerebbe sapere quanto ti fa guadagnare. Io non l'ho mai provato, ma non credo che si possa diventare ricchi con gli Adsense
      • Jack scrive:
        Re: Crisi ? quale crisi ?
        mi spiace ma il regolamento vieta di rivelare i guadagni ottenuti, comunque salta fuori uno stipendio medio.
        • pippo scrive:
          Re: Crisi ? quale crisi ?

          mi spiace ma il regolamento vieta di rivelare i
          guadagni ottenutiE questo la dice luuuuunga :D
          • Jack scrive:
            Re: Crisi ? quale crisi ?
            la sospensione dell'account mi farebbe un certo danno
          • Paolino scrive:
            Re: Crisi ? quale crisi ?
            - Scritto da: pippo

            mi spiace ma il regolamento vieta di rivelare i

            guadagni ottenuti
            E questo la dice luuuuunga :DVeramente non dice niente.Non puoi valutare i guadagni senzavalutare i siti che li generano.
          • pippo scrive:
            Re: Crisi ? quale crisi ?



            mi spiace ma il regolamento vieta di rivelare
            i


            guadagni ottenuti

            E questo la dice luuuuunga :D

            Veramente non dice niente.La dice lunga su google.
        • Renji Abarai scrive:
          Re: Crisi ? quale crisi ?
          pensa te qanti precari che potrebbero prendere uno stipendio medio solo con i click e stando a letto.Bah ci dubito altamente
          • Jack scrive:
            Re: Crisi ? quale crisi ?
            non tutti i precari hanno certe competenze
          • FinalCut scrive:
            Re: Crisi ? quale crisi ?
            - Scritto da: Renji Abarai
            Bah ci dubito altamentehttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=2236964&m=2237159&is=0#p2237159(linux)(apple)
        • Toshiro Mifune scrive:
          Re: Crisi ? quale crisi ?
          - Scritto da: Jack
          mi spiace ma il regolamento vieta di rivelare i
          guadagni ottenuti, comunque salta fuori uno
          stipendio
          medio.Buon per te. Ma a fronte di quanti visitatori hai questa performance ?
          • Jack scrive:
            Re: Crisi ? quale crisi ?
            un sito dal '96 macina dai 800/1000 visitatori unici al giorno, un'altro attivo dal 2003 genera 400/500 al giorno e altri siti satelliti per altri 1500/2000 al giorno
    • Bastian Contrario scrive:
      Re: Crisi ? quale crisi ?
      - Scritto da: Jack
      La mia personale esperienza: uso adsense dal 2004
      e non ho visto un mese di calo anzi ogni mese è
      un nuovo record d'incassi. Grazie Google.La tua esperienza appartiene a una piccola nicchia di fortunati che hanno un tipo di sito web particolarmente adatto alla pubblicità pertinente, mentre alla maggioranza tocca combattere continuamente contro lo Smart Pricing.Non so se è proibito linkare articoli ma io ci provo perché vedo che hai tanto bisogno di informarti:http://www.ikaro.net/articoli/cnt/smart_pricing-00607.htmlTra l'altro non è vietato comunicare quanto guadagni... non hai nemmeno letto il regolamento di AdSense!Scusa ma secondo me non meriti i soldi che ti danno.
  • chojin scrive:
    La bolla speculativa esploderà...
    ...Google sta per esplodere... aziende fasulle e stragonfiate della "new-economy" non potranno mai fruttare nulla più che grande speculazione finanziaria.
  • walkingcont radiction scrive:
    io non clicco mai, e non sono l'unico
    Mah, secondo me c'è stato un esagerato ottimismo per quanto riguarda l'advertising su internet. L'utente internet è, per sua natura, più critico verso i messaggi pubblicitari, ma, sopratutto, non subisce la pubblicità passivamente (come accade per la tv), quindi si abitua presto ad ignorarla. I messaggi pubblicitari sono li, ma gli utenti non li vedono nemmeno più. E meno male... Io non posso credere che la new economy si basi così tanto sull'advertising. Bisogna trovare nuove vie di monetizzazione.
    • pukkapukka scrive:
      Re: io non clicco mai, e non sono l'unico
      le miniere di sale? rendono meglio di 4 bit su un cavettola gente spesso apre il browser per comprare ovvero e-commerce, e dove c'è commerce ci sono gli ads.
    • Gips scrive:
      Re: io non clicco mai, e non sono l'unico
      - Scritto da: walkingcont radiction
      Mah, secondo me c'è stato un esagerato ottimismo
      per quanto riguarda l'advertising su internet.
      L'utente internet è, per sua natura, più critico
      verso i messaggi pubblicitari, ma, sopratutto,
      non subisce la pubblicità passivamente (come
      accade per la tv), quindi si abitua presto ad
      ignorarla. I messaggi pubblicitari sono li, ma
      gli utenti non li vedono nemmeno più. E meno
      male... Io non posso credere che la new economy
      si basi così tanto sull'advertising. Bisogna
      trovare nuove vie di
      monetizzazione.Nemmeno io ormai vedo + le varie pubbl navigando... forse è un fatto di abitudine, forse ho imparato a distinguere al volo cosa può essere interessante e cosa sia ads... però qui su PI, ci sono un sacco di utenti smaliziati, ma il resto del mondo non è fatto cosi... sono una piccola percentuale quelli che ignorano pubbl e ads sistematicamente, ed il mondo non è ancora completamente coperto da internet, i mercati emergenti (cina al primo posto) è una fonte infinita di "utenti cliccanti" pronti a cliccare un banner lampeggiante... con gli anni impareranno anche loro, ed allora sarà necessario trovare nuovi modi per monetizzare.... ma fino ad allora si continuerà a mungere la stessa vacca....buon w-e a tutti!Gips
      • marcello scrive:
        Re: io non clicco mai, e non sono l'unico
        be' vi diro' invece che a volte gli ads sono molto molto utili!vi faccio un esempio:cerco un portatile da acquistare, usato; scrivo su google notebook usati e mi appaiono i risultati della ricerca, ma in piu', ci sono tutte le pubblicita' che parlano dello stesso tema e che possono essere utili nella ricerca del prodotto a cui sono interessato...
    • Paolino scrive:
      Re: io non clicco mai, e non sono l'unico
      - Scritto da: walkingcont radiction
      Mah, secondo me c'è stato un esagerato ottimismo
      per quanto riguarda l'advertising su internet.
      L'utente internet è, per sua natura, più criticoQuindi significa che la pubblicita' su internet e' piu' efficace: clicchi e guardi quello che ti interessa veramente.In TV invece passano gli spot che vengono pagati anche tutti cambiano canale quando c'e' la pubblicita'.Il pay-per-click e' quindi decisamente migliore per chi investe in pubblicita' piuttosto che altre forme.
  • necosi scrive:
    Alcuni dati non sono veritieri mi sa :)
    Gli americani sono tanti, ma diciamo che qui si parlava di americani degli usa. Se parlassimo di tutti gli abitanti del continente non sarebbe neanche inimamente possibile quel dato!Ora, negli USA ci sono circa 300 milioni di persone.Diciamo per assurdo che quasi nessuno usa internet negli USA, quindi su 10 persone solo 1 usa internet. Sulla base di questa assurdita' 30 milioni di persone usa internet negli USA.Se su dieci persone che usano internet, 1 sola ha usato google una sola volta a febbraio, allora ecco che abbiamo 3milioni di ricerche.ora avanza solo 1,5milioni di ricerche, FACENDO DEI CALCOLI POTREMMO IPOTIZZARE:negli usa solo 1 su 10 usa internet (30milioni su 300milioni), e di questi internauti solo 1 su 10 ha fatto a febbraio una ricerca usando google(3milioni), ma la meta' di tutti gli internauti d'america, hanno fatto anche una seconda ricerca usando google!e nessun'altro americano ha usato google? boh, forse passavano tutti su dei proxy esteri? huahuahuahuache dati strampalati :)
    • necosi scrive:
      Re: Alcuni dati non sono veritieri mi sa :)
      I dati a cui mi riferisco sono:"Nel mese di febbraio gli americani hanno effettuato con BigG 4 milioni e mezzo di ricerche."
    • tron scrive:
      Re: Alcuni dati non sono veritieri mi sa :)
      anche a me i dati non sembrano corretti
    • rotfl scrive:
      Re: Alcuni dati non sono veritieri mi sa :)
      Il PDF dice "4.5 billion", e cioe' 4.5 MILIARDI, non milioni. Evidentemente su PI non sanno l'inglese o non sanno fare dei semplici calcoli...
    • Gaia Bottà scrive:
      Re: Alcuni dati non sono veritieri mi sa :)
      Chiedo venia, errore mio, sono effettivamente 4 miliardi e mezzo di ricerche, ho provveduto a correggere, mi scuso!Gaia
      • krupp scrive:
        Re: Alcuni dati non sono veritieri mi sa :)
        - Scritto da: Gaia Bottà
        Chiedo venia, errore mio, sono effettivamente 4
        miliardi e mezzo di ricerche, ho provveduto a
        correggere, mi
        scuso!

        GaiaSei fantastica!!!
      • sfigatto scrive:
        Re: Alcuni dati non sono veritieri mi sa :)
        Nessuno considera che un singolo individuo nell'arco di una giornata puo' effettuare decine di ricerche soltanto lui?Si parla di quante ricerche sono state fatte, non di singoli individui che hanno fatto ognuno una ricerca.Sono le 9.20 del mattino, ed ho gia fatto 6 ricerche solo io in 20 minuti.Non essendo io interessato ai clic..se faccio 35 ricerche, non sono 35 clic mancati, ma 1 solo.Secondo me è un errore per calcolare statistiche associare ogni ricerca ad un potenziale clic.I dati sono, sono sempre stati e saranno sempre fittizzi.O dico fesserie?Ciao.
  • FinalCut scrive:
    Adsence
    Mah... alla mia società gli intrioti di Adsence crescono di un buon 30% mese su mese, oramai ci copriamo due stipendi e contiamo di arrivare a tre a breve.Tutta questa crisi non la vedo e non la sento. Forse la svalutazione del dollaro fa percepire aumenti superiori a quelli reali (dato il valore gionraliero è espresso in dollari, ma i soldi entrano bene e sono Euro).Anche dall'altra parte conosco molti clienti felici di Adword. Un mio cliente ci guadagna (con un ecommerce) 6.000 al mese vendendo ciò che pubblicizza.bah... Viva Google(linux)(apple)
    • Comet scrive:
      Re: Adsence
      - Scritto da: FinalCut
      Mah... alla mia società gli intrioti di Adsence
      crescono di un buon 30% mese su mese, oramai ci
      copriamo due stipendi e contiamo di arrivare a
      tre a
      breve.Eh ma è proprio questo il problema.Google fa grossi introiti con l'advertising, ma di fronte ad una possibile recessione la pubblicità verrà pagata ancora così tanto? I beni pubblicizzati sono sempre di più, ma i soldi sono sempre di meno...Confesso poi che mi sono sempre interrogato sul valore reale della pubblicità. Mia personale opinione, forse sbagliata, è che in fondo sia sopravvalutata. Per quanto mi riguarda, la pubblicità migliore è sempre stata il "passaparola".
      • FinalCut scrive:
        Re: Adsence
        - Scritto da: Comet
        Confesso poi che mi sono sempre interrogato sul
        valore reale della pubblicità. Mia personale
        opinione, forse sbagliata, è che in fondo sia
        sopravvalutata. Per quanto mi riguarda, la
        pubblicità migliore è sempre stata il
        "passaparola".Sono d'accordo ma solo in parte, leggi questo è fatti un'idea:http://bokardo.com/archives/why-social-ads-dont-work/i fatti che registro al lavoro tutti i giorni mi portando a concordare al 100% con quell'articolo(linux)(apple)
    • Luigi scrive:
      Re: Adsence
      Non conosco il servizio dal lato "venditore". Come funziona?
      • il signor rossi scrive:
        Re: Adsence
        - Scritto da: Luigi
        Non conosco il servizio dal lato "venditore".
        Come funziona?tu hai un negozio online, ma siccome nessuno lo conosce nessuno compra e incassi 100 euro al mese.Allora fai della pubblicità, per esempio con AdSense di Google. A quel punto molta più gente va sul tuo sito e tu vendi e guadagni molto di più.
        • Luigi scrive:
          Re: Adsence
          Ma funziona così bene come dice l'autore del topic? Per pagare 2 stipendi e mezzo bisogna fare un certo volume... Immagino dipenda dal settore meceologico. Chissà se funziona anche con i servizi per l'edilizia.
          • FinalCut scrive:
            Re: Adsence
            - Scritto da: Luigi
            Ma funziona così bene come dice l'autore del
            topic? Per pagare 2 stipendi e mezzo bisogna fare
            un certo volume... Immagino dipenda dal settore
            meceologico. Chissà se funziona anche con i
            servizi per
            l'edilizia.Edilizia? Non so dirti. Credo sia difficile, cosa vendi di preciso?Ti faccio due esempi, il primo cliente vende gadget (magliette, bandiere, poster) spende circa 300 al mese con Google Adword e vendendo si ripaga delle spese incassando non so quanto (ma tanto).Il secondo vende fiori, anche lui usa Adword spende 400/500 e ne guadagna (netti) 5/6000 al mese.I due stipendi e mezzo invece li guadagniamo inserendo la pubblicità di Google (AdSence) su un nostro sito (come fa anche punto-informatico.it per esempio), ma calcola che siamo nel gruppo dei clienti più importanti di Google in Italia e non è facile arrivare al nostro livello di introiti.Mi dispiace se sono stato vago ma non posso essere più chiaro...Ciao (linux)(apple)
          • Luigi scrive:
            Re: Adsence
            Produciamo documentazione tecnica per cantieri edili. In pratica facciamo un'analisi in loco e produciamo la documentazione necessaria per il cantiere.Stavamo pensando di veicolare i servizi anche on-line, ma non abbiamo esperienza nel settore e-comerce.Hai qualche riferimento per il nostro settore?Grazie
          • FinalCut scrive:
            Re: Adsence
            - Scritto da: Luigi
            Produciamo documentazione tecnica per cantieri
            edili.

            In pratica facciamo un'analisi in loco e
            produciamo la documentazione necessaria per il
            cantiere.
            Stavamo pensando di veicolare i servizi anche
            on-line, ma non abbiamo esperienza nel settore
            e-comerce.

            Hai qualche riferimento per il nostro settore?

            GrazieNon sono sicuro di aver capito, se alla fine il tuo lavoro è prodotto dopo una consulenza sul posto come fai a venderlo con un e-commerce? Al massimo puoi pubblicizzarlo magari tramite Adword.Non ho riferimento per il settore, e da casa mi mancano le password di accesso ad alcuni siti da controllare.Prima di tutto: Google ha due servizi Adsence e Adword che sono molto diversi tra loro.Lascia stare Adsence perché dovresti avere un sito sull'edilizia con migliaia di visitatori per guadagnarci qualcosa.Quello che puoi fare è aprirti un account Adword (gratuito) definire un budget mensile (per esempio) di 50 e creare un paio di "campagne".Dopodiché può succedere una delle tre cose:1) Non spenderai un centesimo perché nessuno clicka sui tuoi banner (in questo caso cancella pure l'account)2) Spendi 50 in un mese, avrai avuto più visitatori sul sito ma non noterai nessun vantaggio (in questo caso cancella pure l'account, il tuo settore non è molto interessato)3) Spendi 50 in un mese e noterai che avrai avuto molte richieste di preventivi (quindi prenderai in considerazione l'idea di aumentare il budget mensile di qualche Euro)Spero di esserti stato d'aiuto.(linux)(apple)
Chiudi i commenti