Il Napster che si compra in negozio

Oggi è il grande giorno del varo del jukebox dal nome prestigioso che lancerà carte prepagate per il download di musica a pagamento in 14mila negozi americani


Roma – Il jukebox in cui è stato trasformato Napster è oggi al suo lungamente preannunciato debutto. Con il lancio ufficiale del servizio, Roxio si appresta anche a lanciare grandi quantità di carte prepagate, per arrivare anche a chi non ha o non vuole utilizzare la carta di credito per pagare la musica acquistata in rete.

Roxio ha infatti predisposto delle card da 14,85 dollari che possono essere “spese” sul sito di Napster anche dai più piccoli, card che saranno in vendita nei prossimi giorni in 14mila negozi americani. Si tratta, stando a quanto dichiarato dall’azienda, di una sorta di gratta e scarica , perché le card si attivano usando un codice personale stampato sulla card e che viene rivelato grattando nel posto giusto.

Le Card con quel prezzo possono consentire di acquistare 15 brani, ognuno dei quali costa 99 centesimi, oppure singoli e un intero album, che costa 9,95 dollari.

Con la card, Napster spera di aggirare uno dei più grandi problemi con cui devono scontrarsi i servizi musicali via internet, e non solo, quello dei pagamenti. Va da sé che una parte importante del pubblico potenziale di un jukebox online è costituita da giovani non ancora in possesso di carta di credito e che, dunque, devono essere agevolati con mezzi di pagamento alternativi .

Senza contare, naturalmente, l’avvicinarsi della stagione natalizia e la possibilità che sotto l’albero finiscano anche numerose card precaricate al posto dei più tradizionali CD…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Onde elettromagnetiche
    Il wi-fi è solo una moda sciocca, una delle tante, ma sono ben altre le argomentazioni da apportare in merito. Commenti come questi confermano il totale analfabetismo scientifico e disamoramento tecnologico di personaggi che, non si sa bene per quale motivo, ronzano attorno all'informatica e leggono un "quotidiano informatico" pure generalista e popolare come PI. Come vedere un guaritore filippino con in mano l'ultimo numero di Lancet o Nature.Chiamatemi snob o reazionario, fate un po' quel c@zzo che vi pare, ma IO rimpiango maledettamente i tempi di FIDOnet, di Veronica & gopher, dei primissimi PET aperti e modificati con passione, quando eravamo pochi ma buoni, dei sondaggi che "l'80% degli utenti internet possiede un titolo di studio superiore alla laurea". Corruptio optimi pessima.
    • Anonimo scrive:
      Re: Onde elettromagnetiche
      Argomentazioni serie? Le onde elettromagnetiche emanate da un'antenna wifi sono pari a quelle di un normalissimo telecomando per aprire un cancello a distanza o delle macchinine radiocomandate.La possibilità di portare internet anche in zone disagiate attraverso il connubio di una connessione satelittare e wireless, invece non la prendete in considerazione?
      • Anonimo scrive:
        Re: Onde elettromagnetiche
        - Scritto da: Anonimo
        Argomentazioni serie?
        Le onde elettromagnetiche emanate da
        un'antenna wifi sono pari a quelle di un
        normalissimo telecomando per aprire un
        cancello a distanza o delle macchinine
        radiocomandate.
        La possibilità di portare internet anche in
        zone disagiate attraverso il connubio di una
        connessione satelittare e wireless, invece
        non la prendete in considerazione?
        A proposito delle macchinine radiocomandate ricordo un genitore ad una festa di compleanno che si lamentava di non avere potuto portare la sua macchinina radiocomandatache aveva fatto modificare per avere 4 ruote motrici alla modica spesa di 1000 ?!!!!!! L'idiozia che mi trasmetteva era indicibile.E pensare che questi personaggi li vedi ai bordi di strade trafficate a giocare con le loro macchinine ad inquinare l'aria,con il rumore e le onde EM (poche dici tu, mah!)Comunque per rientrare in tema io dico che le sedicenti zone disagiate non hanno assolutamente bisogno del nostro modello di sviluppo tanto che il massimo nostro sogno rimane quello di una fuga(magari di una settimana!ed a caroi prezzo) verso posti dove magari non c'è Internet (e magari neanche l'energia elettrica) ma dove puoi sentire il vento ed il mare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Onde elettromagnetiche

          neanche l'energia elettrica) ma dove puoi
          sentire il vento ed il mare.E pensi che quelle zone siano incontaminate? Non esiste nulla di incontaminato sulla terra, smetti di sognare, ogni cosa ha la sua contropartita, ed il paradosso macroscopico di cui quelli come te non si accorgono nemmeno è che centinaia di anni fa, nonostante la purezza delle acque/arie/cibi/etere, si moriva a 30-40 anni, allora io preferisco camparne 80 da leone che 30 da coniglio, e smetti di sputare nel piatto dove stai mangiando anche mentre leggi questo commento.Senza offesa nè.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Onde elettromagnetiche
            - Scritto da: Anonimo

            neanche l'energia elettrica) ma dove puoi

            sentire il vento ed il mare.

            E pensi che quelle zone siano incontaminate?
            Non esiste nulla di incontaminato sulla
            terra, smetti di sognare, ogni cosa ha la
            sua contropartita, ed il paradosso
            macroscopico di cui quelli come te non si
            accorgono nemmeno è che centinaia di anni
            fa, nonostante la purezza delle
            acque/arie/cibi/etere, si moriva a 30-40
            anni, allora io preferisco camparne 80 da
            leone che 30 da coniglio, e smetti di
            sputare nel piatto dove stai mangiando anche
            mentre leggi questo commento.
            Senza offesa nè.
            Ciao.Vivere da leone sarebbe vivere dentro cubicoli condizionati a 20 gradi costanti , muovendosi solo in automobile , seduti davanti ad uno schermo , navigando 12 ore su Internet magari in Wireless........ Questo è vivere da leone allo Zoo......La notizia che prima si morisse a 40 anni è una bufala.La vita media si calcolava tenendo conto delle guerre , epidemie magari dovute sempre alle guerre etc......Gli antibiotici stanno perdendo la loro efficacia(grazie all'abuso che se ne fa).E comunque se si vive meglio non è certo perchè si passano le ore davanti ad uno schermo a rincojonirsi ma semmai poter andare in posti più o meno vicini, o più o meno lontani ad osservare ,cercare , imparare.Sulla luna siamo(sono) andati nel 1969 senza Internet..... I rischi ed i benefici me li voglio calcolare anche io(ma guarda un pò) e non farmeli cadere dall'alto (specialmente adesso che con una adeguata informazione a supporto il bianco diventa nero ed il nero diventa bianco.........)Sei tu che sogni i sogni di qualche pubblicitario.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Onde elettromagnetiche

            Vivere da leone sarebbe vivere dentro
            cubicoli condizionati a 20 gradi costanti
            muovendosi solo in automobile , seduti
            davanti ad uno schermo , navigando 12 ore su
            Internet magari in Wireless........ Scusa ma non sono daccordo, io trovo che il mio "cubicolo" condizionato e riscaldato da 200MQ sia più che dignitoso, mangio come un rè senza dovermi procacciare il cibo, in automobile percorro centinaia di km ogni giorno senza faticare ed in tempi brevissimi, e su internet mi relaziono con persone come te che magari distano centinaia o migliaia di km, internet mi da un'estensione della conoscienza che solo 30 anni fa nemmeno immaginavamo. Il progresso ci ha permesso di avere un rapporto produttività/costi che mai si era visto nella storia e soprattutto ci ha dato il sapere, che prima era solo appannaggio di pochissimi. Tu generalizzi dicendo che noi siamo schiavi della pubblicità, io ti dico che in tempi passati gli schiavi dell'ignoranza erano anche succubi del padrone, re, o dittatore di turno. Il segreto sta nello saper discernere, ma per far questo serve la conoscenza alla portata di tutti, per far questo serve il progresso, che ha portato immensi benefici anche una contropartita, che se messa sulla bilancia, credo valga la pena di pagare. Se pensi che la vita come la viviamo noi in Italia non sia degna di essere vissuta nessuno ti vieta di isolarti su un'isola del Katanga e magari morire al primo staffilococco.
            Questo è vivere da leone allo Zoo......Meglio che come un gatto randagio.
            La notizia che prima si morisse a 40 anni è
            una bufala.E' vero, si moriva moltissimo anche a pochi mesi, informati.Molte malattie infantili non erano neppure conosciute, si moriva x una banale sifilide... pensaci.
            Sei tu che sogni i sogni di qualche
            pubblicitario.....Scusa se non rispondo a tutto ma mi si fredda la cena.Io sto bene come sto e dove sono, quindi mi viene da chiedermi cosa ci faccia tu ancora qui, ti pare? HI! Bye! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Onde elettromagnetiche
      più dell'80 % dei navigatori Internet aveva una laurea?Ma in cosa ?In Scienza della Comunicazione , al DAMS , Sociologia , Scienze Politiche,Giurisprudenza?........... A proposito di ignoranza scientifica Io ho fatto 15 esami di Ingegneria e non li cambio con tutte queste Lauree (ed altre....) ho lavorato su Sistemi a schede perforate e scrivo queste cose da un portatile con XP e poi quali sarebbero i tuoi veri argomenti ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Onde elettromagnetiche
      - Scritto da: Anonimo
      Il wi-fi è solo una moda sciocca, una delle
      tante, ma sono ben altre le argomentazioni
      da apportare in merito.

      Commenti come questi confermano il totale
      analfabetismo scientifico e disamoramento
      tecnologico di personaggi che, non si sa
      bene per quale motivo, ronzano attorno
      all'informatica e leggono un "quotidiano
      informatico" pure generalista e popolare
      come PI. Come vedere un guaritore filippino
      con in mano l'ultimo numero di Lancet o
      Nature.

      Chiamatemi snob o reazionario, fate un po'
      quel c@zzo che vi pare, ma IO rimpiango
      maledettamente i tempi di FIDOnet, di
      Veronica & gopher, dei primissimi PET aperti
      e modificati con passione, quando eravamo
      pochi ma buoni, dei sondaggi che "l'80%
      degli utenti internet possiede un titolo di
      studio superiore alla laurea".

      Corruptio optimi pessima.Questo commento in Latinorum secondo me tradisce chi ,portatore di una cultura umanista (magari con Laurea in Scienze Politiche.....!...parla di analfabetismo scientifico!)prova quindi un timore reverenziale verso il Moloch informatico e quindi rivendica la sua vera e originaria appartenenza a questo mondo fin dagli esordi. E' un' epoca in cui gli Snob (e anche i reazionari) sono diventati maggioranza, magari supportati da una pubblicistica che banalizza ogni pensiero più o meno alternativo(sich!).
  • Anonimo scrive:
    Il WiFi nuovo falso mito
    Proseguendo la tendenza ad inventarsi sempre nuove necessità inutili(scusate l'ossimoro) sembra che finalmente si scoperta la cosa che ci dischiuderà un futuro radioso.IL WIFI !!!!!!Ed in cosa consiste?La possibilità di collegarsi, che so, mentre sto al Polo Nord oppure al FastFood sotto casa ,ad Internet.E per fare questo diffondo ulteriori emissioni EM in giro per il Mondo.Dato per scontato che il 99 % di cose che girano sulla Rete sono assolutamente inutili si pensa di portare questa opportunità anche a chi se ne va in giro col suo bel portatilino a collegarsi senza Rete tra gli Ohhhh di meraviglia di chi chiede come faccia....... senza cavi.......Ma fatti una passeggiata in un bosco e guardati intorno che è meglio!!!!! http://www.elettrosmog.com/studi/summary_practical_guidelines_june_2001.rtf
    • Anonimo scrive:
      Re: Il WiFi nuovo falso mito
      beh immagina che tu sia un ricercatore in missione al Polo Nord e debba inviare dei dati ad un supercalcolatore che per ovvi motivi non può essere portato fin lì, potresti farlo tranquillamente con il tuo palmare e avere i risultati dell'elaborazione subito disponibili, in modo da poter continuare il tuo lavoro in una determinata maniera... ma nn capita a tutti di lavorare al Polo Nord :)Metti invece di essere al ristorante (preferisco il made in Italy :) ma in una zona del mondo che tu non conosci, in reltà potrebbe anche essere un quartiere della tua città... et voilà cacci il palmare dalla tasca e individui la strada più breve o più veloce che ti riporterà a casa, la stessa cosa vale se stai cercando una farmacia o un negozio di abbigliamento nelle vicinanze. Oppure potresti chiamare un taxi o vedere gli orari di metro, bus e treni... o prenotare l'aereo o l'albergo!!!Se dici che Internet non serve a niente mi sa ke anche non hai iniziato ad usarlo seriamente perchè gran parte del mondo la pensa diversamente.Robertowww.retisenzafili.com
      • Anonimo scrive:
        Re: Il WiFi nuovo falso mito
        - Scritto da: Anonimo
        Roberto
        www.retisenzafili.comPubblicità pubblicità pubblicità. :$
        • Anonimo scrive:
          Re: Il WiFi nuovo falso mito

          Pubblicità pubblicità pubblicità. o prendersi la responsabilità di quello che si dice senza paura delle critiche? Robertowww.retisenzafili.com
          • Anonimo scrive:
            Re: Il WiFi nuovo falso mito
            I messaggi inseriti non devono contenere pubblicità se vuoi prenderti la responsabilità di quello che dici basta che ti registri con nome e cognome.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il WiFi nuovo falso mito
        - Scritto da: Anonimo
        beh immagina che tu sia un ricercatore in
        missione al Polo Nord e debba inviare dei
        dati ad un supercalcolatore che per ovvi
        motivi non può essere portato fin lì,
        potresti farlo tranquillamente con il tuo
        palmare e avere i risultati
        dell'elaborazione subito disponibili, in
        modo da poter continuare il tuo lavoro in
        una determinata maniera... ma nn capita a
        tutti di lavorare al Polo Nord :)
        Metti invece di essere al ristorante
        (preferisco il made in Italy :) ma in una
        zona del mondo che tu non conosci, in reltà
        potrebbe anche essere un quartiere della tua
        città... et voilà cacci il palmare dalla
        tasca e individui la strada più breve o più
        veloce che ti riporterà a casa, la stessa
        cosa vale se stai cercando una farmacia o un
        negozio di abbigliamento nelle vicinanze.
        Oppure potresti chiamare un taxi o vedere
        gli orari di metro, bus e treni... o
        prenotare l'aereo o l'albergo!!!
        Se dici che Internet non serve a niente mi
        sa ke anche non hai iniziato ad usarlo
        seriamente perchè gran parte del mondo la
        pensa diversamente.

        RobertoMi spieghi come mai proprio adesso che ci sono tutti i dati a disposizione maggiore è la reale ignoranza di quello che ci circonda? (La climatologia, il traffico , l'energia , l'economia , etc..). L'ottimismo tecnologico è una cosa da pubblicitari.E il ricercatore che sta al Polo a mandare i dati al SuperCalcolatore non sa che il Polo gli si sta squagliando sotto..............................
  • Anonimo scrive:
    Callulari
    Non mi e' chiara una cosa.Negli USA sta prendendo piede il cellulare wi-fi. Tale tecnologia viene usata per la fonia oppure come interfacciamento a pda e pc (come il bluetooth o irda)?Nel primo caso gli hot spot della McDonald sarebbero utilizzabili?Ciao
  • Akiro scrive:
    ristoranti?!

    McDonald's sta selezionando gli operatori wireless che
    avranno il diritto di irradiare i propri ristoranti.ah... ha dei ristoranti il Mc... o_0comunque può esser un idea carina per "scroccar" la navigazione 8 )
    • Anonimo scrive:
      Re: ristoranti?!
      - Scritto da: Akiro

      McDonald's sta selezionando gli operatori
      wireless che

      avranno il diritto di irradiare i propri
      ristoranti.

      ah... ha dei ristoranti il Mc... o_0

      comunque può esser un idea carina per
      "scroccar" la navigazione 8 )Non ti preoccupare, la paghi con la consumazione :-)
      • Akiro scrive:
        Re: ristoranti?!

        Non ti preoccupare, la paghi con la
        consumazione :-)bhe ma bisogna veder com'è l'accesso... e quanto si può rimaner collegati...tante cose 8 )
        • Anonimo scrive:
          Re: ristoranti?!
          - Scritto da: Akiro

          Non ti preoccupare, la paghi con la

          consumazione :-)

          bhe ma bisogna veder com'è l'accesso... e
          quanto si può rimaner collegati...
          tante cose 8 )Fino all'ultima patata 8)Poi diventa lenta come una connessione dialup a 9600 baud 8)
          • Akiro scrive:
            Re: ristoranti?!

            Fino all'ultima patata 8)
            Poi diventa lenta come una connessione
            dialup a 9600 baud 8)kazzarola! ecco perkè fanno della patatine che se non consumi entro 5' si autodistruggono!8DDDDD
  • Anonimo scrive:
    Pausa pranzo
    Con i colleghi ho un tacito accordo: a pranzo non si parla di computer, visto che lo facciamo per le rimanenti 9-10 ore ...Se vado con loro al McDonald con il portatile minimo mi fucilano !Ah, se avessi un figlio che volesse fregarmi il portatile per andare a chattare col mio portatile al McDonald minimo minimo gli taglierei le manine :-)
  • Anonimo scrive:
    Non credo sia il posto
    giusto.Se uno si mette pure a navigare al tavolino ,quando ti siedi ? :( a meno che non intendano creare delle zone apposite.ma anche cosi' mi sembra una cavolata.. io almeno preferisco consumare e andare via.Non credo che stare ore al pc in un luogo che sa' di fritto sia molto salutare..
  • Anonimo scrive:
    Altro che se lo è!
    Chi l'ha detto che non è il posto adatto? Pensa a quanti usano il portatile per motivi di lavoro (giornalisti, rappresentanti, scalpers): avranno la possibilità di mangiare continuando a lavorare.Intendiamoci, forse in Italia non sono molte le persone con questo tipo di mentalità, ma negli States...Poi ci sono i ragazzini, con i loro videogiochi via Internet, che vanno matti quel tipo di alimentazione "ammericana".Insomma, secondo me sarà un successo talmente grande che molti Internet cafè rischiano di chiudere.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Altro che se lo è!
      Ma che!!!La maggioranza di noi lavoratori, in pausa pranzo va al ristorante, oppure nei self dei centri commerciali, gli unici che vanno pazzi per quei lardosi panini sono gli studenti di medie e superiori che di certo non escono di casa con il portatile del papi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Altro che se lo è!
        - Scritto da: Anonimo
        Ma che!!!

        La maggioranza di noi lavoratori, in pausa
        pranzo va al ristorante, oppure nei self dei
        centri commerciali, gli unici che vanno
        pazzi per quei lardosi panini sono gli
        studenti di medie e superiori che di certo
        non escono di casa con il portatile del
        papi.Appunto..... tu durante la pausa pranzo continui a lavorare oppure ne hai le palle piene e preferisci tacchinarti la cameriera ?Riguardo agli studenti e al portatile del papi (o al palm-top...) non sarei così sicuro che non se lo porteranno dietro....
    • Anonimo scrive:
      Re: Altro che se lo è!
      Con tutto il rispetto x le tue opinioni e x il signor mc.donald, ritengo che le abitudini di noi italiani non debbano necessariamente essere identiche a quelle degli americani, il sondaggio su WIRELESS-ITALIA è stato votato da italiani ed è indicativo. Se in America spopola la "apple pie" non è detto che anche da noi debba piacere. Spero di aver chiarito il concetto, oltretutto nei centri commerciali ci sono un sacco di attività che potrebbero giovare di un sistema wireless, a partire dalla videosorveglianza fino ad arrivare alla VoP, e tantissime altre cose, non limitiamoci solamente al ludico.Comunque tanti complimenti a mc.donald x l'idea, è sicuramente molto avanti. ;)
    • Anonimo scrive:
      Corsa verso il baratro
      Ma dico io , ammesso e non concesso che i ragazzini debbano mangiare schifezze per seguire gli Americani (ma chi l'ha detto?) e debbano navigare in Internet WiFi(ma scambia 4 chiacchere che è meglio) perchè continuare a diffondere inquinamento EM?Non basta quello esistente? http://www.elettrosmog.com/studi/summary_practical_guidelines_june_2001.rtf
      • Anonimo scrive:
        Re: Corsa verso il baratro
        Giusto, allora iniziamo a smantellare tutte le reti cellulari, radio, tv, radar, telecomandi, apparati medicali a radiofrequenza, e qualsiasi altra cosa che generi onde elettromagnetiche. Poi smantelliamo tutti i tralicci enel ad alta tensione e tutto quanto causi campi magnetici nocivi, compresi i forni a microonde. Poi aggiungerei di smantellare anche tutto quanto produca sostanze inquinanti e gas di scarico, sigarette comprese... mancherebbe solo di proporre di levare la croce dalla bandiera svizzera e poi avremmo completato la lista delle stupidaggini. ;)
  • Anonimo scrive:
    Non è il posto adatto.
    Fossi in Mc.D. prima di buttare soldi darei un occhiata a questo sondaggio, tanto per capire dove si muove il trendo di richiesta italiana, altro che fast food, la gente gli hot spot li vuole prima di tutto nei centri commerciali.http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=Surveys&op=results&pollID=26&mode=&order=0&thold=0
Chiudi i commenti