Il Regno Unito torna a fidarsi di Huawei

E' stata chiusa l'indagine britannica contro l'azienda cinese: riguadagnata la fiducia delle autorità può concentrarsi pienamente sulla sua strategia improntata alla fornitura di tecnologie per le infrastrutture di rete

Roma – Londra ha chiuso l’indagine nei confronti di Huawei, scagionandola dalle accuse di spionaggio che ormai da anni pendevano sul suo capo.

Il Regno Unito aveva aperto un’inchiesta nei confronti di Huawei con l’accusa di fornire strumenti utili alla Cina per infiltrarsi nelle infrastrutture di comunicazione dei paesi occidentali : secondo l’ex-capo della CIA Michael Hayden il Regno Unito avrebbero avuto prove schiaccianti di una serie di accordi sottoscritti da Huawei per la distribuzione di tecnologie per le attività di spionaggio delle autorità cinesi ai danni dei principali governi occidentali.

Una questione assolutamente preoccupante, dal momento che la cinese è un fornitore dei principali operatori britannici, tra cui BT, o2 ed EE.
Per rispondere alle accuse, così, Huawei aveva aperto nel 2012 un “Cyber Security Evaluation Center” che avrebbe dovuto rispondere alle principali esigenze di chiarezza a proposito dei suoi servizi, rassicurando le autorità sulla relativa sicurezza. Tuttavia, dal momento che si trattava di una struttura controllata direttamente dal controllato, Huawei, le autorità britanniche l’avevo posta sotto osservazione arrivando ora alla conclusione che il centro è “sufficientemente indipendente” dal resto dell’azienda.
Secondo i risultati delle indagini, in particolare, canali di finanziamento e sistemi di promozione del personale non sembrano innescare sistemi di controllo diretto da parte di Huawei.

La cinese, dunque, può continuare a gestire senza interferenze i suoi affari, che peraltro sembrano procedere particolarmente bene: nel 2014 ha registrato un fatturato di 46,5 miliardi di dollari, con l’utile netto cresciuto del 32,7 per cento rispetto al 2013 .

Soddisfazione a tal proposito è stata espressa dal CEO Ken Hu che ha proposito della strategia ha sottolineato: “Nel 2015 lo sviluppo delle tecnologie ICT, in particolare la banda larga, il cloud computing, i Big Data, e l’Internet of Things (IoT), sta diventando il motore che guida la trasformazione di molti settori. Grazie all’impegno e alla dedizione dei nostri dipendenti, Huawei intende diventare il partner strategico degli operatori di telecomunicazioni nel loro percorso di trasformazione, il leader nella fornitura di infrastrutture ICT per aziende e il marchio di riferimento all’interno del settore dei dispositivi innovativi e intelligenti in cui i consumatori possono riporre fiducia”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    Cioè
    " Come, dove e con quale spirito, naturalmente, è ancora tutto da decidere, ma già vi sono alcune idee: in particolare si parte dall'inserimento di azioni quotidiane portate avanti attraverso Internet dai personaggi dei programmi (come il pagamento delle bollette), richiamando l'idea di un programma storico, "Non è mai troppo tardi", " Vale a dire: non si rappresentano personaggi dell'attualità che pagano le bollette tramite PC o cellulare perché sono, appunto, personaggi attuali, reali oppure di finzione non ha importanza, no no. Ma per fini pedagogici. Se questi fini pedagogici non fossero caldeggiati, par di capire dalle parole di Gubitosi, vedremmo i personaggi che inviano un messo a cavallo, oppure un manager che detta un testo alla stenografa che poi lo dattiloscrive con l'Olivetti lettera 22 e imbusta a mano la missiva. Mah..
    • panda rossa scrive:
      Re: Cioè
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      Come, dove e con quale spirito, naturalmente,
      è ancora tutto da decidere, ma già vi sono alcune
      idee: in particolare si parte dall'inserimento di
      azioni quotidiane portate avanti attraverso
      Internet dai personaggi dei programmi (come il
      pagamento delle bollette), richiamando l'idea di
      un programma storico, "Non è mai troppo
      tardi", </I
      "


      Vale a dire: non si rappresentano personaggi
      dell'attualità che pagano le bollette tramite PC
      o cellulare perché sono, appunto, personaggi
      attuali, reali oppure di finzione non ha
      importanza, no no. Ma per fini pedagogici.

      Se questi fini pedagogici non fossero
      caldeggiati, par di capire dalle parole di
      Gubitosi, vedremmo i personaggi che inviano un
      messo a cavallo, oppure un manager che detta un
      testo alla stenografa che poi lo dattiloscrive
      con l'Olivetti lettera 22 e imbusta a mano la
      missiva.
      Mah..E che pretendevi.Quando in tutti i film anche recenti c'e' un personaggio che interagisce col computer usando ancora la tastiera?
      • Leguleio scrive:
        Re: Cioè

        E che pretendevi.
        Quando in tutti i film anche recenti c'e' un
        personaggio che interagisce col computer usando
        ancora la
        tastiera? <B
        Io </B
        uso ancora la tastiera (e il mouse, preciso). Del resto non so come potrebbe aiutarmi Siri con un programma complesso di computer grafica oppure di montaggio video.
        • panda rossa scrive:
          Re: Cioè
          - Scritto da: Leguleio

          E che pretendevi.

          Quando in tutti i film anche recenti c'e' un

          personaggio che interagisce col computer
          usando

          ancora la

          tastiera?

          <B
          Io </B
          uso ancora la tastiera
          (e il mouse, preciso). Del resto non so come
          potrebbe aiutarmi Siri con un programma complesso
          di computer grafica oppure di montaggio
          video.Pure io uso ancora la tastiera.Ma a parte il postare su PI o scrivere una mail, tutte le altre azioni prevedono un utilizzo anche del mouse, non fosse altro per cliccare qualcosa.Nei film invece MAI.A parte un unico caso entrato nella storia del cinema, ma im quel caso il personaggio aveva a che fare con un sistema operativo ben preciso!
          • Leguleio scrive:
            Re: Cioè



            Quando in tutti i film anche recenti
            c'e'
            un


            personaggio che interagisce col computer

            usando


            ancora la


            tastiera?



            <B
            Io </B
            uso ancora la
            tastiera

            (e il mouse, preciso). Del resto non so come

            potrebbe aiutarmi Siri con un programma
            complesso

            di computer grafica oppure di montaggio

            video.

            Pure io uso ancora la tastiera.
            Ma a parte il postare su PI o scrivere una mail,
            tutte le altre azioni prevedono un utilizzo anche
            del mouse, non fosse altro per cliccare
            qualcosa.

            Nei film invece MAI.

            A parte un unico caso entrato nella storia del
            cinema, ma im quel caso il personaggio aveva a
            che fare con un sistema operativo ben
            preciso!Lì andrebbero interpellati esperti del cinema, più che dell'informatica, perché nei film le azioni, diciamo, "innaturali", sono spesso esigenze di scena, e non solo davanti allo schermo di un PC. Come mai ad esempio quando si spara con un'arma non si vede mai il rinXXXX, per quanto sia grande l'arma? Risposta tecnica: perché essendo armi caricate a salve, anzi, armi giocattolo, il rinXXXX non c'è. Epperò non costerebbe molto ricrearlo ad arte con giocattoli fabbricati apposta... ma ai registi non interessa (quasi mai, almeno).Oggi che i PC costano una scemenza non è un problema usarne di veri e funzionanti, ma fino a una quindicina d'anni fa si ricorreva a scarti e modelli guasti, quello che in linguaggio teatrale si chiama trovarobato: tanto non era necessario inquadrare lo schermo. E questi scarti erano probabilmente privi di mouse.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 marzo 2015 16.34-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: Leguleio
            Oggi che i PC costano una scemenza non è un
            problema usarne di veri e funzionanti, ma fino a
            una quindicina d'anni fa si ricorreva a scarti e
            modelli guasti, quello che in linguaggio teatrale
            si chiama trovarobato: tanto non era necessario
            inquadrare lo schermo. E questi scarti erano
            probabilmente privi di
            mouse.Quindici anni fa era il duemila.I computer erano gia' diffusi a livello di massa, e pure la rete, come ti puo' confermare qualunque videotecaro fallito.
          • bubba scrive:
            Re: Cioè
            che facciamo qua... si prende velatamente in giro Scotty in "Rotta verso la terra"?? occhio eh :) :P
          • panda rossa scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: bubba
            che facciamo qua... si prende velatamente in giro
            Scotty in "Rotta verso la terra"?? occhio eh :)
            :PNo, no, non mi riferivo mica a quello, ma ad un utilizzo del mouse proprio come va usato.
          • Guybrush scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: bubba

            che facciamo qua... si prende velatamente in
            giro

            Scotty in "Rotta verso la terra"?? occhio eh
            :)

            :P

            No, no, non mi riferivo mica a quello, ma ad un
            utilizzo del mouse proprio come va
            usato.Che film allora? Ricordo bene che Scotty, dopo aver parlato col computer si ritrova a vedere mouse e tastiera e dice qualcosa circa il fatto che era pittoresco, o una cosa simile.GT
          • ... scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: Leguleio
            Oggi che i PC costano una scemenza non è un
            problema usarne di veri e funzionanti, ma fino a
            una quindicina d'anni fa si ricorreva a scarti e
            modelli guasti, quello che in linguaggio teatrale
            si chiama trovarobato: tanto non era necessario
            inquadrare lo schermo. E questi scarti erano
            probabilmente privi di
            mouseNel 2000? Ma quando mai. (rotfl)(rotfl)(rotfl)Ma cosa sei, uno di quelli che quando pensa "15 anni fa" crede di pensare al 1990? (newbie)
          • ... scrive:
            Re: Cioè
            I computer sono sempre stati di prezzo abbordabile, non è mai stato un problema per i produttori di tv movie. Era caro casomai il sistema operativo Xenix, per pochi intenditori, ma si poteva piratare anche allora.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Cioè
            15 anni fa era il 2000, periodo in cui i PC erano già diffusi ed il loro prezzo era già per tutte le tasche.
        • Leonida scrive:
          Re: Cioè
          - Scritto da: Leguleio

          E che pretendevi.

          Quando in tutti i film anche recenti .....

          <B
          Io </B
          uso ancora la tastiera
          (e il mouse, preciso). ah ecco lo dicevo io che c'è una spiegazione per tutto sei il personaggio di un film!Potevi dircelo prima!!
          • Leonida scrive:
            Re: Cioè
            Un film di spionaggio, horror o XXXXX?
          • Tox scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: Leonida
            Un film di spionaggio, horror o XXXXX?Sai quei comici con uno sfigato per protagonista ?Ecco tipo...[img]http://magdaefurio.files.wordpress.com/2012/10/cropped-furiomagdad.jpg[/img]
          • tucumcari scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: Tox
            - Scritto da: Leonida

            Un film di spionaggio, horror o XXXXX?

            Sai quei comici con uno sfigato per protagonista ?
            Ecco tipo...Come no. Finisce sempre che lui si appella al canarino titti che è l'antidoto al t1000:[img]http://universitargh.blog.tiscali.it/files/2004/12/1132b9012bc.jpg[/img]
          • Tox scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: Tox

            - Scritto da: Leonida


            Un film di spionaggio, horror o XXXXX?



            Sai quei comici con uno sfigato per
            protagonista
            ?

            Ecco tipo...

            Come no. Finisce sempre che lui si appella al
            canarino titti che è l'antidoto al
            t1000:

            [img]http://universitargh.blog.tiscali.it/files/20E allora ?Tu l'hai letta, ti è piaciuta e tanto mi basta.Io altrettanto per la tua...Il resto è materiale per archeologi in futuro, solo un maniaco se la può prendere come fa il legù.
          • Ag Dom Perignon scrive:
            Re: Cioè
            - Scritto da: Leonida
            Un film di spionaggio, horror o XXXXX?E che ne so io?Chiedi a lui.
Chiudi i commenti