Il successore di Vista nel 2009?

Così dice Microsoft, che a quanto pare intende rilasciare la prossima versione di Windows a non più di tre anni di distanza dal lancio di Windows Vista. Mission possible?

Redmond (USA) – Ora che Windows Vista ha finalmente raggiunto i negozi di tutto il mondo, un dirigente di Microsoft ha svelato che la prossima major release del proprio sistema operativo, a cui molti si riferiscono con il nome in codice Vienna , potrebbe arrivare già nel tardo 2009.

Secondo quanto dichiarato a PCWorld da Ben Fathi, corporate vice president of development di Microsoft, il successore di Vista potrebbe fare il proprio ingresso sul mercato a meno di tre anni di distanza dal debutto mainstream di Vista. Fathi ha precisato che quello a cui si riferisce non è un service pack o un major upgrade di Vista, ma un sistema operativo del tutto nuovo.

Come fanno notare in molti, però, tre anni è lo stesso periodo di tempo che inizialmente avrebbe dovuto separare il lancio di Windows XP da quello di Vista. Ed invece, come tutti sanno, di anni ne sono passati quasi sei.

Microsoft non ha rivelato alcun particolare del presunto Vienna, o Windows 7 come chiamato da altre fonti, ma alcuni si attendono che questo nuovo sistema operativo adotti un’interfaccia grafica radicalmente nuova, una tecnologia di virtualizzazione nativa e un file-system profondamente riprogettato (WinFS?). Va ribadito, comunque, che non c’è ancora nulla di ufficiale. Con il prossimo Windows ci si aspetta anche che il software a 64 bit si imponga finalmente su quello a 32 bit.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Le cose non stanno esattamente cosi'....
    Diciamo che non lo sono almeno per quanto riguarda la comunita' OpenSolaris depositaria del codice di Solaris sotto CDDL.Se il riferimento che PI fa' ad un certo articolo apparso su CNet oppure ZDnet (la copia) qui trovate un possibile commento di chiarimento:http://pollycoke.wordpress.com/2007/02/09/sun-e-fsf-java-e-solaris-saranno-probabilmente-gpl3/leggete il post n°9Vi ricordo che la parte relativa ad OpenSolaris non e' sbagliata ma e' scritta in maniera tale da essere interpretata in maniera opposta a quello che in realta' e' avvenuto.Chi ha detto FUD?Utente Registrato
  • Wakko Warner scrive:
    Ottimo
    Come da oggetto.Oramai è l'unico modo per garantire che lo spirito opensource sopravviva.
    • Athlon64 scrive:
      Re: Ottimo

      Oramai è l'unico modo per garantire che lo
      spirito opensource
      sopravviva.Forse intendi dire lo spirito del software libero...Il software libero è necessariamente open source, ma non vale l'opposto.http://it.wikipedia.org/wiki/Software_libero
      • Wakko Warner scrive:
        Re: Ottimo
        - Scritto da: Athlon64

        Oramai è l'unico modo per garantire che lo

        spirito opensource

        sopravviva.

        Forse intendi dire lo spirito del software
        libero...

        Il software libero è necessariamente open source,
        ma non vale
        l'opposto.

        http://it.wikipedia.org/wiki/Software_liberoDi tutti e due poiché con accordi stile M$-Novell possono essere inseriti nei software opensource e liberi dei veri e propri "trojan legali". Immagina che Novell contribuisca ad OpenOffice per renderlo più compatibile con Office... M$ potrebbe poi reclamare diritti su OpenOffice poiché lei ha dato solo a Novell quella "conoscenza"... in pratica Novell, anche senza volerlo, inserirebbe in OpenOffice un trojan-legale sfruttabile a piacere da Microsoft.È fondamentale che accordi stile M$-Novell NON possano essere permessi, sia per salvaguardare il software libero che l'opensource in genere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ottimo
          Un OpenOffice.org così conciato lo venderebbe solo Novell nella sua distribuzione perché la comunità rilascerebbe un fork pulito al resto delle distribuzioni.M$ avrebbe ben poco appiglio su clienti diversi da quelli Novell che ha promesso per accordo di non denunciare.Penso che iniziative come quelle dell'alleanza M$/Novell abbiano ben poco appiglio, ma sono pur sempre pericolose perché il futuro è imprevedibile.Penso più che altro ad un desiderio di M$ di accaparrarsi posizioni di rendita anche dalla vendita di Linux sfruttando portafogli brevetti e minacce legali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ottimo
      - Scritto da: Wakko Warner
      Come da oggetto.
      Oramai è l'unico modo per garantire che lo
      spirito opensource
      sopravviva.Secondo me manco l'hai letta la gpl3....
  • Anonimo scrive:
    evvai!!!
    miticooo
    • Athlon64 scrive:
      Re: evvai!!!

      miticoooDavvero, stanotte non chiuderò occhio per questa notizia... :-o
      • Anonimo scrive:
        Re: evvai!!!
        - Scritto da: Athlon64

        miticooo

        Davvero, stanotte non chiuderò occhio per questa
        notizia...
        :-oAlle volte credo che scrivi solo per aumentare i tuoi post, non certo per dire qualcosa.Non perdi mai l'occasione di star zitto98
Chiudi i commenti