Il tramonto delle CPU single core

A partire dal prossimo anno Intel produrrà esclusivamente processori multicore, mandando in pensione quelli a singolo core, come l'attuale generazione di Celeron. Nel contempo, lancerà la prima famiglia di Celeron dual-core

Taipei – Entro la fine del prossimo trimestre, in occasione del lancio della prima famiglia di Celeron dual-core, Intel cesserà di produrre CPU a singolo core. L’indiscrezione arriva da digitimes.com , ed è stata confermata da alcuni grossi produttori di schede madri.

La migrazione di Intel verso le architetture multicore sarà completata con l’introduzione, all’inizio del 2008, della serie di CPU entry-level Celeron E1000 . Il primo membro di questa famiglia sarà il modello E1200 che, stando a notizie ufficiose, avrà una frequenza di clock di 1,6 GHz, un front-side bus a 800 MHz e 512 KB di cache L2. Il suo prezzo all’ingrosso dovrebbe aggirarsi intorno ai 50 dollari.

Sebbene Intel conti di avviare il processo di produzione a 45 nanometri il prossimo mese, questa nuova generazione di Celeron, basata sul core Conroe, sarà ancora prodotta con circuiteria a 65 nm .

Proprio in questi giorni, commentando i dati dell’ultimo trimestre fiscale, il presidente di Intel Paul Otellini ha sottolineato come i processori quad-core stiano divenendo un prodotto sempre più importante nell’offerta del chipmaker: solo negli ultimi tre mesi Intel afferma di averne venduti oltre due milioni.

Attualmente i modelli di processore quad-core presenti nel catalogo del colosso sono circa una ventina , ma già entro la metà del prossimo anno Intel prevede di introdurne almeno un’altra decina: le caratteristiche di alcuni di questi modelli sono state rese note proprio di recente. I futuri chip quad-core saranno basati sull’ architettura Penryn a 45 nm, e disporranno di una cache L2 con capacità fino a 12 MB.

Stando ancora a DigiTimes , nel primo trimestre del prossimo anno Intel introdurrà anche due nuovi Core 2 Duo della serie E4000 : l’E4700 (133 dollari), con frequenza di 2,6 GHz, un FSB a 800 MHz e 2 MB di cache L2, ed un secondo modello, con nome e clock ancora sconosciuti, che avrà un FSB a 1.066 MHz e integrerà 3 MB di cache L2. Entrambi saranno prodotti con una tecnologia di processo a 45 nm.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti