India, il cellulare infetta migliaia di sviluppatori

La crisi non colpisce il telefono: crescono le linee telefoniche, cresce l'utilizzo del cellulare. E i colossi occidentali vanno a caccia di developer specializzati
La crisi non colpisce il telefono: crescono le linee telefoniche, cresce l'utilizzo del cellulare. E i colossi occidentali vanno a caccia di developer specializzati

Roma – A discapito della crisi finanziaria globale, l’India continua ad essere un mercato florido per la telefonia mobile. A rivelarlo è uno studio commissionato dal Telecom Regulatory Authority of India ( TRAI ) secondo il quale non accenna a diminuire il numero di nuovi abbonamenti sottoscritti. Un continuo incremento che fa gola a molti big del settore: un esempio su tutti è Sony Ericcson che ha annunciato di recente il lancio di un programma per invitare i developer indiani a sviluppare applicazioni e videogame per i suoi telefoni cellulari.

un telefonino indiano Secondo lo studio, soltanto nello scorso mese sono state aggiunte quasi 10,29 milioni di nuove linee telefoniche fisse e mobili. Andando a guardare il dato relativo al 2007, nello stesso periodo le nuove connessioni arrivavano ad una cifra di 9,79 milioni. Cresce anche il numero totale di connessioni attive, stimate a 353,66 milioni lo scorso settembre, ora pari a 363,95 milioni, con una densità di telefonini pari al 31,5%. Di questa cifra, ben 325,73 milioni sarebbero rappresentati da utenti di telefonia mobile.

Numeri impressionanti che sembrano andare in controtendenza rispetto alla recessione che va affermandosi a livello mondiale: “Gli utenti indiani vedono la comunicazione mobile come una necessità. Questo è il motivo dell’incremento delle vendite in una situazione economica difficile” spiega Anshul Gupta, analista presso Gartner . “Gli operatori stanno proponendo soluzioni molto appetibili al pubblico, offrendo contratti non eccessivamente costosi per attirare più utenti. Ma non solo – continua – stanno anche incentrando le proprie strategie di marketing in zone rurali e piccoli villaggi, i cui abitanti vedono nella connettività un mezzo con cui poter crescere”.

Un vero e proprio boom che va contrapponendosi al progressivo declino del numero di linee fisse attive: stando ai dati dello studio, tra il mese di settembre e quello di ottobre sarebbero state disattivate 130mila linee telefoniche, arrivando ad un numero totale di 38,22 milioni di linee “superstiti”.

In calo anche il numero di nuovi telefonini: se la connettività è irrinunciabile, gli utenti indiani sembrano meno disposti a spendere molti soldi per un telefonino nuovo. Negli anni precedenti, il mercato era caratterizzato da un tasso di sostituzione dei dispositivi del 45%. Una percentuale che le previsioni davano in crescita al 50% prima della crisi ma che ora è già scesa al 40%. “Se prima gli utenti erano soliti rimpiazzare i dispositivi con modelli nuovi e più costosi, ora la tendenza è invertita: si preferisce optare per un nuovo modello che costi più o meno quanto quello precedente” spiega Gupta.

Lo scenario descritto dallo studio rivela un mercato altalenante, atipico. Nonostante ciò, l’India continua a far gola a molte società disposte ad investire soldi e risorse sul paese e, soprattutto, sulla sua forza-lavoro: come accennato è il caso di Sony Ericcson che ha da poco annunciato il lancio nel paese asiatico del suo Developer World Program , programma attivo in oltre 200 paesi, volto a giovani sviluppatori desiderosi di mostrare le proprie competenze informatiche sviluppando applicazioni e videogame per i telefonini del celebre brand.

Per il colosso, l’India (così come la Cina) gioca un ruolo chiave nei piani di espansione dell’azienda. Secondo Jens Greve, a capo del progetto di Sony Ericsson, “l’India vanta il secondo posto per numero di sviluppatori impiegati su software e contenuti per i cellulari dell’azienda. Attualmente il primato spetta agli Stati Uniti, ma sono convinto che presto l’India otterrà la leadership nel settore”.

Vincenzo Gentile

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 11 2008
Link copiato negli appunti