Ingannevole o indesiderato, l'SMS è condannato

Amato da moltissimi utenti, il messaggino viene sempre più spesso utilizzato come veicolo pubblicitario da aziende e operatori. Ma l'abuso è spesso dietro l'angolo

Roma – Anche l’SMS è un veicolo pubblicitario e chi lo utilizza in modo improprio o ingannevole deve essere punito, esattamente come per gli spot televisivi, i cartelloni affissi nelle città e i volantini nella cassetta postale. Ne sanno qualcosa Zed Italia e TIM , colpite la scorsa settimana da due differenti provvedimenti che hanno in comune l’incriminazione del “messaggino pubblicitario”. Che deve sempre essere utilizzato nel rispetto della legge e degli utenti.

Il primo è un caso di pubblicità ingannevole, individuato dall’ Antitrust su alcuni messaggi pubblicitari inviati via SMS ad alcuni utenti. Tali messaggi sembravano inizialmente mirati a regalare a chi li aveva ricevuti un logo o suoneria, mentre effettivamente costringevano il destinatario a sottoscrivere un servizio in abbonamento. Regali “condizionati”, dunque, che in realtà nascondevano l’adesione ad un servizio di suonerie per cellulari, da effettuare telefonando a numerazioni a sovrapprezzo (48228, 48288 e 48498).

Il Garante della Concorrenza e del Mercato, rilevando il profilo di ingannevolezza, ha così condannato la società Zed Italia S.r.l. – che aveva spedito gli SMS – al pagamento di una sanzione di 24.100 euro.

Il caso che ha coinvolto TIM è invece una fattispecie di SPAM via SMS: un utente dell’operatore, rappresentato dall’avvocato Angelo Pisani – presidente di NoiConsumatori – ha chiesto un risarcimento danni per aver ricevuto SMS pubblicitari non richiesti e non desiderati. E il giudice di pace Immacolata Cataldo ha stabilito che l’operatore dovrà corrispondere all’utente la somma di 700 euro a titolo di risarcimento danni.

“Questa condanna – ha dichiarato l’avvocato Pisani – equivale a un riconoscimento giuridico del danno da spamming : il giudice infatti ritiene che l’azienda abbia violato il diritto alla riservatezza del cliente, e che l’invio continuo di SMS abbia inciso in maniera negativa sulle normali attività quotidiane dell’abbonato provocandogli uno stato di malessere diffuso”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti