Internet e Storia, convegno online

Un mese di discussioni, di community e di dibattiti sul web e sulla Storia

Si terrà online, dal 15 gennaio al 15 marzo l’edizione annuale del convegno telematico intitolato IS – Internet e Storia , evento di confronto e di promozione dell’utilizzo di sistemi informatici in ambito storico umanistico.

Come si legge in una nota stampa inviata dagli organizzatori del Medioevo Italian Project “i temi principali del 7° Forum telematico sono Internet, la Storia e tutte le tematiche che riguardano l’applicazione della multimedialità alla Storia e, in genere, alle discipline umanistiche. Particolare attenzione è riservata all’analisi ed alla diffusione di dati ed elaborazioni relative ad esperienze progettuali ed allo stato di avanzamento della ricerca di settore”.

Sino ad ora sono state già iscritte 45 relazioni fatte da esperti e studiosi sia italiani, che del continente americano e asiatico. “Lingua ufficiale è l’italiano, ma sono accettati interventi in inglese, spagnolo, tedesco e francese” precisano gli organizzatori.

Chiunque volesse partecipare può farlo registrando la propria presenza a questo link .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il mastro don gesualdo scrive:
    l'informatica e' perennemente in crisi.
    e' dal 2000 che leggo articoli di punto informatico sull'IT in crisi.ma e' normale tutto cio'?
    • guast scrive:
      Re: l'informatica e' perennemente in crisi.
      Si è vero. Dallo scoppio della bolla in poi l'informatica non si è più ripresa (a parte qualche caso particolare). Però solo in Italia, all'estero fino a poco tempo fa c'era un sacco di lavoro. Soprattutto UK, Irlanda, Olanda e Germania.Il fatto è che in italia non è solo l'informatica che va male, ma tutta l'economia negli ultimi anni ha perso terreno.
    • Might scrive:
      Re: l'informatica e' perennemente in crisi.
      Non è vero solo per l'informatica, sembra quasi un obbligo in tutti i settori economici parlare sempre di momento difficile, anche quando le cose vanno bene.Hai presente la favola di Esopo chiamata "Al lupo! Al lupo!"?Ecco, adesso il lupo è arrivato per davvero.
      • guast scrive:
        Re: l'informatica e' perennemente in crisi.
        Guarda i numeri. Allo scoppio della bolla il fatturato complessivo è crollato. Dopodichè ogni anno è ricresciuto di pochi punti percentuali, poco più dell'inflazione. Certo sono dati statistici alcune aziende andavano male altre benissimo. Ma di sicuro gli stipendi non sono aumentati con la rapidità con cui aumentavano nel 2000 e non è più stato facile cambiare lavoro come nel 2000. Mi ricordo di colleghi che aspettavano la fine dell'asta da varie aziende per decidere dove andare a lavorare. In Italia una cosa simile non si è più ripetuta, all'estero un anno e mezzo fa ci eravamo molto vicini.
    • Andrea F. scrive:
      Re: l'informatica e' perennemente in crisi.
      L'informatica è sempre andata a gonfie vele. E' una scusa per adottare precarizzazioni di massa che lasciano una buona quantità di piccioli da distribuire ai vari manager, dipendenti diretti e altre categorie del tutto parassitarie. Non esiste settore dove il ruolo del manager sia così deludente. I soldi per assumere il personale per portare avanti un servizio in modo decente non ci sono mai ma contemporaneamente queste aziende sono piene di personale che sta tutto il giorno col telefono all'orecchio. SONO SOLO PARASSITI.
      • Stein Franken scrive:
        Re: l'informatica e' perennemente in crisi.
        Ti rode perchè non sei manager? :D Guarda che se ti impegni puoi fare strada (ma anche no).
        • Andrea F. scrive:
          Re: l'informatica e' perennemente in crisi.
          meglio non passare dall'altra parte e continuare almeno ad avere un minimo di professionalità, man mano che la torta si riduce... Però hai ragione, mi rode e molto anche; ma la carriera come la loro non mi interessa.
  • nome e cognome scrive:
    Oracle e SAP
    Com'e' possibile che Oracle e SAP si siano comprati tutta la concorrenza (proprio tutta) senza un minimo intervento da parte dell'antitrust americano od europeo?
    • maroo scrive:
      Re: Oracle e SAP
      Perche in realta (parlo per Oracle di cui sono piu informato) non e' che si siano comprati la concorrenza, hanno acquisito aziende per fare altre cose, 10 anni fa ORACLE era sinonimo di Database, ora se vai sul sito loro hanno prodotti per tutti i campi, hanno anche una loro versione di LINUX!!!!Quindi non compravano competitor per rimanere l'unica azienda sul mercato ma semplicemente allargavano la loro offerta di prodotti!!Ciao ciao
      • nome e cognome scrive:
        Re: Oracle e SAP
        - Scritto da: maroo
        Perche in realta (parlo per Oracle di cui sono
        piu informato) non e' che si siano comprati la
        concorrenza, hanno acquisito aziende per fare
        altre cose, 10 anni fa ORACLE era sinonimo di
        Database, ora se vai sul sito loro hanno prodotti
        per tutti i campi, hanno anche una loro versione
        di
        LINUX!!!!
        Quindi non compravano competitor per rimanere
        l'unica azienda sul mercato ma semplicemente
        allargavano la loro offerta di
        prodotti!!
        Ciao ciaonon e' proprio cosi' oracle e' tutt'ora sinonimo di database, settore dove ovviamente ha il monopolio e non ha alcun bisogno di fare shopping (oltre alle possibilita' visto che dovrebbe comprarsi MS e IBM).Ma oracle ha sempre venduto e parecchio sistemi per la business intelligence e pianificazione. In questi settori si e' comprata la concorrenza.
  • gente seria scrive:
    sito punto informatico inaccessibile
    defacciati??e' bello affidarsi a microsoft e a iss
Chiudi i commenti