Internet taglia brillanti e diamanti

di Fabio Annovazzi - Anche il simbolo delle promesse di amore eterno si acquista in rete. E questo ha delle conseguenze

Chi pensa ad una commodity (secondo Wikipedia, “un prodotto/servizio di qualità uniforme offerto sul mercato senza differenziazione fra i vari fornitori”) generalmente pensa al grano, al petrolio, magari ad una connessione ADSL da 1 MB al secondo. Difficilmente pensa ai brillanti .

preziosi Eppure secondo Gianni Bulgari, che di brillanti se ne intende (le fantastiche gioie di Elisabeth Taylor erano Bulgari), “più il pezzo diviene importante, più il valore del gioiello si identifica inevitabilmente con quello delle pietre preziose. Nei gioielli più preziosi, in fondo, il gioielliere “veste” le pietre”.

Tiffany, il celebre gioielliere USA, ha visto scendere significativamente la propria redditività quando – per non rischiare di essere percepito come un marchio troppo “popolare” – ha deciso di focalizzarsi sugli oggetti con brillanti dal prezzo minimo di parecchie migliaia di dollari, sacrificando le vendite dei gioielli in argento dal costo di poche centinaia di dollari.

Questa “inversione della redditività”, con gli oggetti più esclusivi caratterizzati da margini (percentuali) più bassi degli oggetti più a buon mercato, rappresenta un fenomeno “strano” e nuovo. Il ruolo del gioielliere “di fiducia” è sempre stato (ed è ancora oggi) quello di “garantire” la qualità delle pietre acquistate, un servizio che il gioielliere fa giustamente pagare.
Sembra che Internet, almeno negli USA, stia lentamente cambiando le cose.

Il fatto è che il prezzo di un brillante è sostanzialmente determinato, in modo relativamente “meccanico”, dal combinato disposto dei quattro fattori che ne determinano la rarità, le famose “4 C” – Cut (taglio), Color (colore), Clarity (chiarezza) e Carat (peso). E ad ogni “C” corrisponde un parametro che può essere misurato, certificato e tabellato con relativa facilità (avendo le necessarie competenze, si intende…).
In pratica diventa un esercizio in cui, dato un vincolo (i famosi due mesi di stipendio da investire nell’anello di fidanzamento…), va trovata la combinazione di taglio, colore, chiarezza e peso che piace di più.

Bluenile.com (che ha da poco iniziato ad operare anche in Europa) permette di “ricercare” un database di 60mila brillanti, dal prezzo compreso fra 300 e 2 milioni di dollari, “giocando” con quattro cursori che “filtrano” sulla base dei quattro parametri chiave.

Una volta fatta la scelta del proprio brillante “ideale”, si sceglie il modello di anello preferito e il gioco è fatto. Blue Nile ve lo monta e il tutto viene consegnato a casa via Federal Express entro i due giorni successivi.

Il prezzo (Blue Nile non deve finanziare un proprio stock di brillanti e non deve pagare l’affitto di un negozio) è inferiore di circa un 20-30% rispetto a quello di un gioielliere tradizionale.

Il risultato, per il 99% della popolazione maschile generalmente più a suo agio a lavorare su una tabella Excel che a scegliere gioielli per la fidanzata, è una piacevole sensazione di avere “il controllo” della situazione. Non sorprende che Blue Nile abbia fatturato 320 milioni di dollari nel 2007, valore che dovrebbe “tenere” nel 2008. Visti i tempi.

Gianni Bulgari, nel frattempo, ha lanciato una nuova collezione di gioielli in argento, dove la bellezza del disegno “prevale” sul valore intrinseco del materiale: “Mi affascina la storia del gioielliere di un villaggio africano, che insisteva nel creare i propri gioielli in materiali poveri, perché sosteneva che in questo modo rendeva i suoi oggetti più nobili…”

Fabio Annovazzi

I precedenti interventi di F.A. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Graziella Ledda scrive:
    telefonino
    Sono pienamente d'accordo che i minori non devono avere il cellulare,trovo che i ragazzi ancora infantili tendono ad isolarsi dai genitori,davanti a questo fenomeno oggetto,non lo trovo ne educativo,ne un sistema di comunicazione intelligente,secondo la mia opinione vietare i cellulare ai minori al di sotto dei 15 anni,
  • Fuori_dal_c oro scrive:
    Non c'è solo Jamba
    Signori, non pensate però che esista solo Jamba!Ci sono tante startup di ragazzi (anche Italiani) che si guadagnano da vivere proprio offrendo servizi ai giovanissimi contando sul fatto che loro ingeniutà porti un po di soldini in tasca a fine mese.Avanti gente, basta con queste storie, si diceva la stessa cosa con i videogiochi e molto tempo addietro con la musica! ... magari i nostri avi pensavano la stessa cosa del gioco del calcio o della danza, chessò.Lasciate quindi ogni libertà ai pargoli, fategli usare i cellulari quanto più potete, anche a neonati se possibile, non intralciate i nostri piani, fateci guadagnare soldi!!!!PS - Il mondo è uno schifo
  • Joliet Jake scrive:
    Soluzione: corso per genitori
    Rendere obbligatorio per chiunque si presenti dal medico per una gravidanza, un corso obbligatorio per i genitori.No, non come quello del prete. Pensavo più ad una cosa tipo Arancia Meccanica... :DUn corso in cui si spiega che la funzione di un genitore è quella di INSEGNARE la vita ai figli, PARLARCI per capire quali sono i problemi, AFFRONTARLI insieme e VIGILARE CONSAPEVOLMENTE sulla loro vita finchè non cresceranno.E ogni volta che i genitori dicono "Beh, accendo la tv e lo metto davanti"...TIE'... Bacchettata sulle dita!Una volta fatto questo, di difenderanno da soli. :)
    • anonymous scrive:
      Re: Soluzione: corso per genitori
      - Scritto da: Joliet Jake
      Un corso in cui si spiega che la funzione di un
      genitore è quella di INSEGNARE la vita ai figli,
      PARLARCI per capire quali sono i problemi,
      AFFRONTARLI insieme e VIGILARE CONSAPEVOLMENTE
      sulla loro vita finchè non
      cresceranno.Hai figli? No? Beh allora spetta di averli per poter parlare in questi termini. I bambini di oggi, non sono come eravamo noi 40-50 anni fa. Oggi se non stai con gli occhi SPALANCATI, in un attimo ti ritrovi casa che va a fuoco, altro che vigilare consapevolemente sulla loro vita. Non ti bastano tutti i gps di questo mondo. Ci vorrebbe un aereo spia per ogni bambino occidentale oramai. Poi credo che anche tu abbia una vita, dovrai pur lavorare no?Bisogna edicarli e SPERARE che quello che gli si trasmette lo mettano in pratica. A meno di non essere milionario ed allora si che puoi stargli attaccato 24h
      • Fabio Ferrero scrive:
        Re: Soluzione: corso per genitori
        - Scritto da: anonymous

        Un corso in cui si spiega che la funzione di un

        genitore è quella di INSEGNARE la vita ai figli,

        PARLARCI per capire quali sono i problemi,
        ...
        Hai figli? No? Beh allora spetta di averli per
        poter parlare in questi termini. I bambini di
        oggi, non sono come eravamo noi 40-50 anni fa.
        Oggi se non stai con gli occhi SPALANCATI, in un
        attimo ti ritrovi casa che va a fuoco, altro che
        vigilare consapevolemente sulla loro vita. Non tiNeanche tu ne hai vero?...
        • anonymous scrive:
          Re: Soluzione: corso per genitori
          - Scritto da: Fabio Ferrero
          Neanche tu ne hai vero?...Domanda ai vigili del fuoco!I tempi oggi sono cambiati non e' piu' il rapporto di una volta. Ci sono molti piu' stimoli per i bambini. LA società e' cambiata. Tu puoi TENTARE di educare i tuoi figli come vuoi, ma a meno che non intenda murarli vivi in una casa e non farli interagire con nessuno, allora devi necessariamente scendere a compomessi.Oppure avere un conto in banca con un bel po' di zeri e vivere sempre con i tuoi figli, che appena raggiunta la maggiore eta' ti daranno un sonoro calcio nel posteriore per essergli stato cxon il fiato sul collo per tutti quegli anni.A scuola i tuoi ci vanno? O li tieni in una cmpana di vetro?
      • lufo88 scrive:
        Re: Soluzione: corso per genitori
        FORSE una volta c'era' fiducia tra i figli e i genitori. Anch'io ho combinato i miei guai, ma i miei non mi sono mai stati col fiato sul collo. Internet e il cellulare ho imparato ad usarli tra i 15 e i 16 anni e al momento non ho mai ricevuto messaggi di adescamento. Bisogna insegnare, recentemente non si fa piu'.
      • Wolf01 scrive:
        Re: Soluzione: corso per genitori
        - Scritto da: anonymous
        Hai figli? No? Beh allora spetta di averli per
        poter parlare in questi termini. I bambini di
        oggi, non sono come eravamo noi 40-50 anni fa.
        Oggi se non stai con gli occhi SPALANCATI, in un
        attimo ti ritrovi casa che va a fuoco, altro che
        vigilare consapevolemente sulla loro vita. Non ti
        bastano tutti i gps di questo mondo. Ci vorrebbe
        un aereo spia per ogni bambino occidentale
        oramai. Poi credo che anche tu abbia una vita,
        dovrai pur lavorare no?40 o 50 anni fa i bambini erano geneticamente identici a come sono adesso, non è cambiato niente neanche nel loro piccolo cervello, almeno fino alla nascita.La colpa è solo dei genitori che SBAGLIANO ad educare i figli.Se fino a 30 anni fa ci si faceva male e si arrivava a piangere a casa come minimo ci si beccava una ramanzina e molte volte le si prendeva pure dai genitori ("ti sei fatto male? ok, non abbastanza, te ne do ancora così impari meglio")Se una volta il figlio dava fuoco alla stalla, come minimo lo facevano girare nudo legato dietro al carro in paeseSe adesso un figlio dà fuoco alla casa, come minimo si denuncia la società che ha prodotto l'accendino, si denuncia la società che ha prodotto i materiali non ignifughi (poco importa che il fuoco sia stato appiccato alle tende o al tappeto persiano di pura lana), si denuncia la televisione perchè fa vedere i pokemon che si danno fuoco, si denuncia rockstar perchè sìCosa è cambiato? Io vedo solamente un cambiamento nel grado di istruzione dei figli da parte dei genitori in primis e della società poi, insegnanti che si trovano con gang di Unni a scuola e che semplicemente al pensare di educare i poveri deficienti si ritrovano in mezzo alla strada
        Bisogna edicarli e SPERARE che quello che gli si
        trasmette lo mettano in pratica. A meno di non
        essere milionario ed allora si che puoi stargli
        attaccato 24hSinceramente? XXXXXXX, ci sono i nonni, c'è la scuola/asilo, e ci sono le botte, uno schiaffo nel sedere ogni tanto funziona.. e se chiamano il telefono azzurro si triplica la dose, se chiamano ancora si triplica di nuovo l'ultima dose, ne ho prese abbastanza, non tanto perchè ero indisciplinato o cattivo ma perchè ogni tanto mi servivano per scolpirmi bene in testa che certe cose non si fanno-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 gennaio 2009 13.48-----------------------------------------------------------
        • Manuela scrive:
          Re: Soluzione: corso per genitori
          - Scritto da: Wolf01

          Sinceramente? XXXXXXX, ci sono i nonni, c'è la
          scuola/asilo, e ci sono le botte, uno schiaffo
          nel sedere ogni tanto funziona.. e se chiamano il
          telefono azzurro si triplica la dose, se chiamano
          ancora si triplica di nuovo l'ultima dose, ne ho
          prese abbastanza, non tanto perchè ero
          indisciplinato o cattivo ma perchè ogni tanto mi
          servivano per scolpirmi bene in testa che certe
          cose non si
          fannoE infatti sei diventato un violento che incita alla violenza.Spero che tuo figlio quando avrai "triplicato" la dose ti denunci e poi intervengano i servizi sociali a portartelo via e a donarlo a dei genitori che sappiano amarlo veramente senza alzare le mani, senza usare la sofferenza, la paura, il dolore e la tortura per obbligare il bimbo a obbedire senza che nemmeno sappia il perché.Tu stesso dici che i tuoi ti picchiavano "non perché eri indisciplinato e cattivo", e quindi senza motivo.Bella roba.Non oso poi immaginare come ti rapporti con l'altro sesso...La violenza genera solo altra violenza.Ed è dall'amore che può nascere l'accordo e l'armonia.Della pedagogia nazista non sappiamo cosa farcene.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Soluzione: corso per genitori
            Chiamata in causa eh?Mi piacerebbe sapere cosa farai quando tuo figlio ti dirà "ehi XXXXXXX comprami il cellulare" visto che non gli insegnerai sicuramente che "XXXXXXX" alla madre non si dice con un bello schiaffo, ma con molto amore gli dirai "bello di mamma tua, sai che le parolacce non si dicono alla mammina?"
          • mak77 scrive:
            Re: Soluzione: corso per genitori
            - Scritto da: Wolf01
            Chiamata in causa eh?
            Mi piacerebbe sapere cosa farai quando tuo figlio
            ti dirà "ehi XXXXXXX comprami il cellulare" vistoFarà quello che fa l'80% dei genitori di oggi, dirà: "è un bambino bisogna capirlo", e si prenderà della XXXXXXX senza colpo ferire, così il bambino perderà ogni fiducia nel genitore e non capirà il motivo per cui esistono delle regole di convivenza con il prossimo.
          • Manuela scrive:
            Re: Soluzione: corso per genitori
            - Scritto da: mak77
            - Scritto da: Wolf01

            Chiamata in causa eh?

            Mi piacerebbe sapere cosa farai quando tuo
            figlio

            ti dirà "ehi XXXXXXX comprami il cellulare"
            visto

            Farà quello che fa l'80% dei genitori di oggi,
            dirà: "è un bambino bisogna capirlo", e si
            prenderà della XXXXXXX senza colpo ferire, così
            il bambino perderà ogni fiducia nel genitore e
            non capirà il motivo per cui esistono delle
            regole di convivenza con il
            prossimo.Vedi quello che ho risposto all'altro.I miei figli non mi hanno mai preso a parolacce perché non ne hanno mai sentito il bisogno. E non ne hanno sentito il bisogno perché non ne ho dato loro il motivo, magari picchiandoli come invece suggerisce l'altro. Io i miei figli li ho sempre considerati persone e non scimmiette da ammaestrare. Capito la differenza?
          • Manuela scrive:
            Re: Soluzione: corso per genitori
            - Scritto da: Wolf01
            Chiamata in causa eh?
            Mi piacerebbe sapere cosa farai quando tuo figlio
            ti dirà "ehi XXXXXXX comprami il cellulare" visto
            che non gli insegnerai sicuramente che "XXXXXXX"
            alla madre non si dice con un bello schiaffo, ma
            con molto amore gli dirai "bello di mamma tua,
            sai che le parolacce non si dicono alla
            mammina?"Mio figlio (e neanche mia figlia) non si comporta così perché l'ho sempre educato col dialogo e la comprensione. E quando ha bisogno di qualcosa ne parliamo e decidiamo insieme se ne valga la pena. Mio figlio il cellulare ce l'ha già e lo usa con intelligenza e senza spenderci cifre assurde. A mia figlia, quando arriverà l'età in cui ne vorrà uno, decideremo insieme se prenderlo oppure no.Preoccupati invece di quello che ti dirà tuo figlio quando non ce l'hai davanti, perché davanti a te non osa parlare per colpa della tua violenza ma alle tue spalle e in mezzo agli amici l'odio verso i genitori violenti cova e cresce.Triste il destino del genitore che deve temere l'odio dei propri figli e solo con la violenza spera di tenerli a bada, e a stento.Magari si sfogherà prendendo di mira il più debole della classe e replicando i metodi violenti che tu gli hai insegnato, magari andrà in giro col branco dei bulli e dei violenti ogni fine settimana, magari sceglierà di rivolgersi contro il suo stesso padre non appena si sentirà abbastanza forte.Le tragedie familiari e gli accoltellamenti tra figli e genitori, purtroppo, nascono sempre in contesti già segnati dalla violenza.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Soluzione: corso per genitori
            Si ok, spero che tu non sia una del moige, mi puzza troppo sta faccenda dell'educare i figli con l'amore...Io voglio bene ai miei genitori anche se da piccolo mi hanno schiavizzato, maltrattato, costretto a spalar XXXXX, picchiato selvaggiamente.Però sono cresciuto con un cervello, sono molto critico nei confronti di tutto, aperto al dialogo e controtendenza rispetto a dove sta andando a finire il mondo.Se quando avrò figli si meriteranno qualche sculacciata glie le darò, se mi troverò una moglie come te però probabilmente le darò prima a lei perchè non è possibile pensare che sia tutto rose e fiori rinnegando metodi che hanno funzionato fino a 30 anni fa e quando si è smesso di usarli la situazione è precipitata drasticamente.Sinceramente uno che tenta di essere dolce e coccoloso con me quando faccio qualcosa di sbagliato probabilmente si becca qualche insulto, se sbaglio esigo di essere punito com'è giusto che sia, non premiato.
    • Gino Pilotino scrive:
      Re: Soluzione: corso per genitori
      Perfettamente d'accordo, in primis corsi su computer e internet.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
    Vietare internet e cellulare ai minori e rendere questi oggetti uso per soli maggiorenni, in questo modo risolvono anche tutte le menate su adescamento e simili, qualora un minore dovesse trovarsi in rete ne risponderà direttamente e in via esclusiva il genitore o chi ne fa le veci. Così quando chattiamo con una persona che non conosciamo non saremo più costretti a chiedere "quanti anni hai" (e chiudere subito mettendo in ignore se risponde
    • Linko scrive:
      Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
      Non mi metto a commentare una risposta del genere.. Spero riuscirai ad accorgerti da solo di star dicendo cose assolutamente insensate '__'. Ok, un bambino di 5 anni non ha che farsene di un cellulare, ma non capisco perché mai vietare cellulare E INTERNET (o__O) a ragazzi di 16 o 17 anni... (Ma credo che anche ragazzi di 12 anni siano in grado di utilizzare questi mezzi senza problemi).
      • ndr scrive:
        Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI

        Ma credo che anche ragazzi di 12 anni
        siano in grado di utilizzare questi mezzi senza
        problemi).Se è per quello ci sono sedicenni che sono perfettamente in grado di guidare un'auto, ma nessuno grida allo scandalo se aspettano di essere maggiorenni per avere la patente...Certo, vietare internet è un po' estremo, ma dal punto di vista dei cellulari non lo vedo così impensabile. Fai 16 invece di 18, se proprio proprio... Certo è che quattro schiaffoni a volte sarebbero sufficienti, altro che leggi e leggine.
        • Wolf01 scrive:
          Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
          Sinceramente permetterei l'affidamento di un cellulare ad un minore quando inizia a frequentare la scuola superiore, infatti fino alla 3a media solitamente sono discretamente vicini a casa ed è più facile tornare a casa o andare a scuola a piedi (si rompe la bici, arriva un acquazzone improvviso, terremoto, pestilenza...)Chi invece sceglie di andare a scuola a 20, 30 o 40km di distanza se per caso perde l'autobus al ritorno o la coincidenza a metà strada, se l'autobus si rompe, se questo se quello è un po' più necessario l'uso del telefonino, non è che si può entrare in casa di qualcuno per chiedere di fare una telefonata, e sicuramente quei pochi adulti (in un autobus che fa servizio scolastico al massimo ce ne sono 2, autista e controllore) che avrebbero il telefonino non è che possono telefonare a casa di tutti i ragazzi per avvertire del problema.Resto comunque anche io dell'idea che sotto di 14-15 anni il telefonino dovrebbe essere vietato.(Anche internet sinceramente, vista la quantità di bimbiminkia che si credono chissà chi solo perchè non puoi sapere la loro età, anche se più di qualche bimbiminkia è già maggiorenne)
          • DarkSchneider scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: Wolf01
            Sinceramente permetterei l'affidamento di un
            cellulare ad un minore quando inizia a
            frequentare la scuola superiore, infatti fino
            alla 3a media solitamente sono discretamente
            vicini a casa ed è più facile tornare a casa o
            andare a scuola a piedi (si rompe la bici, arriva
            un acquazzone improvviso, terremoto,
            pestilenza...)
            Chi invece sceglie di andare a scuola a 20, 30 o
            40km di distanza se per caso perde l'autobus al
            ritorno o la coincidenza a metà strada, se
            l'autobus si rompe, se questo se quello è un po'
            più necessario l'uso del telefonino, non è che si
            può entrare in casa di qualcuno per chiedere di
            fare una telefonata, e sicuramente quei pochi
            adulti (in un autobus che fa servizio scolastico
            al massimo ce ne sono 2, autista e controllore)
            che avrebbero il telefonino non è che possono
            telefonare a casa di tutti i ragazzi per
            avvertire del
            problema.
            Resto comunque anche io dell'idea che sotto di
            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere
            vietato.
            (Anche internet sinceramente, vista la quantità
            di bimbiminkia che si credono chissà chi solo
            perchè non puoi sapere la loro età, anche se più
            di qualche bimbiminkia è già
            maggiorenne)Rispondo a te poichè si tratta di un commento più equilibrato rispetto a quello di Luco e riesco ad argomentare meglio.Mi trovi pienamente d'accordo sull'inutilità del cellulare al di sotto dei 14-15 anni. Alcuni casi specifici (tipo gita scolastica di più giorni) possono essere valutati ma si tratta di casi di effettiva necessità o maggiore comodità che stà al (e deve) genitore valutare. Non mi trovo quindi d'accordo sul fatto di vietarlo: il genitore ha il compito di stabilire, educare e controllare l'uso di tale mezzo da parte del figlio. Il problema non sono i bambini di 6 anni che vogliono il cellulare, sono i genitori che lo comprano e spesso sono loro stessi ad imporlo per un loro falso senso di sicurezza (a scuola hanno il telefono, sarebbe più che sufficiente).Anche riguardo ad internet sono nuovamente in disaccordo, ingiusto (ed inutile) vietarlo. Perfetto invece stabilire che siano i genitori a rispondere dei comportamenti del minore in rete. In questo modo dovranno controllare, educare ed interessarsi dei propri figli quando stanno davanti al PC e non pretendere che lo faccia lo stato o una stupida macchina di silicio, rame e altri metalli.
          • El Castigador scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: DarkSchneider
            - Scritto da: Wolf01

            Sinceramente permetterei l'affidamento di un

            cellulare ad un minore quando inizia a

            frequentare la scuola superiore, infatti fino

            alla 3a media solitamente sono discretamente

            vicini a casa ed è più facile tornare a casa o

            andare a scuola a piedi (si rompe la bici,
            arriva

            un acquazzone improvviso, terremoto,

            pestilenza...)

            Chi invece sceglie di andare a scuola a 20, 30 o

            40km di distanza se per caso perde l'autobus al

            ritorno o la coincidenza a metà strada, se

            l'autobus si rompe, se questo se quello è un po'

            più necessario l'uso del telefonino, non è che
            si

            può entrare in casa di qualcuno per chiedere di

            fare una telefonata, e sicuramente quei pochi

            adulti (in un autobus che fa servizio scolastico

            al massimo ce ne sono 2, autista e controllore)

            che avrebbero il telefonino non è che possono

            telefonare a casa di tutti i ragazzi per

            avvertire del

            problema.

            Resto comunque anche io dell'idea che sotto di

            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere

            vietato.

            (Anche internet sinceramente, vista la quantità

            di bimbiminkia che si credono chissà chi solo

            perchè non puoi sapere la loro età, anche se più

            di qualche bimbiminkia è già

            maggiorenne)

            Rispondo a te poichè si tratta di un commento più
            equilibrato rispetto a quello di Luco e riesco ad
            argomentare
            meglio.
            Mi trovi pienamente d'accordo sull'inutilità del
            cellulare al di sotto dei 14-15 anni. E quindi se una cosa è reputata inutile va vietata?Leggere Harry Potter è utile? No, se ne può fare a meno.Bene, vietiamolo per tutti.
          • DarkSchneider scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: El Castigador
            - Scritto da: DarkSchneider

            Mi trovi pienamente d'accordo sull'inutilità del

            cellulare al di sotto dei 14-15 anni.

            E quindi se una cosa è reputata inutile va
            vietata?
            Leggere Harry Potter è utile? No, se ne può fare
            a
            meno.
            Bene, vietiamolo per tutti.Leggi tutto il post. Ho espressamente detto che non sono d'accordo sul vietare, ma solo sull'inutilità!
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: Wolf01
            Chi invece sceglie di andare a scuola a 20, 30 o
            40km di distanza se per caso perde l'autobus al
            ritorno o la coincidenza a metà strada, se
            l'autobus si rompe, se questo se quello è un po'
            più necessario l'uso del telefonino, non è che si
            può entrare in casa di qualcuno per chiedere di
            fare una telefonata, e sicuramente quei pochi
            adulti (in un autobus che fa servizio scolastico
            al massimo ce ne sono 2, autista e controllore)
            che avrebbero il telefonino non è che possono
            telefonare a casa di tutti i ragazzi per
            avvertire del
            problema.Ma com'e' che fino a 20 anni fa, andavamo tutti al liceo a 20/40 Km da casa, con l'autobus di linea, che si guastava pure allora, si perdeva pure allora, e gli imprevisti c'erano anche allora, eppure tutte queste menate non c'erano.Oggi ci sono i cellulari, benissimo, ma per le emergenze ne basta uno, isitituzionale, che utilizza l'autista, insegnante, accompagnatore, per chiamare il luogo di destinazione (scuola) o di emergenza (113) e poi l'imprevisto viene gestito come al solito.
            Resto comunque anche io dell'idea che sotto di
            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere
            vietato.Condivisibile.
            (Anche internet sinceramente, vista la quantità
            di bimbiminkia che si credono chissà chi solo
            perchè non puoi sapere la loro età, anche se più
            di qualche bimbiminkia è già
            maggiorenne)Questo e' un problema solo per chi frequenta chat di amicizie, oroscopi e altre idiozie per lobotomizzati.Per scrivere sul forum di P.I. o di linux journal l'eta' non serve chiederla.
          • El Castigador scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: panda rossa


            Resto comunque anche io dell'idea che sotto di

            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere

            vietato.

            Condivisibile.Per quali motivi?No, non dire "perché non è necessario", perché:1. Utilità e inutilità di un oggetto non sono definibili così oggettivamente.2. Se eliminassimo tutto ciò che è inutile... cosa rimarrebbe, a parte cibo-vestiti-casa? Niente. Dopotutto è il sogno di ogni puritano, eliminare il superfluo. E allora mandate i vostri figli dagli Amish, così cresceranno sani forti con grandi valori.E completamente alienati dal mondo.Proibire gli strumenti tecnologici specie ai più giovani quando il mondo si basa sempre più sulla tecnologia è come proibire l'uso del fuoco nel neolitico.O proibire l'uso della scrittura sino a 18 anni. Tanto, cosa se ne fa un bambino della scrittura?! Se vuole comunicare qualcosa può usare la voce, o può farsi scrivere le cose dai suoi genitori.E già da queste idee si capisce che fine farà l'Italia nel futuro. Neanche il IV mondo, nel V finiremo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: El Castigador
            - Scritto da: panda rossa




            Resto comunque anche io dell'idea che sotto di


            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere


            vietato.



            Condivisibile.

            Per quali motivi?
            No, non dire "perché non è necessario", perché:
            1. Utilità e inutilità di un oggetto non sono
            definibili così
            oggettivamente.Perche' e' costoso, dannoso e diseducativo.
            2. Se eliminassimo tutto ciò che è inutile...
            cosa rimarrebbe, a parte cibo-vestiti-casa?Non ho mai detto che e' inutile.
            Niente. Dopotutto è il sogno di ogni puritano,
            eliminare il superfluo. E allora mandate i vostri
            figli dagli Amish, così cresceranno sani forti
            con grandi valori.Io preferisco mandarli 15 giorni a Ibiza a divertirsi quando hanno 15/16 anni. Altro che cellulare.
            E completamente alienati dal mondo.Gli alienati dal mondo sono proprio quei ragazzini che li vedi seduti sui muretti, a testa bassa, con cuffiette nelle orecchie e pollici sul cellulare.
            Proibire gli strumenti tecnologici specie ai più
            giovani quando il mondo si basa sempre più sulla
            tecnologia è come proibire l'uso del fuoco nel
            neolitico.Qui stiamo parlando di ragazzini non di giovani.
            O proibire l'uso della scrittura sino a 18 anni.Tu gli sms con le k li chiami scrittura?In tal caso sono daccordo col proibirla.
            Tanto, cosa se ne fa un bambino della scrittura?!
            Se vuole comunicare qualcosa può usare la voce, o
            può farsi scrivere le cose dai suoi
            genitori.Voglio vedere quanti ce ne sono di ragazzini che scrivono con carta e penna cose che non hanno a che fare con la scuola.
            E già da queste idee si capisce che fine farà
            l'Italia nel futuro. Neanche il IV mondo, nel V
            finiremo.Tu sei uno di quei 5 milioni e passa che hanno visto il grande fratello l'altra sera, vero?
          • XYZ scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: El Castigador

            - Scritto da: panda rossa






            Resto comunque anche io dell'idea che sotto
            di



            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere



            vietato.





            Condivisibile.



            Per quali motivi?

            No, non dire "perché non è necessario", perché:

            1. Utilità e inutilità di un oggetto non sono

            definibili così

            oggettivamente.

            Perche' e' costoso, dannoso e diseducativo.E' dannoso e diseducativo vietarlo. Promuovere la cultura del "vietare", come tanto si cerca di fare oggi non farà altro che generare altri mostri. Se avessi 12 anni, e avere un cellulare sarebbe vietato, procurarmi un cellulare e utilizzarlo in maniera "giusta" (e per "giusta", intendo per quei propositi per cui un cellulare è nato, non certo le XXXXXXX di surplus a pagamento che tanto perquotono i cervelli dei nostri(meglio vostri, ancora non sono padre, per fortuna) cari figli lobotomizzati..)sarebbe la prima cosa che cercherei di fare.


            2. Se eliminassimo tutto ciò che è inutile...

            cosa rimarrebbe, a parte cibo-vestiti-casa?
            cibo-vestiti-casa, e il 99,9% del resto delle altre cose che verrebbe fatta illegalmente.Anzi, forse si genererebbe un marasma tale che probabilmente anche il concetto di Stato sparirebbe dall faccia della terra...
            Non ho mai detto che e' inutile.


            Niente. Dopotutto è il sogno di ogni puritano,

            eliminare il superfluo. E allora mandate i
            vostri

            figli dagli Amish, così cresceranno sani forti

            con grandi valori.

            Io preferisco mandarli 15 giorni a Ibiza a
            divertirsi quando hanno 15/16 anni. Altro che
            cellulare.Quoto.E anzi, ci andrei anch io a fargli compagnia.

            E completamente alienati dal mondo.

            Gli alienati dal mondo sono proprio quei
            ragazzini che li vedi seduti sui muretti, a testa
            bassa, con cuffiette nelle orecchie e pollici sul
            cellulare.Giusto, chissà perchè non mancano mai gli idioti che cercano di dimostrare il contrario...Anche se bisogna dire che il mezzo informatico, che sia un cellulare un pc o un mediaplayer può comunque essere utilizzato in maniera costruttiva, per rafforzare quello che piu di tutto è piu importante, la mente.

            Proibire gli strumenti tecnologici specie ai più

            giovani quando il mondo si basa sempre più sulla

            tecnologia è come proibire l'uso del fuoco nel

            neolitico.

            Qui stiamo parlando di ragazzini non di giovani.


            O proibire l'uso della scrittura sino a 18 anni.

            Tu gli sms con le k li chiami scrittura?
            In tal caso sono daccordo col proibirla.Beh, anche i "ragazzini" hanno il diritto di scegliere a riguardo. E ti ricordo, semmai non te ne fossi accorto, che il mezzo di diffusione più veloce della cosidetta "k" da cellulare.. che poi non si sa perche ha acquisito in italia la dicitura di "scrittura da bimbominkia" (e non ho mai capito cosa volesse dire, sinceramente, questa cosa.. probabilmente nata grazie a degli idioti che rinfacciavano ad altri idioti il fatto di essere idioti...)si, insomma il mezzo piu veloce di diffusione di questa spaventosa e distruttiva abitudine è la televisione e i suoi XXXXXXXX infracchettati.. E gli esempi sono innumerevoli.. Comici compresi.Non certo il cellulare e la semplice necessita di redarre un messaggio nella maniera piu veloce possibile...

            Tanto, cosa se ne fa un bambino della
            scrittura?!

            Se vuole comunicare qualcosa può usare la voce,
            o

            può farsi scrivere le cose dai suoi

            genitori.

            Voglio vedere quanti ce ne sono di ragazzini che
            scrivono con carta e penna cose che non hanno a
            che fare con la
            scuola.Spero voi stiate scherzando... Proibire la scrittura.. Mi chiedo, a tal punto vi hanno lobotomizzato? E pensare che a me a 13 anni lo hanno regalato il cellulare, in concomitanza con la settimana bianca della 3a media... e manco lo volevo! Stetti i primi 4 giorni senza neanche accenderlo (inutile dire come i miei genitori non ne erano entusiasti... ma io nulla, sempre e solo telefono pubblico, anche a 13 anni evidentemente, non volevo rotture di palle.).. Poi conobbi una ragazzina che ripensandoci ora era il "prototipo" dell'utente medio odierno del cellulare.... Mi suscitava interesse vederla cosi indaffarata co sto coso diabolico.. Inutile dire che da quando la conobbi, il cellulare lo tenni(cattivo italiano misà?) sempre acceso, e ovviamente, non certo per dire a mamma dov'ero e cosa facevo(tranne che per sua "ovvia" costrizione). Per il resto era il semplice rapporto di fiducia che lega un genitore e suo figlio, inutile dire che se manca quello, manca tutto. Cellulare o non cellulare. L'abbiamo capita Sì o No? Y.P.S.

            E già da queste idee si capisce che fine farà

            l'Italia nel futuro. Neanche il IV mondo, nel V

            finiremo.

            Tu sei uno di quei 5 milioni e passa che hanno
            visto il grande fratello l'altra sera,
            vero?No, a 22 anni suonati posso dire di non aver mai visto un reality in vita mia. O meglio, ho tentato, per ovvia curiosità. Ma non vi ho trovato mai nulla di Interessante. Ne ho mai capito di cosa parlassero realmente quell infinita stuola di programmi tv che parlavano di questi soggetti mai visti, dalle qualità sconosciute, e che si davano delle arie apparentemente senza motivo..Da lì a poco avrei fatto rimuovere l'antenna dal mio appartamento, ma questa, è un altra storia.
          • El Castigador scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: El Castigador

            - Scritto da: panda rossa






            Resto comunque anche io dell'idea che sotto
            di



            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere



            vietato.





            Condivisibile.



            Per quali motivi?

            No, non dire "perché non è necessario", perché:

            1. Utilità e inutilità di un oggetto non sono

            definibili così

            oggettivamente.

            Perche' e' costoso, dannoso e diseducativo.Se è costoso è un problema dei genitori, mica tuo.Anche un motorino è costoso. Anche un'automobile. Anche le Opere Complete di Dante. Proibiamo anche quelle?Riguardo agli altri due punti, stai facendo proclami senza argomentare.Please, spiegare perché sarebbe "dannoso" e "diseducativo".

            2. Se eliminassimo tutto ciò che è inutile...

            cosa rimarrebbe, a parte cibo-vestiti-casa?

            Non ho mai detto che e' inutile.E' una delle "argomentazioni" preferite contro l'uso del cellulare: non serve, quindi vietiamolo.

            Niente. Dopotutto è il sogno di ogni puritano,

            eliminare il superfluo. E allora mandate i
            vostri

            figli dagli Amish, così cresceranno sani forti

            con grandi valori.

            Io preferisco mandarli 15 giorni a Ibiza a
            divertirsi quando hanno 15/16 anni. Altro che
            cellulare.Tu lo preferisci, ma lascia che siano loro a decidere.Se odiano andare a Ibiza e tu li mandi coattivamente, finiranno per odiare anche te, in barba a tutti i discorsi "ma è per il vostro beneeeeee" che gli potrai fare. E ti manderanno anche e giustamente a fancubo quando gli dirai "no telefonino perché brutto cattivo io sapere voi no!"

            E completamente alienati dal mondo.

            Gli alienati dal mondo sono proprio quei
            ragazzini che li vedi seduti sui muretti, a testa
            bassa, con cuffiette nelle orecchie e pollici sul
            cellulare.L'alienato sei tu che non riesci a capire il loro mondo e lo rifiuta a priori.Torna pure nella caverna a cercare di accendere il fuoco e a scheggiare la pietra, che magari un giorno riuscirai ad evolverti.

            Proibire gli strumenti tecnologici specie ai più

            giovani quando il mondo si basa sempre più sulla

            tecnologia è come proibire l'uso del fuoco nel

            neolitico.

            Qui stiamo parlando di ragazzini non di giovani.L'apprendimento ad interagire con gli oggetti del mondo comincia intorno ai 4/5 anni di età e prosegue sino ai 20.Sottrarre coattivamente gli strumenti di cui il mondo è fatto (al giorno d'oggi: internet e cellulari e quant'altro) è da completi idioti ed è un sucidio culturale.Ripeto: torna nella caverna a scheggiare la pietra...

            O proibire l'uso della scrittura sino a 18 anni.

            Tu gli sms con le k li chiami scrittura?
            In tal caso sono daccordo col proibirla.1. "daccordo" si scrive "d'accordo", mio caro ciuchino. Dietro la lavagna, subito!2. La scrittura si evolve col tempo in base agli strumenti a disposizione. Nelle prime testimonianze dell'italiano la "k" si usava, mio caro ciuchino. Di nuovo dietro la lavagna...

            E già da queste idee si capisce che fine farà

            l'Italia nel futuro. Neanche il IV mondo, nel V

            finiremo.

            Tu sei uno di quei 5 milioni e passa che hanno
            visto il grande fratello l'altra sera,
            vero? EPIC FAIL .La TV non la accendo da almeno cinque o sei anni.Per il resto, ne riparleremo quando avrai imparato a scheggiare la pietra.E mi raccomando, stai attento che il tuo pargolo non cominci a usare i segnali di fumo... sai, sono costosi, dannosi e diseducativi... e non si sa mai, imparando a comunicare con degli strumenti rischia persino di diventare INTELLIGENTE e SVEGLIO. A differenza del padre...
          • Wolf01 scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            Non è che non serve in generale, non serve a loro in modo diretto in quanto ci sono persone che dovrebbero supervisionarli in quanto minorenni e che dovrebbero usare loro i cellulariSemplicemente il fatto è che come uno di 14 anni non è abbastanza maturo per guidare un'auto (in generale eh, perchè ci sono bambini che girano sui kart da 5 anni e sono bravissimi, e i kart mica vanno come gli autoscontri a 3kmh), così la maggior parte dei bambini e ragazzini non è abbastanza matura per usare i cellulari, per usare un'auto, per avere un conto in banca, per fumare e tante altre cose
          • Anonimo codardo 13enne scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: El Castigador

            - Scritto da: panda rossa






            Resto comunque anche io dell'idea che sotto
            di



            14-15 anni il telefonino dovrebbe essere



            vietato.





            Condivisibile.



            Per quali motivi?

            No, non dire "perché non è necessario", perché:

            1. Utilità e inutilità di un oggetto non sono

            definibili così

            oggettivamente.

            Perche' e' costoso, dannoso e diseducativo.
            Costoso? Si possono usare quelli vecchi dei genitori, tanto delle immaginine sbrilluccicose e dei video se ne può fare -oggettivamente- a meno.Dannoso? Attualmente non è dimostrato, anche fosse vero io ne faccio un uso più che moderato.Diseducativo? A volte, ma io per esempio lo uso per informare i miei genitori di cose sufficientemente importanti e per cose sufficientemente importanti non intendo "ho solo 3 di credito, mi compri la ricarica?"

            2. Se eliminassimo tutto ciò che è inutile...

            cosa rimarrebbe, a parte cibo-vestiti-casa?

            Non ho mai detto che e' inutile.


            Niente. Dopotutto è il sogno di ogni puritano,

            eliminare il superfluo. E allora mandate i
            vostri

            figli dagli Amish, così cresceranno sani forti

            con grandi valori.

            Io preferisco mandarli 15 giorni a Ibiza a
            divertirsi quando hanno 15/16 anni. Altro che
            cellulare.


            E completamente alienati dal mondo.

            Gli alienati dal mondo sono proprio quei
            ragazzini che li vedi seduti sui muretti, a testa
            bassa, con cuffiette nelle orecchie e pollici sul
            cellulare.
            Non so se ho notizie sbagliate ma mi risulta che i walkman esistano da tempo, non è una novità quella delle cuffiette.

            Proibire gli strumenti tecnologici specie ai più

            giovani quando il mondo si basa sempre più sulla

            tecnologia è come proibire l'uso del fuoco nel

            neolitico.

            Qui stiamo parlando di ragazzini non di giovani.
            Riprendendo il paragone del fuoco sarebbe come vietare ai ragazzini di mangiare in assenza dei genitori.

            O proibire l'uso della scrittura sino a 18 anni.

            Tu gli sms con le k li chiami scrittura?
            In tal caso sono daccordo col proibirla.
            In tal caso concordo anch'io che son tredicenne e gli SMS li scrivo con maiuscole, punteggiatura, accenti e simili.

            Tanto, cosa se ne fa un bambino della
            scrittura?!

            Se vuole comunicare qualcosa può usare la voce,
            o

            può farsi scrivere le cose dai suoi

            genitori.

            Voglio vedere quanti ce ne sono di ragazzini che
            scrivono con carta e penna cose che non hanno a
            che fare con la
            scuola.
            Ok, questo è vero ma credo proprio che sia così sia con sia senza cellulari e internet. (scusate il gioco di parole)

            E già da queste idee si capisce che fine farà

            l'Italia nel futuro. Neanche il IV mondo, nel V

            finiremo.

            Tu sei uno di quei 5 milioni e passa che hanno
            visto il grande fratello l'altra sera,
            vero?Io personalmente no, poi so che è comodo generalizzare...
          • Wolf01 scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            Perchè difficilmente a 10 anni si conosce il valore dei soldi, e grazie anche alla complicità dei genitori che lasciano usare telefono, pc, cellulare, carta di credito e auto ai figli di 13 anni (ok, magari l'auto no, ma bancomat o carta di credito ne ho visti) alla fine la gente impara a spendere soldi solo su XXXXXXXte quali loghi e suonerie, chiamare il vicino di casa o messaggiare via sms invece che scendere, suonare il campanello e parlargli di persona e cose del genereSinceramente le generazioni attuali, già abituate un po' allo spreco grazie al boom economico e tecnologico degli ultimi 3 decenni stanno abituando allo spreco^2 i loro figli, io sono dell'idea che più tardi si dà la possibilità ai figli di "farsi i XXXXX loro" più maturi saranno da grandiIo non ho avuto console da gioco fino a 12 anni, non ho avuto un cellulare fino ai 15 e ancora non ho una mia auto anche se potrei permettermela, ma siccome COSTA sia comprarla che mantenerla è uno spreco che non reputo necessario almeno per il momento, quando veramente mi servirà allora ne prenderò una, intanto si fa a turno.Nessuno vieta di comprare un auto al figlio appena nato cosicché quando avrà l'età giusta potrà guidarla, che è quasi quello che fanno i ricconi americani, il problema principale è: perchè bisogna comprare qualcosa che non serve? Specialmente quando questa cosa mangia soldi in continuazione per funzionare (trascurando la corrente elettrica che serve per qualsiasi cosa, altrimenti bisognerebbe comprare solo giocattoli di legno o di latta).Se i genitori sono storditi e non lo capiscono, ben vengano le limitazioni
          • Sheep02 scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            - Scritto da: Wolf01
            Perchè difficilmente a 10 anni si conosce il
            valore dei soldi, e grazie anche alla complicità
            dei genitori che lasciano usare telefono, pc,
            cellulare, carta di credito e auto ai figli di 13
            anni (ok, magari l'auto no, ma bancomat o carta
            di credito ne ho visti)
            alla fine la gente impara
            a spendere soldi solo su XXXXXXXte quali loghi e
            suonerie, chiamare il vicino di casa o
            messaggiare via sms invece che scendere, suonare
            il campanello e parlargli di persona e cose del
            genere

            Sinceramente le generazioni attuali, già abituate
            un po' allo spreco grazie al boom economico e
            tecnologico degli ultimi 3 decenni stanno
            abituando allo spreco^2 i loro figli, io sono
            dell'idea che più tardi si dà la possibilità ai
            figli di "farsi i XXXXX loro" più maturi saranno
            da
            grandi
            Io non ho avuto console da gioco fino a 12 anni,
            non ho avuto un cellulare fino ai 15 e ancora non
            ho una mia auto anche se potrei permettermela, ma
            siccome COSTA sia comprarla che mantenerla è uno
            spreco che non reputo necessario almeno per il
            momento, quando veramente mi servirà allora ne
            prenderò una, intanto si fa a
            turno.
            Nessuno vieta di comprare un auto al figlio
            appena nato cosicché quando avrà l'età giusta
            potrà guidarla, che è quasi quello che fanno i
            ricconi americani, il problema principale è:
            perchè bisogna comprare qualcosa che non serve?
            Specialmente quando questa cosa mangia soldi in
            continuazione per funzionare (trascurando la
            corrente elettrica che serve per qualsiasi cosa,
            altrimenti bisognerebbe comprare solo giocattoli
            di legno o di
            latta).
            Se i genitori sono storditi e non lo capiscono,
            ben vengano le
            limitazioniPaternalismo spicciolo da quattro soldi.Siccome TU, non si capisce dall'alto di quale saggezza, ritieni che gli ALTRI siano stupidi, chiedi allo STATO di mettere limiti a tutti.Ognuno ha il diritto di tenere lo stile di vita che vuole.Il tuo è puritanesimo economico, non dissimile dal rigore di certi religiosi del '600.Per fortuna il mondo sta andando avanti.Quindi ben venga la libertà di scelta, per tutti.Che implica anche la libertà di comprarmi tutti gli aggeggi elettronici che voglio, e di darli a mio figlio, se voglio.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
            Ok, libero di farlo, ma poi non hai il diritto di lamentarti per un uso improprioCome chi beve non ha il diritto di lamentarsi se lo mettono in fondo alla lista dei trapianti, perchè "io ho un problema e tu devi risolvermelo" non è in tutti i casi ben accettato
      • Fuoco Pallido scrive:
        Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
        - Scritto da: Linko
        Non mi metto a commentare una risposta del
        genere.. Spero riuscirai ad accorgerti da solo di
        star dicendo cose assolutamente insensate '__'.
        Ok, un bambino di 5 anni non ha che farsene di un
        cellulare, ma non capisco perché mai vietare
        cellulare E INTERNET (o__O) a ragazzi di 16 o 17
        anni... (Ma credo che anche ragazzi di 12 anni
        siano in grado di utilizzare questi mezzi senza
        problemi).Condivido in toto, ma purtroppo l'Italia è un paese di vecchi, di gente che comincia a odiare e disprezzare i
    • asd scrive:
      Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
      fino ai 15 secondo me o 14
    • anonymous scrive:
      Re: Soluzione VIETARE I CELLULARI AI MINORI
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Vietare internet e cellulare ai minori e rendere
      questi oggetti uso per soli maggiorenni, in
      Dovresti spostarti un po' piu' verso est ed a sud. Arrivi in Cina...
  • Anonymous scrive:
    Scommettiamo che..
    ..questa legge fatta anch'essa dai francesi (come la tanto osannata Anti-P2P-Disconnetti-Tutto-E-Tutti), non la copieranno? L'altra si però ah?
  • Nome e Nome scrive:
    Jamba al tappeto!!
    Scusate non ho resistito.
Chiudi i commenti