iPad cambia nome anche in UK

Il 4G diventa cellulare anche nel Regno Unito

Roma – Dopo Australia , Corea e altri paesi, il cambio di nome del nuovo iPad con connessione mobile da “iPad WiFi+3G” a “WiFi-Cellular” si concretizza anche nel Regno Unito.

Il cambio di denominazione segue alle accuse da parte dell’ Australian Competition and Consumer Commission australiana (ACCC) che ritiene che Apple abbia violato la normativa locale in materia di pubblicità ingannevole chiamando il suo tablet con connessione cellulare “4G”: mentre il nuovo iPad è stato sviluppato per connettersi a frequenze comprese tra 700MHz e 2100MHz che ospitano il 4G statunitense, la rete mobile omologa in Australia, così come in molti altri paesi, opera su frequenze diverse.

Sulle stesse basi si erano mosse anche le autorità svedesi e quelle britanniche: ma la decisione di Apple potrebbe aver disinnescato ulteriori azioni nel Regno Unito. (C.T.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lazy Turtle scrive:
    circuito chiuso?
    È davvero difficile credere che un sistema così sia definibile "circuito chiuso"... telecamere in un vero circuito chiuso non devono essere collegate a niente se non a un registratore (anch'esso non collegato che alle telecamere), neanche l'azienda produttrice dovrebbe, a mio avviso, poter mettere mano ai sistemi, solo il cliente.
    • bubba scrive:
      Re: circuito chiuso?
      - Scritto da: Lazy Turtle
      È davvero difficile credere che un sistema così
      sia definibile "circuito chiuso"... telecamere in
      un vero circuito chiuso non devono essere
      collegate a niente se non a un registratore
      (anch'esso non collegato che alle telecamere),
      neanche l'azienda produttrice dovrebbe, a mio
      avviso, poter mettere mano ai sistemi, solo il
      cliente.si eheh e' quello che avevo gia' detto nel post sotto :) e' un po ridicolo, ma tant'e'... il marketing vuole cosi'...
    • ninjaverde scrive:
      Re: circuito chiuso?
      - Scritto da: Lazy Turtle
      È davvero difficile credere che un sistema così
      sia definibile "circuito chiuso"... telecamere in
      un vero circuito chiuso non devono essere
      collegate a niente se non a un registratore
      (anch'esso non collegato che alle telecamere),
      neanche l'azienda produttrice dovrebbe, a mio
      avviso, poter mettere mano ai sistemi, solo il
      cliente.Lo chiamano "chiuso" ed invece è aperto! (rotfl)Come le donne che nell'intimo dicono "no" mentre invece è "sì" (rotfl)Ma a parte gli scherzi non è "pubblicità ingannevole?" ed i tecnici installatori, installano e basta, come vendere patate insomma. :@
    • ephestione scrive:
      Re: circuito chiuso?
      un sistema cctv è "utile" sia accessibile da remoto per un motivo banale: controllare cosa succede (o è sucXXXXX) a casa mentre sei fuori tu e non c'è nessuno dentro che puoi chiamare.Poi non dev'essere sempre necessariamente in ascolto, al limite puoi lasciare attivo un server ssh su porta non standard, dal quale avvii x11vnc, tramite il quale magari sempre con tunneling ssh ti colleghi al desktop e vedi dal suo browser il feed delle videocamere.Quando hai finito chiudi la connessione vnc, x11vnc termina automaticamente e non è più accessibile per terzi, ed è finito.Oppure se ti sbatte troppo fare tutto sto giro, lasci appunto il software in ascolto e via.
      • Bigia scrive:
        Re: circuito chiuso?
        Ma senza tutte queste pippe da Nerd, lasciare aperto Teamviewer sul NAS che controlla le cam è troppo complesso?
        • ephestione scrive:
          Re: circuito chiuso?
          non so cosa sia teamviewer né ho voglia di andare a cercare... comunque un NAS non controlla le webcam, per quello serve un server vero e proprio.E se devi controllare da remoto una risorsa locale, indipendentemente da come ci arrivi si tratta di passare per un dialogo di login.A questo punto per quale motivo usare tecnologie diverse da quelle standard e rodate di SSH/HTTPS/quellochetipare?
  • bubba scrive:
    martha l'ho vista anch'io
    Mi riferisco alla nonnetta soprannominata martha sul link citato su http://www.theage.com.au ... lol.Cmq niente di nuovo... roba che si faceva anni fa con i "google dork"...L'unica cosa divertente e' continuare a chiamare le webcam collegate a internet "CCTV".. ossia "telecamere a circuito chiuso"... Internet e' il "circuito" MENO chiuso del pianeta..
Chiudi i commenti