iPhone è ora più vicino all'Europa

Questo sostengono insistenti rumors sul telefonino di Apple, che potrebbe sbarcare nel Vecchio Continente grazie ad una intesa con Vodafone

Roma – Oggetto del desiderio di molti ormai da tempo, il telefonino più chiacchierato della storia ancora non sbarcato sul mercato, Apple iPhone , potrebbe presto trovare la via dell’Europa grazie ad un accordo con Vodafone , uno degli operatori più attivi nei molti paesi del Vecchio Continente.

A sostenere che vi siano negoziati in corso tra la Mela di Cupertino e BigV sono rumors insistenti che circolano in rete, secondo cui l’intesa che Apple sta cercando sarebbe del tutto simile a quella già stretta con Cingular Wireless , l’operatore mobile che servirà in esclusiva gli utenti del nuovo fonino made in Cupertino.

Il cellulapple A riprendere i rumors e a dar loro una qualche sostanza è intervenuto in queste ore anche il quotidiano britannico Guardian , al quale risulta una trattativa già avviata.

Rimane il grande punto di domanda, quello dei tempi di commercializzazione . Se il cellulapple negli Stati Uniti è atteso prima dell’estate , la cara vecchia Europa dovrebbe accontentarsi di un lancio molto più in là, forse in tempo per le festività natalizie.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • albertogil scrive:
    poste italiane: raccomandata
    salve a tutti, vorrei sapere da qualche ben informato se è possibile spedire una raccomandata o pacco celere con fermo posta. Grazie in anticipo.
  • Anonimo scrive:
    il vero problema delle poste?leggete qui
    Uno dei tanti problemi delle poste (come ad esempio nel mio caso) è questo: mi hanno assunto con contratto a tempo determinato a fare il postino.All'inizio ho avuto difficoltà (come hanno i postini all'inizio) legate al localizzare le vie, gli indirizzi etc. poi dopo che ho imparato il tutto, mi scade il contratto a tempo determinato e non mi verrà rinnovato.. e sono molto triste per ciò...Ditemi a prendere continuamente personale con I CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO (che se non ho capito male consentono un risparmio sul personale...)le poste come possono sperare di migliorare i loro servizi? Semmai li peggiorano con politiche di rotazione del personale con gente poco preparata...Ora che le poste diventeranno operatore telefonico, tra attese e gente assunta temporanea, io personalmente non mi fiderei molto del loro servizio...Se avete voglia di leggere, date un occhiata qui (per capire cosa pensare quando si parla di poste):http://www.associazionedifesalavoratori.org/article.php3?id_article=4
  • Anonimo scrive:
    Se le telefonate...
    ...viaggieranno come le cartoline, lascia immaginare lo scenario.
  • Anonimo scrive:
    PostaPhone Italia o Postafone
    Ahahahahah ma per piacere! Pensate a far funzionare la consegna di lettere e pacchi e di non rubare cose altrui che sarebbe meglio. :|
  • Enjoy with Us scrive:
    Operatori Virtuali?
    Scusate lo scetticismo, ma se a vendermi la linea telefonica all'ingrosso è un operatore che poi la vende direttamente al dettaglio al cliente finale, come è possibile che l'operatore virtuale possa farsi pagare meno rispetto all'operatore fisico?Al limite posso comprendere che possa utilizzare questo canale come strumento promozionale. Es. vado alla Coop e invece di farmi fare la solita raccolta a punti mi offrono un tot di traffico telefonico gratuitamente o a prezzi scontati. Già con le poste la vedo molto più dura, che fanno ti danno una tariffa agevolata se fai il banco posta? Oppure la calcolano sui tempi di attesa per un'operazione postale?
  • Anonimo scrive:
    Number portability ???
    secondo voi... si potra' fare il number portability da vodafone a qeusti telefoni dlele poste? ...se mi costa meno... ci faccio un pensierino! BW
  • Anonimo scrive:
    [OT] A me le poste
    Mi hanno perso la raccomandata che mi convocava per un importante concorso. Me l'hanno recapitata con 40 giorni di ritardo, aperta (da qualc'unaltro), chiedendo scusa. Ho chiesto di vedere la firma di che l'ha ricevuta, ma guarda caso non l'avevano.Per fortuna del concorso mi ero interessato per telefono e non mi è scappato. Li avrei denunciati.Comunque devo dire che un servizio più penoso non l'ho mai visto. CHE SCHIFO.
  • Anonimo scrive:
    Pensino ai pacchi
    Avete ma provato a spedire un pacco tramite poste sotto Natale? Ne arriva a destinazione uno su due.Io una idea di che fine fanno ce l'ho.Ma quale operatore mobile....Spero che abbiano una numerazione diversa dagli altri così da poter rifiutare la chiamata di chiunque mi chiami con le poste come operatore!
  • Shabadà scrive:
    Reciprocità
    Le Poste che cominciano a fare l'operatore mobile (virtuale o meno)? beh, se faranno bene il loro lavoro, non vedo perché no, il problema è che l'idea manca di reciprocità: Vodafone potrà avviare un servizio postale? non dico un corriere espresso (i cui costi, generalmente, sono superiori), ma un servizio postale vero e proprio, magari usando i suoi negozi come sportelliforse con un esempio mi spiego meglio: settimana scorsa ho dovuto pagare un vaglia (versato allo stato, per l'iscrizione ad un ordine professionale... perché poi abbia dovuto pagarci sopra una tassa non l'ho capito...) e per farlo ho dovuto passare in coda molto più tempo di quello impiegato per effettuare l'operazione (immagino che sia successo a tutti qualcosa del genere), però non avevo alternative, non potevo andare alle poste-Vodafone o alle poste-Tele2 per pagare lo stesso vaglia, mentre, magari, avrebbero potuto offrirmi un servizio migliore
    • Athlon64 scrive:
      Re: Reciprocità

      Le Poste che cominciano a fare l'operatore mobile
      (virtuale o meno)? beh, se faranno bene il loro
      lavoro, non vedo perché no, il problema è che
      l'idea manca di reciprocità: Vodafone potrà
      avviare un servizio postale? non dico un corriere
      espresso (i cui costi, generalmente, sono
      superiori), ma un servizio postale vero e
      proprio, magari usando i suoi negozi come
      sportelliA breve ci sarà la liberalizzazione, Deutsche Post sembra la più interessata al momento.
  • Muaddip scrive:
    Ma le poste...
    Non dovrebbero fare le poste?Francamente sono altamente insoddisfatto del servizio che le poste italiane forniscono come poste al cittadino e anziché miglioralro che fanno?Entrano nel mercato della telefonia mobile.E chi ci consegnerà la posta dopo?Mah..Un artcolo che dice la stessa cosa.http://www.marcotaddia.it/?p=100
  • Anonimo scrive:
    Poste italiane consegnaste la posta ??!!
    Avete tolto la posta ordinaria perche' con quella prioritaria la posta sarebbe arrivata prima (pagando di piu') e invece fate sempre piu' schifo.1 MESE PER FARE 30 KM !!!!Siete una delle piu' grandi vergogne di questo paese !!
    • Anonimo scrive:
      Re: Poste italiane consegnaste la posta
      - Scritto da:
      Avete tolto la posta ordinaria perche' con quella
      prioritaria la posta sarebbe arrivata prima
      (pagando di piu') e invece fate sempre piu'
      schifo.
      1 MESE PER FARE 30 KM !!!!

      Siete una delle piu' grandi vergogne di questo
      paeseQuoto e confermo. Per non parlare dei pacchi. Assolutamente inaffidabili.
      • Anonimo scrive:
        Re: Poste italiane consegnaste la posta

        Quoto e confermo. Per non parlare dei pacchi.
        Assolutamente
        inaffidabili.Occhio che i pacchi sono appaltati a Sda, che come corriere è il più marcio che ci sia...persino peggio delle poste.
        • Anonimo scrive:
          Re: Poste italiane consegnaste la posta
          - Scritto da:



          Quoto e confermo. Per non parlare dei pacchi.

          Assolutamente

          inaffidabili.

          Occhio che i pacchi sono appaltati a Sda,che e' di proprieta' di poste italiane.
    • Anonimo scrive:
      Re: Poste italiane consegnaste la posta
      A me ormai le bollette arrivano gia' scadute.Figuriamoci il resto.Che schifo.Che poi che siamo noi quelli che pagano loro.Dovremmo incazzarci e farci sentire, ma come al solito non cambierebbe un bel nienteQui c'e' da scappare via, ovunque ma non qui.E pensare che che sono venuto qui da un'altro paese dell'est Europa 16 anni fa.Ora si sta meglio la.Quasi quasi...fanculo
  • Anonimo scrive:
    Tutto tranne il recapito della posta
    Tra non molto tutto farà tranne che il recapito della posta (lettere, raccomandate ecc..) che diventa sempre più scadente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto tranne il recapito della pos

      Tra non molto tutto farà tranne che il recapito
      della posta (lettere, raccomandate ecc..) che
      diventa sempre più
      scadente.Già! Che diavolo me ne faccio della possibilità di ordinare tutto da casa con un click, se poi la roba NON ARRIVA??? :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto tranne il recapito della pos
      - Scritto da:
      Tra non molto tutto farà tranne che il recapito
      della posta (lettere, raccomandate ecc..) che
      diventa sempre più
      scadente.Quoto al 100%. Dieci anni fa, prima della "privatizzazione", le consegne erano più veloci, affidabili e costavano molto meno. Invece di voler diventare banca, operatore telefonico, venditori di elettrodomestici, le POSTE dovrebbero consegnare la posta. E basta. Se vogliono fare altro, la smettano di chiamarsi Poste Italiane, e lascino a qualcuno meno indecente di loro il compito di fornire il servizio postale che in questo Paese è da terzo mondo se non da quarto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutto tranne il recapito della pos

        Quoto al 100%. Dieci anni fa, prima della
        "privatizzazione", le consegne erano più veloci,
        affidabili e costavano molto meno.Su non dire cazzate. Dieci anni fa le poste facevano schifo anche più di adesso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Tutto tranne il recapito della pos
          - Scritto da:
          Su non dire cazzate. Dieci anni fa le poste
          facevano schifo anche più di
          adesso.Ti sbagli, funzionavano MOLTO meglio. Lo dico con cognizione di causa perché per lavoro usavo moltissimo i loro servizi: spedivo anche 30 pacchi la settimana; gli assicurati costavano un quarto rispetto agli odierni j+3 e arrivavano in 24 ore in tutto il Nord Italia. Oggi un J+3 da Milano a Piacenza impiega 5 giorni se va bene. Idem per i vaglia: allora non erano telematici, venivano spediti in busta e arrivavano in un paio di giorni. Adesso sono telematici ma ci impiegano almeno una settimana. Il servizio è peggiorato enormemente dopo la pseudo-privatizzazione.
  • marcel scrive:
    Confusione enorme e non miglioramento
    In linea di principio l'ingresso di un nuovo operatore mobile è stimolante e benvenuta. Come benvenuta è qualsiasi iniziativa finalizzata a ridurre l'arroganza di Telecom.Sul piano pratico vi è il problema dell'affollamento attuale delle Poste (nei giorni in cui si riscuote la pensione non si può accedere fisicamente negli uffici postali) e il progressivo, inesorabile peggioramento el servizio, dovuto ad una politica di ringiovanimento del personale (che era necessario per affrontare le nuove sfide, tipo bancoposta) a cui non ha fatto seguito quella della qualificazione dello stesso: sono stati assunti un sacco di giovani, dotati di belle speranze e anche buona volontà (a volte) ma TOTALEMNETE SPROVVEDUTE IN QUANTO A COMPETENZA. Effettuare un'operazione diversa dal versamento o prelievo in uno sportello bussiness (quello che dovrebbe essere specializato per i servizi bancari, per intenderci) è davvero un'operazione che fa pena: lo sportellista che si allontana per chiedere lumi al direttore, il quale - molto spesso - è un anziano ex sportellista di raccomandate che non capisce un tubo di operazioni bancarie, ecc.Cosa accadrà con l'ingresso nella telefonia mobile? Si limiteranno a vendere contratti senza offrire un minimo di assistenza tenica (elemento che è del tutto assente anche fra gli operatori di telefonia mobile, limitatamente al nuovo business della trasmissione dati, cioè all'uso di connessini mobile per Internet).Secondo me la confusione ed il disservizio sarà la normalità del futuro che ci aspetta!
    • Athlon64 scrive:
      Re: Confusione enorme e non miglioramento

      sono stati assunti
      un sacco di giovani, dotati di belle speranze e
      anche buona volontà (a volte) ma TOTALEMNETE
      SPROVVEDUTE IN QUANTO A COMPETENZA.Sarà, ma nell'ufficio postale vicino a casa mia ci sono due impiegate un po' avanti con gli anni che ci mettono una vita per farti versare un bollettino o farti una raccomandata... Per questo quando posso vado in un altro ufficio postale dove ci sono impiegati giovani e, guarda caso, nonostante ci siano sempre molti più clienti ci metto meno tempo...
      • marcel scrive:
        Re: Confusione enorme e non miglioramento
        Sono d'accordo con te: forse non hai letto tutto 'intervento perché anch'io ho messo in risalto che l'impiegato (giovane) va dal direttore( anziano, assolutamente incompetente) con il risultatodi una perdita di tempo enorme.La verità è che non si deve mai fare di tutte le ere un fascio: ci sono giovani, nuovi assunti, molto preparati e competenti.Per la cronaca, anche io faccio due chilometri di strada per andare in un ufficio postale in cui c'è gente preparata che "svuota" una fila in men che non si dica...
    • picchiatello scrive:
      Re: Confusione enorme e non miglioramento
      - Scritto da: marcel
      Secondo me la confusione ed il disservizio sarà
      la normalità del futuro che ci
      aspetta!Per me e' una operazione da reseller vodafone, se usarrero questi capitali per migliorare i pacchi +3 di SDA farebbero meglio.Capitale pubblico che viene in aiuto al privato come al solito.Le tariffe come vediamo in questi ultimi giorni non miglioreranno essendo quasi un cartello.
  • Anonimo scrive:
    Tra un pò Poste Italiane
    Venderà anche frutta e vedura.Gli sportelli li hanno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tra un pò Poste Italiane
      Già ora vendono libri, cd musicali, codici postali, scope elettriche direttamente allo sportello. Ma anche motorini, crociere, televisori.. tutto ad un prezzo superiore alla media del mercato.Ma ci converrà comprare la verdura alle Poste?
  • Anonimo scrive:
    Una settimana perché arrivi un sms?
    Poste Italiane sarà anche operatore telefonico: ci metterà una settimana per far arrivare un sms?
    • Anonimo scrive:
      Re: Una settimana perché arrivi un sms?
      - Scritto da:

      Poste Italiane sarà anche operatore telefonico:
      ci metterà una settimana per far arrivare un
      sms?Ne ero sicuro che qualcuno avrebbe fatto questa battuta infelice
    • Anonimo scrive:
      Re: Una settimana perché arrivi un sms?
      si tratta di un operatore virtuale. significa che tutta la parte tecnica la gestisce vodafone( usi la rete vodafone, ed esattamente lo stesso servizio che avresti con vodafone). il trucco sta nel fatto che le poste ( o conad, o coop, o auchan) venderanno alla propria clientela senza intermediari e giocando su margini risicati per togliere clienti a vodafone, sfruttando i milioni di clienti. che già sciamano nei loro esercizi commerciali.immaginate se ad ogni titolare di conto bancoposta, o di postepay, o di libretto postale venisse offerta una sim card , magari con cellulare in comodato d'uso.l'unica cosa che mi fa un tantino sorridere è l'ostinazione con cui lo stato, cacciato dalla porta, periodicamente rientri dalla finestra nel settore delle telecomunicazioni....privatizzano telecom? ok, con i soldi ricavati si apre wind. qualcuno preso da pietà si compra wind ( la cui divisione di telefonia fissa non ha ancora fatto utili) ? bene, in assenza di una rete nostra l'affittiamo e creiamo il primo operatore virtuale d'italia ( da credo 5 anni tele2 implorava di poterlo fare...). comunque se la cosa va in porto sarò il primo a farlo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una settimana perché arrivi un sms?
        - Scritto da:
        l'unica cosa che mi fa un tantino sorridere è
        l'ostinazione con cui lo stato, cacciato dalla
        porta, periodicamente rientri dalla finestra la realta' e' che a POSTE ITALIANE lo stato anziche' dare dice loro "trovatevi da voi le risorse" per cui diventano banca, supermercato, tlc; se vai in posta apri un conto in dieci secondi, per una raccomandata aspetti mezz'ora
  • Anonimo scrive:
    Lo farò subito!
    Dopo essermi trovato benissimo con il conto corrente rispetto alle banche, abbandonerò la Wind (visti gli ultimi risvolti con wind10) e passerò a poste, GRANDI POSTE!!Voglio vedere cosa mi offrirà la wind quando si accorgerà che me ne sto andando.. :)Ahahah!!(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farò subito!
      trovato bene? Sul mercato ci sono almeno 10 offerte migliori di bancoposta, cerca cerca, sul forum non posso fare pubblicità :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farò subito!
      - Scritto da:
      Dopo essermi trovato benissimo con il conto
      corrente rispetto alle banche, abbandonerò la
      Wind (visti gli ultimi risvolti con wind10) e
      passerò a poste, GRANDI
      POSTE!!

      Voglio vedere cosa mi offrirà la wind quando si
      accorgerà che me ne sto andando..
      :)Loro puntano proprio sulla gente come te... e ce ne sono tanti in italia!Tutti felici e ignari di essere fregati...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farò subito!
      - Scritto da:
      Dopo essermi trovato benissimo con il conto
      corrente rispetto alle banche, abbandonerò la
      Wind (visti gli ultimi risvolti con wind10) e
      passerò a poste, GRANDI
      POSTE!!

      Voglio vedere cosa mi offrirà la wind quando si
      accorgerà che me ne sto andando..
      :)

      Ahahah!!(rotfl)Certo certo, vedrai come ti correrà dietro la Wind per non farti scappare...Tra Wind e le Poste poi, capirai che grandi cambiamenti in qualità...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farò subito!
      - Scritto da:
      Dopo essermi trovato benissimo con il conto
      corrente rispetto alle banche, abbandonerò la
      Wind (visti gli ultimi risvolti con wind10) e
      passerò a poste, GRANDI
      POSTE!!

      Voglio vedere cosa mi offrirà la wind quando si
      accorgerà che me ne sto andando..
      :)

      Ahahah!!(rotfl)forse tirerà un sospiro di sollievo (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    il problema di posteitaliane
    tutto ciò, bellissimo sulla carta, non farà che aggravare la situazione agli sportelli degli uffici postali.Adesso, con il conto bancoposta, la lunghezza delle code (e relativi tempi di attesa) agli sportelli si è dilatata a dismisura, perché a parità di numero di sportelli ( e operatori), la durata media della singola operazione è aumentata.Se infatti per un pagamento servono uno o due minuti, sempre più spesso si trova l'utente di conto corrente postale che fa operazioni che occupano lo sportello per decine di minuti.Se si mettono anche a fare contratti telefonici, siamo rovinati.Sarà la fortuna dell'online banking, strumento oramai indispensabile per evitare code di mezze giornate per pagare una bolletta di pochi euro...
    • Anonimo scrive:
      Re: il problema di posteitaliane
      Sarà, io con bancoposta mi trovo benissimo, anche per quanto riguarda il servizio on-line.Per quanto riguarda le file ho notato una cosa:Se la gente fa la fila alla posta, si lamenta...Se la gente fa la fila alla banca (e che file da noi!), sta zitta e buona in ordine! (sudditanza psicologica... :@)
      • Anonimo scrive:
        Re: il problema di posteitaliane
        - Scritto da:
        Sarà, io con bancoposta mi trovo benissimo, anche
        per quanto riguarda il servizio
        on-line.Beato te, ;) purtroppo molte operazioni non tutti possono farle online (per ignoranza, incompetenza, impossibilità, mancanza di strumenti, ecc)...e quindi tutti alle Poste. Inoltre già si fa la fila nei negozi degli operatori mobili (che fanno solo quello)... tremo nel pensare cosa accadrà. :)
        Per quanto riguarda le file ho notato una cosa:
        Se la gente fa la fila alla posta, si lamenta...
        Se la gente fa la fila alla banca (e che file da
        noi!), sta zitta e buona in ordine! (sudditanza
        psicologica...
        :@)Il problema, per me, è nella differente qualità del servizio... in banca faccio la fila, ma so che il bonifico arriverà e che di fronte a me avrò una persona competente.Alle poste faccio la fila, e poi spero che tutto vada bene.
        • mimmo70 scrive:
          Re: il problema di posteitaliane
          Il sistema bancario è connesso in rete come lo è ovviamente le poste italiane, quindi, il bonifico arriva sicuramente a destinazione.Che differenza fa tra le due persone che trovi dietro lo sportello bancario e quello delle poste, per semplici operazioni quali bonifico, versamento ecc...?Vorrai dire che la competenza della banca riguarda piu' che altro investimenti di un certo tipo.
      • Anonimo scrive:
        Re: il problema di posteitaliane
        - Scritto da:
        Sarà, io con bancoposta mi trovo benissimo, anche
        per quanto riguarda il servizio
        on-line.
        Si' talmente fantastico che costa una cifra ogni volta che prelevi costa 1 euro, non funziona come conto corrente per farsi pagare dall'estero... non puoi fare trading, ti cercano di propinare pseudo fondi ogni volta che parli con la direttrice mercenaria...contento tu!Io se fossi in te mi farei una banca seria, magari online...
        • Anonimo scrive:
          Re: il problema di posteitaliane
          - Scritto da:
          Si' talmente fantastico che costa una cifra ogni
          volta che prelevi costa 1 euro,Questa dove l'hai letta?No, perché è una panzana grossa grossa...
      • Anonimo scrive:
        Re: il problema di posteitaliane

        Se la gente fa la fila alla posta, si lamenta...
        Se la gente fa la fila alla banca (e che file da
        noi!), sta zitta e buona in ordine! (sudditanza
        psicologica...Fila in Banca? Mai fatta. Ma che Banca hai?
    • Anonimo scrive:
      Re: il problema di posteitaliane
      - Scritto da:
      tutto ciò, bellissimo sulla carta, non farà che
      aggravare la situazione agli sportelli degli
      uffici
      postali.concordo! Gia' ora se vai in banca per spedire una raccomandata o per qualunque altro servizio "postale" sei discriminato. Ormai la priorita' e' ad altre cose e ti devi rassegnare ad una lunga fila all'unico sportello "postale" rimasto.
    • Anonimo scrive:
      Re: il problema di posteitaliane
      - Scritto da:
      Adesso, con il conto bancoposta, la lunghezza
      delle code (e relativi tempi di attesa) agli
      sportelli si è dilatata a dismisura, perché aConcordo! Al mio paese (piccolo) c'è UNO sportello solo e un impiegato solo che si sobbarca prodotti postali e bancari. Così se devo mandare una raccomandata impiego almeno 45 minuti.Già adesso quando vedo che davanti a me c'è un over 50 che deve fare operazioni bancarie esco e torno un altro giorno. Non oso pensare se dovessero arrivare anche coi telefonini ... dio ce ne scampi!SMETTELA DI FARE ALTRI LAVORI E CONTINUATE A FARE LE POSTE CHE ANDAVA TUTTO BENISSIMO!P.s. Ma alternative alle poste, per spedire piccoli/grandi pacchetti esistono?
      • Anonimo scrive:
        Re: il problema di posteitaliane


        P.s. Ma alternative alle poste, per spedire
        piccoli/grandi pacchetti
        esistono?si, ma essendo più professionali costano di più.anche per la posta raccomandata si può fare a meno delle poste.
      • mimmo70 scrive:
        Re: il problema di posteitaliane
        Il problema secondo me è proprio la mancanza di investimenti nel personale e nelle strutture, per quanto riguarda le poste italiane. Risultato: una lamentela continua.Sono anni che non faccio fila alla posta, mi è capitato si e no 2/3 volte di farla perchè mi trovavo di passaggio dinanzi ad un ufficio postale.Ma come ogni struttura ove la gente interna è stata assunta per partito politico, il risultato è questo.
        • Anonimo scrive:
          Re: il problema di posteitaliane
          - Scritto da: mimmo70
          Il problema secondo me è proprio la mancanza di
          investimenti nel personale e nelle strutture, per
          quanto riguarda le poste italiane. Risultato: una
          lamentela
          continua.

          Sono anni che non faccio fila alla posta, mi è
          capitato si e no 2/3 volte di farla perchè mi
          trovavo di passaggio dinanzi ad un ufficio
          postale.

          Ma come ogni struttura ove la gente interna è
          stata assunta per partito politico, il risultato
          è
          questo.
          Hai ragione, basti pensare che ci lavora teppaglia come avvelenato...
    • Anonimo scrive:
      Re: il problema di posteitaliane
      Oltre alla coda d'affrontare esiste anche il problema che molta gente semplicemente non ha capito a quale sportello deve presentarsi...Le poste devono fare le poste. Period.
      • mimmo70 scrive:
        Re: il problema di posteitaliane
        L'Italia è un paese di pensionati,L'Italia è governato dai pensionati.La maggior parte dei pensionati è talmente DURA di cervello che meglio lasciar perdere e convivere con questa situazione allucinante. Non è facile far migrare la pensione dei pensionati su un conto corrente tipico bancoposta a costo 0: non lo capiscono ? non lo accettano ?... dilemma da Discovery Channel.Per quanto mi riguarda non avro' mai il problema della pensione... con i contratti a progetto la mia pensione sara' futuristica e rivalutata al 3012 con la moneta nuova: lo scudo!
      • Anonimo scrive:
        Re: il problema di posteitaliane

        Molti anziani "vivono" dentro la posta e non
        hanno nient'altro da fare, e l'idea di fargli
        fare un conto corrente è fantascienza pura...
        Piuttosto perché non parliamo di spostare tutti i
        servizi che si devono pagare obbligatoriamente
        alla posta verso le banche? Sarebbe la volta
        buona che le chiudono queste benedette
        poste...non è tanto un problema di mentalità, è un tantino più complicato.per prima cosa gli anziani di solito ci vedono poco , quindi meno scartoffie vedono e meglio stanno. seconda cosa : tendono a non spostarsi volentieri , quindi l'idea di uscire di casa per andare al bancomat non li entusiasma. terzo : per chi è nato prima della guerra la carta moneta ha un valore simbolico molto forte: in posta ho visto vecchiette incavolarsi da matti quando l'impiegata proponeva di depositare la pensione su un conto o su un libretto.credo che di base non si fidino degli impiegati postali.
        • Anonimo scrive:
          Re: il problema di posteitaliane
          - Scritto da:

          Molti anziani "vivono" dentro la posta e non

          hanno nient'altro da fare, e l'idea di fargli

          fare un conto corrente è fantascienza pura...

          Piuttosto perché non parliamo di spostare tutti
          i

          servizi che si devono pagare obbligatoriamente

          alla posta verso le banche? Sarebbe la volta

          buona che le chiudono queste benedette

          poste...


          non è tanto un problema di mentalità, è un
          tantino più
          complicato.

          per prima cosa gli anziani di solito ci vedono
          poco , quindi meno scartoffie vedono e meglio
          stanno. seconda cosa : tendono a non spostarsi
          volentieri , quindi l'idea di uscire di casa per
          andare al bancomat non li entusiasma. terzo : per
          chi è nato prima della guerra la carta moneta ha
          un valore simbolico molto forte: in posta ho
          visto vecchiette incavolarsi da matti quando
          l'impiegata proponeva di depositare la pensione
          su un conto o su un libretto.credo che di base
          non si fidino degli impiegati
          postali.Purtroppo per te, la maggior parte degli anziani che staziona a far perdere tempo agli altri ha libretti postali a 4/5 zeri, ma di far depositare la pensione non se ne parla... @^ @^
        • Anonimo scrive:
          Re: il problema di posteitaliane
          - Scritto da:

          Molti anziani "vivono" dentro la posta e non

          hanno nient'altro da fare, e l'idea di fargli

          fare un conto corrente è fantascienza pura...

          Piuttosto perché non parliamo di spostare tutti
          i

          servizi che si devono pagare obbligatoriamente

          alla posta verso le banche? Sarebbe la volta

          buona che le chiudono queste benedette

          poste...


          non è tanto un problema di mentalità, è un
          tantino più
          complicato.

          per prima cosa gli anziani di solito ci vedono
          poco , quindi meno scartoffie vedono e meglio
          stanno. seconda cosa : tendono a non spostarsi
          volentieri , quindi l'idea di uscire di casa per
          andare al bancomat non li entusiasma. terzo : per
          chi è nato prima della guerra la carta moneta ha
          un valore simbolico molto forte: in posta ho
          visto vecchiette incavolarsi da matti quando
          l'impiegata proponeva di depositare la pensione
          su un conto o su un libretto.credo che di base
          non si fidino degli impiegati
          postali.....Sono l'auore del post delle 10:17....Una contraddizione nel tuo post secondo me esiste:Il pensionato per uscire e prelevare il contante che gli serve con il bancomat della posta fa fatica, mentre uscire per recarsi negli stessi locali creando ingorghi a non finire quando pagano le pensioni invece è normale?Capisco le abitudini, ma uscire per uscire...Ha dimenticavo: dopo vanno al bancomat della loro banca e li usando il bancomat della banca prelevano soldi: farlo anche alla posta no!Capisco tante cose, ma quella di sparare sui dipendenti no: esistono mele marce come in tutti i posti, ma la maggior parte di loro, pur essendo trattati a pesci in faccia dagli utenti(che si guardano bene dal ripetere certi comportamenti mentre fanno la coda in banca) cerca di essere gentile e risolvere problemi che gli stessi utenti in banca non creano forse temendo il "bancario"...Trattasi forse di ineducazione? Più di una volta in coda, nell'ufficio dove lavora mia moglie, grazie a queste persone ho assistito a scene degne di un romanzo di avventura demenziale... e sono già al terzo interveto dei Carabinieri cui assisto per liti per il posto tra pensionati che poi venendo al dunque a)non era il loro giorno di pagamento pensione b)non avevano preso il numero per prenotarsi...
Chiudi i commenti