Italia/ Gli editori di videogame uniscono le forze

Al grido di Tutti per Uno-Uno per Tutti i grossi editori di games attivi in Italia partoriscono la prima associazione di settore. Contro pirateria e disinformazione


Milano – “Stop alla disinformazione sul mondo dei videogame. Stop al dilagante fenomeno della pirateria informatica. Adesso finalmente nasce AESVI”.

Così proclama il primo comunicato stampa emesso dalla neonata Associazione Editori Software Videoludico Italiani, una sigla che, su iniziativa di alcune tra le principali multinazionali nel campo dei videogiochi e dell’intrattenimento multimediale, si pone l’obiettivo di diventare il punto di riferimento di un settore dal peso sempre più rilevante nell’economia e nel tempo libero degli italiani.

Nata dall’iniziativa di sei grossi editori di videogiochi presenti sul territorio italiano – Disney Interactive, Electronic Arts, Infogrames, Microids, Ubi Soft e Vivendi Universal Interactive Publishing – l’associazione no profit AESVI sembra voler mettere in atto un ventaglio di iniziative senza precedenti per l’industria videoludica italiana, iniziative che avranno principalmente lo scopo di “promuovere la cultura del videogioco e sviluppare iniziative a tutela del settore, gestire attività di formazione e informazione sul pubblico e sulle istituzioni”.

Se una tale “macchina da guerra” si è oggi messa in moto, non c’è alcun dubbio su cosa questo significhi: i videogiochi, anche qui in Italia, sono ormai divenuti un business di primo piano.

Uscito dalla sua pubertà, il mercato videoludico italiano sembra pronto ad accogliere quel boom che l’industria del settore già sta assaggiando negli Stati Uniti e in Giappone. Secondo l’AESVI, “in Italia il settore del software d’intrattenimento sviluppa un mercato in forte crescita”, un mercato che, secondo le stime dell’IDG, quest’anno varrà 431 milioni di euro ed entro il 2003 dovrebbe raggiungere i 630 milioni.

In un tale scenario, le case editrici sembrano ora avere forza sufficiente non soltanto per far sentire la loro voce, a livello di media come a livello di istituzioni, ma anche per dare il via a quella che si prospetta come la più grande campagna anti-pirateria nel settore. E c’è chi teme, sotto questo profilo, che l’AESVI possa assumere i connotati di una piccola BSA dei videogiochi.

L’associazione promette però anche di “individuare modalità e occasioni nuove e alternative di incontro con il pubblico” e di occuparsi dei temi che gli utenti pongono, e hanno posto in questi anni, all’industria del settore: primo fra tutti i prezzi dei giochi, ritenuti dalla stessa AESVI “il più delle volte eccessivamente alti”. Un bel passo avanti rispetto all’intransigente chiusura del passato.

Punto Informatico conta di fornire maggiori dettagli sugli scopi e sulle iniziative dell’AESVI, ed in particolare sullo scottante tema della pirateria, dei prezzi dei giochi e della cultura videoludica, in un prossimo articolo in cui si riporterà anche l’intervista ad uno dei dirigenti dell’associazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Povero zio Billy...
    cacchio, quasi quasi mi fa pena sto pover'uomo... cioe', non gli basta essere l'uomo piu' ricco del mondo - questo vuole essere anche IL PIU' STRONZO!!! ma perche' invece di fare le pulci ai poverazzi non pensa a produrre software decente e ad abbassare i prezzi questo qui??? allora si' che alla fine puo'pretendere che gli si paghi quanto gli e' dovuto!
    • Anonimo scrive:
      Re: Povero zio Billy...
      Pretendere che si paghino i suoi prodotti mi sembra lecito per una società commerciale. Se poi ti fanno schifo i suoi prodotti non comprarli.
      • Anonimo scrive:
        Re: Povero zio Billy...
        MA IO SONO INCAZZATO PROPRIO PERCHE LI PAGO PORCAZZOZZA! io sono OBBLIGATO dall'uomo piu' stronzo, e non dimentichiamoci, RICCO del mondo a comprare la sua cacca perche' LUI in tutti questi anni si e' dato da fare per fare TERRA BRUCIATA e MONOPOLIZZARE il mercato dei sistemi operativi che, se non lo sai, servono a far girare i programmi con cui LAVORIAMO tutti i giorni. E quindi visto che non ha da conquistare piu' il mercato, perche' ce l'ha in pugno, non e' giusto che "lo stronzo" venda a quei prezzi un software che non lo vale - continuerebbe a essere straricco anche vendendolo a un quarto del prezzo attuale, consentendo anche a un povero studentello a comprarlo senza chiedere elemosina.- Scritto da: Antibufala
        Pretendere che si paghino i suoi prodotti mi
        sembra lecito per una società commerciale.
        Se poi ti fanno schifo i suoi prodotti non
        comprarli.
        • Anonimo scrive:
          Re: Fomentiamo l'illegalità !
          Nessuno ti obbliga !Usa Linux che è gratis, se non vuoi pagare.E poi praticamente stai giustificando quelli che vendono i cd pirata senza licenza, un'attività assolutamente illegale !Quando Netscape faceva pagare 200.000 lire un browser e aveva l'80% del mercato ce l'avevi con il presidente della Netscape che era il più stronzo di tutti ?Mi sa che tu non sai neppure chi è il presidente della Netscape !Te la prendi solo con Bill Gates...Ormai è di moda prendersela con Bill Gates...
          • Anonimo scrive:
            Re: Fomentiamo l'illegalità !

            Mi sa che tu non sai neppure chi è il
            presidente della Netscape !
            Te la prendi solo con Bill Gates...
            Ormai è di moda prendersela con Bill Gates...E' rimasto solo lui, con chi vuoi prendertela?Comprare a quel prezzo i suoi S.O e' come pagare una fiat panda 30.000.000. Non e' tutta schifezza quella che fa, sono i prezzi RIDICOLI che propone. Ragazzi drive image costa Lire 100.000 è un piacere acquistare software cosi'.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Fomentiamo l'illegalità? Fammi il piacere!

            Quando Netscape faceva pagare 200.000 lire un browser e aveva l'80% del mercato ce l'avevi con il presidente della Netscape che era il più stronzo di tutti ?Scusa.Mi puoi fare i nomi di almeno dieci persone che conosci e che abbiano pagato le duecentomila per il browser di Netscape?Quando hai trovato i dieci nomi, vorresti accertarti dell'eventuale illegalita' commessa da queste persone?Infine, se non sai di che cosa stai parlando e non conosci/non leggi le licenze, vorresti evitare di scrivere boiate senza senso?Grazie.Carlo S.PS: Ti ricordo che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti NON ha aperto un'inchiesta contro Netscape per abuso di posizione dominante. Forse "ti e' sfuggita" anche questa. Ma si sa: in mezzo a tante boiate...
        • Anonimo scrive:
          Re: Povero zio Billy...
          Ma sei limitato cerebralmente ? Ma perchè non ti installi Linux (redHat, Mandrake, Suse, scegli tu) e non rompi ? Se dove lavori usano Windows e ti fa schifo, allora ti fa schifo quel posto di lavoro. Cambia società. Ormai ce ne sono tante che lavorano con Linux.Mi sa tanto che il monopolio te lo sei creato anche nella testa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Povero zio Billy...
            senti ma tu, quanti anni hai? no te lo chiedo perche' mi sembri molto giovane ma tanto giovane che secondo me tu un lavoro o non ce l'hai mai avuto oppure per te il lavoro e' solo un passatempo non una necessita' - poi io non ho scritto quello che ho scritto per ROMPERE perche se ti rompo puoi anche evitare di di seguire questo thread cosi' come io dovrei evitare di comprare da zio billy, caro Antibufala...
          • Anonimo scrive:
            Re: Povero zio Billy...

            senti ma tu, quanti anni hai? no te lo
            chiedo perche' mi sembri molto giovane ma
            tanto giovane che secondo me tu un lavoro o
            non ce l'hai mai avuto oppure per te il
            lavoro e' solo un passatempo non una
            necessita' Dimostri l'ennesima volta di non aver capito nulla.
            - poi io non ho scritto quello
            che ho scritto per ROMPERE perche se ti
            rompo puoi anche evitare di di seguire
            questo thread cosi' come io dovrei evitare
            di comprare da zio billy, caro Antibufala...Tu hai scritto che qualcuno ti obbliga a comorare ed usare programmi Microsoft. E ti rispondo che nessuno lo fa, anzi, se preferisici puoi cercarti una bella azienda che lavora con Linux o Unix. Sono tante e hanno bisogno. Pare che tu questo non lo sappia e quindi mi sembra che tu sia a digiuno di anni di esperienza. Apri gli occhi bello.
  • Anonimo scrive:
    Hanno fatto la loro fortuna con le copie illegali
    Quante persone comprano Windows e Office??Io dico al max il 20%Windows sta sul 90% dei computer xchè la gente lo copia + facilmente di un compito un classe.....Io sono un felice utente Linux
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto la loro fortuna con le copie illegali
      Beh, questa non è propriamente una giustificazione. Però nessuno vieta ai colossi dell'hardware di imporci l'acquisto di un PC con Windows a bordo: e se non lo volessi?Hai visto poi certi prezzi di personal comprendenti Windows: siamo sicuri che tutti paghino gli stessi diritti (in soldoni) per preinstallare Windows?Un pò di tempo fa ho proposto una considerazione, che poi ha sollevato risposte feroci e sgarbate. Ebbene la ripropongo ancora, ovvero: come mai è sceso di molto il prezzo dei pc e delle periferiche (che contengono anche loro software, che qualcuno stipendiato scrive...) ma non quello di Windows?
  • Anonimo scrive:
    Come farà Billy a mangiare?
    "...copiare l'opera di un autore significa derubare quest'ultimo, ma anche l'utente, il rivenditore onesto e il mercato nella sua globalità"." Mi sono quasi commosso. Organizziamo una lotteria di beneficenza????
  • Anonimo scrive:
    Istigazione a reato ?
    BSA: come fanno a coglierti in fragranza (storia realmente accaduta. Sintesi):- un giovane studente universitario entra nel negozio e chiede di un computer per scrivere la tesi.- il negoziante gli fa un preventivo all inclusive.- lo studente guarda il preventivo e vede la voce "licenza M$ - winxx" Lit. yyyyy. Chiede al negoziante di poter risparmiare quei soldi.- il negoziante dice che non puo'.- lo studente insiste, dimostrando che e' molto squattrinato ma che del computer ne ha estremo bisogno. Chiede una copia dell'OS.- il negoziante non vuole perdere la vendita e fa una copia del CD dell'OS ma non gli da' i codici di installazione: sara' lo studente a procurarseli.- lo studente ringrazia e fissa l'appuntamento con negoziante per la consegna del computer.- lo studente passa a ritirare il computer, poi con la scusa della macchina in divieto esce dal negozio e rientra accompagnato da due avvocati e dalla GDF.Mi pare che ci sia tutto il necessario per l'Istigazione a reato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Istigazione a reato ?
      Un negoziante NON odvrebbe copiare software allo studentello.Tanto cosa ci guadagna??? cinquemila lire a farla grande.Se non glielo copia è in regola, lo studente tanto se lo procura da qualche altra parte di sicuro...Direi che se succede così come hai scritto tu lo scemo è proprio il negoziante...- Scritto da: LookOut
      BSA: come fanno a coglierti in fragranza
      (storia realmente accaduta. Sintesi):

      - un giovane studente universitario entra
      nel negozio e chiede di un computer per
      scrivere la tesi.
      - il negoziante gli fa un preventivo all
      inclusive.
      - lo studente guarda il preventivo e vede la
      voce "licenza M$ - winxx" Lit. yyyyy. Chiede
      al negoziante di poter risparmiare quei
      soldi.
      - il negoziante dice che non puo'.
      - lo studente insiste, dimostrando che e'
      molto squattrinato ma che del computer ne ha
      estremo bisogno. Chiede una copia dell'OS.
      - il negoziante non vuole perdere la vendita
      e fa una copia del CD dell'OS ma non gli da'
      i codici di installazione: sara' lo studente
      a procurarseli.
      - lo studente ringrazia e fissa
      l'appuntamento con negoziante per la
      consegna del computer.
      - lo studente passa a ritirare il computer,
      poi con la scusa della macchina in divieto
      esce dal negozio e rientra accompagnato da
      due avvocati e dalla GDF.

      Mi pare che ci sia tutto il necessario per
      l'Istigazione a reato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Istigazione a reato ?
      eeeeh? e tu questa notizia la butti li' cosi??? ma qui ce n'e' abbastanza per fare uno scandalo - adesso tu contatti la redazione di PI e domani loro la pubblicano come hanno fatto con questa qui!
      • Anonimo scrive:
        Re: Istigazione a reato ?
        - Scritto da: astelix
        eeeeh? e tu questa notizia la butti li'
        cosi??? ma qui ce n'e' abbastanza per fare
        uno scandalo - adesso tu contatti la
        redazione di PI ....Basta leggere Reseller Weekly (che oltretutto e' ben sponsorizzato da Microsoft). In un arretrato trovi tutta la storia. Lo so che quello che stanno fancedo e' scandaloso, ma nessuno ha ancora sollevato la questione seriamente.
  • Anonimo scrive:
    scusa...ma.....
    se ho una rete nt (e questa non si puo' cambiare!! altrimenti un sw gestionale per la mmia azienda me lo fa tu se metto linux!!!) che cazzo di server di posta proporresti??grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: scusa...ma.....
      - Scritto da: marco
      se ho una rete nt (e questa non si puo'
      cambiare!! altrimenti un sw gestionale per
      la mmia azienda me lo fa tu se metto
      linux!!!) che cazzo di server di posta
      proporresti??
      grazieQuesta poi è davvero buona! Al di là delle simpatie/antipatie Microsoft/Linux tutti (TUTTI) quelli che hanno studiato seriamente informatica si sono formati su Unix. Che cacchio di softwarehouse frequenti??
  • Anonimo scrive:
    Microsoft = GDF?
    Il rispetto della legge non deve essere affidato a questi delatori.
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft = GDF?
      Microsoft non è la guardia di finanza: il consorzio BSA è costituito da Adobe, Apple Computer, Autodesk, Bentley Systems, Compaq, IBM, Intel, Intuit, Lotus Development, Macromedia, Microsoft, Network Associates, Novell, Sybase e Symantec. In Italia, oltre ai soci internazionali, BSA comprende Assintel, HiT Software, OEMF e SAP.sono produttori di beni che hanno tutto il diritto di difendere il loro lavoro.tu cosa fai nella vita: vivi d'aria? se qualcuno ti rubasse soldi dal portafoglio, cosa fai gli sorridi? siate meno stupidi, grazie
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft = GDF?
        - Scritto da: Vic
        Microsoft non è la guardia di finanza: il
        consorzio BSA è costituito da Adobe, Apple
        Computer, Autodesk, Bentley Systems, Compaq,
        IBM, Intel, Intuit, Lotus Development,
        Macromedia, Microsoft, Network Associates,
        Novell, Sybase e Symantec. In Italia, oltre
        ai soci internazionali, BSA comprende
        Assintel, HiT Software, OEMF e SAP.

        sono produttori di beni che hanno tutto il
        diritto di difendere il loro lavoro.
        tu cosa fai nella vita: vivi d'aria? se
        qualcuno ti rubasse soldi dal portafoglio,
        cosa fai gli sorridi? siate meno stupidi,
        grazieQua l'unico Ottuso Sei tu ...Loro non vendono Impongono di acquistare i loro prodotti !!!Con la lore politica commerciale hanno monopolizzato il mercato .Giocando anche sporco ... e adesso si ergono a difensori della giustizia per lavarsi le mani.,.Ma fammi il piacere prova nel frattempo a restituire una licenza originale M$ venduta insieme al pc a vedere se ti riesce !!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft = GDF?
          Grazie per l'ottuso.1. Monopolizzazione del mercato: cosa fumi, Malboro?, cosa bevi, Ceres?, cosa mangi McDonalds?, cosa guidi, GT Turbo Aspirato doppio camme in testa 250 orari 100KM i 4 secondi netti?. con cosa ti curi, Bayer?2. Restituzione licenza MS: leggiti le condizioni di acquisto, lì c'è scritto.Siate coerentiCiao
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft = GDF?
            le società come "ceres"o "marlboro" in ogni caso non hanno il monopolio del merato
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft = GDF?
            - Scritto da: Vic
            Grazie per l'ottuso.
            1. Monopolizzazione del mercato: cosa fumi,
            Malboro?, cosa bevi, Ceres?, cosa mangi
            McDonalds?, cosa guidi, GT Turbo Aspirato
            doppio camme in testa 250 orari 100KM i 4
            secondi netti?. con cosa ti curi, Bayer?Tutti monopoli, vero ?
            2. Restituzione licenza MS: leggiti le
            condizioni di acquisto, lì c'è scritto.Non ti era stato chiesto di leggere l'EULA... ti era stato chiesto di provare ad ottenere il rimborso... Se l'italiano non è un opinione direi che sono due cose diverse....
            Siate coerentiAnche tu...
  • Anonimo scrive:
    E gli extracomunitari...
    ...che vendono CD audio, software, giochi per PC, Dreamcast, Playstation e Playstation 2, nonche' film in DVD per strada a 10.000 lire??? A questi non dicono niente perche' "poverini" devono pur mangiare... MAH!
    • Anonimo scrive:
      Re: E gli extracomunitari...
      - Scritto da: Olmo
      ...che vendono CD audio, software, giochi
      per PC, Dreamcast, Playstation e Playstation
      2, nonche' film in DVD per strada a 10.000
      lire??? A questi non dicono niente perche'
      "poverini" devono pur mangiare... MAH!----

      E' interessante notare, con questo filino di ironia razzista, quanto sia microscopica la mentalita' di certi italioti....
      • Anonimo scrive:
        Re: E gli extracomunitari...
        - Scritto da: ZiuSkoz


        - Scritto da: Olmo

        ...che vendono CD audio, software, giochi

        per PC, Dreamcast, Playstation e
        Playstation

        2, nonche' film in DVD per strada a 10.000

        lire??? A questi non dicono niente perche'

        "poverini" devono pur mangiare... MAH!

        ----

        E' interessante notare, con questo
        filino di ironia razzista, quanto sia
        microscopica la mentalita' di certi
        italioti....Veramente non è ironia razzista ma è la sentenza di un tribunale di qualche tempo fà .......P.S. "italioti" ? Non sarai mica razzista ?
        • Anonimo scrive:
          Re: E gli extracomunitari...
          quoque tu Tex,e pensare che una volta fumavi il calumet della pace insieme agli indiani,oggi gli dici di non russare se dormono sotto la tua finestra....
          • Anonimo scrive:
            Re: E gli extracomunitari...
            - Scritto da: tony OT clifton
            quoque tu Tex,
            e pensare che una volta fumavi il calumet
            della pace insieme agli indiani,
            oggi gli dici di non russare se dormono
            sotto la tua finestra....TeX e non Tex !!!!!E poi abito al quarto piano: possono russare quanto gli pare sotto la mia finestra !!!! :-)
      • Anonimo scrive:
        Razzista?!?
        A Napoli i carabinieri passeggiano tranquillamente davanti ad una vecchietta che fa l'ambulante di sigarette di contrabbando (immagine televisiva di non troppo tempo fa) e tu parli di RAZZISMO?Ma con quale diritto? Chi credi di essere?A Verona non ho mai visto una scena del genere in 35 anni di vita.Sara' perche' sono razzista, vero?Ma vaffan*ulo!ebreo
      • Anonimo scrive:
        Re: E gli extracomunitari...
        Non perdiamo più tempo con questi "italiani piccoli piccoli" e razzisti.Sarei proprio curioso di vedere se nei loro hard disk i programmi sono tutti originali. Che ipocriti.
    • Anonimo scrive:
      Re: E gli extracomunitari...
      il poverino sei tu.pensi che i senegalesi che vendono sui marciapiedi se le masterizzino da soli i CD??o gli arrivano belli e pronti dalla mamma africa?dietro ci sono centri di duplicazione e distribuzione controllati da mafia e camorra (fenomeni tipicamente italiani, esportati all'estero, che ci rendono noti più dei jeans di Armani) di cui però gente meschina come te fa finta di non sapere, e poi magari sei anche uno che compra le sigarette di contrabbando....ma fammi il piacere!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: E gli extracomunitari...
        e invece ti sbagli conosco un bel team in Bari misto di senegalesi ed algerini che masterizzano roba che gli arriva (la comprano o se la fanno mandare) per posta e con un macchinario che fa 20 cd per volta sfornano pizzette a ripetizione e vendono nei pressi di un Computer Discount in questo campo mafia e camorra italiana a confronto son dilettatni questi a Torino la scorsa settimana un gruppo NON ITALIANO (vabbe' mi autocensuro che è meglio e non dico la nazionalità) cercava di piazzare notebook Compaq rubati del valore di 5 milioni l' uno a solo 1,5 milioni a pezzo.Fate meno dietrologie!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: E gli extracomunitari...
          se si continua a ragionare in questo modo, con io ho visto..., io ho sentito..., mi hanno raccontato che... non si finisce più.Se vi interessa togliere la testa dalla sabbia, allora andatevi a leggere le statistiche sulla criminalità in Italia e guardate se ai primi posti ci sono i senegalesi o gli algerini, se invece volete continuare ad ascoltare le stupidate di Bossi e compagnia brutta...fate puresaluti
  • Anonimo scrive:
    Open Source
    La M$ è nel suo diritto quando persegue chi pirata i suoi prodotti (intendiamoci, non che l'uscita di versioni crackate di XP prima del rilascio ufficiale del sistema operativo non faccia venire sospetti sulla serieta' di certi discorsi...).Comunque esistono delle alternative gratuite e legali: OpenOffice/StarOffice, ad esempio. La versione 5.2 e' prelevabile gratuitamente da www.sun.com/staroffice, mentre la beta 6.0 si trova su www.openoffice.org e sul sito della stessa Sun. StarOffice nella versione 6.0 definitiva uscira' a febbraio.Anche il sistema operativo MS non è obbligatorio. Linux è un'ottima alternativa. Io lo uso per lavoro, e ne sono del tutto soddisfatto. Provare per credere. Se ve lo fate installare a fianco dell'altro, non avete nulla da perdere, no? Dopo un mesetto che lo usate provate a rimettervi di fronte ad un PC Winzozz :-)StarOffice/OpenOffice, una marea montante di programmini di utilita' e tantissimi altri software scientifici e/o di grafica per Linux si trovano gratis su Internet. Se proprio vi capita un'applicazione che richiede M$, quella si potrà sempre acquistare. Pensate al risparmio sul resto, pero'.E per finire, eccovi i miei tre repertori di software per DOS/Winzozz preferiti, che frequentavo prima del grande salto...http://www.completelyfreesoftware.comhttp://www.freebyte.comhttp://www.freedos.org (questo e' il sito ufficiale di FreeDOS, una versione non MS del DOS rilasciata con licenza GNU/GPL; qui trovate un'interessante sezione dedicata a vecchi programmi DOS di gran qualita')
    • Anonimo scrive:
      dimmi una cosa
      se uso star office e sul server gira exchange server, come faccio con la posta interna dell'azienda?Esiste un client di posta elettronica (gratuito) che mi permetta di "pescare" sulle cartelle di exchange server?
      • Anonimo scrive:
        Re: dimmi una cosa
        - Scritto da: marco
        se uso star office e sul server gira
        exchange server, come faccio con la posta
        interna dell'azienda?
        Esiste un client di posta elettronica
        (gratuito) che mi permetta di "pescare"
        sulle cartelle di exchange server?----

        risposta quasi automatica: cambia server di posta!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: dimmi una cosa

        (gratuito) che mi permetta di "pescare"
        sulle cartelle di exchange server?Exchange server? Siamo alle solite.... Prima vi affidate ai prodotti proprietari, progettati apposta per integrarsi solo ed esclusivamente con altri prodotti della stessa ditta, magari utilizzando protocolli proprietari, e poi chiedete che sia la concorrenza ad adattarsi...Exchange server? E perchè? Perchè paghi per avere meno? E metti un server di posta serio (e gratuito) e standard.Cordialmente
      • Anonimo scrive:
        Re: dimmi una cosa
        Il prezzo di un client Outlook 2002 è compreso nel prezzo della casella di posta (almeno era così fino a giugno).Comunque Exchange ha la possibilità di accettarei seguenti protocolli client:- client MAPI (ce n'erano freeware tempo fa)- client POP3 (POP3 fa schifo ma Exchange lo supporta)- client IMAP (fa un po' meno schifo di POP3 e ci sono centinaia di client scaricabili su internet)- client WEB (IE funziona meglio per via del DHTML, ma anche Netscape e Opera vanno bene: Exchange è in grado di riconoscere da chi arriva la richiesta e adattare l'HTML di conseguenza)Puoi pure accedere alla tua mailbox usando il webfolder access (cioè apri la tua inbox come se fosse una share di rete).Inutile dire che dipende da cosa l'amministratore di sistema ha aperto. In teoria potrebbe aver chiuso ognuno di questi protocolli.Gli altri ti dicono di cambiare server di posta perché in realtà non sanno neppure di avere tutta questa libertà di scelta nel client.- Scritto da: marco
        se uso star office e sul server gira
        exchange server, come faccio con la posta
        interna dell'azienda?
        Esiste un client di posta elettronica
        (gratuito) che mi permetta di "pescare"
        sulle cartelle di exchange server?
  • Anonimo scrive:
    .........MA FATEMI IL PIACERE......!!
    La Microsoft piange miseria e lamenta perdite miliardarie.....Poveracci!!MA FATECI IL PIACERE!!In quanto ai mistery shopper, farebbero bene a camuffarsi come si conviene, o dalle mie parti rischierebbero di tornarsene a casa con il sedere impallinato!!
    • Anonimo scrive:
      Re: .........MA FATEMI IL PIACERE......!!
      le tue parti quali sono?....le controllate direttamente? sono quei posti dove giustizia, legge, diritti e doveri ve li gestite direttamente VOI ????io PAGO un sacco di tasse ogni anno!!!mi fanno schifo quelli come i PIRATI e gli EVASORI che vivono sulla mia fatica e sulla fatica degli altri onesti cittadini, sfruttando le infrastrutture pubbliche che PAGHIAMO NOI!!!e poi magari protestano anche!!!Spero che un delatore (benedetto) che ti conosce ti denunci.
      • Anonimo scrive:
        Re: .........MA FATEMI IL PIACERE......!!
        - Scritto da: Medioman
        io PAGO un sacco di tasse ogni anno!!!
        mi fanno schifo quelli come i PIRATI e gli
        EVASORI che vivono sulla mia fatica e sulla
        fatica degli altri onesti cittadini,
        sfruttando le infrastrutture pubbliche che
        PAGHIAMO NOI!!!A proposito di infrastrutture pubbliche che PAGHIAMO NOI : possibile che nell' amministrazione pubblica non si sia ancora passati all' open source invece di spendere miliardi, che PAGHIAMO NOI, per Office et similia ?Se non è un furto, quantomeno è una politica discutibile, o no ?Regards
        • Anonimo scrive:
          Re: .........MA FATEMI IL PIACERE......!!
          - Scritto da: Nonno Trambacche


          - Scritto da: Medioman

          io PAGO un sacco di tasse ogni anno!!!

          mi fanno schifo quelli come i PIRATI e gli

          EVASORI che vivono sulla mia fatica e
          sulla

          fatica degli altri onesti cittadini,

          sfruttando le infrastrutture pubbliche che

          PAGHIAMO NOI!!!

          A proposito di infrastrutture pubbliche che
          PAGHIAMO NOI : possibile che nell'
          amministrazione pubblica non si sia ancora
          passati all' open source invece di spendere
          miliardi, che PAGHIAMO NOI, per Office et
          similia ?

          Se non è un furto, quantomeno è una politica
          discutibile, o no ?

          RegardsNO
          • Anonimo scrive:
            Re: .........MA FATEMI IL PIACERE......!!
            Gradirei molto una argomentazione afronte di questo diniego.Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: .........MA FATEMI IL PIACERE......!!
          Siamo in italia, come forse dappertutto (mi auguro di no) le cose vanno sempre nello stesso modo, le cose si fanno solo se qualcuno ci guadagna sopra qualcosa.La Pubblica Amministrazione non utilizzerà Mai software gratuito, perchè 1) spesso le conoscenze del responsabile dell'acquisto sono bassisime, quindi si affida al fornitore. 2) Nessuno può trarre vantaggio economico, se non la comunità dall'uso di software gratuito.Per quanto riguarda le copie pirata dei sistemi operativi microzoz, l'utente comune è costretto dalla pubblicità ad usarli, e sebbene non valgono un decimo di quanto costano sarebbe giusto acquistarli o non usarli.Il mio invito a quelli un po + bravi è di diffondere quanto + possibile la cultura del sistema operativo gratuito ed affidabile come Linux, visto che solo gli utenti possono salvare il mondo dal monopolio + pazzo del mondo!Cordiali Saluti belfagor!
        • Anonimo scrive:
          Re: .........MA FATEMI IL PIACERE......!!

          A proposito di infrastrutture pubbliche che
          PAGHIAMO NOI : possibile che nell'
          amministrazione pubblica non si sia ancora
          passati all' open source invece di spendere
          miliardi, che PAGHIAMO NOI, per Office et
          similia ?

          Se non è un furto, quantomeno è una politica
          discutibile, o no ?Ni, potrebbe esserlo o potrebbe non esserlo, potrebbe esserlo in alcuni casi e potrebbe non eserlo in altri. La storiella che l'Open Sopurce è gratuito ha fatto il suo tempo: è vero che ottenere le licenze non costa nulla (o quasi), ma occorre mettere in conto tutte le spese di installazione, addestramento e manutenzione dei prodotti. Se queste spese sono maggiori di quelle richieste da un equivalente prodotto commerciale, il gioco potrebbe non valere la candela. Questo concetto del TCO (Total Cost of Ownership) è uno dei maggiori argomenti che MS porta a favore del suo software: "Sì, è vero, il nostro software ha un costo per le licenze, ma sommato assieme a tutti gli altri, il risultato (o TCO, se si preferisce) è inferiore alle altre alternative."Che questo sia vero o falso sta all'utente giudicarlo nei signoli casi: dal mio punto di vista ho innumerevoli esempi in cui questa affermazione non è vera e il TCO di uan soluzione con prodotti Open Source è molto inferiore. Per quanto riguarda i server 'pubblici' (Web, Email etc) è possibile che una piattaforma MS sia più facile da installare e configurare, peccato che i continui lavori di aggiornamento necessari per applicare patch di sicurezza comportino costi di manutenzione + elevati, oltre al rischio (sempre da valutare) che in un sistema con un sacco di aggiornamenti da fare, per una volta l'attacco arrivi prima della disponibilità dell'aggiornamento.Nulla fa credere che sia così in tutti i campi, e nulla dimostra che non esistano esempi contrari, la valutazione va fatta caso per caso.Nel caso di situazioni già 'consolidate' poi c'è il rischio che il passaggio da una soluzione ad un'altra porvochi tali e tanti problemi, ritardi ecc ecc, da costare molto di più della decisione di mantenere tutto così com'è.
      • Anonimo scrive:
        Re: .........MA FATEMI IL PIACERE......!!

        io PAGO un sacco di tasse ogni anno!!!
        mi fanno schifo quelli come i PIRATI e gli
        EVASORI che vivono sulla mia fatica e sulla
        fatica degli altri onesti cittadini,
        sfruttando le infrastrutture pubbliche che
        PAGHIAMO NOI!!!Suvvia medioman, non mi dire che non ha NEMMENO UN SOFTWARE senza licenza. Io per quello che ho potuto, ho speso, ho maledetto i soldi dati a billgates per win2000 server, ho benedetto quelli dati alla realsoft, ma per quanto io mi possa sforzare, qualche software minore non licenziato ce l'ho.
        e poi magari protestano anche!!!
        Spero che un delatore (benedetto) che ti
        conosce ti denunci.Qui mi trovi daccordo a metà :)Cmq sono daccordo a far MORIRE etichette musicali, veri ladri perche' un cd musicale NON PUO' COSTARE 50K e' un cane che si morde la cosa, incasso di meno, aumento, siccome aumento vendo di meno e per guaadagnare di piu' aumento, ma vendo meno....... Guardate ora i DVD che comincieranno a salire vertiginosamente non appena ci sarà una diffusione elevata degli stessi su PC (Sta già accadendo). E ALLORA chi e' il vero profittatore? E poi M$ non piangesse piu' di tanto, che fai 8.000 tipi di licenze, home, business, small business edition, aggiornamenti, educationel, educationl aggiornamento, oem retail. Ma e' possibile che tra la versione oem e retail di Office 2000XP ci sia 1 MILIONE!!!!! Mi fai pagare il manuale 1 milione? Hei bill tu sei scemo, e che non si lamenti della pirateria.Chiudo dicendo che il prezzo giusto per un videogame e' di lire 35-39.000, il musicale 20-22.000, il software ovviamente dipende. Ma i S.O (sono buono a chiamarli cosi') di casa redmond, non dovrebbero oltrepassare la soglia di Lire 90.000 per 98/me, 200.000 per win 2000, 150 per WinXP. Secondo me sono prezzi giusti.
  • Anonimo scrive:
    Hanno tutto il diritto. Scemi noi
    Di cosa ci si lamenta? Questa logica è diretta conseguenza del criterio per cui il software può essere messo sotto copyright, può essere distribuito in forma eseguibile senza sorgenti, DEVE essere pagato. Se si accetta questa logica, non vedo perchè ci si debba scandalizzare dei controlli volti a farla funzionare.Siamo scemi noi che ci facciamo copiare dal negoziante Office pirata invece di farci installare un regolarissimo ed aperto StarOffice. Non volete pagare? L'alternativa c'è, è gratuita ed efficiente.Se si accetta il software chiuso, se ne devono accettare tutte le conseguenze. Questa (insieme ai vari problemi legati ai protocolli proprietari) sono da accettare. Le alternative ci sono, non ci si lamenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno tutto il diritto. Scemi noi
      Sono completamente d'accordo.- Scritto da: Liko
      Di cosa ci si lamenta? Questa logica è
      diretta conseguenza del criterio per cui il
      software può essere messo sotto copyright,
      può essere distribuito in forma eseguibile
      senza sorgenti, DEVE essere pagato. Se si
      accetta questa logica, non vedo perchè ci si
      debba scandalizzare dei controlli volti a
      farla funzionare.

      Siamo scemi noi che ci facciamo copiare dal
      negoziante Office pirata invece di farci
      installare un regolarissimo ed aperto
      StarOffice. Non volete pagare? L'alternativa
      c'è, è gratuita ed efficiente.

      Se si accetta il software chiuso, se ne
      devono accettare tutte le conseguenze.
      Questa (insieme ai vari problemi legati ai
      protocolli proprietari) sono da accettare.
      Le alternative ci sono, non ci si lamenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno tutto il diritto. Scemi noi
      Vero.Il problema della pirateria si originain gran parte da una tara psicologicadi molti utenti: per scrivere unalettera "devo usare MS Word";per fare un foglio di calcolo "devo"usare MS Excel, e cosi' via.In realta', dove non ci sono stringentiproblemi di compatibilita', si potrebbebenissimo usare altri software chefunzionano benissimo:con 30.000 si puo' comprare OEM(insieme ad un PC) Lotus SmartSuite.Con 0 lire, poi, si puo' usareStarOffice ... ma ce ne sono anche altre. Nello stesso senso per fareil 90% della normale attivita' difotoritocco Gimp va benissimo.Riflettete.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno tutto il diritto. Scemi noi
        Voi siete bravi a dire Scemi noi le soluzioni gratuite ci sono, bene sei bravo, lo sai tu, e lo sanno anche gli altri tre, siete proprio bravi, peccato che la maggioranza delle persone da questo punto di vista ignora quello che dite, La polemica la si deve fare verso il fatto che i sistemi dove non ci guadagna nessuno sono poco conosciuti!
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno tutto il diritto. Scemi noi

          vista ignora quello che dite, La polemica la
          si deve fare verso il fatto che i sistemi
          dove non ci guadagna nessuno sono poco
          conosciuti!Freesoftware non significa assenza di guadagni.E, a maggior ragione, OpenSource NON SIGNIFICA assenza di guadagni.Sun distribuisce StarOffice gratuitamente. Non signific che non abbia dei rientri. La logica di non far pagare la licenza d'uso del software ma la consulenza e i servizi può essere moooolto redditizia (vedi Sun, LinuxCare, RedHat, Mandrake).
  • Anonimo scrive:
    l'utente finale si sente derubato e non viceversa.
    Acquistare una licenza Microsoft per usi non commerciali (imprese o societa')il quale software non produce nessun reddito da parte dell'utente non puo' essere venduto a cifre cosi' esigenti.per tanto per avere una copia bacata dell'ultima versione di xp si pagano cifre esose, a quale scopo, per far girare una suite come Office che e' ancora piu' costosa del sistema operativo...ed anche piu' fallata del primo.....per non parlare delle certificazioni Microsoft continui aggiornamenti + esami di sostenimento = + $$$ in tasca Microsoft e quindi o cambiano le politiche commercialio noi poveri $$$ utenti ci sentiremo obbligati nel free software :-) non legalizzato.e quindi VOI vergognatevi delle vostre azioni......lasciate a noi poveri di provare ed sperimentare le vostre creature super bacate altrimenti piovera' sempre sul bagnato.( provocazione sarcastica ) :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: l'utente finale si sente derubato e non viceversa.

      e quindi o cambiano le politiche commerciali
      o noi poveri $$$ utenti ci sentiremo
      obbligati nel free software :-) non
      legalizzato.Daccordo con te quasi su tutto. Ma non capisco: ti senti costretto a rubare?1. Office è comodo, è bello, è figo, ma se non hai un'attività commerciale, NON E' essenziale. E' un optional che se vuoi paghi. Se trovi il prezzo troppo alto, sono problemi tuoi (non fraintendermi, non ce l'ho con te, parlo in geneeale!). Per la mia scala di valori, pagare 500 milioni per una macchina fuoriserie è un furto. Ma dal momento che non ho l'esigenza stringente di usare la fuoriserie invece della mia Hyunday Atos, non mi sento autorizzato a rubare una Ferrari. Lascia stare che il furto di una Ferrari grava sulla ditta più di quanto gravi a Microsoft la copia di un Office. Sto parlando a livello di etica.2. Se hai un'attività commerciale ed Office è per te essenziale, non vedo perchè non dovresti pagarlo.3. Se è uno sfizio o un'esigenza, ma comunque il problema costo incide molto sulle tue scelte, perchè mai non dovresti rivolgerti al free software, quello "legale"? C'è... Come si fa a rubare quando c'è l'equivalente gratis e pretendere di averne il diritto?PS. Sono pieno anche io di software copiato, intendiamoci. Ma non mi sento di giustificarmi. Rubo a Microsoft, pur ritenendo che nella sua logica Microsoft abbia tutte le ragioni, semplicemente perchè aborrisco il software chiuso. Sono anche disposto a pagarlo, ma che sia aperto. Finchè è chiuso, lo rubo con gran piacere.
      • Anonimo scrive:
        Re: l'utente finale si sente derubato e non viceversa.
        - Scritto da: Liko

        e quindi o cambiano le politiche
        commerciali

        o noi poveri $$$ utenti ci sentiremo

        obbligati nel free software :-) non

        legalizzato.

        Daccordo con te quasi su tutto. Ma non
        capisco: ti senti costretto a rubare?

        1. ... Per la mia
        scala di valori, pagare 500 milioni per una
        macchina fuoriserie è un furto. Ma dal
        momento che non ho l'esigenza stringente di
        usare la fuoriserie invece della mia Hyunday
        Atos... .E spendere 15 milioni per un'Athos cos'è? Beneficenza? Ma pensa te! Ti scagiono soltanto se è piratata... ^_^
  • Anonimo scrive:
    Re: E Napoli?
    "L'attività di Microsoft - ha dichiarato Maria Paola Germano, direttore Antipirateria di Microsoft Italia - è volta a difendere e tutelare un diritto che viene sempre più leso e calpestato: copiare l'opera di un autore significa derubare quest'ultimo, ma anche l'utente, il rivenditore onesto e il mercato nella sua globalità".What does it means?---


    ... copiare l'opera di un autore significa derubare anche l'utente?....il rivendotore onesto....l'utente non è onesto già in partenza?Mah!
  • Anonimo scrive:
    E Napoli...
    ... a Napoli devono far chiudere tutta la citta?
    • Anonimo scrive:
      Re: E Napoli...
      - Scritto da: Milanese
      ... a Napoli devono far chiudere tutta la
      citta?No, perché i cd li trovi per strada, quindi, all'aperto ;-)))))
      • Anonimo scrive:
        Re: E Napoli...
        - Scritto da: lullaby


        - Scritto da: Milanese

        ... a Napoli devono far chiudere tutta la

        citta?

        No, perché i cd li trovi per strada, quindi,
        all'aperto ;-)))))Solo il Vesuvio puo' liberarci da questa piaga ;-]
    • Anonimo scrive:
      Re: E Napoli...
      Beh, non credo che Milano sia da meno da questo punto di vista, anzi... :)
      • Anonimo scrive:
        Re: E Napoli...
        - Scritto da: Napoletano
        Beh, non credo che Milano sia da meno da
        questo punto di vista, anzi... :)Milano, non lo so, però so che a Napoli vendono tranquillamente copie di tuti i programmi per strada, mentre già a Roma lo fanno sottobanco....Cià
        • Anonimo scrive:
          Re: E Napoli...
          ma lo vendono lo stesso, e che differenza c'è?
          • Anonimo scrive:
            Re: E Napoli... lullaby non capisci un tubo!
            ho 19 anni, il mio primo pc è stato un olivetti prodest con due drives da 1,44 sulla tastiera che fungeva da pc con un 8086 dentro. giocavo a zak mck, the black cauldron, hard drive e golden axe, a quando sparavo l'arma andavo a fare i compiti... io compiavo i video game da prima che uscissero le leggi anti pirateria! non lo facevo per far fallire le software house, anzi per sensibilizzare la comunità allo scambio di dati. avevo solo 8 anni, le bbs + vicine erano in america e i modem + veloci a 300bps. l'era dei dischi da 1,44. la microsoft i soldi ce li ha, e se li continuerà a fare, certamente non la faranno fallire le persone che duplicano i dischi, se t'informi puoi constatare che i virus che sfruttano i suoi bug le fanno perdere tanti miliardi di dollari quanto un attentato terroristico all'anno, e non solo a lei. se ti vende software a 250mila e ti fa assistenza telefonica per 500mila/ora ci sarà una ragione? se un sistemista si prende 100mila a ora per configurare una rete che chiude una porta e ti apre 100mila finestre ci sarà una ragione? se un scriptkiddie buca 10 server all'ora ci sarà una ragione? se un povero cristo che ha 2^1235 figli da mandare a scuola, e vende un os copiato per guadagnarci qualcosa pure lui, ci sarà una ragione? se tu te lo fai dere dal tuo vicino ci sarà una ragione?se tutti in casa abbiamo un disco windows originale ci sarà una ragione? la microsoft piu' lo vede distribuito + è contenta, + la gente si omologa al suo sistema, caro amico, tu che le directory le chiami cartelle, tu che non riesci a differenziarti perchè sei completamente influenzato e strumentalizzato. so benissimo che la copia di software è illegale, e anche io compro sempre originale, non per questo condanno morte chi magari lo fa per bisogno.magari mi sbaglio...
          • Anonimo scrive:
            Re: E Napoli... lullaby non capisci un tubo!
            - Scritto da: distribuitedfreefiga
            ho 19 anni, il mio primo pc è stato un
            olivetti prodest con due drives da 1,44
            sulla tastiera che fungeva da pc con un 8086
            dentro. giocavo a zak mck, the black
            cauldron, hard drive e golden axe, a quando
            sparavo l'arma andavo a fare i compiti... io
            compiavo i video game da prima che uscissero
            le leggi anti pirateria! non lo facevo per
            far fallire le software house, anzi per
            sensibilizzare la comunità allo scambio di
            dati. avevo solo 8 anni, le bbs + vicine
            erano in america e i modem + veloci a
            300bps. l'era dei dischi da 1,44. la
            microsoft i soldi ce li ha, e se li
            continuerà a fare, certamente non la faranno
            fallire le persone che duplicano i dischi,
            se t'informi puoi constatare che i virus che
            sfruttano i suoi bug le fanno perdere tanti
            miliardi di dollari quanto un attentato
            terroristico all'anno, e non solo a lei. se
            ti vende software a 250mila e ti fa
            assistenza telefonica per 500mila/ora ci
            sarà una ragione? se un sistemista si prende
            100mila a ora per configurare una rete che
            chiude una porta e ti apre 100mila finestre
            ci sarà una ragione? se un scriptkiddie buca
            10 server all'ora ci sarà una ragione? se un
            povero cristo che ha 2^1235 figli da mandare
            a scuola, e vende un os copiato per
            guadagnarci qualcosa pure lui, ci sarà una
            ragione? se tu te lo fai dere dal tuo vicino
            ci sarà una ragione?se tutti in casa abbiamo
            un disco windows originale ci sarà una
            ragione? la microsoft piu' lo vede
            distribuito + è contenta, + la gente si
            omologa al suo sistema, caro amico, tu che
            le directory le chiami cartelle, tu che non
            riesci a differenziarti perchè sei
            completamente influenzato e
            strumentalizzato. so benissimo che la copia
            di software è illegale, e anche io compro
            sempre originale, non per questo condanno
            morte chi magari lo fa per bisogno.
            magari mi sbaglio...D'accordo.Ma perché te la prendi con me dicendo che IO "non capisco un tubo"?Rileggiti un pò il thread e dimmi cosa ho detto per scatenare questa reazione nei MIEI confronti?Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: E Napoli... lullaby non capisci un tubo!
            sì, ti sbagli
          • Anonimo scrive:
            Re: E Napoli... lullaby non capisci un tubo!
            certamente, uno sbaglio calcolato se ti ho detto che compro solo software originale.caro il mio Vic20!
Chiudi i commenti