IXP, la nuova via della seta

Nel suo meeting romano, il Consorzio NaMeX ha illustrato una situazione statica per le infrastrutture di interconnessione italiane. E ha rilanciato l'importante questione dei cavi sottomarini, secondo i suoi dirigenti penalizzati dalla burocrazia

Roma – È stata definita una nuova via della seta che dovrà rilanciare l’Italia nel mercato della connettività internazionale, sulle rotte di Asia, Africa e Medio Oriente. Si tratta delle forti aspettative del Consorzio NaMeX ( Nautilus Mediterranean Exchange Point ), che riunisce i principali operatori di rete nazionali e internazionali – tra gli altri, Telecom Italia, Wind e British Telecom – oltre ad un gruppo di ISP regionali e carrier. Nel corso di un recente convegno, quello che è l’ Internet Xchange Point ( IXP ) più a sud d’Italia ha auspicato un ruolo primario del Belpaese nella geografia dei cavi sottomarini che garantiscano connessioni ad alta qualità .

“Un po’ come per gli scali aeroportuali – ha spiegato Maurizio Goretti, CEO di NaMeX – la nostra è una corsa nel diventare un punto di riferimento, un hub per il traffico Internet verso Asia, Africa e Medio Oriente. Su questo fronte, siamo in competizione con la Francia, e se tutto il sistema Italia non prende coscienza dell’occasione che abbiamo rischiamo di perdere un’opportunità importante”.

In Italia esistono attualmente vari IXP – il MIX a Milano e appunto NaMeX a Roma – che permettono ai provider di trovare delle scorciatoie naturali per raggiungere le grandi server farm e i data center internazionali, situati spesso dall’altra parte del pianeta. Durante il sesto meeting organizzato da NaMeX si è parlato innanzitutto del lavoro degli IXP per far crescere il volume di traffico Internet nelle zone più a sud del continente europeo. Come ha raccontato Cristobal Lopez, membro di South European Internet Exchange Points ( SEIXP ), bisogna ridurre il divario con il nord europeo, ricco di condizioni più favorevoli come una grande platea di utenti e una maggiore disponibilità di banda.

Si tratta di un problema che devono affrontare i paesi del Mediterraneo, tra cui la stessa Italia, i cui IXP non godono della stessa salute dei corrispettivi europei. Stando a quanto ha illustrato Arnold Nipper, direttore tecnico di DECIX, il punto di scambio di Francoforte conta 317 membri, arrivando a toccare vette di traffico pari a 800 Gbit/s . LINX, ha spiegato il suo CEO John Souter, raccoglie 7 siti (su 10 totali) provenienti dall’area delle Docklands londinesi, per 340 membri e picchi di 750 Gbit/s di traffico dati totale.

L’Italia, poi. NaMeX ha approfittato del meeting per fare il punto su una situazione in generale piuttosto statica . L’infrastruttura nata per fornire su Roma, fresca di un memorandum of understandig con Ericsson Italia e Università di Roma Tre, conta al 2009 trentuno provider e diciassette carrier membri. Il suo bilancio, ha spiegato il direttore tecnico Francesco Ferreri, è risultato stabile rispetto al 2008, nonostante la crisi e un abbassamento di costi di banda pari al 20 per cento. I vari provider hanno mostrato un sempre più scarso interesse per le attività di peering , ha commentato Ferreri, e alcuni tra i più piccoli hanno ridotto la banda al minimo indispensabile. Agli ISP importa essere interconnessi.

Il picco massimo raggiunto dall’IXP romano è stato pari a 11,7 Gbit/s , risultato di un aumento del 7,8 per cento rispetto al 2008. È vero, tuttavia, che lo scorso anno aveva fatto rilevare un aumento ben più consistente: circa del 60 per cento. Probabilmente, ha continuato Ferreri, questo è dipeso da una scarsa mobilità del peering pubblico, privato dell’entrata in gioco di nuovi provider. Si tratta di una situazione non certo idilliaca, soprattutto se messa a confronto con quella di Praga, che negli ultimi anni ha visto NIX.CZ crescere vertiginosamente a partire da uno scenario simile a quello italiano.

Quindi, se la somma degli IXP tricolore porta ad un volume di traffico totale pari a 70 Gbit/s, il solo NIX.CZ – come mostrato dal dirigente Tomas Marsalek – ne ha generato proprio recentemente in una quantità pari a 100 Gbit/s. E non si tratta dell’unica sfida delle infrastrutture intorno a Roma. In Italia esistono tre cruciali landing station a fare da punti di incrocio dei cavi sottomarini: tutti e tre sono in Sicilia, a Palermo, Catania e Mazara del Vallo. Purtroppo, come ha chiarito a Punto Informatico Maurizio Goretti, allo stato attuale la loro valorizzazione ottimale è penalizzata più per motivi burocratici che tecnici.

Si tratterebbe di un problema legato agli investimenti e al mercato, ha continuato Goretti. “Se il sistema Italia si unisse per un’infrastruttura nazionale, allora permetterebbe alle compagnie di abbassare i prezzi, dato che stendere i cavi sottomarini costa tanto”. Uno scenario da monopolio, stando alla sua visione, costringerebbe a pagare un dazio sul cavo, come il fiorino di un vecchio film. Telecom Sparkle, in questo caso, non può addossarsi da sola il peso totale delle operazioni, mentre a suo dire in Francia il governo aiuta France Telecom per l’hub di Marsiglia. Sulla via della seta, la partita ricorda la finale mondiale di Berlino 2006.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti