KPNQwest Italia rassicura i clienti

In una breve nota la divisione italiana spiega di non temere i problemi della casa madre


Milano – “KPNQwest Italia SpA rassicura i propri 1.500 clienti che non esistono ragioni per cui debba sospendere l’erogazione dei propri servizi in Italia per effetto dell’insolvenza della casa madre KPNQwest N.V”.

Comincia così la breve nota diffusa in questi giorni dalla divisione italiana di KPNQwest a seguito dei problemi dell’operatore internazionale.

“KPNQwest Italia SpA – continua la nota – ha infatti già risolto gli aspetti tecnici al fine di garantire la continuità di servizio in ambito nazionale. La società italiana trae le sue radici da COMM2000, società fondata nel 1985, e pioniere nel settore sei servizi di telecomunicazione. Lo stesso management che ha assicurato a COMM2000 quindici anni di bilanci in crescita, in attivo e senza ricorso ad indebitamento, si impegna a mantenere i massimi livelli di qualità e continuità di servizio”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    (ot): Ma non si scrive PGP?
    Credo che si riferisse a Pretty Good Privacy. Vero, redazione?
    • Anonimo scrive:
      Re: (ot): Ma non si scrive PGP?
      no, Pretty Good Privacy www.pgpi.org e' una cosa e GnuPG www.gnupg.org un'altra.. servono alla stessa cosa ma sono sviluppati in maniere differenti.. :)
    • Anonimo scrive:
      Re: (ot): Ma non si scrive PGP?
      - Scritto da: du.demon
      Credo che si riferisse a Pretty Good
      Privacy. Vero, redazione?Tono ironico o sbaglio?e cmq,no carino! si riferisce a GNUpg che fa le cose di PGP ma in modo diverso e con licenza differente.
      • Anonimo scrive:
        Re: (ot): Ma non si scrive PGP?
        No, nessun tono ironico, volevo sapere.E comunque grazie per le precisazioni.
        • Anonimo scrive:
          PGP-
          Gnu Privacy Guard (GPG)
          Ovviamente GPG è sotto licenza GPL (Gnu pubblic license) è perciò un progetto libero (free) e concorrente di PGP che risulta un progetto privato che dipende dalla magnanimità di chi detiene il copyright, insomma il solito discorso Copyright contro copyleft. La chiave pubblica/privata di GPG e PGP sono le stesse e quindi passare dall'uno all'altro non presenta problemi.
  • Anonimo scrive:
    Non auspicate, denunciate!
    La fauna da sottobosco di Internet, gli spammer che voi chiamate "loschi individui" se ne stra*ottono che voi auspichiate...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non auspicate, denunciate!
      Concordo pienamente!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non auspicate, denunciate!

        ..Osserviamo con profondo rammarico che alcuni
        individui (che stiamo rapidamente identificando)..Quel "che stiamo rapidamente identificando" non vi dice nulla? Saranno in grado di denunciare quando avranno scoperto CHI denunciare.
Chiudi i commenti