La Griglia di IBM si espande

Big Blue ha lanciato una nuova serie di servizi per la consulenza e l'installazione di soluzioni basate sulle tecnologie emergenti Grid e Autonomic Computing


Armonk (USA) – Per spingere sul mercato il frutto delle sue più recenti attività di ricerca, IBM ha iniziato a vendere alle aziende servizi di consulenza mirati ad installare soluzioni di Grid e Autonomic Computing . I nuovi servizi sono offerti dai consulenti di IBM Business Consulting Services e IBM Global Services con esperti in tecnologie emergenti provenienti da IBM Research.

IBM sostiene che le tecnologie di Grid e Autonomic Computing aiutano a sfruttare la capacità delle risorse IT disponibili gestendole come un unico
computer di grandi dimensioni: tali tecnologie, secondo il colosso di Armonk, possono migliorare l’efficienza operativa, aumentare la produttività e mettere le aziende in condizione di reagire più rapidamente al mutamento delle condizioni di business.

Fra i servizi appena lanciati c’è Grid Value at Work, una metodologia di valutazione che fornisce ai clienti un’analisi dettagliata del costo totale di possesso (TCO) insieme a una roadmap per chi intende avviare progetti di Grid computing; Business Impact of Technology Services, attraverso cui Big Blue aiuta i clienti a identificare l’impatto che il Grid computing può avere sui principali processi di business, sul controllo dei costi e sulla generazione di fatturato; Autonomic Computing Readiness Engagement, un servizio pensato per valutare i margini di miglioramento nell’ambito dell’automazione delle attività di systems management e proporre alle aziende un framework che definisca le esigenze di gestione “end-to-end” dell’infrastruttura e delle applicazioni relative ai sistemi business-critical; Autonomic Computing Design and Implementation Services, che aiuta le aziende a mettere in pratica le tecnologie di Autonomic Computing e sviluppare l’architettura e il progetto di ambienti capaci di configurarsi, ripararsi, ottimizzarsi e proteggersi da soli.

Il business legato ai servizi riveste un ruolo chiave per IBM e rappresenta il 45% del fatturato annuale del colosso, complessivamente di 81,2 miliardi di dollari all’anno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Communicator e nulla più
    Al Momento sicuramente il migliore e il più completo.Nonchè il più fruibile.
    • Scody scrive:
      Re: Communicator e nulla più
      Daccordissimo... anche io lo uso felicemente...anche se rimpiango l'assenza di una versione gprs..sai se è in preparazione una nuova versione del cellulare? (io uso il 9210i)
  • Anonimo scrive:
    produrre in europa
    fare in modo che qualsiasi importatore debba produrre almeno il 15% in europa, altrimenti non importa.Americani inclusi.
  • Anonimo scrive:
    La tastiera
    Se ci avessero messo una mini tastiera sarebbe stato perfetto
  • Anonimo scrive:
    mondo nuovo
    da una parte mi spiace, perchè vedo un Europa relegata se non nel terzo mondo ma sicuramente nel secondo, ma Cina, nuove tecnologie, Linux..mi sembra l'alba di una nuova era (non in senso politico, proprio come economica-culturale)dopo l'invasione dell'inglese nelle pubblicità, se vediamo arrivare dei caratteri cinesi, vuol dire che la scalata è iniziata
    • MemoRemigi scrive:
      Re: mondo nuovo
      - Scritto da: ishitawa
      da una parte mi spiace, perchè vedo un
      Europa relegata se non nel terzo mondo ma
      sicuramente nel secondo, ma Cina, nuove
      tecnologie, Linux..mi sembra l'alba di una
      nuova era (non in senso politico, proprio
      come economica-culturale)Credo sia un bene che la tecnologia si diffonda, soprattutto in paesi arretrati che possono così diventare meno arretrati e concorrenziali.Certo potrebbe andare anche a mio discapito, ma il mondo cambia, si evolve, siamo nel 2004 e siamo fortunati, abbiamo visto un sacco di cambiamenti nel giro di poche decine di anni.

      dopo l'invasione dell'inglese nelle
      pubblicità, se vediamo arrivare dei
      caratteri cinesi, vuol dire che la scalata è
      iniziata
      Non credo, l'inglese lo sanno tutti (tranne che in italia dove ancora per molti anni nessuno si impegnerà per impararlo),, almeno un minimo, almeno alcune parole, i caratteri orientali non li conosce nessuno e non sapresti neanche come leggerli.Voglio dire, se leggi in tv una parola in inglese al massimo chiedi o cerchi sul dizionario il suo significato.Se leggi una parola scritta in cinese.... non sai neanche come si pronuncia !
Chiudi i commenti