La PA compra sempre più IT online

Lo impone la legge e sembrano confermarlo i dati pubblicati dalla Consip, la società che si occupa degli acquisti. La spesa nel 2006 è salita di molto rispetto al 2005. Il che si traduce in un risparmio

Roma – Computer e dispositivi elettronici destinati a finire in uffici e locali della pubblica amministrazione vengono comprati online sempre di più: si chiama e-procurement e la legge lo impone alla PA quando si tratta di importi di “modesta entità”. Ed ora la Consip , la società che gestisce gli acquisti online per conto della PA italiana, fa sapere che in effetti la legge qualche risultato lo sta producendo.

Non si parla di bruscolini: nel 2006 il volume delle transazioni, 11.468 in tutto, hanno comportato una spesa di 38 milioni di euro , con un aumento di quasi il 25 per cento rispetto all’anno precedente.

In quello che viene definito Mepa , acronimo di Mercato elettronico della pubblica amministrazione , spiega Consip, sono stati acquisiti 226.748 prodotti suddivisi in 16 diverse categorie merceologiche. A fornire questi dispositivi e accessori sono state nel complesso 868 produttori.

Ma non sono tutti qui i numeri di interesse: le divisioni della PA che hanno fatto ricorso all’ e-procurement per almeno un acquisto sfiorano quota 1.300 mentre nel complesso sono 3.862 quelle che optano per passare da Consip.

Si poteva fare di più? Sì. Basti pensare che le cifre di “modesta entità” di cui si parlava sono tarate sulle medie imposte a livello comunitario, vale a dire che attraverso Consip devono passare tutti gli acquisti fino ai 137mila euro per le amministrazioni centrali e fino ai 211mila per le altre amministrazioni. L’informatizzazione degli uffici e il piano d’arrembaggio all’arretratezza della PA italiana potrebbero far sperare in numeri Consip più elevati. Il dato positivo è che comunque la spesa, come detto, è in aumento.

L’elemento più positivo, però, è quello del risparmio per l’Erario dovuto al ricorso allo strumento telematico. Si parla nel complesso di una riduzione media dei prezzi a listino dell’8 per cento nonché di uno snellimento delle procedure di acquisto, che liberano personale per tutte le procedure.

C’è da chiedersi cosa accadrebbe se l’ e-procurement divenisse obbligatorio anche per università, scuole ed altre strutture educative, che oggi sono escluse dall’obbligo, nonché per acquisti di importi maggiori.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • selidori scrive:
    Non compatibile al 100%
    Una cosa che quasi nessuno dice: il lettore in questione non sa visualizzare/gestire il multimedia/menù dei dischi BD.Ovvero visualizza il film (i i film) con la divisione in capitoli, non i menù interattivi (che in BD sono molto più evoluti che nei DVD, essendo anche eseguibile non interrompendo il film).Invece non ha problemi per gli HDDVD
  • Non diciamo cazzate scrive:
    Dual standard non è la soluzione
    Doppie royalities e doppia presa'n culo!Ho sempre appoggiato hd-dvd e tutt'ora ne apprezzo alcuni vantaggi irrilevanti, come la maggior tolleranza a graffi e i drm non paranoici come nel concorrente.Tuttavia viste le scelte oramai intraprese dal mercato e dalle vendite, preferirei che si affermasse il BD piuttosto che rimanesse un unico standard. Questo per non scaricare sull'utenza i costi di una "concorrenza" insensata, quella su standard, in modo che in un futuro i produttori ci pensino su e si mettano subito d'accordo prima di partorire mostri con due teste.
    • Errata Corrige scrive:
      Re: Dual standard non è la soluzione
      - Scritto da: Non diciamo cazzate
      Doppie royalities e doppia presa'n culo!
      Ho sempre appoggiato hd-dvd e tutt'ora ne
      apprezzo alcuni vantaggi irrilevanti, come la
      maggior tolleranza a graffi e i drm non paranoici
      come nel
      concorrente.

      Tuttavia viste le scelte oramai intraprese dal
      mercato e dalle vendite, preferirei che si
      affermasse il BD piuttosto che rimanesse un unico
      standard.
      errore:era: piuttosto che si affermasse il dual standard
      Questo per non scaricare sull'utenza i costi di
      una "concorrenza" insensata, quella su standard,
      in modo che in un futuro i produttori ci pensino
      su e si mettano subito d'accordo prima di
      partorire mostri con due
      teste.
  • Enjoy with Us scrive:
    400 euro?
    Solo Sansumg riesce a produrre a questi prezzi?E gli altri? che fanno hanno deciso di non investire su questo mercato e a regalarlo a Sansumg?Delle due una:O su questo formato HD/Blu non credono neanche i produttori o Sansumg e' anni luce piu' competitiva di tutti gli altri.Staremo a vedere..... Io di sicuro a queste cifre non correro' certo a comprare lettori....
    • Anonimo scrive:
      Re: 400 euro?
      Toshiba ed RCA vendono già a meni diu 400$, e puoi trovare un player che a parte la disponibilità di collegamento video a 1080p è più completo di connessioni della PS3 e costa 299$.
      • sciambola scrive:
        Re: 400 euro?
        Io invece da bravo coglione ho preso la ps3!!! :(Appena esce questo multi metto ps3 e lettore hddvd per la xbox su ebay.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: 400 euro?
          Ma a parte la cifra non irrilevate, questi lettori poi funzionano?Non e' che salta fuori che alcune funzioni non sono supportate, che arrivano al massimo a 1080i e altre stronzate del genere?
  • Categorico scrive:
    Solo lettore?
    a occhio e croce ci vorranno 3 anni per avere masterizzatori dual standard sotto i 100 euro... e se sia BD che HD-DVD non decollassero in tempo prima di essere sostituiti dalla generazione successiva?Il DVD è partito in sordina, poi è decollato e ora rischia di non lasciare in tempo la scena al suo successore, in fondo è veramente da troppo poco che i registratori DVD con hard disk hanno iniziato ad essere sostituti accettabili per praticità e prezzo del VCR, difficile che il consumatore medio li mandi in pensione anzitempo per far posto al laser blu.Un po' come XP, anch'esso partito in sordina, ma ora, grazie alla sua vita più lunga del previsto, con una base installata tale che probabilmente Vista non arriverà mai a sorpassarlo ed essere il primo SO per diffusione, farà abbondantemente in tempo ad arrivare Vienna e soppiantarlo.Windows ME, Windows Vista, BD e HD-DVD: destini comuni?
    • aladar scrive:
      Re: Solo lettore?
      - Scritto da: Categorico
      a occhio e croce ci vorranno 3 anni per avere
      masterizzatori dual standard sotto i 100 euro...Sì, solo lettore, e allora, io ho due "solo" lettori dvd e non sento la necessità di un registratore...
Chiudi i commenti