La rete elettrica si espande

Le iniziative si moltiplicano anche in Italia. La possibilità di agganciare ad internet attraverso le prese elettriche le stanze di una casa o le camere di un albergo è destinata ad attirare sempre di più


Milano – La connettività internet su rete elettrica sta letteralmente esplodendo negli Stati Uniti, Anche qui in Italia, dopo lunghe sperimentazioni, è disponibile in diversi comuni e viene offerta da un numero crescente di imprese.

La stessa ENEL, che ancora nel 2002 aveva confermato l’intenzione di proseguire in tutti i progetti di rete elettrica , offre ormai da tempo soluzioni come Electr@LAN che consentono di “montare” una connettività veloce in pressoché qualsiasi casa e ufficio.

Il risultato di una rete del genere è non solo la possibilità di navigare in internet senza dover aggiungere installazioni esterne o cablaggi ma anche, e nel caso di uffici è senz’altro di interesse, collegare tra di loro i PC dell’edificio a velocità elevatissime.

Applicazioni come quelle annunciate nelle scorse ore da Siosistemi per un hotel milanese sono basate su tecnologie che da tempo hanno superato la fase sperimentale, in particolare quelle sviluppate da Main.net , società coinvolta in un certo numero di progetti in Europa e in Nord America.

Proprio negli Stati Uniti, peraltro, la Commissione federale sul commercio da anni spinge su questa tecnologia per riuscire a scardinare l’opposizione degli operatori tradizionali, qualcuno dei quali vede nel sorgere di internet su rete elettrica, con la sua diffusione potenzialmente ineguagliabile sul territorio, come un rischio per le proprie quote di mercato.

Come spiega Siosistemi, l’installazione di una rete elettrica in un edificio, come un albergo, è piuttosto semplice, proprio perché non necessita di posa di cavi né di altre particolari infrastrutture. “Tutto quello che l’installatore deve fare in questo tipo di installazione – spiegano i tecnici dell’azienda – è trovare il posto migliore dove posizionare gli apparati e configurarli. Una volta installato il router, in prossimità del quadro elettrico principale, installazione che consiste nell’infilare una normalissima presa di corrente, e posizionati eventuali ripetitori nei piani, in qualsiasi presa elettrica” dell’edificio, è già disponibile il servizio.

Nel caso di un albergo, la connettività arriverà in questo modo a tutte le stanze. A quel punto il cliente si connette tramite modem alla presa più comoda e utilizza username e password che gli vengono affidati dall’albergo stesso, senza bisogno di configurare alcunché.

“L’idea di fare passare i dati sulle linee elettriche non è nuova – ha spiegato Mauro Cicognini, responsabile tecnico di Siosistemi – ma nel passato si è scontrata con oggettive difficoltà che hanno fatto tornare sui propri passi numerose organizzazioni, anche tra quelle dotate di ampi mezzi”. A suo dire sono proprio gli apparati Main.net che hanno semplificato le installazioni. La velocità disponibile “è paragonabile – spiegano alla Siosistemi – a quelle di un ADSL/HDSL, quindi più che sufficienti per la stragrande maggioranza degli utenti, con una complessità di gestione praticamente inesistente”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Contratto metalmeccanico
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=559858perchè un ing. inf viene assunto con un "Contratto metalmeccanico" ???
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah
    - Scritto da: Anonimo

    Sei uno di loro? Come laureato di 1o livello
    in ing. informatica (la laurea di serie Z)
    ho guadagnato 1,600 euro netti come primo
    impiego. Ovviamente contratto metalmeccanico
    di V livello con ottimo superminimo. Non
    facciamo di tutta l' erba un fascio :DVivo in una piccola città, quindi spese poche :-D Ah, vengo pagato meglio di tanti laureati senior in economia e commercio e ingegneria :-D
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah
    - Scritto da: aenigma

    In Italia gli ingenieri informatici (io non
    lo sono) fanno per quanto sono pagati, e
    visto che spesso sono pagati peggio di un
    operaio sottopagato fan bene a non fare uan
    mazza.

    :) :) :) :)Sei uno di loro? Come laureato di 1o livello in ing. informatica (la laurea di serie Z) ho guadagnato 1,600 euro netti come primo impiego. Ovviamente contratto metalmeccanico di V livello con ottimo superminimo. Non facciamo di tutta l' erba un fascio :-D
  • Anonimo scrive:
    Security day 2004 - 26 marzo -ANCONA
    http://www.securityday.org/programma.html
  • Anonimo scrive:
    Re: http://www.bucailsito.it/
    5000 euro.Pare che sia Debian.
  • ramas_rtl scrive:
    Re: ah ah


    e cioe' che cosa? io ancora non li ho
    visti

    fare niente ;)si infatti te lo fanno vedere a te il loro lavoro...
    In Italia gli ingenieri informatici (io non
    lo sono) fanno per quanto sono pagati, e
    visto che spesso sono pagati peggio di un
    operaio sottopagato fan bene a non fare uan
    mazza.beh, io sono ingeniere informaticosono al mio primo lavoro e mi pagano bene...adesso (h. 13.35) non sto facendo una mazza perche' sono nell'orario della mia pausa pranzo...
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah

    ..tieni ...hai vinto un mappamondo!!
    ora sei contento?Si, molto!
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah
    - Scritto da: Anonimo

    -
    Chissà se i non ingegneri fanno
    corsi

    di lettura

    (quel tizio aveva detto espressamente
    di NON

    essere un ingegnere, quindi la battuta
    sui

    corsi di ortografia ha mancato il
    bersaglio)

    :)
    Vuoi dire che i non "ingenieri" possono
    sbagliare l'ortografia?
    Solo gli "ingenieri" sono tenuti a una
    rigorosa osservanza dello scrivere bene?No, volevo solo puntualizzare che la "brillante" battuta del nostro amico era fuori luogo poichè era riferita ad un ingegnere
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah
    - Scritto da: Anonimo

    -
    Chissà se i non ingegneri fanno
    corsi

    di lettura

    (quel tizio aveva detto espressamente
    di NON

    essere un ingegnere, quindi la battuta
    sui

    corsi di ortografia ha mancato il
    bersaglio)

    :)
    Vuoi dire che i non "ingenieri" possono
    sbagliare l'ortografia?..tieni ...hai vinto un mappamondo!!ora sei contento?
    Solo gli "ingenieri" sono tenuti a una
    rigorosa osservanza dello scrivere bene?
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah
    -
    Chissà se i non ingegneri fanno corsi
    di lettura
    (quel tizio aveva detto espressamente di NON
    essere un ingegnere, quindi la battuta sui
    corsi di ortografia ha mancato il bersaglio)
    :)Vuoi dire che i non "ingenieri" possono sbagliare l'ortografia?Solo gli "ingenieri" sono tenuti a una rigorosa osservanza dello scrivere bene?
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah
    - Scritto da: Anonimo

    In Italia gli ingenieri informatici (io
    non

    lo sono) fanno per quanto sono pagati, e

    visto che spesso sono pagati peggio di
    un

    operaio sottopagato fan bene a non fare
    uan

    mazza.



    :) :) :) :)

    Chissà se fanno almeno corsi di
    ortografia, gli ingenieri (sic).Chissà se i non ingegneri fanno corsi di lettura(quel tizio aveva detto espressamente di NON essere un ingegnere, quindi la battuta sui corsi di ortografia ha mancato il bersaglio):-)
  • Anonimo scrive:
    il CEH

    il CEH si raggiunge con un breve corso di cinque giorniO uno ha già delle basi più che solide (si rivolge è vero a persone con conoscenze informatiche elevate) anche nel campo della sicurezza, oppure in 5 giorni non si impara come bucare un sistema o trovare vulnerabilità.Si possono mostrare tecniche, ma di per se penso necessiti grande esperienza per poter dire di essere un esperto di sicurezza o etical hacker.Se bastasse un corso, dovremmo preoccuparci seriamente, perchè vuol dire che i sistemi sono veramente vulnerabili.Se invece si tratta di come usare programmi già fatti, quello non vuol dire essere un hacker.Comunqnue in rete ci sono tutte le informazioni che si vuole, ci vuole tempo e studio.
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah

    In Italia gli ingenieri informatici (io non
    lo sono) fanno per quanto sono pagati, e
    visto che spesso sono pagati peggio di un
    operaio sottopagato fan bene a non fare uan
    mazza.

    :) :) :) :)Chissà se fanno almeno corsi di ortografia, gli ingenieri (sic).
  • aenigma scrive:
    Re: ah ah
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    "Dedicato a sviluppatori e operatori ma

    soprattutto ad ingegneri informatici"



    in Italia gli ingegneri informatici sono

    come i muli una cosa sanno fare ma la
    fanno

    a regola d'arte:D

    e cioe' che cosa? io ancora non li ho visti
    fare niente ;)
    In Italia gli ingenieri informatici (io non lo sono) fanno per quanto sono pagati, e visto che spesso sono pagati peggio di un operaio sottopagato fan bene a non fare uan mazza.:) :) :) :)
  • Anonimo scrive:
    Re: ah ah
    - Scritto da: Anonimo
    "Dedicato a sviluppatori e operatori ma
    soprattutto ad ingegneri informatici"

    in Italia gli ingegneri informatici sono
    come i muli una cosa sanno fare ma la fanno
    a regola d'arte:De cioe' che cosa? io ancora non li ho visti fare niente ;)
  • Anonimo scrive:
    http://www.bucailsito.it/
    cosa succede se lo buco? non è che poi ci danno grane...
  • Anonimo scrive:
    ah ah
    "Dedicato a sviluppatori e operatori ma soprattutto ad ingegneri informatici"in Italia gli ingegneri informatici sono come i muli una cosa sanno fare ma la fanno a regola d'arte:D
Chiudi i commenti