La Settimana dell'Innovazione

Terza edizione


Firenze – Dal 30 novembre al 7 dicembre 2005 torna nel capoluogo toscano la Settimana dell’Innovazione , “occasione di networking – si legge in una nota – per condividere conoscenze, sviluppare nuovi progetti di ricerca e diffondere una cultura improntata sull’innovazione”.

“Creatività, innovazione, tecnologia e condivisione della conoscenza – continua la nota – questi sono solo alcuni degli argomenti che animeranno la Settimana. Saranno presentate anche le opportunità offerte dal mondo della ricerca e della tecnologia applicabili al sistema moda e le prospettive di sviluppo offerte dalla banda larga nel campo delle telecomunicazioni. Fa da cornice alla Settimana il Premio Vespucci, un riconoscimento alle imprese che hanno sviluppato idee e progetti innovativi”.

La Settimana dell’Innovazione è organizzata da Firenze Tecnologia, la Camera di Commercio di Firenze e Assindustria Firenze, in collaborazione con Confindustria Toscana e la Scuola Sant’Anna di Pisa. La manifestazione è promossa dalla Regione Toscana, Provincia di Firenze, Unioncamere Toscana, Cassa di Risparmio di Firenze, Cavalieri del Lavoro, Assointernet, Unione Europea e i Programmi europei Interreg IIIC Sud, Interreg IIIC, Innodec e RKMnet.

La partecipazione agli eventi della Settimana è libera, previa registrazione.
Iscrizioni e informazioni: www.settimanainnovazione.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    I vantaggi dell' Open Source
    I vantaggi e la maturità ormai raggiunta dai molteplici SO/SW Open Source sono così vistosi e lampanti che solo le 3 scimmiette del Non vedo, NON sento, NON parlo possono non vedere.Ignorare gli indubbi vantaggi dei SO/SW Open Source per le PA non solo economici, ma di formati aperti stadardizzati (ODS... ad esempio), di sicurezza, di portabilità, di stabilità è da ciechi interessati e di parte oltre che a discapito dei cittadini.Ormai mezzo mondo sta migrando o sperimentando progetti pilota in vista della migrazione pianificata di tutta la PA su SO/SW Open Source.Ogni ulterriore ritardo per le PA Italiane non potrà che risultare colpevole.
Chiudi i commenti