Lavoro nell'IT, in Romania però

Un giovane informatico italiano ha preso armi e bagagli ed ora è assunto da una società rumena: guadagna meno di quanto guadagnerebbe in Italia ma con quella cifra là si vive bene

Bucarest – Cara redazione di Punto Informatico, vorrei rispondere alla lettera Lavoro nell’IT, la concorrenza dell’Est Europeo . Ho 23 anni, sono nato in Italia e per il momento sono residente in un paese dell’Est Europeo, più precisamente a Bucarest in Romania. Mi sono trasferito qui 6 mesi fa per motivi personali ed mi sono dato da fare per cercare un lavoro. Sapevo dall’inizio che sarebbe stato molto difficile per me trovare una sistemazione in quanto non conoscevo la lingua, non avevo una casa (per un mese sono stato ospite da un amico che conoscevo in Italia), e la Romania non era ancora entrata nell’Unione Europea.

Sono laureato in Ingegneria Elettronica ma ho imparato da autodidatta qualche linguaggio di programmazione, tra cui PHP e VBA. Inutile aggiungere che questa era la mia prima esperienza lavorativa. Non sapendo come iniziare ho provato a inserire il mio curriculum in un famoso sito rumeno per l’impiego e a proporlo ad alcune aziende presenti nel loro database.

Dopo qualche giorno sono stato chiamato da una ditta per un colloquio in inglese, dove mi hanno fatto fare un test scritto per 5 ore. Appena finito il test il responsabile me lo ha corretto davanti, mi ha fatto molte domande sulle risposte che ho fornito, e mi ha assunto. Tutto molto rapido e senza perdite di tempo, né promesse di un futuro contatto e via dicendo.

In questo momento lavoro per questa ditta di 500 dipendenti: essendo il primo straniero che assumevano e non essendo ancora nell’Unione Europea mi hanno dovuto fare il contratto a tempo determinato per un anno, che l’anno prossimo diventerà definitivo. Lo stipendio è molto buono per questo paese anche se non e paragonabile a uno stipendio per un posto equivalente in Italia (ma forse non troppo lontano leggendo le lettere precedenti). Però mi permette di mantenere una casa e di vivere con la mia ragazza non facendoci mancare niente.

Tutte le persone che lavorano con me hanno un contratto a tempo indeterminato, sembrerebbe quasi che la parola “precariato” non esista. Questo, secondo me, è possibile perché se in una ditta prendo 100 alla stessa costo 130, non 200.

Penso di essere stato molto fortunato, forse sarò un eccezione in questo campo, ma vorrei invitare a non considerare “i paesi dell’est” come un serbatoio di persone che vogliono venire in Italia a rubare il posto di lavoro agli italiani. Questo secondo me è uno dei tanti luoghi comuni.

Il problema del sistema Italia è un problema strutturale, e non limitato al campo informatico. Per vivere in questo sistema bisogna contare nelle proprie capacità, anche se non per tutti è facile.

M.R.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sgabbio scrive:
    Re: Francia, censura e Chernobyl
    - Scritto da:

    Il diritto della gente ad essere informata non
    c'entra un beneamato col fatto che in Italia una
    banda di ludditi imbecilli e incompetenti abbia
    cavalcato l'onda del disastro di Chernobyl per
    bandire il nucleare in Italia, che tra l'altro
    era uno dei più sicuri al
    mondo.
    Casomai la gente avrebbe avuto diritto ad
    un'informazione più accurata, più neutrale e meno
    strumentalizzata.E dove le metti le scorie ? Sai che Uranio non è rinnovabile ed si trova in minor quantità rispetto al petrolio ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Francia, censura e Chernobyl

      E dove le metti le scorie ? Sai che Uranio non è
      rinnovabile ed si trova in minor quantità
      rispetto al petrolio
      ?Però quando si parla si dovrebbe anche essere informati su quanto si afferma. In Francia le scorie nucleari sono gestite tranquillamente da tempo:http://www.movisol.org/scorie2.htm
  • Anonimo scrive:
    Se non sei un imbianchino
    non puoi verniciare... muratore non puoi murare, puttanierx non puoi troxbare, e così via.Non erano i fascisti, o i nazisti quelli che volevano proibire la spontaneità della vita ?vuoi vedere che ci sono anche altri nemici della libertà.oops sono di sinistra, ma come ??? non sono gli alfieri della libertà e giustizia...ehhhh ho sbagliato scusate scusate non volevo !!!
  • J3njy scrive:
    I Francesi non sono stupidi !!!!
    Spero che come nella scorsa occasione .... si scateni una bella protesta atta a tutelare il diritto di informazione nonchè di libero pensiero ed espressione !!!!!La censura ha davvero rotto le scatole a qualsiasi livello essa venga portata !!!!.... e ciò è valido anche per i soliti moderatori benpensanti che spesso e volentieri censurano i messaggi su Punto-Informatico !!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Popolo francese al tappeto
    Seriamente.
  • Anonimo scrive:
    Re: Francia, censura e Chernobyl

    staceppa, pago le tasse e mi devi dire se ci son
    cose che potrebbero ledere la mia salutePaghi le tasse per avere infrastrutture funzionanti, non per avere accesso a informazioni che non ti competono. Cos'altro vorresti sapere? Magari il tasso di VOC nell'aria, in tempo reale?E poi cosa fai? Decidi che per te non va bene e non vai a lavorare? E cos'altro ancora?
    • Epimenide scrive:
      Re: Francia, censura e Chernobyl
      - Scritto da:
      Paghi le tasse per avere infrastrutture
      funzionanti, non per avere accesso a informazioni
      che non ti competono. ... informazioni che non ti competono... Ahia, andiamo male qui... Posso capire che ci siano decisioni che non mi competono, e che vi siano autorità preposte a prenderle nell'ambito del loro operato, ma informazioni ?Che razza di paese è quello in cui le informazioni vengono trasmesse solo a quelli a cui competono ? E con che criteri?Ma hai un'idea di quello che hai scritto? Roba da vecchia URSS, o Cina, fai tu...
      Cos'altro vorresti sapere?
      Magari il tasso di VOC nell'aria, in tempo
      reale?Perché no? La trasparenza dell'operato pubblico, e i fattori (cioè, le informazioni) sulla base dei quali sono prese le decisioni, è un valore a cui, troppo spesso, stiamo rinunciando facilmente, e che invece nelle democrazie mature è dato per scontato.Se poi un dato qualsiasi sia per me un'informazione utile o meno, non sta a nessun altro deciderlo, tranne me stesso: se è stato ottenuto con le mie tasse, ho il diritto di saperlo, senza interpretazioni.
      E poi cosa fai? Decidi che per te non va bene e
      non vai a lavorare? E cos'altro
      ancora?Le informazioni servono a prendere decisioni, di cui ciascuno poi risponde: non darle è semplicemente censura, punto.
  • Anonimo scrive:
    Legge idiota
    Sembra che la telecamera sia un istigazione a delinquere, la gente fà i reati perchè è video ripresa, oppure la gente fà i reati perchè vede che li fanno gli altri.......Da italiano ho capito che la gente fà i reati perchè tanto non se ne accorge nessuno e col cavolo che ti beccano, oppure la gente fà i reati perchè crede che un certo comportamente sia accettabile, magari se lo si vedesse filmato capirebbe che il suo comportamento non è accetabile....anche qui' mi sembra che si confondano le cause con gli effetti!!!!quale è la causa? e quali gli effetti?
  • Anonimo scrive:
    Legge idiota
    Sembra che la telecamera sia un istigazione a delinquere, la gente fà i reati perchè è video ripresa, oppure la gente fà i reati perchè vede che li fanno gli altri.......Da italiano ho capito che la gente fà i reati perchè tanto non se ne accorge nessuno e col cavolo che ti beccano, oppure la gente fà i reati perchè crede che un certo comportamente sia accettabile, magari se lo si vedesse filmato capirebbe che il suo comportamento non è accetabile....anche qui' mi sembra che si confondano le cause con gli effetti!!!!quale è la causa? e quali gli effetti?
  • Anonimo scrive:
    Legge idiota
    Sembra che la telecamera sia un istigazione a delinquere, la gente fà i reati perchè è video ripresa, oppure la gente fà i reati perchè vede che li fanno gli altri.......Da italiano ho capito che la gente fà i reati perchè tanto non se ne accorge nessuno e col cavolo che ti beccano, oppure la gente fà i reati perchè crede che un certo comportamente sia accettabile, magari se lo si vedesse filmato capirebbe che il suo comportamento non è accetabile....anche qui' mi sembra che si confondano le cause con gli effetti!!!!quale è la causa? e quali gli effetti?
  • Anonimo scrive:
    Faccio una proposta...
    Non se ne può più di queste censure.Per protesta bisognerebbe far circolare quest'idea:chi invia video di violenza su youtube, ed appartiene ad un paese diverso dalla Francia, dovrebbe scrivere il titolo ed il commento al video anche in FRANCESE. Bisogna sfruttare la grande forza che ha Internet: è di tutti e non è di proprietà di nessuno!
  • aghost scrive:
    I cretini stanno anche in Francia
    be', una magra consolazione: i cretini alla Fioroni non stanno solo da noi ma anche in Francia :)http://aghost.wordpress.com/
  • Anonimo scrive:
    Il potere costituito teme i media liberi
    Leggete gli scritti di Osho, scoprirete come il mondo e' gestito come un giocattolo dai politici. E noi tutti siamo dei pupazzi nelle loro mani.Puoi vedere un reato ma non lo puoi filmare.E' come sentire una canzone ma non poterla cantare.E' vero che un reato e' un reato, ed una canzone e' una canzone, ma e' come se ci stessero censurando uno dei nostri sensi.Ma non era un nostro diritto, la liberta' di espressione?Quando si proibisce di comunicare, inizia il fascismo.All'alba della terza guerra mondiale, i governi stanno impazzendo.E sputano e spuntano leggi senza senso, per sensi senza legge.(Scusate, ho dormito poco e male stanotte...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il potere costituito teme i media li

      Leggete gli scritti di Osho, scoprirete come il
      mondo e' gestito come un giocattolo dai politici.
      Osho non era quel guru che girava in Rolls Royce?
      Puoi vedere un reato ma non lo puoi filmare.Hai forse un'autorizzazione? Sei un giornalista? Hai le credenziali? Fatti un giro nel Mondo Reale e scoprirai che la tessera non è un optional, esiste per permetterti cose che a un comune cittadino non sono assolutamente consentite.
      Ma non era un nostro diritto, la liberta' di
      espressione?La libertà di espressione ha dei limiti. L'apologia di reato, per esempio, è punita. La convenzione ONU contro il razzismo vieta categoricamente l'espressione di sentimenti razzisti.
      Quando si proibisce di comunicare, inizia il
      fascismo.Si CONTROLLA e si REGOLAMENTE il comunicare, non si proibisce. Se vietano a tanti pseudo-reporter dal cellulare facile di pubblicare schifezze su quella fogna globale che è il web, meglio. E' una legge di civiltà, ben venga.
      All'alba della terza guerra mondiale, i governi
      stanno
      impazzendo.Guarda che il Mondo Reale non è un fumetto per bambini.
      E sputano e spuntano leggi senza senso, per sensi
      senza
      legge.

      (Scusate, ho dormito poco e male stanotte...)Si vede.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il potere costituito teme i media li

        Si CONTROLLA e si REGOLAMENTE il comunicare, non
        si proibisce. Se vietano a tanti pseudo-reporter
        dal cellulare facile di pubblicare schifezze su
        quella fogna globale che è il web, meglio. E' una
        legge di civiltà, ben
        venga.
        Il confine tra "CONTROLLO E REGOLAMENTAZIONE" e "CENSURA E DIVIETO" mi sembra sempre piu' labile... e se siamo in una "fogna" perche' i governi si affannano a regolamentare-vietare-censurare-punire la circolazione di idee e informazioni (o parte di esse)??
      • Anonimo scrive:
        Re: Il potere costituito teme i media li

        Se vietano a tanti pseudo-reporter
        dal cellulare facile di pubblicare schifezze su
        quella fogna globale che è il web, meglio.Quelle riprese sono fatti reali, accaduti, non invenzioni fatte con la computer grafica.Non sarà che è il mondo reale ad essere una fogna?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il potere costituito teme i media li


        Puoi vedere un reato ma non lo puoi filmare.

        Hai forse un'autorizzazione? Sei un giornalista?
        Hai le credenziali? Fatti un giro nel Mondo RealeSe vedo scippare una vecchietta e faccio un filmato all'aggressore, mettendolo online potrei aiutare a catturare il testa di ca22o, invece cosi rischio la galera.Le credenziali e le autorizzazioni mettitele nel cu... fatti un giro a Topolinia.
        e scoprirai che la tessera non è un optional,
        esiste per permetterti cose che a un comune
        cittadino non sono assolutamente
        consentite.COSA?? per esempio?? fare un filmato col telefonino? (non pretendo di fare il dentista non essendo laureato in tal senso, e c'è comunuqe chi opera)

        La libertà di espressione ha dei limiti.
        L'apologia di reato, per esempio, è punita. La
        convenzione ONU contro il razzismo vieta
        categoricamente l'espressione di sentimenti
        razzisti.Qui sarebbe piu semplice parlare di Buona Educazione, senza stare a scomodare l'ONU.


        Quando si proibisce di comunicare, inizia il

        fascismo.

        Si CONTROLLA e si REGOLAMENTE il comunicare, non
        si proibisce. Se vietano a tanti pseudo-reporter
        dal cellulare facile di pubblicare schifezze su
        quella fogna globale che è il web, meglio. E' una
        legge di civiltà, ben
        venga.
        Questa non è una legge di civiltà, questa è l'ennesima dimostrazione di ignoranza nei confronti della "fogna globale" come la chiami te.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il potere costituito teme i media li

          Questa non è una legge di civiltà, questa è
          l'ennesima dimostrazione di ignoranza nei
          confronti della "fogna globale" come la chiami
          te.Parla quanto vuoi, intanto la legge passa e come spesso accade in Europa, quello che la Francia inizia gli altri paesi imitano, giustamente.I giornalisti fanno i giornalisti, i cittadini facciani i cittadini.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il potere costituito teme i media li

            I giornalisti fanno i giornalisti...BUHAHAHAHAHH!!! BELLA QUESTA!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il potere costituito teme i media li
            - Scritto da:



            I giornalisti fanno i giornalai ...

            BUHAHAHAHAHH!!! BELLA QUESTA!! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Il potere costituito teme i media li
            - Scritto da:
            I giornalisti fanno i giornalisti, i cittadini
            facciani i
            cittadini.Giornalisti? Come questi?http://sunbeltblog.blogspot.com/2006/08/photoshop-in-news.htmlO come questi?http://news.google.it/news/url?sa=t&ct=it/0-0&fp=45ef7c75395b0b27&ei=2zrvRcmzHMCYsgHZvrjhCQ&url=http%3A//www.casertanews.it/public/articoli/art_20070224214518.htm&cid=0O come questi?http://attivissimo.blogspot.com/2006/07/repubblica-235-milioni-di-morti.htmlSono FIERO di non appartenere alla categoria giornalisti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il potere costituito teme i media li
        Bello, a quando la legge anti troll?
        • Anonimo scrive:
          Re: Il potere costituito teme i media li
          - Scritto da:
          Bello, a quando la legge anti troll?In Amer d ica hanno già provvedutohttp://punto-informatico.it/p.aspx?id=1376399Se fanno il bis in Italia, megaretata su PI(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon) :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Il potere costituito teme i media li
        censuré, disparité, divisioné...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il potere costituito teme i media li

        Hai forse un'autorizzazione? Sei un giornalista?
        Hai le credenziali? Fatti un giro nel Mondo Reale
        e scoprirai che la tessera non è un optional,
        esiste per permetterti cose che a un comune
        cittadino non sono assolutamente
        consentite.Per esempio? ricopiare passivamente le agenzie ansa? essere il cameriere dei politici e dei poteri forti?
  • Anonimo scrive:
    Giusto così
    É ora di finirla con questo insopportabile dilettantismo. Il cittadino va tutelato dalla faziosità e dall'imbarazzante mancanza di professionalità dei bloggers.La decisione di Parigi va applaudita come un altro, necessario passo verso la normalizzazione di Internet.
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto così
      mi piace l'ironia, ci vuole di mattina :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto così

      La decisione di Parigi va applaudita come un
      altro, necessario passo verso la normalizzazione
      di
      Internet.Quoto. Internet deve, e sarà, ricondotta entro i binari della civiltà e dell'ordine costituito, con la forza della Legge visto che non sembrano esistere altri mezzi.Il Web è un importante piazza finanziaria e un luogo dove si conducono affari legittimi. Non può e non deve restare al di fuori di ogni regolamento.Ben vengano le leggi e le deliberazioni in questo senso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto così
        Certo, certo.......Mi spieghi che c'entra la tua affermazione con l'argomento principale????Mi parli di finanza mentre qui si discute se è giusto o meno diffondere filmati di violenza?????
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto così
          - Scritto da:
          Certo, certo.......

          Mi spieghi che c'entra la tua affermazione con
          l'argomento
          principale????

          Mi parli di finanza mentre qui si discute se è
          giusto o meno diffondere filmati di
          violenza?????Se poi PI viene soprannominato "MacTroll" non vi dovete stupire...
  • Anonimo scrive:
    Evvai
    Le prossime:- solo i giornalisti pagati potranno riportare episodi di violenza- solo i giornalisti pagati potranno dire che un politico e' corrotto- solo i giornalisti pagati potranno definire se una notizia e' vera o noCHE SCHIFO! VERGOGNA, immensamente VERGOGNA!
  • Federikazzo scrive:
    la cina è più vicina
    come si dice? "la cina è più vicina"? eh già... mai slogan fu più azzeccato (anonimo)(c64)
  • Anonimo scrive:
    Giustissima questa legge, ci vorrebbe
    anche da noi.Perche' troppo spesso si vedono video di violenza in giro, magari ripresi durante le operazioni legittime delle forze dell'ordine mentre respingono dissidenti e manifestanti incivili.Mi viene in mente il G8 o le proteste sulle quote del latte e sulla tav, con tantissimi video artigianali dove chi riprendeva faceva sembrare in torto le forze dell'ordine, quando invece sappiamo tutti benissimo che quei ragazzi sono li per fare il proprio dovere, e che al limite si prendono delle sassate e poi, se sono costretti, caricano per disperdere i rivoltosi, non certo per far del male !Poi un'altra cosa : chi vuole fare il giornalista e' bene che studi da giornalista, si iscriva agli appositi organi di gestione e ai sindacati.Trovo folle che ognuno possa esprimersi come piu' gli pare e piace portando caos e venti di rivolta in uno Stato gia' assilato da molti problemi di ordine sociale.I giornalisti, quelli seri e che scrivono con impegno, gia' li abbiamo, pubblicano articoli per le maggiori testate (regolarmente registrate al Tribunale di Roma), seguendo con coscienza e nozione di causa l'andamento politico, culturale ed economico del Paese.(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Giustissima questa legge, ci vorrebbe
      sei un tragicomico o il tuo punto di arrivo è essere un succube? punto per la prima altrimenti stiamo messi veramente male.
    • Anonimo scrive:
      Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
      forse nel calso non ti fossi degnato di vederlo dagli un occhio al video postato da PIhttp://www.youtube.com/watch?v=aH-nal6PkQo
      • Anonimo scrive:
        Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
        - Scritto da:
        forse nel calso non ti fossi degnato di vederlo
        dagli un occhio al video postato da
        PI

        http://www.youtube.com/watch?v=aH-nal6PkQoIl vero problema e' che la gente, quando legge un messaggio, si fa trasportare dal fanatismo e dall'ideale, senza curarsi dell'aspetto logico.Se cosi' non fosse, ti saresti reso conto che, proprio in fondo al messaggio, ho messo un piccolo (troll4) per sottolineare un certo aspetto delle mie parole :)(leggasi ironia)
        • Anonimo scrive:
          Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
          Mi fa piacere che tu stessi scherzando, anche se c'è poco da scherzare su certe cose... Fermo restando che la gente che la pensa così c'è ed è tanta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
      Come no! Quindi le forze dell'ordine non sbagliano mai!Incredibile che ci sia ancora gente così disinformata.. Il G8 di Genova ha registrato abusi senza precedenti su manifestanti pacifici, invece che ragionare per luoghi comuni o peggio ancora guardando Emilio Fede, dai un'occhiata a questi video:http://www.youtube.com/view_play_list?p=7523A307CA15B68FI VIDEO SONO L'ULTIMA FONTE DI VERITA' RIMASTA.Ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
        - Scritto da:
        Come no! Quindi le forze dell'ordine non
        sbagliano
        mai!
        Incredibile che ci sia ancora gente così
        disinformata.. Il G8 di Genova ha registrato
        abusi senza precedenti su manifestanti pacifici,
        invece che ragionare per luoghi comuni o peggio
        ancora guardando Emilio Fede, dai un'occhiata a
        questi
        video:
        http://www.youtube.com/view_play_list?p=7523A307CA

        I VIDEO SONO L'ULTIMA FONTE DI VERITA' RIMASTA.

        Ciao!IRONIA QUESTA SCONOSCIUTA!
    • Anonimo scrive:
      Re: Giustissima questa legge, ci vorrebbe
      "Trovo folle che ognuno possa esprimersi come piu' gli pare e piace "?????? ???? ???????? ?????? ?????????? ???????? ?? ??????? ??????? ????????? ?????? ?????? ?????? ???? ??????? ??????? ?????????????? ???? ??????? ?????? ????????? ?Tu sei fuori di melone.Piuttosto va insegnato alla gente che quello che si vede per la TV o si legge sui giornali non va preso come la verita' assoluta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
        - Scritto da:
        "Trovo folle che ognuno possa esprimersi come
        piu' gli pare e piace
        "

        ?????? ???? ???????? ?????? ?????????? ????????
        ?? ??????? ??????? ????????? ?????? ?????? ??????
        ???? ??????? ??????? ?????????????? ???? ???????
        ?????? ?????????
        ?

        Tu sei fuori di melone.

        Piuttosto va insegnato alla gente che quello che
        si vede per la TV o si legge sui giornali non va
        preso come la verita'
        assoluta.IRONIA QUESTA SCONOSCIUTA!
    • castigo scrive:
      Re: Giustissima questa legge, ci vorrebbe
      (rotfl)- Scritto da:
      anche da noi.

      Perche' troppo spesso si vedono video di violenza
      in giro, magari ripresi durante le operazioni
      legittime delle forze dell'ordine mentre
      respingono dissidenti e manifestanti
      incivili.

      Mi viene in mente il G8 o le proteste sulle quote
      del latte e sulla tav, con tantissimi video
      artigianali dove chi riprendeva faceva sembrare
      in torto le forze dell'ordine, quando invece
      sappiamo tutti benissimo che quei ragazzi sono li
      per fare il proprio dovere, e che al limite si
      prendono delle sassate e poi, se sono costretti,
      caricano per disperdere i rivoltosi, non certo
      per far del male
      !


      Poi un'altra cosa : chi vuole fare il giornalista
      e' bene che studi da giornalista, si iscriva agli
      appositi organi di gestione e ai
      sindacati.
      Trovo folle che ognuno possa esprimersi come piu'
      gli pare e piace portando caos e venti di rivolta
      in uno Stato gia' assilato da molti problemi di
      ordine
      sociale.

      I giornalisti, quelli seri e che scrivono con
      impegno, gia' li abbiamo, pubblicano articoli per
      le maggiori testate (regolarmente registrate al
      Tribunale di Roma), seguendo con coscienza e
      nozione di causa l'andamento politico, culturale
      ed economico del
      Paese.sei uno spasso, chiama bisio, che cornacchione ha un pò stufato (rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
      - Scritto da:
      anche da noi.

      Perche' troppo spesso si vedono video di violenza
      in giro, magari ripresi durante le operazioni
      legittime delle forze dell'ordine mentre
      respingono dissidenti e manifestanti
      incivili.Si, come no.
      Mi viene in mente il G8 o le proteste sulle quote
      del latte e sulla tav, con tantissimi video
      artigianali dove chi riprendeva faceva sembrare
      in torto le forze dell'ordine, quando invece
      sappiamo tutti benissimo che quei ragazzi sono li
      per fare il proprio dovere, e che al limite si
      prendono delle sassate e poi, se sono costretti,
      caricano per disperdere i rivoltosi, non certo
      per far del male
      !Succede anche il contrario: certe riprese vengono opportunamente montate per mostrare cose che non sono accadute o che sono accadute diversamente. Inoltre, proprio sui fatti di Genova non mi pare che le indagini stiano sempre dando ragione alle FdO.
      Poi un'altra cosa : chi vuole fare il giornalista
      e' bene che studi da giornalista, si iscriva agli
      appositi organi di gestione e ai
      sindacati.
      Trovo folle che ognuno possa esprimersi come piu'
      gli pare e piace portando caos e venti di rivolta
      in uno Stato gia' assilato da molti problemi di
      ordine
      sociale.Trovi folle che ognuno possa esprimersi come più gli pare? Io trovo assurdo e pericoloso il contrario. Imporre un rigido controllo all'informazione è tipico delle dittature.
      I giornalisti, quelli seri e che scrivono con
      impegno, gia' li abbiamo, pubblicano articoli per
      le maggiori testate (regolarmente registrate al
      Tribunale di Roma), seguendo con coscienza e
      nozione di causa l'andamento politico, culturale
      ed economico del
      Paese.I giornalisti in Italia non sono sempre quei gran professionisti che dici, anzi. Sono troppo controllati e ricattabili per fornire un vero servizio giornalistico, specie quando si parla di questioni politiche.Per quanto riguarda l'andamento politico, dire che lo seguano con "coscienza" e "cognizione di causa" mi sembra un gran bell'elogio, ma immeritato. I più si limitano a ricopiare i dispacci ANSA, senza filtrare o commentare le notizie. Chi ha mai seguito un telegiornale inglese o francese può capire...
      • Anonimo scrive:
        Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
        Era una squisitezza di trollata, troppo squisita... purtroppo pericolosamente simile a certe cose che si ascoltano davvero.
        • Anonimo scrive:
          Re: Giustissima questa legge, ci vorrebb
          - Scritto da:
          Era una squisitezza di trollata, troppo
          squisita... purtroppo pericolosamente simile a
          certe cose che si ascoltano
          davvero.Questi forum sono pieni di TesteQuadre.
  • Anonimo scrive:
    Che schifo!
    Ipocrisia al 100%.Ora manca solo che facciano una legge che imponga di nascondere la rumenta sotto i tappeti.
  • Anonimo scrive:
    FACILE SOLUZIONE
    spedisci la cassetta o il file mpg alla redazione di un giornale....
    • Anonimo scrive:
      Re: FACILE SOLUZIONE
      - Scritto da:
      spedisci la cassetta o il file mpg alla redazione
      di un
      giornale....Deve essere un giornale indipendente, però, altrimenti figurati.A meno che non ti fai furbo e mandi le porcate di quelli di destra ai giornali di sinistra e viceversa.
  • Anonimo scrive:
    A noi di tutto questo...
    ...non ce ne fotte una cippa! SIAMO IN ITALIA!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: A noi di tutto questo...
      Sii... siamo in Italia? o sei un ragazzino e la pensi innocentemente o sei un ignorante ed ignori come sia facile emularli.
  • Anonimo scrive:
    Il bavaglio
    Non ce la faranno, l'informazione è LIBERA. Potranno cambiare le regole del gioco, ma non vinceranno la partita.
  • CoreDump scrive:
    Per la serie...
    ...occhio non vede e cuore non duole, e certo cosiè facile facile, la gente non vede quello chesuccede in giro e quindi il problema non esiste, praticamente l'uovo di colombo ( per loro ), caxxose non è censura questa :|-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 marzo 2007 00.41-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    E vai con la censura!
    Adesso i terroristi e i pedofili non bastano più come scusa per censurare, la gente si è assuefatta. Ci vogliono idee nuove!Prossimo passo: la violenza su Internet! Poi le idee scomode, e via dicendo...
    • Anonimo scrive:
      Re: E vai con la censura!
      - Scritto da:
      Adesso i terroristi e i pedofili non bastano più
      come scusa per censurare, la gente si è
      assuefatta. Ci vogliono idee
      nuove!
      Prossimo passo: la violenza su Internet! Poi le
      idee scomode, e via
      dicendo...QUOTO. :@
  • Anonimo scrive:
    IRREGGIMENTATI
    Preparati alle verità a senso unico............Poi dicono della Cina!! Ridicoli!
    • ishitawa scrive:
      Re: IRREGGIMENTATI
      sembra che di fronte al fenomeno internet i politici di tutte le nazioni e di tutti i colori abbiano un unica impostazione- bello, bello, offrirà molte opportutità...- però alla gente mica gli si può lasciare dire e fare quello che vuole...
      • Anonimo scrive:
        Re: IRREGGIMENTATI
        - Scritto da: ishitawa
        sembra che di fronte al fenomeno internet i
        politici di tutte le nazioni e di tutti i colori
        abbiano un unica
        impostazione
        - bello, bello, offrirà molte opportutità...Infatti. Nuove opportunità per l'economia e gli affari.
        - però alla gente mica gli si può lasciare dire e
        fare quello che
        vuole...Logico. Siamo in uno Stato retto da leggi. Non puoi fare quello che vuoi.Sei forse un anarchico?Sei un terrorista?Allora di cosa ti lamenti?
    • Anonimo scrive:
      Re: IRREGGIMENTATI
      - Scritto da:
      Preparati alle verità a senso unico.
      ........... Poi dicono della Cina!! Ridicoli!poi?La Cina ci è arrivata prima.
Chiudi i commenti