Le big dell'IT per la virtualizzazione open source

Intel, IBM, HP e altri annunciano una nuova alleanza per diffondere il verbo della virtualizzazione basata sul kernel di Linux. Per favorire l'interoperabilità ma soprattutto per combattere contro VMware

Roma – Si chiama Open Virtualization Alliance (OVA), ed è la nuova alleanza dei protagonisti di primo piano dell’industria IT tesa a promuovere uno standard di virtualizzazione aperto, interoperabile e al passo con le esigenze della clientela. Ma soprattutto, OVA vuole fronteggiare l’asso pigliatutto VMware e la sua strategia di conquista del mercato.

Fanno parte di OVA Intel, IBM, Hewlett-Packard, Novell, BMC, Eucalyptus Systems e Red Hat. L’alleanza intende fornire assistenza tecnica ed “educare” le aziende sulle pratiche ottimali per “comprendere e valutare” le opzioni di virtualizzazione disponibili, e in particolare a promuovere l’adozione della tecnologia Kernel-based Virtual Machine (KVM) che impiega il kernel Linux come hypervisor del sistema di virtualizzazione.

Ed è appunto il codice FOSS di KVM la base della strategia di mercato adottata da OVA , nella speranza che lo standard conquisti terreno fornendo alle aziende la possibilità di integrare tecnologie e sistemi differenti senza doversi troppo preoccupare di incompatibilità, problemi di deployment e lock-in forzato in specifiche piattaforme e tecnologie.

La virtualizzazione interoperabile promossa da OVA serve prima di tutto a rallentare il passo a VMware , un’azienda che a detta dei partecipanti all’alleanza “sta seguendo una strategia sul genere di Microsoft” con la creazione di un grande ecosistema e l’acquisizione di tecnologie, una strategia capace di sbaragliare i concorrenti di minori dimensioni.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iupiter scrive:
    acer manco morto
    acer manco morto..si rompe sempre tutto, li ha comprati per anni mio cognati e io a cronometrare quanto duravano...nulla, alla larga.
    • Funz scrive:
      Re: acer manco morto
      - Scritto da: iupiter
      acer manco morto..si rompe sempre tutto, li ha
      comprati per anni mio cognati e io a cronometrare
      quanto duravano...nulla, alla
      larga.Sarai sfortunato... io ho un acerone da 10 anni e funziona ancora egregiamente nonostante abbia un impianto elettrico assassino di roba elettronica.
    • __________ ________ ______ ____ __ scrive:
      Re: acer manco morto
      Desktop dal 2005 con (s)Vista (ancora l'originale pre installato qlke manutenzione ma MAI formattone) + netbook dal 2008 o 2009 non ricordo ??...impeccabili ...avrò XXXX XD
  • Carlo Marchiori scrive:
    complimenti
    Vivi complimenti per la qualità dell'articolo.
    • goldbuster scrive:
      Re: complimenti
      - Scritto da: Carlo Marchiori
      Vivi complimenti per la qualità dell'articolo.sta mania del 3d non lo mai capita :)http://www.megaupload.com/?d=EB2JN3LT
  • panda rossa scrive:
    489 euro!
    Nell'articolo mancava solo un piccolo ed insignificante dato.http://www.tomshw.it/cont/news/acer-gn245hq-monitor-con-nvidia-3d-vision/29578/1.html
    • Dinox PC scrive:
      Re: 489 euro!
      Ehm... non mancava! Proprio l'ultima frase riporta quanto segue: Il prezzo del prodotto, superiore ai 400 Euro, appare eccessivo ma occorre considerare che al suo interno sono compresi anche i costi del ricevitore 3D integrato e degli occhiali stereoscopici NVIDIA 3D Vision (circa 130 euro). Altri display concorrenti costano circa 300 euro al netto del kit NVIDIA, dunque posizionati sulla stessa fascia di prezzo.
      • Pinox scrive:
        Re: 489 euro!
        Io un paio d'anni fa ho pagato il mio Samsung Syncmaster 971p ben 420 euro, e ne sono felicissimo. La qualità si paga
        • Joe Tornado scrive:
          Re: 489 euro!
          Sono d'accordo, risparmiare sul monitor (esperienza visiva) mi sembra assurdo ... io ho un prodotto più "popolare", un Samsung SyncMaster 931c, pagato comunque oltre 250 Euro, tre anni fa. Calibrarlo è stata dura, ma è un ottimo prodotto. Ero convinto che avrei rimpianto il precedente monitor, un Samsung CRT con schermo piatto del 2003, ora in uso su altra macchina, ma ho rapidamente cambiato idea !
      • panda rossa scrive:
        Re: 489 euro!
        - Scritto da: Dinox PC
        Ehm... non mancava! Proprio l'ultima frase
        riporta quanto
        segue:Vero. Ma era troppo lungo l'articolo e non l'ho letto tutto.Mi sono fermato a pagina 2 con la scheda tecnica e il prezzo non c'era.
        • Dinox PC scrive:
          Re: 489 euro!
          Spero tu possa avere più tempo per approfondire la lettura :)
          • JChip scrive:
            Re: 489 euro!
            Magari si poteva scrivere che e' il TRASMETTITORE ad essere integrato e non il ricevitore perche' il ricevitore e' negli occhiali attivi ... cosi' ... per la precisione ...Saluti,J.
          • Dinox PC scrive:
            Re: 489 euro!
            Per la precisione hai ragione ;) Chiediamo scusa della svista!
Chiudi i commenti