Linux mobile ha un nuovo standard

LiPS 1.0 è la prima specifica standard per Linux mobile realizzata da un omonimo forum di aziende con l'intento di accelerare l'adozione delle tecnologie open source nel settore della telefonia cellulare

Sophia Antipolis (Francia) – Linux sta costantemente guadagnando nuove quote di mercato nel settore della telefonia mobile, ma gli analisti ritengono che per spiccare un deciso balzo in avanti le tecnologie mobili open source necessitino di piattaforme e specifiche standard. Tra le organizzazioni che lavorano alla realizzazione di questo obiettivo c’è Linux Phone Standards (LiPS) Forum , un’alleanza di aziende che, proprio negli scorsi giorni, ha completato un primo insieme di specifiche standard per l’uso di Linux sui dispositivi mobili .

Il primo obiettivo di questa specifica, secondo LiPS Forum, è “consentire ai player dell’industria mobile di ottenere un livello base di interoperabilità per le applicazioni e i servizi forniti sui telefoni Linux-based”. L’organizzazione ritiene che una piattaforma standard possa avvantaggiare sia i produttori di hardware e software, consentendogli di ridurre costi e tempi di sviluppo , sia agli utenti finali, che potranno utilizzare le stesse applicazioni su dispositivi di marca e architettura differenti .

“A dispetto di quanto promesso da altre organizzazioni che promuovono software mobile Linux-based, il lavoro di LiPS ha lo scopo di migliorare l’interoperabilità per mezzo di specifiche e standard aperti reali, e non attraverso l’accettazione di una singola implementazione”, si legge in questo comunicato . LiPS Forum paragona implicitamente la propria iniziativa a quella di Open Handset Alliance (OHA), un gruppo di aziende che promuove la neonata piattaforma Android di Google . LIPS Forum ha illustrato le differenze tra il proprio approccio e quello di OHA in questo documento PDF .

Architettura di LiPS Release 1.0 La specifica LiPS 1.0 fornisce codice, interfacce di programmazione (API) e linee guida per l’implementazione di rubrica, funzioni di comunicazione vocale, servizi per l’interfaccia utente (widget, gestione della tastiera e inserimento del testo), funzionalità di telefonia, messaggistica, agenda e presenza. Nel 2008 l’Alleanza conta poi di aggiungere alla propria piattaforma un application framework e delle API relative a gestione dei dispositivi, multimedia e digital rights management.

LiPS Forum sostiene che queste specifiche favoriranno l’interoperabilità tra i diversi prodotti di telefonia mobile basati su Linux, e incentiveranno gli sviluppatori a creare applicazioni per tale ecosistema.

“LiPS 1.0 svolgerà un ruolo molto importante nello stimolare la convergenza tra differenti implementazioni, specialmente nel settore della telefonia, del personal information managing e delle funzionalità dell’interfaccia utente, dove la frammentazione sta rallentando l’avvento di Linux”, afferma l’organizzazione.

L’obiettivo d LiPS Forum non è quello di sviluppare nuove implementazioni dei software già disponibili sul canale open source, ma di aggregare e cucire fra loro tecnologie e componenti di diversa provenienza . Il framework su cui poggia l’interfaccia grafica utente di LiPS, ad esempio, è quello GTK di GNOME Foundation . L’adozione di GTK non ha per altro impedito a Trolltech , nota sviluppatrice del toolkit rivale Qtopia, di partecipare ai lavori del Forum.

Tra le aziende che fanno parte di LiPS Forum vi sono France Telecom, Telecom Italia, Freescale, ARM, Texas Instruments, Palmsource, Montavista e FSM Labs. La lista completa si trova qui .

Iniziative complementari a LiPS sono LiMo e la Mobile Linux Interactive di OSDL, entrambe focalizzate nel migliorare il supporto del kernel di Linux ai dispositivi mobili.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • stargazer scrive:
    Sono sempre i peggiori
    Ci avete fatto caso? Sono sempre i peggiori, i più mediocri, quelli in prima fila contro la "pirateria".I Verdone, i Faletti o i Metallica della fase calante...http://stargazer.homelinux.net
    • Carlo Bonzi scrive:
      Re: Sono sempre i peggiori
      certo che ho notato e tu prova fare il gioco delle parti invertite, non lo faresti pure tu? Solo che non perderesti forse l'occasione di startene zitto..dico bene?Invece lui si e' esposto..come dicono a zena..ci avra' la sua conveniensa belandi..dico bene paolo?
  • caponord scrive:
    pataccone romano
    ho sempre avuto simpatia e stima per la capacita' di verdone,ma queste "butade" che fanno tanto piacere alle major no!Dicono ,dicono,poi loro sono cresciuti con la stessa cultura nostra,fatta di libri acquistati e presi in prestito,film acquistati,visti al cinema e visti sui siti....la Cultura-quella vera-un'uomo se la costruisce individualmente,meglio se con costi accessibili,la spazzatura....quella(di certi film)puo' stare anche nei mercatini....
    • dindin scrive:
      Re: pataccone romano
      - Scritto da: caponord
      ho sempre avuto simpatia e stima per la capacita'
      di verdoneio no, non mi ha mai fatto ne ridere ne riflettere.
  • AkiRoss scrive:
    Bravo.
    Io concordo. A me la pirateria non piace e capisco il suo discorso.Se non avete i soldi o pensate che un prodotto sia troppo caro, non lo comprate. *Fine*. Questa e' la cultura, questa e' la civilta'.Se pensate che vi stiano fregando, non dovete dare corda e usare il prodotto, ma dovete puntare su quelli che soddisfano le vostre richieste.E *soprattutto*: dietro a queste opere c'e' sempre un lavoro non indifferente. Il prezzo che pagate per l'arte non e' per usufruire di quella creazione, ma e' (o dovrebbe essere) il contributo che una persona civile da all'autore.Tu hai usato il tuo tempo per fare un'opera che apprezzo? Io ti do il mio denaro, come riconoscimento.La civilta' e la cultura sta qui, chi non lo capisce forse dovrebbe iniziare a immaginare la sua vita *con lavoro* ma *senza stipendio*.Le questioni di CD con prezzi iper sono altre questioni, ma il fatto culturale e' solo e semplicemente questo (che nei paesi piu' civili e' compreso meglio che qui).
    • Mi scoccio di loggare scrive:
      Re: Bravo.
      - Scritto da: AkiRoss
      Io concordo. A me la pirateria non piace e
      capisco il suo
      discorso.Tu hai un parere tuo, io uno mio, discordate, ma comunque mio, e nessuno dei due ha una verità assoluta.Premesso questo, continuiamo :
      Se non avete i soldi o pensate che un prodotto
      sia troppo caro, non lo comprate. *Fine*. Questa
      e' la cultura, questa e' la
      civilta'.Sbagliato.Se un prodotto e' troppo caro, non lo compro.Se un prodotto e' troppo caro, non lo rubo.Se un prodotto e' troppo caro, ed e' stato realizzato _ANCHE_ con i miei soldi ( tasse divenute finanziamento alla cultura ), allora VOGLIO la mia parte ( o mi ritornano la % sul ricavato, o mi ritornano 1 copia del film )Questa e' cultura, questa e' civiltà.Non puoi realizzare qualcosa CON I MIEI FINANZIAMENTI e poi dire " no, questa e' opera mia e tutto il ricavato va a me da ora fino a 50 anni ".
      Se pensate che vi stiano fregando, non dovete
      dare corda e usare il prodotto, ma dovete puntare
      su quelli che soddisfano le vostre
      richieste.Piu' o meno concordo. Pero' se vuoi un paese utopistico, allora facciamo cosi :- domani controllo a tappeto su tutti i conti italiani/esteri di tutti i cittadini residenti/in visita e verifica su tutte le tasse pagate/evase.Chi le ha evase, ne dovra' pagare *REALMENTE* una somma pari all'importo evaso*inflazione*100- Tassazione in base al reddito, andando a colpire fino all'80% del reddito lordo per le famiglie piu' ricche.Solo dopo, passiamo a mettere in galera chi scarica un film o chi lo compra in strada ok?
      E *soprattutto*: dietro a queste opere c'e'
      sempre un lavoro non indifferente. Il prezzo che
      pagate per l'arte non e' per usufruire di quella
      creazione, ma e' (o dovrebbe essere) il
      contributo che una persona civile da
      all'autore.Una persona che guadagna, in 1 anno, quello che molti altri (non per capacità, ma per sfortuna ), forse lo guadagnano in 1 vita.
      Tu hai usato il tuo tempo per fare un'opera che
      apprezzo? Io ti do il mio denaro, come
      riconoscimento.Stato versato dallo Stato sotto forma di finanziamento. Quindi l'opera deve essere fruibile da me che ne ho finanziato almeno in parte.
      La civilta' e la cultura sta qui, chi non lo
      capisce forse dovrebbe iniziare a immaginare la
      sua vita *con lavoro* ma *senza
      stipendio*.Chi invece non sa che una percentuale delle tasse, va a finire nelle tasche della cinematografia, forse, le tasse le evade.
      Le questioni di CD con prezzi iper sono altre
      questioni, ma il fatto culturale e' solo e
      semplicemente questo (che nei paesi piu' civili
      e' compreso meglio che
      qui).Anche gli stipendi...ma forse gli imprenditori italiani sentono solo da un lato.
  • umbe scrive:
    complimenti
    "Che cinema è quello buttato per terra, mischiato a borse contraffatte, a Cd falsi e a programmi e giochi per il computer anch'essi piratati? Il mio impegno è perché il cinema e la cultura non finiscano sviliti così sui marciapiedi"Che cinema è quello dei Boldi, dei De Sica, dei Salemme, ecc.?Roba da Oscar, immagino.
    • Collagene scrive:
      Re: complimenti
      - Scritto da: umbe
      "Che cinema è quello buttato per terra, mischiato
      a borse contraffatte, a Cd falsi e a programmi e
      giochi per il computer anch'essi piratati? Il mio
      impegno è perché il cinema e la cultura non
      finiscano sviliti così sui
      marciapiedi"
      Che cinema è quello dei Boldi, dei De Sica, dei
      Salemme, ecc.?
      Roba da Oscar, immagino.Consiglio "Ridicule" ridoppiato da Carletto FX, parla proprio di questo tema e ovviamente fa pisciare dal ridere.
    • rotfl scrive:
      Re: complimenti
      - Scritto da: umbe
      "Che cinema è quello buttato per terra, mischiato
      a borse contraffatte, a Cd falsi e a programmi e
      giochi per il computer anch'essi piratati? Il mio
      impegno è perché il cinema e la cultura non
      finiscano sviliti così sui
      marciapiedi"ROTFL... eh gia', perche' adesso se il Padrino, 2001 Odissea Nello Spazio o Quarto Potere stanno su un marciapiede di fianco a una borsa perdono di qualita'... (rotfl)
    • Mi scoccio di loggare scrive:
      Re: complimenti
      - Scritto da: umbe
      "Che cinema è quello buttato per terra, mischiato
      a borse contraffatte, a Cd falsi e a programmi e
      giochi per il computer anch'essi piratati? Il mio
      impegno è perché il cinema e la cultura non
      finiscano sviliti così sui
      marciapiedi"

      Che cinema è quello dei Boldi, dei De Sica, dei
      Salemme,
      ecc.?
      Roba da Oscar, immagino.Cioe' ma stiamo scherzando?Hai mai visto un film di Boldi, De Sica, Salemme, Villaggio e hai sentito qualcuno ridere?Fanno parte di tutto quel filone italiano di film spazzatura.Poi ci lamentiamo che il cinema italiano e' in crisi.La differenza tra quello americano e quello italiano, e' che il primo INVESTE (almeno in effetti), mentre il nostro sembra esser fatto da un regista in erba senza 1 soldo in tasca.
      • Carlo Bonzi scrive:
        Re: complimenti
        condivido il ragionamento fatto da una persona che ha un suo stile di ricezione emozionale della vita..pero' devi fare i conti anche con le altre persone e a giudicare dai numeri di ingressi molta gente pur pensandola come te contribuisce al cassettame del cinema e se da 15anni li fanno sti film un motivo ci sara' no?Una trama? bene due culi un paio di tette e un linguaggio da scaricotore e disimpegni la serata ..esci dal cinema e poi se ti chiedono che film hai visto..fai fatica a ricordarlo..
  • unaDuraLezione scrive:
    cioè, apsetta ho capito...
    contenuto non disponibile
    • Sono arrabbiato scrive:
      Re: cioè, apsetta ho capito...
      Esatto, non vale niente, però se sta appeso nella villa di qualche riccone ignaro che sia un picasso vale moltissimo, secondo Verdone vale dove sta, non il valore che l'opera ha in se stessa.In sostanza, non ha capito una mazza.
      • jonotespere scrive:
        Re: cioè, apsetta ho capito...
        Vabbé dai ragazzi, non v'incazzate: è Verdone.Cioè, mica uno che stai ad ascoltare pensando che abbia realmente qualcosa di importante da dire...
        • rotfl scrive:
          Re: cioè, apsetta ho capito...
          - Scritto da: jonotespere
          Vabbé dai ragazzi, non v'incazzate: è Verdone.
          Cioè, mica uno che stai ad ascoltare pensando che
          abbia realmente qualcosa di importante da
          dire...Verdone non ha ragione di esistere neanche come attore da vent'anni a questa parte. Torni in fabbrica.
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: cioè, apsetta ho capito...
            - Scritto da: rotfl
            - Scritto da: jonotespere

            Vabbé dai ragazzi, non v'incazzate: è Verdone.

            Cioè, mica uno che stai ad ascoltare pensando
            che

            abbia realmente qualcosa di importante da

            dire...

            Verdone non ha ragione di esistere neanche come
            attore da vent'anni a questa parte. Torni in
            fabbrica.Secondo me si e' tirato su troppa roba dalla nave battente bandiera liberiana....
  • Enrico204 scrive:
    Piratati?
    Io rimango del parere che se gli attori (e chi ci sta dietro) devono guadagnare è perché i cinema si riempiono quando vengono proiettate le loro opere, non da queste truffe che chiamano "vendita/noleggo legale di dvd".Vedere un film sul televisore di casa, magari neanche con il dolby digital o cose simili ma solo in stereofonia, beh è molto differente da vederlo al cinema. Quindi se io voglio vedere un film perché (mi) piace vado al cinema. Ci andrei anche due volte, una con e una senza amici (magari con qualcun altro, tipo parenti, genitori, ecc.).Tra l'altro se proprio vogliamo fare i fiscali il biglietto del cinema si dovrebbe pagare solo DOPO aver visto il film, e solo SE è piaciuto. Naturalmente un sistema del genere è un po' un'utopia...PS: è provato (anche da me, visto che lo faccio) che chi vede un film in dvd preso dal "marciapiede" (o da internet) molte volte si va a vedere anche quello al cinema, un po' come se fosse una versione dimostrativa di un software...Enrico
  • Tsukishiro Yukito scrive:
    attori comici
    "Una cultura svenduta e piratata - ha sottolineato - è una cultura che non vale niente. Che cultura può essere quella che si vende nei mercatini e sui marciapiedi? Che cinema è quello buttato per terra, mischiato a borse contraffatte, a Cd falsi e a programmi e giochi per il computer anch'essi piratati? Il mio impegno è perché il cinema e la cultura non finiscano sviliti così sui marciapiedi". Be', vedo che come attore comico è ancora in gamba! :)Una volta però almeno lo faceva consapevolmente. :D
  • Utente PC scrive:
    Ma è mai possibile che
    queste uscite pro-diritti del popolo la fanno solo gli "artisti" in crisi?Verdone mi è sempre sembranto un po' ipocrita, non gli riconosco neanche un grande talento (forse una ventina di anni fa), ma secondo me sta diventando sempre più uno di quei paladini del cinema sponsorizzato dallo stato, quelli che fanno film perchè li sponsorizzano e partecipano al ricircolo dei premi (con le varie associazioni che si premiano tra loro).E badate bene, questa non vuole essere una provocazione così, gratuita, ma una critica ragionata: sono d'accordo anche io che la proprietà intellettiva ha un valore commerciale che va corrisposto, quello che non mi fa giù è solo l'ipocrisia di chi difende quel valore.Pace.
  • Mi scoccio di loggare scrive:
    Verdone Politico Italiano
    Come Politico, ne ha di strada... sa mentire spudoratamente " non lo faccio per i miei interessi, ma per il popolo ".Mi chiedo pero', perche', invece di interessarsi alla contraffazione dei cd, non si interessa alla paga MISERA di un operaio?Un cd originale costa dai 20 ai 30 euro ( minimo -parlando di ultime uscite....se poi dobbiamo comprare quella rilasciata con una testata quindicinale a 5 euro, e' un'altro discorso molto lungo ), uno stipendio di un operaio si aggira sui 600-800 euro mensili, un fitto o un mutuo si aggira dai 300 (periferia-periferia) ai 600( non in centro, ma in città comunque ).Quindi se la cultura :- E' un diritto di tutti- Viene "sponsorizzata" o comunque "incentivata" dallo StatoE' meglio se Verdone ( e i suoi simili ), si organizzino per combattere sulle paghe misere degli operai e sul costo esoso dei propri prodotto "culturali" ( io li chiamerei "commerciali"...ma vabbe' ).Una caduta di stile di Verdone...vabbe' che comunque non l'ho neanche tanto apprezzato in passato...Saluti
    • Er trucido scrive:
      Re: Verdone Politico Italiano

      Mi chiedo pero', perche', invece di interessarsi
      alla contraffazione dei cd, non si interessa alla
      paga MISERA di un
      operaio?Perché nu je ne frega gnente? Tanto i sordi cell'ha.
      • erminio scrive:
        Re: Verdone Politico Italiano
        - Scritto da: Er trucido

        Mi chiedo pero', perche', invece di interessarsi

        alla contraffazione dei cd, non si interessa
        alla

        paga MISERA di un

        operaio?

        Perché nu je ne frega gnente? Tanto i sordi
        cell'ha.'nfatti.
    • Alessandro C. scrive:
      Re: Verdone Politico Italiano
      - Scritto da: Mi scoccio di loggare
      Un cd originale costa dai 20 ai 30 euro ( minimo
      -parlando di ultime uscite....:|Ma dove cavolo vai a comprare cd??
      • Mi scoccio di loggare scrive:
        Re: Verdone Politico Italiano
        - Scritto da: Alessandro C.
        - Scritto da: Mi scoccio di loggare

        Un cd originale costa dai 20 ai 30 euro ( minimo

        -parlando di ultime uscite....

        :|

        Ma dove cavolo vai a comprare cd??In qualsiasi negozio.Esempio :Fnac : http://www.fnac.it/it/Default.aspx?cIndex=1&catalog=dischi&categoryN=DischiLa media e' sui 20 Non dirmi che c'e' Battisti a 5.50 perche' ho detto ULTIME USCITE e non musica di 40 anni fa che dovrebbe ormai trovarsi gratuitamente in giro ( almeno... in un mondo ideale ).
        • Alessandro C. scrive:
          Re: Verdone Politico Italiano
          - Scritto da: Mi scoccio di loggare
          - Scritto da: Alessandro C.

          - Scritto da: Mi scoccio di loggare


          Un cd originale costa dai 20 ai 30 euro (
          minimo


          -parlando di ultime uscite....



          :|



          Ma dove cavolo vai a comprare cd??

          In qualsiasi negozio.
          Esempio :
          Fnac :
          http://www.fnac.it/it/Default.aspx?cIndex=1&catalo

          La media e' sui 20

          Non dirmi che c'e' Battisti a 5.50 perche' ho
          detto ULTIME USCITE e non musica di 40 anni fa
          che dovrebbe ormai trovarsi gratuitamente in giro
          ( almeno... in un mondo ideale
          ).Alla fnac e' risaputo che sono dei ladri ^^ :DIo li prendo dal MediaWorld per quello che si trova... i cd metal si fa fatica a trovarli :( L'ultimo cd dei Dream Theater l'ho pagato 17.90 (cd + dvd) e non mi sembra esagerato... Certo, se si vuole prendere a tutti i costi l'ultimissimo cd lo si paga.. ma basta aspettare che cali di prezzo puntato su altro! Pian piano mi sto facendo la discografia dei Blind Guardian e Dark Tranquillity con prezzi che vanno dai 5 ai 9 euro a cd ;)
          • ryoga scrive:
            Re: Verdone Politico Italiano
            - Scritto da: Alessandro C.

            Non dirmi che c'e' Battisti a 5.50 perche' ho

            detto ULTIME USCITE e non musica di 40 anni fa

            che dovrebbe ormai trovarsi gratuitamente in
            giro

            ( almeno... in un mondo ideale

            ).

            Alla fnac e' risaputo che sono dei ladri ^^
            :DMa altri negozi ( quelli classici....quelli in pratica che non hanno punti vendita su internet ), praticano gli stessi prezzi.
            Io li prendo dal MediaWorld per quello che si
            trova... i cd metal si fa fatica a trovarli :(
            Prova su Play.comMa attento, che se manca il bollino SIAE ( 99.9% e' cosi ), il prodotto e' ritenuto ILLEGALE.
            L'ultimo cd dei Dream Theater l'ho pagato 17.90
            (cd + dvd) e non mi sembra esagerato... Uhm... aspe'...Prima dell'entrata in vigore dell'euro, percepivo uno stipendio pari a 500 euro. Ora, dopo anni di specializzazione, sono passato da programmatore junior ( dove effettuavo siti statici ) a senior ( dove arrivo a costruire portaloni ed ecommerce ) e la paga e' divenuta di 900 euro ( pari a quella di un senior di anni fa ).Quindi, se 6 anni fa, quando l'Euro non esisteva insomma, un senior percepiva 1.800.000 e oggi percepisco 900 euro, mi sa che lo stipendio non e' aumentato di 1 virgola.Tutto questo perche' te lo racconto? Per dirti che 17.90 sono uguali a 36.000 lire di 6 anni fa, cioe' quasi il doppio di quanto costava 6 anni fa un cd.Ora, se si aumentano i prezzi ( 17.90 e' il prezzo che hai visto tu, io su fnac ne ho visti che si aggirano mediamente sui 23-24 euro ) dei cd e di tutti i prodotti in generale, e lo stipendio non aumenta di pari passo, il prezzo di 17.90 E' ESAGERATO perche' devi puntare l'unità di misura a 6 anni fa e non a oggi dove POCHISSIMI percepiscono stipendi "normali" da 1800-2000 euro.
            Certo, se
            si vuole prendere a tutti i costi l'ultimissimo
            cd lo si paga.. ma basta aspettare che cali di
            prezzo puntato su altro! Come detto altrove, le opere artistiche ( almeno quelle italiane ), sono pagare ( in parte ) con i nostri soldi ( lo Stato finanzia l'arte ed in primis la musica ed il cinema ).Ora, con i miei soldi ( quelli delle tasse ), PRETENDO di poter USUFRUIRE dell'opera prodotta, IMMEDIATAMENTE e non secoli dopo, altrimenti, PRETENDO che i soldi delle mie tasse, vadano spesi per altri fini piu' vicini alle mie esigenze.
            Pian piano mi sto
            facendo la discografia dei Blind Guardian e Dark
            Tranquillity con prezzi che vanno dai 5 ai 9 euro
            a cd
            ;)Questa e' una tua politica ( condivisibile ), ma io ( premesso che la musica non l'ascolto se non tramite webradio internazionali ), non voglio comprare oggetti limitandomi alla sezione "occasionissima di fine stagione", perche' quei prodotti, sono stati realizzati ( o e' stato possibile realizzarli ) anche con i MIEI soldi.Inoltre non dimentichiamoci che paghiamo ogni volta che utilizziamo un cd o dvd vuoto ( o se acquistiamo un hd o una memory card ), una tassa ( o multa preventiva ) che va nelle casse della SIAE e delle Major per le possibili perdite. Poco importa se io quei Cd e Dvd li uso per effettuare i BACKUP dei dati che sono tenuto per LEGGE ad effettuare.
          • Alessandro C. scrive:
            Re: Verdone Politico Italiano
            - Scritto da: ryoga
            - Scritto da: Alessandro C.


            Non dirmi che c'e' Battisti a 5.50 perche' ho


            detto ULTIME USCITE e non musica di 40 anni fa


            che dovrebbe ormai trovarsi gratuitamente in

            giro


            ( almeno... in un mondo ideale


            ).



            Alla fnac e' risaputo che sono dei ladri ^^

            :D

            Ma altri negozi ( quelli classici....quelli in
            pratica che non hanno punti vendita su internet
            ), praticano gli stessi
            prezzi.
            mmm, dalle mie parti non ci sono molti negozi ma prezzi del genere (oltre i 20 euro) non li ho mai visti...


            Io li prendo dal MediaWorld per quello che si

            trova... i cd metal si fa fatica a trovarli :(



            Prova su Play.com

            Ma attento, che se manca il bollino SIAE ( 99.9%
            e' cosi ), il prodotto e' ritenuto
            ILLEGALE.
            Illegale anche se l'ho regolarmente comprato all'estero?? Che mondo :|


            L'ultimo cd dei Dream Theater l'ho pagato 17.90

            (cd + dvd) e non mi sembra esagerato...

            Uhm... aspe'...
            Prima dell'entrata in vigore dell'euro, percepivo
            uno stipendio pari a 500 euro. Ora, dopo anni di
            specializzazione, sono passato da programmatore
            junior ( dove effettuavo siti statici ) a senior
            ( dove arrivo a costruire portaloni ed ecommerce
            ) e la paga e' divenuta di 900 euro ( pari a
            quella di un senior di anni fa
            ).
            Quindi, se 6 anni fa, quando l'Euro non esisteva
            insomma, un senior percepiva 1.800.000 e oggi
            percepisco 900 euro, mi sa che lo stipendio non
            e' aumentato di 1
            virgola.

            Tutto questo perche' te lo racconto? Per dirti
            che 17.90 sono uguali a 36.000 lire di 6 anni
            fa, cioe' quasi il doppio di quanto costava 6
            anni fa un
            cd.

            Ora, se si aumentano i prezzi ( 17.90 e' il
            prezzo che hai visto tu, io su fnac ne ho visti
            che si aggirano mediamente sui 23-24 euro ) dei
            cd e di tutti i prodotti in generale, e lo
            stipendio non aumenta di pari passo, il prezzo di
            17.90 E' ESAGERATO perche' devi puntare l'unità
            di misura a 6 anni fa e non a oggi dove
            POCHISSIMI percepiscono stipendi "normali" da
            1800-2000
            euro.
            Non so che dirti, 6 anni fa non mi ero ancora messo ad ascoltare musica seriamente quindi non conosco la situazione :(


            Certo, se

            si vuole prendere a tutti i costi l'ultimissimo

            cd lo si paga.. ma basta aspettare che cali di

            prezzo puntato su altro!

            Come detto altrove, le opere artistiche ( almeno
            quelle italiane ), sono pagare ( in parte ) con i
            nostri soldi ( lo Stato finanzia l'arte ed in
            primis la musica ed il cinema
            ).
            Ora, con i miei soldi ( quelli delle tasse ),
            PRETENDO di poter USUFRUIRE dell'opera prodotta,
            IMMEDIATAMENTE e non secoli dopo, altrimenti,
            PRETENDO che i soldi delle mie tasse, vadano
            spesi per altri fini piu' vicini alle mie
            esigenze.
            Non hai tutti i torti...

            Pian piano mi sto

            facendo la discografia dei Blind Guardian e Dark

            Tranquillity con prezzi che vanno dai 5 ai 9
            euro

            a cd

            ;)


            Inoltre non dimentichiamoci che paghiamo ogni
            volta che utilizziamo un cd o dvd vuoto ( o se
            acquistiamo un hd o una memory card ), una tassa
            ( o multa preventiva ) che va nelle casse della
            SIAE e delle Major per le possibili perdite. Poco
            importa se io quei Cd e Dvd li uso per effettuare
            i BACKUP dei dati che sono tenuto per LEGGE ad
            effettuare.Lo so, e' una vergogna questa cosa... :|
          • dindin scrive:
            Re: Verdone Politico Italiano
            - Scritto da: ryoga
            Prova su Play.com

            Ma attento, che se manca il bollino SIAE ( 99.9%
            e' cosi ), il prodotto e' ritenuto
            ILLEGALE.Ma anche nohttp://punto-informatico.it/p.aspx?i=2111188LA SIAE puo' andare a fare in culo allegramente, non puo' porre obblighi di bolli a livello europeo, dove ti ricordo esiste la libera circolazione delle merci e delle persone.
          • . . scrive:
            Re: Verdone Politico Italiano


            Ma attento, che se manca il bollino SIAE ( 99.9%

            e' cosi ), il prodotto e' ritenuto

            ILLEGALE.
            Ma anche no
            http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2111188Ma anche da prima della sentenza.Cioè a prescindere dall'illegittimità del bollino, anche quando quest'ultimo era considerato simbolo sacro della legalità, la detenzione di cd originali (ma anche duplicati, se rientranti nei concetti di "copia di backup" e, per il solo A/V, "copia privata") privi di bollino NON COSTITUIVA ALCUN ILLECITO DI ALCUN GENERE.Il bollino serve (serviva) SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per la vendita: e si parla di vendita in Italia, mentre, nel caso di ordine via Internet, le regole di diritto internazionale privato considerano il contratto concluso nel luogo dove ha sede il "server" che riceve la comunicazione elettronica di accettazione della proposta. Cioè all'estero. Cioè niente bollino.(tra l'altro, anche per le vendite in Italia, la LDA ammette/ammetteva l'apposizione del bollino sull'esterno dell'involucro -leggasi cellophane- che necessariamente va perso con l'apertura della confezione; per non parlare della sostituzione di custodie danneggiate o finanche di illeciti da parte del venditore, di cui l'acquirente non può certo essere chiamato a rispondere)Chi ha sostenuto, sostiene e sosterrà il contrario COMMETTE UN ABUSO: e purtroppo succede, spessissimo, proprio perché la percezione comune (indotta da roboanti comunicazioni al limite della menzogna) è in questo senso.Ma da chi per funzione è incaricato di far rispettare la legge, ci aspetteremmo (rectius: dovremmo pretendere) quantomeno, la conoscenza della legge stessa!Perciò: diffondere la voce please. Detenere (non per la vendita) dischi originali privi di bollino NON HA MAI COSTITUITO ALCUN ILLECITO (né civile, né penale, né amministrativo).Vedremo ora cosa succederà a seguito della sentenza di cui sopra (sperando che non trovino il modo per tradurla in un boomerang).
          • anonimo01 scrive:
            Re: Verdone Politico Italiano

            L'ultimo cd dei Dream Theater l'ho pagato 17.90
            (cd + dvd) e non mi sembra esagerato... :| contento te!(abbi pazienza: per quanto bravi-eccelsi?- tecnicamente putroppo anche a me, come a tanti altri, sanno di vuoto, non comunicano niente)
            Certo, se
            si vuole prendere a tutti i costi l'ultimissimo
            cd lo si paga.. ma basta aspettare che cali di
            prezzo puntato su altro! Pian piano mi sto
            facendo la discografia dei Blind Guardian e Dark
            Tranquillity aaaahhhhhnnn, allora sei solo all'inizio della carriera!bhè, buoni ascolti, allora :) (e occhio che alcune Vere Perle vendono da alcuni nomi noti ed inflazionatissimi)
          • Alessandro C. scrive:
            Re: Verdone Politico Italiano
            - Scritto da: anonimo01

            L'ultimo cd dei Dream Theater l'ho pagato 17.90

            (cd + dvd) e non mi sembra esagerato...

            :| contento te!
            (abbi pazienza: per quanto bravi-eccelsi?-
            tecnicamente putroppo anche a me, come a tanti
            altri, sanno di vuoto, non comunicano
            niente)
            Gusti personali ^^ E poi era un cd+dvd, a quel prezzo ti sfido a trovare qualcosa di simile :p

            Certo, se

            si vuole prendere a tutti i costi l'ultimissimo

            cd lo si paga.. ma basta aspettare che cali di

            prezzo puntato su altro! Pian piano mi sto

            facendo la discografia dei Blind Guardian e Dark

            Tranquillity

            aaaahhhhhnnn, allora sei solo all'inizio della
            carriera!^^Ho solo una trentina di cd (quasi tutti metal), spazio dal progressive al power al death al gothic all'epic...
  • Arista Birongi scrive:
    che cultura? La stessa.
    E' una sciocchezza propagandistica, ovviamente.Che cultura può essere quella copiata?Non offendere l'intelligenza del pubblico: se è una COPIA il valore è lo stesso dell'originale.un cd o un dvd in copia digitale sono IDENTICI e contengono quello che artisti, autori ecc hanno preparato. Se valeva prima - come contenuto culturale - allora vale anche dopo.Capisco che si voglia tutelare il lavoro e il valore COMMERCIALE e sarebbe giusto, giustissimo e comprensibile. Ma dire che NON è così e che il contenuto artistico ha valore solo in quanto mercificazione ... vuol dire che se hai prodotto una cosa eccezionale ma il pubblico non la compra allora non VALE NIENTE. Questo stai dicendo. Invece si parla sempre di successo di critica e di botteghino, no? Separatamente.Su su, a verdò ... Il compenso per il lavoro fatto, il riconoscimento economico per il sudore della fronte è questo, NON il valore intrinseco dell'opera.altrimenti dovremmo chiederci quanto sia stato pagato mezzo patrimonio artistico mondiale. E di solito la risposta è NIENTE. O comunque una volta sola e niente diritti.dai, non raccontiamocela. E noi: non crediamoci. La prossima volta lo premierà la BSA ... volete gioire?
  • Chazer scrive:
    Ma che c'entra?
    Che c'entra lo svilimento della cultura con lo sfruttamento degli extracomunitari non ci è dato di saperlo...
Chiudi i commenti