Lotus Domino fa amicizia con iPhone

L'ultima versione del server di messaggistica di IBM supporta la sincronizzazione nativa con iPhone. Portando sul telefono della Mela anche la possibilità di lavorare sui dati di Lotus Notes offline

Roma – L’ultima versione di Lotus Domino, la celebre piattaforma di IBM per la messaggistica e la collaborazione, ha introdotto il supporto nativo ad iPhone e, con esso, la possibilità di sincronizzare automaticamente via Internet le email, i contatti e gli appuntamenti tra melafonino e server aziendali.

A fare da ponte tra iPhone e Lotus Domino è una versione aggiornata del Lotus Notes Traveler, un tool che già supporta i dispositivi basati sulle piattaforme Windows Mobile, Symbian e BlackBerry. La versione inclusa in Lotus Domino 8.1.5 permette agli utenti di iPhone non solo di sincronizzare messaggi, rubrica e agenda, ma anche di ricevere i dati più recenti da Lotus Notes e lavorarci in modalità offline. Se lo smartphone viene perduto o rubato, i dati sensibili presenti sul dispositivo possono essere cancellati da remoto.

La nuova versione di Traveler consente infine ai possessori di un iPhone di accedere direttamente alla directory aziendale per cercare informazioni sui contatti.

Molte delle funzionalità prima disponibili per Windows Mobile sono state inoltre estese anche alla piattaforma Symbian, quali la cancellazione della memoria e/o il blocco del cellulare da remoto, la gestione delle password e l’integrazione con agende esterne.

Big Blue ha anche annunciato che il tool di sviluppo Domino Designer, con cui gli sviluppatori possono creare applicazioni per Lotus Notes e Domino, può ora essere scaricato e utilizzato gratuitamente da tutti. Maggiori informazioni in questo comunicato .

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • belze scrive:
    A quando per un uso "desktop"?
    Voglio dire non è compatibile con le istruzioni x86, ma i vantaggi di autonomia sono conclamati...ed il software non è un problema con linux. Io vedo le basi per quello che l'eee non è mai stato: potente (più da atom, credo bene!)e con un'autonomia che x86 si sogna! io ne comprerei uno al volo (con driver funzionanti e di qualità...che forse è la nota dolente...)
    • AtariLover scrive:
      Re: A quando per un uso "desktop"?
      Ecco qui:http://beagleboard.org/Non è questo ultimo ARM, ma comunque è veramente bella *_*
      • barra78 scrive:
        Re: A quando per un uso "desktop"?
        Peccato che una MB con su atom e tutto il resto costi 60, gli altri componenti sono + standard ecc.Abbassassero i prezzi di queste schede ne ordinerei a quintalate (fw, nas, videocontrollo ecc).
        • Sathack scrive:
          Re: A quando per un uso "desktop"?
          dai la beagleboard non costa tanto!
          • barra78 scrive:
            Re: A quando per un uso "desktop"?
            Beh dai una soluzione 'simile' (un pò + grande ok, ma quante sono le applicazioni dove è fondamentale unsistema così compatto?) costa la metà, è quasi certamente più performante e molto più flessibile (ci installi windows, il dos, un qualunque sistema compatibile x86
          • dariocaruso scrive:
            Re: A quando per un uso "desktop"?
            arm non venderà chip per desktop/notebook/netbook, finchè la gente vorrà windows. Purtroppo.
          • barra78 scrive:
            Re: A quando per un uso "desktop"?
            con chromeOS e l'evoluzione delle distro linux (l'ultima Karmic netbook remix è spettacolare) le cose potrebbero cambiare.
Chiudi i commenti