Macintosh, 30 anni dopo

di D. Galimberti - Sono passati altri 10 anni per Apple. Anni nei quali ci sono stati enormi stravolgimenti per tutto il mondo IT. E nei quali Cupertino ha guadagnato iPhone e iPad, ma perso Steve Jobs

“On January 24th Apple will introduce Macintosh. And you ‘ll see why 1984 won’t be like 1984”

Roma – Con questo slogan, Apple annunciò al mondo la nascita di un computer che ha rivoluzionato la storia dell’informatica, e con queste parole, dieci anni fa, raccontavo su queste pagine i primi vent’anni di storia del Macintosh. Il mio racconto proseguì qualche mese dopo con la storia dei primi vent’anni di MacOS e quest’anno, in occasione del trentesimo anniversario della nascita del Mac, vorrei riagganciarmi a quei “vecchi” articoli per ripercorrere i punti salienti di questi ultimi 10 anni della storia di Apple.

Prima di tutto però vale la pena di precisare che dieci anni, in ambito informatico, sono un’enormità: in questi dieci anni di cose ne sono successe davvero molte a Cupertino, quello che prima era il principale prodotto di Apple (per l’appunto il Mac) occupa oggi una parte molto più limitata del fatturato totale, un percentuale inferiore al 20 per cento. Questo non significa che le vendite dei Mac siano calate (anzi, sono in costante aumento) ma che il mercato è cambiato: qualcuno parla di era post-PC, qualcun’altro dice che il “computer for the rest of us” pubblicizzato da Apple nel 1984 si è impersonificato nell’iPad (o, più in generale, nei tablet). In ogni caso, anche se non sono dei Mac, i dispositivi iOS hanno cambiato profondamente Apple, quindi prenderemo in considerazione anche quelli. Ma cominciamo dal principio, da dove eravamo rimasti 10 anni fa.

Il mondo Mac
Nel 2004 arrivano l’ Xserve G5 e l’ iMac G5 . Con l’Xserve G5, e sulla spinta di MacOS X (che a tutti gli effetti era già allora un sistema UNIX like, anche se la certificazione arrivò solo nel 2007, con la versione 10.5), Apple cercava di conquistare un mondo nel quale non era mai entrata, un mondo che decise poi di abbandonare a fine 2010. Quello dei server enterprise.

L’iMac G5 segnò invece un punto di svolta nell’estetica di una delle serie più fortunate di desktop della Mela. Abbandonato il cosiddetto lampadone , il nuovo iMac nasconde tutto l’hardware dietro il pannello del monitor: una soluzione che, a meno del cambio di materiali (dal policarbonato bianco all’alluminio) e qualche ulteriore affinamento, è la stessa adottata anche dal modello attuale. L’iMac, con il Power Mac G5 dell’anno precedente, è uno degli ultimi tentativi di Apple per mantenere in vita la famiglia di processori PowerPC , nella quale Motorola e IBM hanno ormai smesso di credere: nei portatili il G5 non ci entra proprio, tant’è che nello stesso anno vengono aggiornati sia gli iBook che i PowerBook, ma sempre con processori G4. Per qualche tempo si parlò anche della possibilità portatili con doppio processore G4 ma non se ne fece nulla, né si seppe mai quanto fosse fondata questa voce.

Il 2005 si aprì invece con una macchina completamente nuova che usciva dagli schemi della griglia definita da Jobs al suo rientro in Apple: il Mac mini . Desktop supercompatto (anche se le prime serie avevano l’alimentatore esterno, a differenza del modello attuale) ed “economico”, il Mac mini nasceva con la precisa intenzione di conquistare gli utenti Windows, consentendo loro di utilizzare monitor, mouse e tastiera che già possedevano. Per essere ancora più incisivi in questa campagna, l’anno successivo Apple lancio uno spot pubblicitario il cui slogan era proprio Get a Mac , spot nel quale il Mac e il PC venivano impersonificati da due personaggi con uno stile completamente differente in cui il “goffo” PC aveva sempre la peggio rispetto al Mac.

La campagna ebbe un grande successo, tanto da protrarsi fino al 2010, e l’idea che passare da PC a Mac era un’operazione semplice ed indolore fu sostenuta da un radicale cambio di strategia di Cupertino: nel corso della WWDC del 2005 Apple annuncia il graduale passaggio all’architettura Intel, transizione inevitabile alla luce di quanto scritto sopra. Apple aveva pronta l’opzione x86 fin dagli inizi dello sviluppo di MacOSX, come soluzione alternativa da sfoderare in caso di necessità: lungimiranza di Jobs o strategia preparata con largo anticipo? Ad ogni modo, per facilitae la transizione fu preparato un layer di sistema ( Rosetta ) in grado di interpretare il codice PPC e tradurlo in modo trasparente in istruzioni x86; contemporaneamente vennero distribuiti nuovi tool di sviluppo in grado di compilare software che girasse nativamente su entrambe le architetture, mentre gli sviluppatori potevano accedere a particolari versioni dei Power Mac già realizzati con processori Intel.

I primi Mac a passare ad Intel furono l’iMac e il PowerBook (che per l’occasione divenne MacBook Pro) già a gennaio del 2006. A ruota seguirono il Mac mini a febbraio e l’iBook a maggio (che col cambio di architettura divenne MacBook ); la transizione si concluse rapidamente nel settembre dello stesso anno con i Mac Pro, che andavano a sostituire i PowerMac-G5. Ovviamente, pur essendo poco dolorosa, una transizione di questa portata non è certo una cosa da poco, e non fu esente da problemi di compatibilità con alcuni software (in particolare quelli che facevano esplicita richiesta di istruzioni per il PPC-G5 e quelli che utilizzavano in modo diretto le estensioni del kernel); a partire dall’estate del 2011, con MacOS X 10.7 (Lion) Rosetta è stata eliminata, e questa eliminazione spiega anche perché ancora oggi ci sia un 20 percento di utenti che non ha ancora abbandonato Snow Leopard.

Con il nuovo corso vennero prese le dovute precauzioni per far sì che le macchine prodotte da Apple fossero le uniche a funzionare con il sistema operativo della Mela (a partire dall’adozione di schede madri con EFI in luogo del comune BIOS ), ma i cosidetti hackintosh non tardarono ad arrivare, ed alcune aziende (come la Psystar ) misero in piedi un vero e proprio mercato di macchine “compatibili”, prontamente fermate dagli avvocati di Cupertino.

Il 2007 è un anno molto particolare, perché è l’anno in cui arriva iPhone (di cui parleremo più avanti) e da quell’anno in poi gli interessi di Apple cominciano a cambiare: non mancano le polemiche di chi accusa Apple di badare troppo ai gadget di facile guadagno trascurando il mondo dei computer, ma in realtà Apple ha portato ancora diverse novità anche nel mondo Mac, alcune delle quali mutuate proprio dall’esperienza maturata con iOS e i cosiddetti iDevice.

Apple non ha mai creduto nei cosiddetti NetBook , preferendo la realizzazione di computer ultraportatili ma con schermo e tastiera senza compromessi (o, in alternativa, la reinvenzione dei tablet di cui parleremo). Fu così che nel 2008 nacque il MacBook Air : schermo da 13 pollici, tastiera full-size , 1,36 kg, e spessore tra i 4 e 19 millimetri. Per sottolineare lo spessore ridotto Apple confezionò uno spot dove l’Air usciva da una busta di carta, ma c’era ancora un piccolo margine di miglioramento visto che il primo modello montava comunque un piccolo hard disk meccanico (SSD opzionale): fu solo due anni più tardi, nell’ottobre del 2010, che questo hard disk venne definitivamente abbandonato per lasciare spazio alla sola memoria flash, e contestualmente venne presentato un modello da 11 pollici, ancora più leggero e compatto, ma comunque dotato di tastiera full-size .

Il 2008 è anche l’anno in cui il MacBook Pro, che fino a quel momento aveva mantenuto la stessa linea del precedente PowerBook G4, subisce un deciso restiling : cambia la tastiera, cambia la cornice dello schermo, e cambia il trackpad, che diventa più grande e perde il tasto (o, per meglio dire, lo integra con un click dell’intero trackpad). Quello che può sembrare un vezzo è in realtà una modifica che punta a facilitare l’utilizzo dei gesti multitouch (che gli utenti hanno imparato a conoscere ed apprezzare su iPhone) anche sui normali computer: scrolling a due dita, pinch to zoom e molte altre funzioni, diventano una comoda abitudine per tutti gli utenti dei portatili Apple, e dall’estate del 2010, grazie al Magic Trackpad , anche per gli utenti desktop.

Per qualche anno gli aggiornamenti dei Mac si sono susseguiti a scadenze più meno regolari (a parte il Mac Pro) ma senza particolari rinnovamenti, e con qualche indecisione sulla gestione della linea dei MacBook. Questo non faceva che alimentare le voci di chi voleva Apple più interessata all’iPhone che al Mac, tantopiù che nel 2010 arrivò iPad come ulteriore elemento di “distrazione”. Nonostante ciò gli aggiornamenti non mancavano, soprattutto sulla linea dei portatili, e anche il Mac mini (dato per spacciato da alcuni) rinacque con un nuovo design ancora più sottile e con l’alimentatore integrato. L’anno successivo, nel 2011, il Mac mini perse il drive ottico, segnando per Apple la strada dell’abbandono definitivo di questo tipo di supporto (così come dieci anni prima segnò la via per l’abbandono del floppy-disk): dopotutto il software si scarica ormai da Internet (nelle intenzioni di Apple, dal Mac App Store ) così come la musica e i film (anche qui, nelle intenzioni di Apple, dall’ iTunes Store ).

Anche la masterizzazione di CD e DVD non è quasi più necessaria, visto che i filmati in alta definizione si archiviano su memorie flash: Apple, forse anche per questo, non ha mai fornito macchine con lettori o masterizzatori Blu-Ray. Il 2011 è anche l’anno in cui Apple introduce la tecnologia Thunderbolt , interfaccia di connessione ultraveloce sviluppata in collaborazione con Intel e fulcro della connettività di tutte le macchine Apple presentate da quel momento in poi.

L’eliminazione del drive ottico permette ad Apple di realizzare un portatile ultra-compatto e con grande autonomia: il MacBook Pro Retina. Durante la WWDC di due anni fa Apple svelava al pubblico una linea di portatili con schermo ultradefinito, archiviazione esclusivamente SSD, profilo sottile (non tanto quanto l’Air) e autonomia da record. Contemporaneamente viene cessata la produzione di portatili con schermo da 17 pollici.

Oggi, ad eccezione di un modello da 13 (probabilmente destinato a sparire presto) che mantiene ancora hard disk meccanico e drive ottico, la linea dei portatili Apple si è assestata sui modelli Air come entry-level e i Retina come gamma professionale. Sul fronte dei desktop anche iMac è stato rinnovato nell’estetica a fine 2012, perdendo anch’esso il drive ottico ma guadagnando in compatezza e introducendo il Fusion Drive, ovvero la concezione Apple dei dischi rigidi ibridi. L’ultima novità hardware di Apple è il Mac Pro , ma qui parliamo di storia recente. Anche in questo caso è definita in modo chiaro e preciso la linea seguita da Apple: compattezza, nessun drive ottico, archiviazione su SSD, ed espandibiità Thunderbolt. Lo spazio di iOS
Prima di vedere cos’è successo sul fronte del sistema operativo dei Mac, val la pena di fare qualche accenno all’altro hardware presentato da Apple in questi anni, visto che i destini dei due mondi (quello dei computer Mac, e quello dei dispositivi iOS) si sono incrociati.

Nel 2004 iPod era sulla cresta dell’onda, grazie anche alla compatibilità con Windows introdotta a fine 2003, e i nuovi modelli venivano presentati in rapida sequenza seguendo anche gli andamenti del mercato. Mentre l’iPod classico si evolveva in iPod Photo e in iPod Video (e di conseguenza l’iTunes Music Store proponeva video musicali, spettacoli televisivi, e film), l’ iPod nano soppiantava l’ iPod mini sbizzarrendosi in numerosi restiling volti a mantenere sempre alto l’interesse del mercato: quadrato, rettangolare, con schermo allungato, con fotocamera, con clip, utilizzabile anche come orologio, con radio FM, contapassi e interfaccia touch.

Jobs però intuì che, quando tutti avrebbero avuto in tasca uno smartphone in grado di leggere anche la musica, a nessuno sarebbe più interessato un semplice lettore musicale. Fu così che si diede il via all’idea di realizzare un telefono cellulare, e tra le diverse proposte fu presa in considerazione quella basata su un dispositivo multitouch che Apple stava studiando già da diversi anni: iPhone nacque dai progetti di quello che poi sarebbe diventato iPad, e l’intuizione di Jobs sul crollo delle vendite degli iPod si rivelò esatta.

Una presentazione studiata a puntino in ogni minimo dettaglio fu l’unico modo per evitare qualsiasi inconveniente dovuto ad un sistema ancora acerbo e altamente instabile (l’annuncio fu fatto a gennaio del 2007, ma il telefono venne immesso sul mercato solo nell’estate di quell’anno) e far presa sul pubblico. Al di là delle dichiarazioni di facciata che volevano sminuire il nuovo prodotto di Apple, anche la concorrenza rimase fortemente impressionata da quello che aveva visto sul palco: da quel giorno il mondo della telefonia mobile sarebbe cambiato, e anche quello dell’informatica. In realtà, a prescindere dei mille difetti che ognuno trovò pur non ammettere la portata dell’annuncio, il primo modello di iPhone aveva, a mio avviso, un vero grande limite : l’impossibilità di installare applicazioni di terze parti. Il jailbreak mostrò da subito le reali potenzialità dell’oggetto, e l’anno successivo aprì i battenti l’App Store, vera arena di scontro tra i vari sistemi mobile attuali.

Dopo il successo dell’iPhone, qualche anno più tardi (arriviamo al 2010), Apple si preparava a lanciare il prodotto che forse sta lasciando il maggior segno nel cambiamento delle abitudini degli utenti: iPad. Accolto con un po’ di freddezza , iPad spiazzò comunque la concorrenza, e una volta immesso sul mercato riuscì a conquistare tutti quegli utenti che erano alla ricerca di un tablet.

Dal mondo di iOS e dei rispettivi dispositivi Apple ha attinto a piene mani anche per lo sviluppo dei Mac: le gestures sul trackpad multitouch nascono dalla modalità di interazione con l’interfaccia dell’iPhone, mentre lo schermo Retina nasce su iPhone 4 , viene portato su iPad e poi arriva sui Mac. Non solo l’hardware, ma anche il modello di business dell’App Store su iTunes viene trasposto sui computer di Cupertino con il Mac App Store, così come molti altri aspetti del sistema operativo che andiamo ad esaminare qui di seguito ricordano più o meno fedelmente iOS. MacOS X
Nel 2004, anno in cui inizia questa nostra analisi, sui Mac girava ancora Panther , la versione 10.3 di MacOS X, ultima versione esclusiva per le macchine con processore PowerPC.

La versione successiva, nome in codice Tiger , arrivò invece nel 2005 e fu la prima versione a girare ufficialmente anche sui primi Mac con processore Intel; in realtà la versione x86 di Tiger non fu mai messa in vendita sugli scaffali, ma era data in dotazione solo a chi, nei primi mesi del 2006, comprava uno dei primi Mac-Intel. Tiger portava con sé delle importanti novità, come Spotlight (il potente motore di ricerca di OS X), le cartelle smart (aggiornate dinamicamente proprio grazie alle possibilità di indicizzazione e ricerca nei metadati di Spotlight), il sottosistema grafico Core Image e il supporto per la memoria indirizzata a 64bit.

Non fece neanche in tempo ad uscire Tiger (a fine aprile del 2005) che dopo poche settimane, nel corso della WWDC di giugno, Jobs presentò al pubblico la versione successiva del sistema: Leopard (MacOS X 10.5). Leopard arrivò sul mercato nell’ottobre del 2007 e fu il primo sistema operativo di Apple realizzato appositamente (ma non esclusivamente) per la nuova architettura x86. Tra le novità di Leopard va sicuramente citato Bootcamp , il sistema che crea una partizione e fornisce tutti i driver necessari per installare Windows sul Mac, facendolo girare nativamente. Bootcamp ha sicuramente contribuito alla diffusione del Mac, rassicurando gli utenti provenienti da sistemi Microsoft sulla possibilità di installare anche sul PC di Apple un sistema che già conoscono. Le novità di Leopard sono molte (più di 300, pubblicizza Apple) e vanno dalla vista in CoverFlow degli elementi del Finder a Time Machine , un sistema di backup automatico incrementale.

Leopard è l’ultimo sistema di Apple a supportare i processori PowerPC: Apple punta ad accelerare e concludere la transizione hardware, quindi da Snow Leopard in poi (siamo nel 2009) i nuovi sistemi saranno esclusivamente per Mac-Intel. MacOS X 10.6 viene venduto come un semplice miglioramento del sistema precedente (pulizia del codice PPC e ottimizzazione per i 64 bit) ma in realtà, sotto il cofano, nasconde delle novità molto interessanti, come Open CL e Grand Central Dispatch . In uno degli ultimi aggiornamenti (la release 10.6.6) Snow Leopard introduce il Mac App Store, preludio all’avvicinamento con il mondo di iOS e fine della distribuzione del software Apple su CD/DVD.

Lion , arrivato nel 2011, rappresenta un punto di svolta nei sistemi della Mela: al di là della forma di distribuzione (si scarica dal Mac App Store oppure, in seguito, viene distribuito su chiavetta USB), MacOS X 10.7 dismette Rosetta (l’emulatore di codice PPC) e inizia ad integrare un maggior numero di similitudini con l’interfaccia utente di iOS. Si va dalle gestures alle applicazioni a tutto schermo, passando per Launchpad e l’integrazone di iCloud, e tutte queste novità non sono sempre gradite da chi pensa che Apple stia dedicando troppo tempo ai gadget iOS. Questa idea, unita al cessato supporto di Rosetta, e al fatto che Lion funziona esclusivamente su macchine a 64bit (richiedendo più RAM per funzionare al meglio), fa sì che l’adozione di Lion sia più lenta di quanto non avvenga di solito con i nuovi sistemi Apple, e ancora oggi (come accennato sopra) dopo il passaggio di Mountain Lion e Mavericks c’è ancora una buona percentuale di utenti che utilizza Snow Leopard.

Da Lion in poi le similitudini con iOS sono diventate sempre più forti, e da Mountain Lion in poi il nome ha perso la desinenza “Mac”, diventando semplicemente “OS X”. Al di là delle ottimizzazioni e delle migliorie tecniche, Mountain Lion ha integrato il pannello delle notifiche, Game Center, Messaggi, i promemoria, e la possibilità di definire a livello di sistema gli account di Twitter e Facebook predefiniti dell’utente. Ancora: con il recente Mavericks (nome che abbandona la serie felina) sono arrivate le Mappe di Apple e, finalmente, iBooks, l’applicazione per leggere sul Mac i libri acquistati sull’iBooks Store. A fronte di questi cambiamenti esteriori, ci sono sempre e comunque diversi cambiamenti anche nelle tecnologie più nascoste, mentre per la prossima release ci si attende una restiling estetico completo ad opera di Ive (sperando che incontri i gusti degli utenti).

Jobs
Oltre a tutti i prodotti di cui abbiamo parlato sopra, c’è un evento accaduto nel corso di questi ultimi dieci anni che più di tutti ha cambiato la storia della società della mela: la malattia e la morte di Steve Jobs.

Fu proprio dieci anni fa, nel 2004, che a Jobs venne diagnosticato un tumore al pancreas. Fu lo stesso Jobs a raccontare la sua esperienza nel famoso discorso ai laureandi di Stanford , il 12 giugno del 2005 (il discorso che si concluse col motto “Stay Hungry. Stay Foolish”). In ogni caso le notizie sulla sua salute non vennero mai divulgate in modo preciso, e questo generò diverse polemiche da chi pretendeva di avere notizie certe sul futuro della persona che guidava una delle società più influenti del panorama informatico mondiale. Durante la degenza per la rimozione del tumore Jobs lasciò la guida di Apple a Tim Cook, e la cosa si ripeté nel 2009, quando Jobs dovette sottoporsi ad un trapianto di fegato. Nel frattempo Jobs sviluppò anche il diabete di tipo uno, e questa sua condizione (unita a non meglio precisati “problemi ormonali”) vennero spesso presi come giustificazione del fatto che apparisse sempre più magro. Nella biografia di Walter Isaacson emerse che in realtà la diagnosi avvenne già nel 2003, ma Jobs rifiutò le cure per nove mesi pensando di vincere la malattia con metodi naturali: solo nel 2004 prese coscienza del fatto che la situazione stava degenerando e decise di farsi operare chirurgicamente.

Jobs morì nella sua casa a Palo Alto (California) il 5 ottobre del 2011, dopo essersi dimesso dalla sua carica di amministratore delegato chiedendo al Consiglio di Amministrazione che il suo posto venisse occupato da Tim Cook. Già dall’inizio di quell’anno Jobs aveva chiesto un congedo per motivi di salute lasciando la guida a Cook, anche se non volle mancare alla presentazione del secondo modello di iPad.

Inutile chiedersi cosa avrebbe fatto Apple se Jobs fosse ancora qui: Steve, diversamente da quando fu cacciato da Sculley nel 1985, ha avuto tutto il tempo di circondarsi di persone fidate e preparare gli sviluppi futuri dell’azienda. Ovviamente, più passa il tempo, più le sue indicazioni si fanno vaghe, e la nuova Apple sta imparando a camminare sulle proprie gambe: probabilmente Jobs non avrebbe mai immaginato la rivoluzione nei vertici di fine 2012, ma in mancanza di una personalità con una visione come la sua, credo che l’attuale organizzazione dei compiti (con una maggiore collaborazione tra i reparti) sia il metodo migliore per far fruttare tutte le competenze presenti in Apple.

C’è chi dice che Apple abbia perso il primato come azienda più innovatrice del settore: io credo che nel 2014 vedremo almeno tre prodotti nuovi di una certa importanza, e credo che la nuova concezione del Mac Pro, così come il processore Apple A7 e il Touch ID, siano segni tangibili del fatto che Apple può tracciare ancora tracciare la via per lo sviluppo di nuovi prodotti. Ne frattempo, se qualcuno di voi dovesse aver comprato azioni AAPL dieci anni fa, sicuramente non può lamentarsi di una performance che fa segnare un +4.600 percento.

Domenico Galimberti
blog puce72

Gli altri interventi di Domenico Galimberti sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    e una bella sassaiola?
    arriva la navetta google/facebook/apple!E vai di sassaiola. Dopo 70-80 pulmann danneggiati, vedrete come pagheranno il "diritto di fermata".
  • Izio01 scrive:
    Invidia
    Leggendo l'articolo originale, ci sono cittadini di SF che pretenderebbero che gli utenti delle navette aziendali pagassero alla città l'equivalente di quello che un cittadino paga per utilizzare gli autobus pubblici, invece del dollaro a fermata per l'occupazione del suolo pubblico.Ma che ragionamento è!? L'azienda, che sia Google, Apple o qualcun altro, paga le navette, paga la benzina e tutto il resto di tasca propria. Gli autobus pubblici sono invece a carico della comunità, a me sembra una differenza non da poco. Stringi stringi, mi sembra che il tutto si riduca a INVIDIA nei confronti di chi svolge lavori considerati privilegiati. Ma dai? Vuoi dire che non è una malattia tutta italiana (quando leggo che c'è chi gode per le tasse sulla prima casa perché chi se l'è comprata con decenni di sacrifici è un "privilegiato" e "può permettersi di pagarle", mi sembra esattamente lo stesso principio)!Gemellaggio con San Francisco. Subito! :-D
    • Leguleio scrive:
      Re: Invidia

      Leggendo l'articolo originale, ci sono cittadini
      di SF che pretenderebbero che gli utenti delle
      navette aziendali pagassero alla città
      l'equivalente di quello che un cittadino paga per
      utilizzare gli autobus pubblici, invece del
      dollaro a fermata per l'occupazione del suolo
      pubblico.
      Ma che ragionamento è!? L'azienda, che sia
      Google, Apple o qualcun altro, paga le navette,
      paga la benzina e tutto il resto di tasca
      propria. Gli autobus pubblici sono invece a
      carico della comunità, a me sembra una differenza
      non da poco. Mah, se davvero gli autobus privati sono così numerosi da causare rallentamenti alla circolazione dei bus di linea, se lo possono provare, non è così peregrino che le società paghino un rimborso alla società di autobus pubblici. Anche perché il Comune di San Francisco è sovrano: come in alcuni Comuni italiani hanno proibito la circolazione dei SUV nel centro così possono proibire la circolazione di questi pachidermi a San Francisco. Forse a questo punto a loro conviene pagare.Un compromesso intelligente sarebbe prevedere le corsie riservate ad autobus e tassì, e solo a loro; ma sai bene che non sempre è possibile, dipende dall'ampiezza delle strade.
      • Izio01 scrive:
        Re: Invidia
        - Scritto da: Leguleio

        Leggendo l'articolo originale, ci sono
        cittadini

        di SF che pretenderebbero che gli utenti
        delle

        navette aziendali pagassero alla città

        l'equivalente di quello che un cittadino
        paga
        per

        utilizzare gli autobus pubblici, invece del

        dollaro a fermata per l'occupazione del suolo

        pubblico.

        Ma che ragionamento è!? L'azienda, che sia

        Google, Apple o qualcun altro, paga le
        navette,

        paga la benzina e tutto il resto di tasca

        propria. Gli autobus pubblici sono invece a

        carico della comunità, a me sembra una
        differenza

        non da poco.

        Mah, se davvero gli autobus privati sono così
        numerosi da causare rallentamenti alla
        circolazione dei bus di linea, se lo possono
        provare, non è così peregrino che le società
        paghino un rimborso alla società di autobus
        pubblici. Anche perché il Comune di San Francisco
        è sovrano: come in alcuni Comuni italiani hanno
        proibito la circolazione dei SUV nel centro così
        possono proibire la circolazione di questi
        pachidermi a San Francisco. Forse a questo punto
        a loro conviene pagare.
        Sì, in quest'ottica la cosa può avere un senso. Quello che critico io è chi pretende di far pagare l'equivalente di un biglietto per passeggero invece del dollaro a fermata, come se un bus privato e uno pubblico si equivalessero come provenienza dei fondi.Leggendo poi l'articolo su The Verge e i relativi commenti, emerge che non sono solo i bus delle corporation, ad usare le fermate in assenza di un permesso specifico: ci sono navette di scuole, università, società turistiche ed altro. Questi altri soggetti continueranno a non pagare.Infine, certo SF non potrebbe certo vietare agli yuppie l'utilizzo delle auto private. Se dovessero vietare le navette, che sono molto più efficienti e meno inquinanti, il traffico ne risentirebbe in negativo, non certo in positivo.Leggendo i commenti di alcuni residenti, ho capito che anche loro se ne rendono conto, e ho anche capito che non si tratta di semplice invidia. Il loro rancore è umano e comprensibile, visto che finiranno per doversi trasferire in zone meno costose pur avendo vissuto, magari a lungo, a SF: è una città che sta diventando riservata ai soli ricchi. E' però secondo me stupido prendersela con gli autobus o con i dipendenti delle grandi aziende. Se le navette fossero davvero così tante da rallentare il traffico e venissero soppresse, questi si troverebbero mediamente - quante? Facciamo venti? - auto private al posto di ogni navetta, e gli affitti non si abbasserebbero di un singolo dollaro.
        Un compromesso intelligente sarebbe prevedere le
        corsie riservate ad autobus e tassì, e solo a
        loro; ma sai bene che non sempre è possibile,
        dipende dall'ampiezza delle strade.Credo che in questo caso i bus siano solo il sintomo di un bubbone molto diverso e più profondo.
        • uTonto scrive:
          Re: Invidia
          Ma queste aziende perché non finanziano il trasporto pubblico invece di fare i loro bus ?
          • Izio01 scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: uTonto
            Ma queste aziende perché non finanziano il
            trasporto pubblico invece di fare i loro bus?Non lavorando, ahimé, per aziende di quel calibro, posso fare solo supposizioni, ma mi sembra abbastanza ovvio. I benefici che un'azienda offre ai dipendenti sono in un certo senso parte dello stipendio: chi accetta di lavorare per X valuta l'uno e gli altri.Se il servizio che mi offri è una navetta confortevole che mi porta a destinazione in tempo utile e senza cambi, questo beneficio ha un certo valore. Se invece MI DEVO PAGARE IO i mezzi pubblici e prendere la 181 fino a Piazzale Coda, poi il superaffollato 65 fino a Viale Dimenticanze, poi fare 2 km a piedi e infine prendere il treno per arrivare a destinazione (si parla di aziende che sono a 30-40 minuti da SF, secondo quanto dicono i commentatori del Verge), questo non è un beneficio, te lo puoi tenere - e di conseguenza mi devi dare di più di stipendio.Che le aziende contribuiscano occasionalmente al benessere delle comunità locali è una pratica volta a migliorarne l'immagine, certo non la loro missione aziendale. Le navette sono un plus per i dipendenti, non per il Pinco Pallino qualunque. Google non ha più obblighi in questo senso di quanti ne abbia tu a comprare una punto classe '96 di terza mano anziché un'utilitaria nuova e donare la differenza alla tua azienda locale dei trasporti pubblici. :)
          • panda rossa scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: Izio01
            Le navette sono un plus per i
            dipendenti, non per il Pinco Pallino qualunque.Questo e' vero in teoria.In pratica non c'e' nessun personale preposto a verificare che chi prende la navetta ha il diritto di farlo.Io stesso ho approfittato piu' volte delle navette di centri commerciali per scroccare un passaggio, dovendo andare nelle vicinanze.Quindi e' un bene che ci siano queste navette.
          • Papple scrive:
            Re: Invidia
            Potrebbe essere prevista l'esibizione del badge aziendale,questo renderebbe più difficoltoso l'uso a scrocco
          • panda rossa scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: Papple
            Potrebbe essere prevista l'esibizione del badge
            aziendale,questo renderebbe più difficoltoso
            l'uso a
            scroccoCerto che potrebbe, ma a quale controllore? E che poteri avrebbe questo controllore?L'azienda paga l'autista, il quale non e' un pubblico ufficiale.E comunque quando gli faccio vedere la tessera della coop invece che un badge, che cosa fa? Mi fa scendere?
          • Papple scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Papple

            Potrebbe essere prevista l'esibizione del
            badge

            aziendale,questo renderebbe più difficoltoso

            l'uso a

            scrocco
            Certo che potrebbe, ma a quale controllore? l'autista stesso può svolgere la funzione
            E che poteri avrebbe questo controllore?quello di farti scendere da una proprietà privata
            L'azienda paga l'autista, il quale non e' un
            pubblico ufficiale.l'azienda paga anche il mezzo per cui ha il diritto di far salire solo chi decide lei
            E comunque quando gli faccio vedere la tessera
            della coop invece che un badge, che cosa fa? Mi
            fa scendere?si e se non lo fai può chiamare anche la polizia.Ti sfugge il concetto che il bus è comunque una proprietà privata e tu non hai nessun diritto di usufruire del servizio, se questo non ti viene conXXXXX, l'autista in quanto dipendente della ditta la rappresenta per cui è autorizzato e obbligato a far rispettare le disposizioni che la ditta ha stabilito per l'acXXXXX ai suoi mezzi, se non lo facesse ne risponderebbe in prima persona.Mi occupo di sicurezza e fidati i mezzi ci sono per impedirti di salire, d'altra parte prova a ragionare un attimo se io entro a casa tua senza il tuo permesso tu che cosa fai?
          • panda rossa scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: Papple
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Papple


            Potrebbe essere prevista l'esibizione
            del

            badge


            aziendale,questo renderebbe più
            difficoltoso


            l'uso a


            scrocco


            Certo che potrebbe, ma a quale controllore?

            l'autista stesso può svolgere la funzioneVero. Ma dovrebbe essere dotato degli strumenti per farlo, e dell'autorita' per farli rispettare.Ricorda che la navetta e' un servizio che l'azienda fornisce PER PORTARE AL LAVORO I SUOI DIPENDENTI, e non per fare reddito sui biglietti che non ci sono.

            E che poteri avrebbe questo controllore?

            quello di farti scendere da una proprietà privataCerto, potrebbe invitarmi a scendere, e io potrei racconta la solita balla di aver dimenticato il badge, cosa che succede ad almeno una persona al giorno, che ha diritto alla navetta.Che fa, fa scendere la gente, che poi si lamenta, e intanto si perde tempo?Certo, e' possibile. E io deduco che tu non hai mai preso una navetta se ipotizzi un simile scenario.

            L'azienda paga l'autista, il quale non e' un

            pubblico ufficiale.

            l'azienda paga anche il mezzo per cui ha il
            diritto di far salire solo chi decide leiCerto, non discuto questo.Dico soltanto che non succede.

            E comunque quando gli faccio vedere la
            tessera

            della coop invece che un badge, che cosa fa?
            Mi

            fa scendere?

            si e se non lo fai può chiamare anche la polizia.E intanto gli altri passeggeri (dipendenti della ditta) aspettano.Certo, come no...
            Ti sfugge il concetto che il bus è comunque una
            proprietà privata e tu non hai nessun diritto di
            usufruire del servizio, Il fatto che io non abbia il diritto non esclude che io lo possa fare comunque.
            se questo non ti viene
            conXXXXX, l'autista in quanto dipendente della
            ditta la rappresenta per cui è autorizzato e
            obbligato a far rispettare le disposizioni che la
            ditta ha stabilito per l'acXXXXX ai suoi mezzi,
            se non lo facesse ne risponderebbe in prima
            persona.Stasera glielo chiedo all'autista.Mi viene da pensare che nessuno gli ha dato disposizioni di questo tipo, e se anche fosse, mi viene da pensare che se ne frega.Ti sapro' dire.
            Mi occupo di sicurezza e fidati i mezzi ci sono
            per impedirti di salire,Certo che ci sono, ma non nelle navette che prendo io.
            d'altra parte prova a
            ragionare un attimo se io entro a casa tua senza
            il tuo permesso tu che cosa fai?No, l'esempio corretto e' se tu attraversi il mio giardino per andare dall'altra parte.Quello potresti farlo effettivamente.C'e' una siepe facilmente scavalcabile.Diciamo che tollero, fino a che non mi rechi disturbo o non mi danneggi i fiori.Nel momento in cui recherai disturbo o farai qualche danno, prendero' i miei provvedimenti.Stessa cosa per la navetta: siccome io non disturbo, ne' danneggio, si tollera.
          • Papale scrive:
            Re: Invidia
            Se mi fai il discorso tolleranza o menefreghismo, é chiaro che si possa fare tutto, anche prendere un treno e non pagare, ma il discorso che si faceva era un altro, può una ditta impedire l'uso di un suo mezzo a chi non ne ha diritto? La risposta é si ne ha i mezzi, se poi decide di non farlo quello é un altro discorso, resta il fatto che l'autista deve rispettare le disposizioni ricevute altrimenti in caso di problemi ne risponde personalmente, esempio in caso di incidente tu vorresti risarcito ma poi ci si rifarebbe su di lui in quanto responsabile di averti permesso di salire contro le disposizioni aziendali, ti assicuro che é già sucXXXXX, l'autista si é preso un'ammonizione (il danno al passeggero era modesto) alla seconda scatta il licenziamento.
          • Papple scrive:
            Re: Invidia
            Maledetto correttore automatico :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: Papale
            Se mi fai il discorso tolleranza o menefreghismo,
            é chiaro che si possa fare tutto, anche prendere
            un treno e non pagare,No, il treno e' diverso.Il treno e' un servizio pubblico, e si paga per usufruirne.
            ma il discorso che si
            faceva era un altro, può una ditta impedire l'uso
            di un suo mezzo a chi non ne ha diritto?Si che puo'.
            La risposta é si ne ha i mezzi, se poi decide di
            non farlo quello é un altro discorso, resta il
            fatto che l'autista deve rispettare le
            disposizioni ricevute altrimenti in caso di
            problemi ne risponde personalmente, Le disposizioni ricevute sono di guidare la navetta dalla stazione fino al centro commerciale, e non fare il guardiano.
            esempio in
            caso di incidente tu vorresti risarcito ma poi ci
            si rifarebbe su di lui in quanto responsabile di
            averti permesso di salire contro le disposizioni
            aziendali, Questo e' un caso limite, materia di avvocati.
            ti assicuro che é già sucXXXXX,
            l'autista si é preso un'ammonizione (il danno al
            passeggero era modesto) alla seconda scatta il
            licenziamento.Tu stai indicando un caso in cui l'autista era stato chiesto di verificare che i passeggeri avessero il diritto di salire.Ma in tal caso io mi aspetterei anche un cartello alla fermata, o un regolamento scritto, o qualcosa che comunque non c'e'.
          • uTonto scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: Izio01
            Non lavorando, ahimé, per aziende di quel
            calibro, posso fare solo supposizioni, ma mi
            sembra abbastanza ovvio. I benefici che
            un'azienda offre ai dipendenti sono in un certo
            senso parte dello stipendio: chi accetta di
            lavorare per X valuta l'uno e gli
            altri.Io questa cosa la vedo un po' come la net neutrality per la rete internet e mi sembra di tornare indietro nel tempo quando la signora Rosa Parks non poteva sedere davanti del mezzo del bus perche i posti davanti erano dedicati ai bianchi ( oggi i bianchi sono queste corporation )
            Se il servizio che mi offri è una navetta
            confortevole che mi porta a destinazione in tempo
            utile e senza cambi, questo beneficio ha un certo
            valore. Ma fare delle linee pubbliche dirette, finanziate dalle corporation non ne guadagna tutta la comunità ?
            Se invece MI DEVO PAGARE IO i mezzi
            pubblici e prendere la 181 fino a Piazzale Coda,
            poi il superaffollato 65 fino a Viale
            Dimenticanze, poi fare 2 km a piedi e infine
            prendere il treno per arrivare a destinazione (si
            parla di aziende che sono a 30-40 minuti da SF,
            secondo quanto dicono i commentatori del Verge),
            questo non è un beneficio, te lo puoi tenere - e
            di conseguenza mi devi dare di più di
            stipendio.Non ho letto i commenti di The Verge, ma da quel che ho capito ogni singola azienda ha il suo bus e penso che ogni singolo bus, si fa il giro della città mezzo vuoto, inquinando allegramente la città.
            Che le aziende contribuiscano occasionalmente al
            benessere delle comunità locali è una pratica
            volta a migliorarne l'immagine, certo non la loro
            missione aziendale. Le navette sono un plus per i
            dipendenti, non per il Pinco Pallino qualunque.Bisogna avere piu rispetto per i Pinco Pallino, perche è grazie ai Pinco Pallino che queste aziende riescono a fare soldi
            Google non ha più obblighi in questo senso di
            quanti ne abbia tu a comprare una punto classe
            '96 di terza mano anziché un'utilitaria nuova e
            donare la differenza alla tua azienda locale dei
            trasporti pubblici.
            :)C'è una grossa differenza io sono un Pinco Pallino e non ho nulla da perdere dalla vita, loro hanno i miliardi e hanno tanto da perdere,fai due conti... :-)
          • Izio01 scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: uTonto
            - Scritto da: Izio01

            Non lavorando, ahimé, per aziende di quel

            calibro, posso fare solo supposizioni, ma mi

            sembra abbastanza ovvio. I benefici che

            un'azienda offre ai dipendenti sono in un
            certo

            senso parte dello stipendio: chi accetta di

            lavorare per X valuta l'uno e gli

            altri.

            Io questa cosa la vedo un po' come la net
            neutrality per la rete internet e mi sembra di
            tornare indietro nel tempo quando la signora Rosa
            Parks non poteva sedere davanti del mezzo del bus
            perche i posti davanti erano dedicati ai bianchi
            ( oggi i bianchi sono queste corporation )
            Boh, evidentemente la vediamo in due modi molto diversi. La mia macchina l'ho pagata io e non l'ho comprata per il bene della comunità ma per il mio, quindi NON la metto a disposizione di chiunque ne faccia richiesta. Posso usarla in favore di amici e familiari, ma sono sempre io a decidere.Perché dovrebbero pensarci le aziende a pagare il trasporto di gente che non lavora per loro, non lo capisco. Tu dici che sei un Pinco Pallino e non hai niente da perdere, le corporation sì. Bè, magari hai ragione, ma io che sono un Pinco Pallino come te, da perdere ne ho parecchio: chi ha passato la guerra ti confermerà che chi oggi ha un lavoro vive comparativamente MOLTO BENE, e non credo che a SF stiano come nel Mato Grosso. Non credo che faranno guerra alle Corporation anytime soon :-)
          • uTonto scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: Izio01
            Boh, evidentemente la vediamo in due modi molto diversi.
            :-)Ognuno la pensa come vuole, ma tu paragoni una persona come un'azienda.
            La mia macchina l'ho pagata io e non l'ho comprata per il bene della comunità ma per il mioFatto sta che se il comune mette le targhe alterne ti toccherà in giorni alterni usare mezzi alternativi
            Posso usarla in favore di amici e familiari, ma sono sempre io a decidere.Ma io non ho parlato di "regalare", tanto è vero che parlavo di linee pubbliche dedicate per il bene "comune".
            magari hai ragione, ma io che sono un Pinco Pallino come te, da perdere ne ho parecchio: chi ha passato la guerra ti confermerà che chi oggi ha un lavoro vive comparativamente MOLTO BENEIo invece vedo che oggi si vive MOLTO MALE, una volta bastava una valigia di cartone e andare via per sperare di cambiare vita, oggi se non hai un cellulare + costi di gestione + connessione internet + elettricità + un pc non vai da nessuna parte, e chi ha fatto la guerra purtroppo per te mi dice che rispetto a prima abbiamo perso tutti i nostri diritti come lavoratori
        • Giovanni Dall Orto scrive:
          Re: Invidia
          Credo che sfugga un poco il senso della protesta. Che è che nei decenni passati i contribuenti più ricchi se ne sono andati via dalle città, salvo poi pretendere di continuare ad usufruire dei loro servizi. Questa protesta dice: ok, hai voluto risparmiare sulle spese che servivano a pagare i servizi pubblici per tutti, poi però vuoi continuare a usufruirne? Eh no, se li vuoi usare li paghi, come li pagano i cittadini residenti, che coi loro soldi permettono a questi servizi di esistere. Quindi, non è una questione di invidia, ma di contestazione di un modello abitativo (lo urban sprawl) che ha creato zone e cittadini di serie A (villaggio cintato e con security all'ingresso, che paga tasse alte ed ottiene ottime scuole e biblioteche comunali) e cittadini di serie B (la grande città con popolazione più sfigata che non può permettersi il villaggio cintato, paga meno tasse, ed ha scuole e biblioteche fetecchiose).
    • bradipao scrive:
      Re: Invidia
      - Scritto da: Izio01
      Ma che ragionamento è!? L'azienda, che sia
      Google, Apple o qualcun altro, paga le navette,
      paga la benzina e tutto il resto di tasca
      propria. Gli autobus pubblici sono invece a
      carico della comunità, a me sembra una differenza
      non da poco.Tutto vero, non fosse per il fatto che le corporation in questione sono anche quelle che usano giochini tipo il "double-irish" per pagare poco più del 10% di tasse allo stato americano. Tutto perfettamente legale, ma anche decisamente immorale, perchè in proporzione contribuscono molto meno dei normali cittadini al mantenimento di tutti i servizi pubblici, incluse strade semafori e fermate degli autobus.Come ha detto uTonto, invece di pagarsi il proprio autobus privato con tutti i comfort (inclusa connessione di rete ultraveloce), perchè non finanziano il trasporto pubblico sulle tratte di interesse?
      • Izio01 scrive:
        Re: Invidia
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Izio01

        Ma che ragionamento è!? L'azienda, che sia

        Google, Apple o qualcun altro, paga le navette,

        paga la benzina e tutto il resto di tasca

        propria. Gli autobus pubblici sono invece a

        carico della comunità, a me sembra una
        differenza

        non da poco.

        Tutto vero, non fosse per il fatto che le
        corporation in questione sono anche quelle che
        usano giochini tipo il "double-irish" per pagare
        poco più del 10% di tasse allo stato americano.
        Tutto perfettamente legale, ma anche decisamente
        immorale, perchè in proporzione contribuscono
        molto meno dei normali cittadini al mantenimento
        di tutti i servizi pubblici, incluse strade
        semafori e fermate degli
        autobus.
        Giusto, ma questa cosa la risolvi prendendo contromisure che impediscano il doppio sandwich, le navette non c'entrano proprio. In UE dovremmo arrivarci con una legislazione comunitaria, in USA che se la vedano loro.
        Come ha detto uTonto, invece di pagarsi il
        proprio autobus privato con tutti i comfort
        (inclusa connessione di rete ultraveloce), perchè
        non finanziano il trasporto pubblico sulle tratte
        di interesse?Perché in realtà non ci sono tratte d'interesse, trattandosi di aziende che si trovano a una certa distanza dalla città, e perché in questo contesto a loro interessa andare incontro alle necessità dei loro dipendenti e non a quelle del resto del mondo. Vedi risposta ad uTonto. :)
        • Leguleio scrive:
          Re: Invidia


          Come ha detto uTonto, invece di pagarsi il

          proprio autobus privato con tutti i comfort

          (inclusa connessione di rete ultraveloce),
          perchè

          non finanziano il trasporto pubblico sulle
          tratte

          di interesse?
          Perché in realtà non ci sono tratte d'interesse,
          trattandosi di aziende che si trovano a una certa
          distanza dalla città, e perché in questo contesto
          a loro interessa andare incontro alle necessità
          dei loro dipendenti e non a quelle del resto del
          mondo. Mai stato negli Usa, ma da quello che mi dicono quelli che ci sono andati i mezzi pubblici fanno schifo, pena, pietà e compassione. Orari limitati solo nelle ore in cui il traffico privato non è eccessivo, fermate solo in certe zone, e non dove servirebbe di più, insufficienza dei mezzi e quindi sovraffollamento. Del resto gli Usa fino a qualche anno fa erano il più grande produttore di auto al mondo, che senso aveva favorire il traffico collettivo?Nei film Usa vedo spessissimo scuolabus, navette aziendali, autobus noleggiati da terzi... e anche in aree urbane, non sto parlando del cittadino che ha scelto di andare a vivere in campagna, come Toto Cutugno nel 1995. E la domanda, da europeo, è: "Ma non hanno mezzi pubblici che servono già quel percorso?". Unica risposta che mi son dato: no!
      • krane scrive:
        Re: Invidia
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Izio01

        Ma che ragionamento è!? L'azienda, che sia

        Google, Apple o qualcun altro, paga le navette,

        paga la benzina e tutto il resto di tasca

        propria. Gli autobus pubblici sono invece a

        carico della comunità, a me sembra una

        differenza non da poco.
        Tutto vero, non fosse per il fatto che le
        corporation in questione sono anche quelle che
        usano giochini tipo il "double-irish" per pagare
        poco più del 10% di tasse allo stato americano.
        Tutto perfettamente legale, ma anche decisamente
        immorale, perchè in proporzione contribuscono
        molto meno dei normali cittadini al mantenimento
        di tutti i servizi pubblici, incluse strade
        semafori e fermate degli autobus.Allora che ci impongano per legge di versare ogni mese meta' del nostro stipendio ai poveri, cosi' anche noi cittadini saremo piu' "morali". Gli stati sono i primi ad essere amorali, dai non dire 'ste cag...
        Come ha detto uTonto, invece di pagarsi il
        proprio autobus privato con tutti i comfort
        (inclusa connessione di rete ultraveloce), perchè
        non finanziano il trasporto pubblico sulle tratte
        di
        interesse?
        • bradipao scrive:
          Re: Invidia
          - Scritto da: krane
          Allora che ci impongano per legge di versare ogni
          mese meta' del nostro stipendio ai poveri, cosi'
          anche noi cittadini saremo piu' "morali". Gli
          stati sono i primi ad essere amorali, dai non
          dire 'ste cag...Notevole! Pare tu abbia capito il contrario di quello che ho scritto.
          • krane scrive:
            Re: Invidia
            - Scritto da: bradipao
            - Scritto da: krane

            Allora che ci impongano per legge di

            versare ogni mese meta' del nostro

            stipendio ai poveri, cosi' anche noi

            cittadini saremo piu' "morali". Gli

            stati sono i primi ad essere amorali, dai

            non dire 'ste cag...
            Notevole! Pare tu abbia capito il contrario
            di quello che ho scritto.Sei tu ad aver scritto cose contrarie alla logica, non si puo' imporre la moralita' per legge, si possono solo creare barriere legali per evitare a chiunque di uscire da certi binari.
Chiudi i commenti