Mactel, i giocattoli però non c'entrano

Apple registra il marchio Mactel. Che sia pronta a lanciare una nuova linea di prodotti per i bambini? Barbie e Ken tremano


Cupertino (USA) – Apple si è mossa come spesso accade in anticipo e con astuzia: il giorno stesso in cui Steve Jobs annunciava il prossimo passaggio alle piattaforme Intel , è scattata la registrazione del marchio “Mactel”. Qualcuno, in quel di Cupertino, deve aver avuto timore che qualche produttore potesse approfittarne per commercializzare una nuova linea di PC.

Certamente nessuno è ancora sicuro di come si chiameranno i futuri ibridi Apple/Intel, ma come indizio non sembra male. A livello marketing la scelta, però, potrebbe dimostrarsi azzardata: l’assonanza con il nome del noto produttore di giocattoli Mattel potrebbe secondo qualcuno inficiare il successo di mercato dei nuovi prodotti.

In passato si è già assistito a mosse del genere. Come quando vennero registrati i marchi “Jambox” e “Voiceover” (vedi nota a fondo pagina), riferiti a fantomatici prodotti che sono ancora circondati da un alone di mistero, sebbene impazzino online teorie più o meno credibili. Quindi nessun timore, almeno per ora: gli appassionati del mondo Apple potranno ancora vantarsi di non lavorare con un giocattolo .

Dario D’Elia

Errata corrige: molti lettori ci hanno fatto notare che “VoiceOver” è il nome di un’interfaccia per l’accessibilità introdotta da Apple con Mac OS X Tiger. Ci scusiamo dell’imprecisione con tutti i lettori. (La redazione)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Er Piotta al MEI !!!
    Domenica 26 Novembre concerto di Piotta al MEI, meeting delle etichette indipendenti.Manifestazione Hip Hop MEI.Non mancate!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Wi-FI è libertà!! Scrivete a Veltroni!!
    Scrivete a Veltroni, noi studenti di Roma vogliamo il Wi-Fi in ogni parco, in ogni strada, vogliamo una rete romana libera, aperta, con una copertura simile a quella di Londra! Ricordate, il futuro è nello strappare il monopolio sulle comunicazioni ai grossi operatori, perchè presto, con le tecnologie in sviluppo, potranno sapere tutto di noi. Dare ai cittadini un Wi-Fi libero, non monitorato da Telecom, è un dovere di ogni comune italiano! http://www.wi-fi-italia.com
    • DuDe scrive:
      Re: Wi-FI è libertà!! Scrivete a Veltron
      Lodevole la tua proposta, ma ti sei mai chiesto chi paga? qui tutti che chiedono servizi ma nessuno si domanda chi paga.Io personalmente sarei contentissimo di avere il wi-fi a casa, e per giunta pagando solo l'uso del medesimo, ma mi devo scontrare con la mancanza di soldi cronica del comune di Roma, e preferirei vedere i soldi impegnati in iniziative sociali atte a far si che non ci sia per esempio, gente in mezzo alla strada, buche,scarsa illuminazione, insomma rendere le periferie vivibili e a misura d'uomo e di bambino, poi dopo che cio' si e' realizzato, allora si passa alla tecnologia ma non senza aver prima sistemato altri grossi problemi che devono essere risolti primacome recitava uno spot, nella vita ci sono diverse priorita'Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Wi-FI è libertà!! Scrivete a Veltron
        - Scritto da: DuDe
        Lodevole la tua proposta, ma ti sei mai chiesto
        chi paga?Chi paga?Ok l'ho fatto.Ora mi do una risposta:pagano sempre gli stessi
      • Anonimo scrive:
        Re: Wi-FI è libertà!! Scrivete a Veltron
        I soldi il Comune ce li ha. Fidati.Saluti,Piwi
    • Anonimo scrive:
      Re: Wi-FI è libertà!! Scrivete a Veltron
      ewwwiwaaa il WI-MAX!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Ho disdetto l'ADSL
    Non so se molti di voi sono al corrente di questa notizia, ma i soldati nei paesi nordici vengono congedati dal militare perché non riescono a stare lontani da internet per più di 6 mesi.Ecco qui in Italia succede l'esatto contrario e il primo caso riscontrato è stato proprio il mio. Io non riesco a stare più di 6 mesi con l'ADSL perché provo l'irresistibile desiderio di andare in un paese nordico a fare il militare.Mi chiedo se col wifi possano nascere altri casi analoghi al mio. Mi chiedo se il ministero della salute stia prendendo in considerazione il grave pericolo a cui i nostri giuovani stanno andando incontro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho disdetto l'ADSL
      Eh?:|
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho disdetto l'ADSL
      Io mi chiedo perche` non installino postazioni internet nelle caserme...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho disdetto l'ADSL
        - Scritto da: Alex¸tg
        Io mi chiedo perche` non installino postazioni
        internet nelle caserme...Perché in caso di guerra i soldati potrebbero attribuire il loro scarso rendimento al tremento LAG che c'è nelle prime linee.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho disdetto l'ADSL

          Perché in caso di guerra i soldati potrebbero
          attribuire il loro scarso rendimento al tremento
          LAG che c'è nelle prime linee.Ma avrebbero anche ragione!Come si fa a fare la guerra se chattando con IRC leggi troppo tardi il messaggio di un commilitone che sta aprendo il fuoco sul nemico, e quello ti ha gia` seccato prima che tu potessi rispodergli "aspetta, sono io!"...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho disdetto l'ADSL
      Secondo me stai male oppure Ti sei bevuto il cervello !ppprrrrrrrr............!!!!!!!!!!!!- Scritto da: Anonimo
      Non so se molti di voi sono al corrente di questa
      notizia, ma i soldati nei paesi nordici vengono
      congedati dal militare perché non riescono a
      stare lontani da internet per più di 6 mesi.

      Ecco qui in Italia succede l'esatto contrario e
      il primo caso riscontrato è stato proprio il mio.
      Io non riesco a stare più di 6 mesi con l'ADSL
      perché provo l'irresistibile desiderio di andare
      in un paese nordico a fare il militare.

      Mi chiedo se col wifi possano nascere altri casi
      analoghi al mio. Mi chiedo se il ministero della
      salute stia prendendo in considerazione il grave
      pericolo a cui i nostri giuovani stanno andando
      incontro.
  • Anonimo scrive:
    Er Piotta net?
    CoattoLAN? Wireless bori? TrucidoNET?
    • Anonimo scrive:
      Re: Er Piotta net?
      Commenti insulsi come questo sono sempre piu' diffusi su punto informatico da quando sono state attivate troppe adsl.
      • Anonimo scrive:
        Re: Er Piotta net?
        - Scritto da: Anonimo
        Commenti insulsi come questo sono sempre piu'
        diffusi su punto informatico da quando sono state
        attivate troppe adsl.
        Chi non ha trolleggiato almeno una volta ....scagli il primo post:D
        • Anonimo scrive:
          Re: Er Piotta net?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Commenti insulsi come questo sono sempre piu'

          diffusi su punto informatico da quando sono
          state

          attivate troppe adsl.



          Chi non ha trolleggiato almeno una volta ....
          scagli il primo post

          :DGiusto, dimenticavo ho già pronti anche i nomi per le reti nel basso Piemonte: Fasttruzz, Tamarrweb e Cacirronet.(127sportneraastriscearancionitruccatanet è un po' troppo lungo) :-)
    • DuDe scrive:
      Re: Er Piotta net?
      - Scritto da: Anonimo
      CoattoLAN? Wireless bori? TrucidoNET?Hai Un futuro come cabarettista, e' vero che taluni sogetti da te citati sono presenti nella cultura romana, ma dovresti anche sapere che tali sogetti sono apprezzati da talune donzelle di "grado sociale" piu' elevato, poi considera che essendo cosi' non dobbiamo "fingere" di essere fighetti per compiacere la svampita di turno, se permetti meglio rustici e sinceri che fighetti e falsi Cia' frate'! P.S. Consiglio di guardare in casa propria e vedere che esistono anche li gli omologhi dei coatti, bori, e personcine simili Ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Er Piotta net?
        - Scritto da: DuDe

        - Scritto da: Anonimo

        CoattoLAN? Wireless bori? TrucidoNET?

        Hai Un futuro come cabarettista, e' vero che
        taluni sogetti da te citati sono presenti nella
        cultura romana, ma dovresti anche sapere che tali
        sogetti sono apprezzati da talune donzelle di
        "grado sociale" piu' elevato, poi considera che
        essendo cosi' non dobbiamo "fingere" di essere
        fighetti per compiacere la svampita di turno, se
        permetti meglio rustici e sinceri che fighetti e
        falsi

        Cia' frate'!

        P.S.

        Consiglio di guardare in casa propria e vedere
        che esistono anche li gli omologhi dei coatti,
        bori, e personcine simili
        I coatti di Genova sono barbosissimi, purtroppo ci ha rovinato l'invasione piemontese, la grettezza ha quasi ovunque prevalso sull'apertura mentale di marinai, pescatori e mercanti (estinti, ormai prevale la mentalità da bottegai).
    • Anonimo scrive:
      Re: Er Piotta net?
      Vieni a farla al quadraro questa battuta così ti trapano la testa e ti lascio mangiare dai cani dello sfascio.
  • Anonimo scrive:
    Tante cose
    In queste iniziative c'è tanta tecnologia e cose buone.Wireless, Linux, prezzi bassi, piccole aziende con tanta tecnologia e soprattutto nuovi posti di lavoro.Se ogni città avesse una manciata di queste aziendine a dividersi i vari quartieri, ci sarebbero prezzi abbastanza bassi, buon servizio, e tanti posti di lavoro per altrettanti tecnici qualificati, con investimenti ridottissimi.Chi non lo capisce ed ha fatto leggi assurde che hanno bloccato di fatto il diffondersi del WiFi (Gasparri?) è solo un demente o un delinquente!
    • Anonimo scrive:
      Re: Tante cose
      - Scritto da: Anonimo

      Chi non lo capisce ed ha fatto leggi assurde che
      hanno bloccato di fatto il diffondersi del WiFi
      (Gasparri?) è solo un demente o un delinquente!Sei sicuro che invece non sia un grande furbo? :D
Chiudi i commenti