Microsoft: Google e Sun non ci spaventano

Uno dei manager di punta del big di Redmond spiega perché la più grande softwarehouse del mondo non ha nulla da temere dall'alleanza tra i due pesi massimi dell'IT. E sottolinea: tutto fumo niente arrosto

Amsterdam – Uno dei più importanti dirigenti Microsoft , Christ Capossela, parte al contrattacco per soffocare la notizia dell’accordo tra Sun e Google , additata da molti osservatori internazionali come un’ alleanza anti-MS . Nel corso di un convegno svoltosi in Olanda, Capossela ha sminuito la portata dell’evento, che non costituirebbe una minaccia per l’azienda di Redmond.

“Niente di importante, un nulla di fatto”, ha sottolineato il manager, responsabile per lo sviluppo della suite produttiva Office. La conferma della neonata alleanza, giunta negli scorsi giorni, aveva immediatamente infiammato l’animo degli avversari di Microsoft, nella speranza di veder nascere un nuovo colosso ispirato all’open source e teso alla produzione di software e servizi web dedicati alla produttività personale.

“Si è trattato solo di un annuncio riguardante una toolbar ed il futuro di Java Runtime”, sostiene Capossela: “Niente di cui preoccuparsi”, nonostante la concorrenza diretta di OpenOffice , che costituisce la sfida di Sun al monopolio Microsoft.

Il manager Microsoft L’accordo tra i due big prevede l’implementazione di Google Toolbar nelle prossime versioni di Java Runtime Environment ed OpenOffice, nel tentativo di esplorare nuove piattaforme ibride per la produttività che uniscano funzioni on ed offline . “Sun continua a costruire hardware proprietario particolarmente costoso, mentre Google fa software per le masse”: il sodalizio tra i due marchi, secondo l’analisi di Capossela, è assai distante dall’essere idilliaco.

Capossela ha quindi approfittato dell’attenzione per rilanciare Office 12 , il nuovo prodotto targato Microsoft. “Sarà ancora più facile, semplice e veloce da utilizzare”, ha annunciato, “ideato per chi lavora e collabora attraverso Internet”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Whishper scrive:
    Domanda sulla GPL (un po' OT)
    Scusate l'OT, ma ho un dubbio e mi pare che qui ci sia un bel po' di gente che se ne intende sulle licenze...1)Sviluppo un software X con licenza Y, che si basa su delle librerie GPL per funzionare. Devo necessariamente rilasciare X con licenza GPL (e quindi Y=GPL)?2)Questo software può essere migliorato tramite plugins (ma che sono opzionali), possono essere questi plugin non GPL? Che tipo di licenza deve essere Y per non porre vincoli sulle licenze dei plugin (del tipo, preferirei che ci fosse la possibilità di scrivere plugin commerciali, ma non voglio precludere la possibilità di avere plugin liberi)?3)Posso scrivere un software che si basa su delle librerie GPL per funzionare e rilasciarlo sotto un'altra licenza free ma non GPL (tipo BSD o Apache)?grazie 10000000
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda sulla GPL (un po' OT)
      - Scritto da: Whishper
      Scusate l'OT, ma ho un dubbio e mi pare che qui
      ci sia un bel po' di gente che se ne intende
      sulle licenze...
      1)Sviluppo un software X con licenza Y, che si
      basa su delle librerie GPL per funzionare. Devo
      necessariamente rilasciare X con licenza GPL (e
      quindi Y=GPL)?Se si basa su librerie GPL deve essere rilasciato con la stessa licenza.Se sarà commerciale devi metterti daccordo con gli autori della libreria GPL usata per contrattare una licenza alle loro condizioni (di solito un prezzo da pagare).
      • Whishper scrive:
        Re: Domanda sulla GPL (un po' OT)
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Whishper

        Scusate l'OT, ma ho un dubbio e mi pare che qui

        ci sia un bel po' di gente che se ne intende

        sulle licenze...

        1)Sviluppo un software X con licenza Y, che si

        basa su delle librerie GPL per funzionare. Devo

        necessariamente rilasciare X con licenza GPL (e

        quindi Y=GPL)?

        Se si basa su librerie GPL deve essere rilasciato
        con la stessa licenza.Immaginavo
        Se sarà commerciale devi metterti daccordo con
        gli autori della libreria GPL usata per
        contrattare una licenza alle loro condizioni (di
        solito un prezzo da pagare).Questo pensavo non si potesse fare, dato che spesso è difficile/impossibile recuperare TUTTI quelli che vi hanno contribuitorinnovo le altre domande:se uso la GPL, plugin che per funzionare devono usare il mio prog., possono essere diverse da GPL? In teoria no, ma Nessus pare che fosse GPL ma ci fossero contemporaneamente plugin closed....
  • Anonimo scrive:
    Fuga da DRAGA
    L' impero del male finalmente sta crollando.http://www.bicocca.net/web/index.php?name=News&file=article&sid=272
    • Anonimo scrive:
      Re: Fuga da DRAGA
      aspetta te per chiudere il draga...quello draga era e draga resta
      • Anonimo scrive:
        Re: Fuga da DRAGA
        - Scritto da: Anonimo
        aspetta te per chiudere il draga...quello draga
        era e draga restaSto leggendo l'articolo: mi sembra un po una sparata... come posso verificare?
  • Anonimo scrive:
    Solo su Source Forge 100000 progetti gpl
    Chiunque sappia contare con il sistema decimalepuò farsi un giro sui siti alla sourceforge e accorgersiin tal modo che MAI COME ORA LE LICENZE APERTE RACCOLGONO CONSENSI IN TUTTO ILMONDO.Qui, dal vostro angolino nel vostro paesinodel terzo mondo, potete denigrare fino asgolarvi, ma non cambierete di una virgolala realtà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo su Source Forge 100000 progetti
      si, poi leggo che ad esempio oltre 2000 sono editor di testola maggior parte sta in alpha e se vedi non vengono aggiornati da oltre un anno. Di progetti buoni ce ne sono molti ma molti di meno ed appena diventeranno abbastanza buoni faranno come nessus
    • Anonimo scrive:
      PROVACI TU
      Dai licenziati dal tuo lavoro (probabilmente di sistemista   :D ) e fai un progetto free software...vediamo quanto campi
  • Anonimo scrive:
    XARA Open-Source: oss modello vincente
    http://www.downloadblog.it/post/577/xara-xtreme-diventera-un-prodotto-opensource-disponibile-anche-per-macintosh-e-linuxCon grande scorno dei detrattori a tutti i costi,gli esempi di rilascio come oss di sw sono numerosissimi,quelli che passano da licenze aperte a proprietariesono piu unici che rari
  • Anonimo scrive:
    GPL contro Open Source
    la Gpl non se la caga di pezza nessuno ad eccezzione dello skifokernel il resto dei programmi seriutilizza una licenza meno troieggianteApacheBSD,X11,MPLecc.la GPL castra lo sviluppo delle tecnologie.non crea posti di lavoro non crea competizione non crea nulla di nulla. sono pochissimi i casi dove la GPL crea un'effettivo valore aggiunto Trolltech e Mysqllevate queste 2 mosche bianche,il resto del mondo viaggia su binari differenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL contro Open Source
      - Scritto da: Anonimo
      la Gpl non se la caga di pezza nessuno
      ad eccezzione dello skifokernel il resto dei
      programmi seri
      utilizza una licenza meno troieggiante
      Apache
      BSD,X11,MPL
      ecc.
      la GPL castra lo sviluppo delle tecnologie.
      non crea posti di lavoro non crea competizione
      non crea nulla di nulla. sono pochissimi i casi
      dove la GPL crea un'effettivo valore aggiunto
      Trolltech e Mysql
      levate queste 2 mosche bianche,il resto del mondo
      viaggia su binari differenti.Quindi mi sai dicendo che da una parte e' un bene che ci siano molte icenze diverse e dall'altra e' un bene che ci sia anche la GPL, infatti come hai detto Trolltech e Mysql ne hanno del valore aggiunto.Bhe, sono daccordo. :-D
  • Anonimo scrive:
    Cambio Generazionale
    Urlare alla fine dell'opensource mi pare esagerato...E' giusto che i problemi dell'opensource vengano a galla e si debbano risolvere ( fa parte della filosofia dopodutto;) ). Ma risolverli con la stessa logica (economica) dell'ambito cloded non puo' portare ad una soluzione.Forse siamo davanti ad un cambio generazionale, Stalmann, "Madhog" Hall e altri "Cavalieri Bianchi" ,ricercatori coder e tutto il "think tank" open source hanno segnato la via. Sta' ora a chi si e' trovato davanti la pappa pronta (me compreso) capire che non puo' adagiarsi sugli allori e rimboccarsi le maniche.Ci sono ambiti in cui OS funziona e porta progresso. Altri in cui viene sfruttato senza professionalita'.Ok cerchiamo di capire il problema, e risolverlo.SMETTENDOLA DI FARE FLAME INUTILI E NOIOSI NON HO BANDA DA SPRECARE IO!!!Sigmund
  • Anonimo scrive:
    licenza BSD
    ... almeno avrebbepotuto usare la BSD anzichè chiudere del tutto il codice...
    • Anonimo scrive:
      Re: licenza BSD
      - Scritto da: Anonimo
      ... almeno avrebbepotuto usare la BSD anzichè
      chiudere del tutto il codice...Avrebbe fatto peggio. Se la lamentela era che le aziende hanno preso e sfruttato a scrocco perché avrebbe dovuto usare una licenza che permette uno scrocco ad oltranza?Dì la verità, sei anche tu uno scroccone che rode a vedere tutto questo ben di dio di programmi e non poterne scroccare per farci soldi senza fatica? ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: licenza BSD
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ... almeno avrebbepotuto usare la BSD anzichè

        chiudere del tutto il codice...

        Avrebbe fatto peggio. Se la lamentela era che le
        aziende hanno preso e sfruttato a scrocco perché
        avrebbe dovuto usare una licenza che permette
        uno scrocco ad oltranza?
        Dì la verità, sei anche tu uno scroccone che rode
        a vedere tutto questo ben di dio di programmi e
        non poterne scroccare per farci soldi senza
        fatica? ;-)L' unico SCROCCONE è il DRAGA.Te insisti a confondere lo "scrocco" con la condivisione, e lo fai apposta x stendere cortine fumogene e seminar zizzagna.
    • Anonimo scrive:
      Re: licenza BSD
      La licenza BSD e' un'imposizione universitaria che permette l'eliminazione totale dei meriti dell'autore di un opera dell'ingegno.La licenza BSD e' nata all'universita' di Berkley per tutelare gli investimenti dei privati Americani nel settore della ricerca accademica.L'azienda praticamente dice: io vi do finanziamenti per una ricerca, ma poi posso (possiamo tutte le aziende contributrici) prendere i risultati della ricerca e farli nostri a scopo di lucro.Questo significa che l'Universita' si trova ad imporre ai programmatori/ricercatori suoi studenti e collaboratori una licenza che permette poi di eliminare i nomi dei ricercatori dal prodotto della creativita' e darlo al mondo commerciale.Non venendo riconosciuta non dico una remunerazione, perche' comunque si tratta di ricerca accademica e quindi contemplata all'interno del corso di studi o nel compenso se si e' professori, ma se non altro il piacere di avere riconosciuta la paternita' dell'opera e della ricerca e poter vedere per sempre almeno il proprio nome su una propria opera di cui andare fieri.In un altro paese del pianeta dove non vige un struttura di questo genere che senso ha preferire e venerare la licenza BSD?Io penso che chiunque di noi abbia quel pizzico di vanita' o di egocentrismo per il quale farebbe piacere avere il proprio nome all'interno di qualcosa di utile e che fara' il giro del mondo (come ad esempio il software libero) e nessuno avrebbe il piacere che un altro, azienda o privato che sia, abbia la possibilita' di rimuovere cio' e dire che e' tutta farina del proprio sacco.E allora da parte di un qualsiasi programmatore che interesse puo' esserci nella licenza BSD se non quello di poter saccheggiare dal lavoro altrui e spacciarlo per poprio?Peccato che se poi si rilascia tale lavoro con la medesima licenza un altro puo' fare altrettanto...Quanto tra stupidita' o malafede puo' esserci in un simile comportamento?
  • Anonimo scrive:
    Domanda x tutti scusate:
    Ma se conosco bene la GPL non è possibile utilizzare codice GPL per progetti closed.Quindi o i signori riscrivono tutto il codice oppure violano la GPL chiudendo.Secondo voi lo fanno? figuriamociQuindi basterebbe fare un po' di monitoring e , facendo passare qualche tempo, chiedere al giudice di controllare il sorgente closed affinchè non contenga porzioni di codice GPLlato.Sbaglio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda x tutti scusate:
      - Scritto da: Anonimo
      Ma se conosco bene la GPL non è possibile
      utilizzare codice GPL per progetti closed.
      Quindi o i signori riscrivono tutto il codice
      oppure violano la GPL chiudendo.

      Secondo voi lo fanno? figuriamoci

      Quindi basterebbe fare un po' di monitoring e ,
      facendo passare qualche tempo, chiedere al
      giudice di controllare il sorgente closed
      affinchè non contenga porzioni di codice GPLlato.

      Sbaglio?No che non sbagli.
      • Anonimo scrive:
        Re: Domanda x tutti scusate:
        Il proprietario del software può decidere di fare quello che vuole del suo prodotto, compreso cambiargli la licenza distribuendo una versione successiva del prodotto. Quello che la GPL riesce a fare, è salvaguardare il codice che fino a quel momento è stato distribuito con tale licenza. In parole povere, l'autore non può modificare retroattivamente la licenza del suo software ma lo può fare per le successive versoni. Infatti i fork si basano su questo: prendere l'ultima versione data con GPL e continuare lo sviluppo di quel codice. Una situazione analoga è capitata con Xorg che ha fatto un fork di XFree86 dopo che quest'ultima ha cambiato licenza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Domanda x tutti scusate:
          - Scritto da: Anonimo
          Il proprietario del software può decidere di fare
          quello che vuole del suo prodotto, compreso
          cambiargli la licenza distribuendo una versione
          successiva del prodotto. nel progetto Nessun ci saranno codici e routine di decine e decine di programmatori-muli che hanno lavorato gratis per ideologie e fanatismi varimeditare
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Il proprietario del software può decidere

            di fare quello che vuole del suo prodotto,

            compreso cambiargli la licenza

            distribuendo una versione successiva del

            prodotto.
            nel progetto Nessun ci saranno codici e
            routine di decine e decine di
            programmatori-muli che
            hanno lavorato gratis per ideologie e
            fanatismi variE allora ??? Sapevano quello che facevano e gran parte di essi passeranno al fork free...Qual e' il problema ???
            meditare
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo
            E allora ??? Sapevano quello che facevano e
            gran parte di essi passeranno al fork free...
            Qual e' il problema ???
            ...che il sig. Nessus si farà i soldini grazie al lavoro dei muletti open sourcecavolo, ma volete svegliarvi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            E allora ??? Sapevano quello che facevano e

            gran parte di essi passeranno al fork free...

            Qual e' il problema ???
            ...che il sig. Nessus si farà i soldini grazie al
            lavoro dei muletti open sourceQuali soldini ???? Se c'e' il fork identico chi pagherebbe x la versione a pagamento ???Se invece si mette a fare sviluppo o ad offrire servizi allora si fara' i soldi per quello che offre ai clienti, quindi per il suo lavoro.
            cavolo, ma volete svegliarvi!Qual e' il tuo problema ? Hai scritto del codice che ti e' stato defraudato ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            E allora ??? Sapevano quello che facevano e


            gran parte di essi passeranno al fork free...


            Qual e' il problema ???


            ...che il sig. Nessus si farà i soldini grazie
            al

            lavoro dei muletti open source

            Quali soldini ???? Se c'e' il fork identico chi
            pagherebbe x la versione a pagamento ???

            Se invece si mette a fare sviluppo o ad offrire
            servizi allora si fara' i soldi per quello che
            offre ai clienti, quindi per il suo lavoro.questa è la teoria ma non la realtàNessus è un prodotto con un nome conosciuto e affermato... un nome che il fork non può utilizzare previa violazione delle leggi su marchirinnovo il mio invito a destarti
            Qual e' il tuo problema ? Hai scritto del codice
            che ti e' stato defraudato ???non lavoro in open source
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo

            Qual e' il tuo problema ? Hai scritto del

            codice che ti e' stato defraudato ???
            non lavoro in open sourceEppure sputi sentenze... Interessante che quelli che si lamentano non ci hanno mai lavorato dentro, mentre quelli che ci lavorano sembrano non lamentarsene...
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo

            ...che il sig. Nessus si farà i soldini grazie al
            lavoro dei muletti open source

            cavolo, ma volete svegliarvi!Leggi l'articolo, il sig. Nessus lascia la GPL anche perché non ha ricevuto quasi nessuna patch dalla comunità.
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            ...che il sig. Nessus si farà i soldini grazie
            al

            lavoro dei muletti open source



            cavolo, ma volete svegliarvi!

            Leggi l'articolo, il sig. Nessus lascia la GPL
            anche perché non ha ricevuto quasi nessuna patch
            dalla comunità.ahahah... che ingenui che siete voi openari (rotfl)
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:


            E allora ??? Sapevano quello che facevano e

            gran parte di essi passeranno al fork free...

            Qual e' il problema ???

            ...che il sig. Nessus si farà i soldini grazie al
            lavoro dei muletti open sourceSe loro danno o hanno dato il consenso. Se io sviluppo una funzionalità per un prodotto GPL, la funzionalità è vincolata al MIO volere. Se l'autore vuole chiudere il suo software ha solo due possibilità:a) rimuove la funzionalità che ho scritto io e la sostituisce con una tutta suab) mi richiede il permesso di includerla nella versione closed dietro adeguato compenso.La terza possibilità è quella di lasciare il prodotto GPL.
            cavolo, ma volete svegliarvi!Meglio se tu addormenti i tuoi sensi e ti rilassi :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda x tutti scusate:
      - Scritto da: Anonimo
      Ma se conosco bene la GPL non è possibile
      utilizzare codice GPL per progetti closed.
      Quindi o i signori riscrivono tutto il codice
      oppure violano la GPL chiudendo.Leggi i messaggi precedenti, certo che possono se il codice è loro.
    • Mechano scrive:
      Re: Domanda x tutti scusate:
      - Scritto da: Anonimo
      Ma se conosco bene la GPL non è possibile
      utilizzare codice GPL per progetti closed.
      Quindi o i signori riscrivono tutto il codice
      oppure violano la GPL chiudendo.

      Secondo voi lo fanno? figuriamociL'autore originario ha il potere di smettere e chiudere il codice di qualsiasi versione del software abbia anche lui contribuito.Ma l'autore stesso non può vietare che altri prendano l'ultima versione di cui erano ancora disponibili i sorgenti e creino un fork, ossia un programma basato su quel codice ma con un altro nome, perché mi pare che l'autore originario sia anche proprietario del marchio.--Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: Domanda x tutti scusate:
        Esatto, che si possa fare è auspicabile ma dove volevo arrivare era che mi sembra improbabile che dopo aver chiuso il codice Nessus si metta a riscrivere tutto quanto il programma.Dal momento che la GPL obbliga chi ha sviluppato a utilizzare il codice o parte di esso solo sotto GPL non dovrebbe essere più possibile utilizzare nemmeno una riga del codice vecchio per costruire una build del progetto "closed".Così, questi hanno chiuso il codice? allora o si riscrivono tutto da capo o, se, da qualche rapida osservazione si nota che il programma potrebbe essere basato su parti di codice in GPL, si potrebbe andare dal giudice e far controllare il sorgente.Geo
        • Anonimo scrive:
          Re: Domanda x tutti scusate:
          probabilmente é proprio per questo che non lo vuole più in gpl, perché é tutto suo codice, e le ditte ne approfittano, lo includono nei loro software, ma stupidamente non contribuiscono a migliorarlo.Se la ditta XX prende il "motore" di nessus, si crea il programma, dedica un 5% del suo tempo ad aggiungere, migliorare il motore ci guadagna, le sue modifiche vengono verificate, corrette, rese più performanti, e questo si somma alle N ditte che lo usano. Il risultato é un ottimo prodotto con uno sforzo minimo, le ditte ci guadagnano parecchio investendo poco. Se così fosse stato, il creatore di nessus non può includere parti non sviluppate da lui nella versione 3.0. Probabilmente non esistono queste parti...
        • elcabesa scrive:
          Re: Domanda x tutti scusate:
          forse ho capito male, ma mi pare che tu dice che il creatore di nessus non può includere parti di nessus 2 (GPL) in NESSUS 3 non gpl...se ha capito bene hai detto questo.credo che la legge dica in realtà questo. Se tutti gli autori del programma o anche di una qualunque parte del codice utilizzato da nessus 2 ( in questo caso solo 1 mi pare di capire) sono daccordo allora possono cambiare la licenza o fare quello che vogliono del loro lavoro.Se oggi decido di cambiare licenza una copia di quanto è stato rilasciato fino a ieri sotto gpl devo lasciarla sotto gpl, tutto il resto è sottto la nuova licenza.posso fare anche 2 programmi identiciint main(void){printf("hello worldn");}e rilasciarne uno sotto gpl e uno sotto un altra licenza...se non sbaglio mysqlab lo fa.cmq secondo me se crede veramente che altre aziende utilizzino il suo codice,ha pure un altra via, e cioè quella legale.se poi il suo interesse è quello di non rendere più disponibile alle altre aziende il suo programma, così solo lui può guadagnarci allora questa è la via giusta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:

            cmq secondo me se crede veramente che altre
            aziende utilizzino il suo codice,ha pure un altra
            via, e cioè quella legale.no, perché ciò a cui si riferisce lui è perfettamente legale, non per nulla lo chiama "una scappatoia della GPL". Cioe', a lui in pratica non sta bene il fatto che le aziende prendano il suo codice e lo includano nelle loro appliance di sicurezza: ma queste aziende non commettono reato, perché cmq pubblicano i sorgenti e rispettano la GPL.
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo

            cmq secondo me se crede veramente che altre

            aziende utilizzino il suo codice,ha pure un
            altra

            via, e cioè quella legale.

            no, perché ciò a cui si riferisce lui è
            perfettamente legale, non per nulla lo chiama
            "una scappatoia della GPL". Cioe', a lui in
            pratica non sta bene il fatto che le aziende
            prendano il suo codice e lo includano nelle loro
            appliance di sicurezza: ma queste aziende non
            commettono reato, perché cmq pubblicano i
            sorgenti e rispettano la GPL.queste aziende non investono nulla e vendono tanto grazie al lavoro gratis dei muli open sourcema tutto ciò ti sembra giusto? A me no
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            cmq secondo me se crede


            veramente che altre aziende


            utilizzino il suo codice,ha pure


            un altra via, e cioè quella legale.

            no, perché ciò a cui si riferisce lui è

            perfettamente legale, non per nulla lo

            chiama "una scappatoia della GPL".

            Cioe', a lui in pratica non sta bene il

            fatto che le aziende prendano il suo

            codice e lo includano nelle loro

            appliance di sicurezza: ma queste

            aziende non commettono reato, perché

            cmq pubblicano i sorgenti e rispettano

            la GPL.
            queste aziende non investono nulla e
            vendono tanto grazie al lavoro gratis
            dei muli open source
            ma tutto ciò ti sembra giusto? A me noProblema tuo, evidentemente a tutta la gente che contribuisce da anni al solftware open la cosa semra giusta; del resto e' sempre stato pieno di fresconi che arrivano all'ultimo momento a dire a quelli che lavorano che stanno sbagliando tutto, l'italia e' piena di gente che coprirebbe perfettamente molti luoghi di responsabilita' salvandpo il bilancio dello stato il 10 giorni, se non fosse troppo occupata a fare il taxista il barbiere o il barista.
          • gerry scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: elcabesa
            forse ho capito male, ma mi pare che tu dice che
            il creatore di nessus non può includere parti di
            nessus 2 (GPL) in NESSUS 3 non gpl...
            se ha capito bene hai detto questo.No, non è proprio così. Può chiudere un software GPL se l'autore ha i diritti sul codice.Per esempio, se il codice di nessus 2.0 è stato scritto al 100% da lui, ha il diritto di decidere il cambiamento di licenza (fatto salvo che il codice rilasciato in precedenza rimane sotto GPL).Mettiamo invece che abbia scritto il 60% di codice e il 40% sia arrivato dall'esterno con licenza GPL.In nessus 3.0 non può utilizzare quel 40% di codice contribuito, perchè non è suo ma l'ha utilizzato in virtù della licenza GPL.Se lo includesse in nessus 3.0 dovrebbe rilasciare tutto nessus 3.0 sotto GPL o contattare ogni singolo autore per ricevere il permesso di utilizzare il codice sotto un diversa licenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: elcabesa

            forse ho capito male, ma mi pare che tu dice che

            il creatore di nessus non può includere parti di

            nessus 2 (GPL) in NESSUS 3 non gpl...

            se ha capito bene hai detto questo.

            No, non è proprio così.
            Può chiudere un software GPL se l'autore ha i
            diritti sul codice.

            Per esempio, se il codice di nessus 2.0 è stato
            scritto al 100% da lui, ha il diritto di decidere
            il cambiamento di licenza (fatto salvo che il
            codice rilasciato in precedenza rimane sotto
            GPL).

            Mettiamo invece che abbia scritto il 60% di
            codice e il 40% sia arrivato dall'esterno con
            licenza GPL.
            In nessus 3.0 non può utilizzare quel 40% di
            codice contribuito, perchè non è suo ma l'ha
            utilizzato in virtù della licenza GPL.
            Se lo includesse in nessus 3.0 dovrebbe
            rilasciare tutto nessus 3.0 sotto GPL o
            contattare ogni singolo autore per ricevere il
            permesso di utilizzare il codice sotto un diversa
            licenza.in effetti dovrebbe funzionare proprio come hai giustamente ipotizzato... in realtà però nessuno ci guadagna se non chi detiene i diritti sul nome o sul marchio del software e la maggior percentuale di sorgentiper tal motivo il 70% dei progetti open source di sourgeforce diventano closed non appena raggiungono un discreto stato di stabilità (quindi alla versione 1.0)questo è il motivo REALE della diffusione dell'open source... e IBM lo sa da un bel po'
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: gerry

            - Scritto da: elcabesa


            forse ho capito male, ma mi pare che tu dice
            che


            il creatore di nessus non può includere parti
            di


            nessus 2 (GPL) in NESSUS 3 non gpl...


            se ha capito bene hai detto questo.



            No, non è proprio così.

            Può chiudere un software GPL se l'autore ha i

            diritti sul codice.



            Per esempio, se il codice di nessus 2.0 è stato

            scritto al 100% da lui, ha il diritto di
            decidere

            il cambiamento di licenza (fatto salvo che il

            codice rilasciato in precedenza rimane sotto

            GPL).



            Mettiamo invece che abbia scritto il 60% di

            codice e il 40% sia arrivato dall'esterno con

            licenza GPL.

            In nessus 3.0 non può utilizzare quel 40% di

            codice contribuito, perchè non è suo ma l'ha

            utilizzato in virtù della licenza GPL.

            Se lo includesse in nessus 3.0 dovrebbe

            rilasciare tutto nessus 3.0 sotto GPL o

            contattare ogni singolo autore per ricevere il

            permesso di utilizzare il codice sotto un
            diversa

            licenza.

            in effetti dovrebbe funzionare proprio come hai
            giustamente ipotizzato... in realtà però nessuno
            ci guadagna se non chi detiene i diritti sul nome
            o sul marchio del software e la maggior
            percentuale di sorgenti

            per tal motivo il 70% dei progetti open source di
            sourgeforce diventano closed non appena
            raggiungono un discreto stato di stabilità
            (quindi alla versione 1.0)qualche esempio di questo 70% di progetti che diventano chiusi una volta raggiunta sufficiente stabilità?
          • gerry scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: Anonimo
            in effetti dovrebbe funzionare proprio come hai
            giustamente ipotizzato... in realtà però nessuno
            ci guadagna se non chi detiene i diritti sul nome
            o sul marchio del software e la maggior
            percentuale di sorgentiI diritti sul nome sono problemi disgiunti dal codice.Non basta la maggior parte del codice per far funzionare un programma, ci vuole tutto :)Quello che hai scritto tu è tuo, quello che hanno scritto altri è concesso in licenza. E così per tutte le licenze, non solo la GPL.
            per tal motivo il 70% dei progetti open source di
            sourgeforce diventano closed non appena
            raggiungono un discreto stato di stabilità
            (quindi alla versione 1.0)E queste sono parole gratis (anzi, open source)
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda x tutti scusate:
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: Anonimo

            in effetti dovrebbe funzionare proprio

            come hai giustamente ipotizzato... in

            realtà però nessuno ci guadagna se

            non chi detiene i diritti sul nome

            o sul marchio del software e la

            maggior percentuale di sorgenti
            I diritti sul nome sono problemi disgiunti dal
            codice.
            Non basta la maggior parte del codice per far
            funzionare un programma, ci vuole tutto :)
            Quello che hai scritto tu è tuo, quello che
            hanno scritto altri è concesso in licenza. E
            così per tutte le licenze, non solo la GPL.Chissa' perche' la gente pensa che la GPL non sia una licenza come le altre !!! Mha, che strani.

            per tal motivo il 70% dei progetti open

            source di sourgeforce diventano closed

            non appena raggiungono un discreto

            stato di stabilità (quindi alla versione 1.0)
            E queste sono parole gratis (anzi, open
            source)Infatti : dove sono i link alle statistiche ?
      • nattu_panno_dam scrive:
        Correzione.
        - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: Anonimo

        Ma se conosco bene la GPL non è possibile

        utilizzare codice GPL per progetti closed.

        Quindi o i signori riscrivono tutto il codice

        oppure violano la GPL chiudendo.



        Secondo voi lo fanno? figuriamoci

        L'autore originario ha il potere di smettere e
        chiudere il codice di qualsiasi versione del
        software abbia anche lui contribuito.

        Ma l'autore stesso non può vietare che altri
        prendano l'ultima versione di cui erano ancora
        disponibili i sorgenti e creino un fork, ossia un
        programma basato su quel codice ma con un altro
        nome, perché mi pare che l'autore originario sia
        anche proprietario del marchio.Basta che il fork abbia la stessa licenza, ovvero GPL.

        --
        Mr. Mechano
        • Mechano scrive:
          Re: Correzione.
          - Scritto da: nattu_panno_dam
          Basta che il fork abbia la stessa licenza, ovvero GPL.Sottinteso naturalmente...--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Il fork è qui
    www.gnessus.org
    • Anonimo scrive:
      Re: Il fork è qui
      - Scritto da: Anonimo
      www.gnessus.orgIpso facto!Tenable, l' esaurito, se l' è belle e beccato in der CUxO!!
      • nattu_panno_dam scrive:
        Re: Il fork è qui
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        www.gnessus.org

        Ipso facto!
        Tenable, l' esaurito, se l' è belle e beccato in
        der CUxO!!Infatti, se prova adirittura a metterlo a pagamento ha chiuso. Già con questa cazzata si è tagliato fuori dalle piu' grosse distro _non_ a pagamento.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il fork è qui
          - Scritto da: nattu_panno_dam
          Infatti, se prova adirittura a metterlo a
          pagamento ha chiuso. Già con questa cazzata si è
          tagliato fuori dalle piu' grosse distro _non_ a
          pagamento.Che bravi che sieteAdesso forkate perchè l'autore cattivo cambia la licenzache stavate facendo tutti questi anni ?perchè non avete apportato codice al progetto?Bravi bravi...
          • Anonimo scrive:
            Re: Il fork è qui
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: nattu_panno_dam

            Infatti, se prova adirittura a metterlo a

            pagamento ha chiuso. Già con questa cazzata si è

            tagliato fuori dalle piu' grosse distro _non_ a

            pagamento.

            Che bravi che siete
            Adesso forkate perchè l'autore cattivo cambia la
            licenza
            che stavate facendo tutti questi anni ?
            perchè non avete apportato codice al progetto?
            Bravi bravi...Fatti i caXXi tuoi. Venduto spondista!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il fork è qui
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: nattu_panno_dam

            Infatti, se prova adirittura a metterlo a

            pagamento ha chiuso. Già con questa cazzata si è

            tagliato fuori dalle piu' grosse distro _non_ a

            pagamento.

            Che bravi che siete
            Adesso forkate perchè l'autore cattivo cambia la
            licenza
            che stavate facendo tutti questi anni ?
            perchè non avete apportato codice al progetto?
            Bravi bravi...lasciali stare, sono così miseri e meschini che non faranno mai stradasi estingueranno in silenzio
  • Anonimo scrive:
    parafrasando Ballmer
    l'open source è come la vegetazione: cresce spontanea; durante la notte possono crescere prati, boscaglie foreste.Certo può dispiacere se un cespuglio si essicca, ma è un caso isolato e intorno c'è la foresta che cresce.
    • Anonimo scrive:
      Re: parafrasando Ballmer
      - Scritto da: Anonimo
      l'open source è come la vegetazione: cresce
      spontanea; durante la notte possono crescere
      prati, boscaglie foreste.
      Certo può dispiacere se un cespuglio si essicca,
      ma è un caso isolato e intorno c'è la foresta che
      cresce.tutti poeti i sostenitori dell'oss....prima o poi la vena poetica ti passerà e allora capirai che l'oss serve solo a farsi sfruttare da qualcuno molto più furbo di te.mi spiace caro il mio sognatore ma la vegetazione in questo caso non cresce spontanea: la notte tutti quelli come te corrono a coltivarla solo perchè di giorno aziende come nessun, ibm, nokia, google (per citare solo le prime che mi vengono in mente) possano godere dei frutti del vostro lavoro.....poi certo puoi continuare a credere che sei parte del miracolo della foresta che cresce da sola
      • THe_ZiPMaN scrive:
        Re: parafrasando Ballmer

        tutti poeti i sostenitori dell'oss....prima o poi
        la vena poetica ti passerà e allora capirai che
        l'oss serve solo a farsi sfruttare da qualcuno
        molto più furbo di te.Ma sbaglio o Steve Ballmer è uno dei fondatori di Microsoft? Da quando è un sostenitore dell'OSS?
  • pikappa scrive:
    quanto adoro PI
    Questa è la classica notizia acchiappa troll, basta vedere il numero di messaggi che dichiarano la morte della GPL alle 7:23 della mattina... bah come ho gia detto non è il primo che cambia licenza, ci sono progetti che cambiano, che proseguono floridi il loro sviluppo con la GPL e quelli che da closed diventano Open....che problema c'è? a voi cosa vi cambia? solo per il gusto di attaccare una cosa che evidentemente non riuscite a capire
    • EffeElle scrive:
      Re: quanto adoro PI
      A me sembra che sia sempre lo stesso, spara cavolate a manetta sulla GPL senza firmarsi poi apre un altro post e così via. Non so cosa ci sia di più stupido essere un Troll per di più winaro, il massimo della vita direi. :s
      • Anonimo scrive:
        Re: quanto adoro PI
        - Scritto da: EffeElle
        A me sembra che sia sempre lo stesso, spara
        cavolate a manetta sulla GPL senza firmarsi poi
        apre un altro post e così via. Non so cosa ci sia
        di più stupido essere un Troll per di più winaro,
        il massimo della vita direi. :sNon credo sia uno solo, quando ci sono questi articoli credo che in molti si divertano a trollare senza manco leggere l'articolo.
        • Anonimo scrive:
          OT
          Re: quanto adoro PI

          Non credo sia uno solo, quando ci sono questi
          articoli credo che in molti si divertano a
          trollare senza manco leggere l'articolo.La mia impressione e' che i troll ci siano indipendentemente dagli articoli.
          • francescor82 scrive:
            Re: OT
            Re: quanto adoro PI

            La mia impressione e' che i troll ci siano
            indipendentemente dagli articoli.A sentire Schiavoni, è come dici tu.http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1160925&tid=1160673&p=1&r=PI#1160925
    • francescor82 scrive:
      Re: quanto adoro PI
      *Entra in scena, e occupa lo Spearkers corner*Un mesetto fa ebbi una dolce conversazione con un tipo (un anonimo, ovviamente) che affermava seriamente che i più maleducati qui nel forum di PI fossero i linari e gli opensorci, definendo invece i post dei winari come delle semplici critiche.Se quella stessa persona è ancora in giro, lo invito a fare un giro nel forum delle X rosse relativamente a questo articolo, e poi torni qui a rispondermi dicendo che i post dei winari e dei detrattori dell'OSS sono soltanto critiche e non insulti gratuiti.Ma ovviamente la persona di cui parlo non starà più frequentando PI, disgustato dal fatto che in questo forum ci sono troppi linari maleducati e bla bla bla. Oppure c'è ancora e non ha il coraggio di farsi vedere, chissà.*Lascia lo Speakers corner ed esce*(Sì lo so che PI non è Hyde Park! :D )
  • avvelenato scrive:
    storiella
    Ci sono tre amici che vanno al bar e si fanno un caffé ogni giorno.1500 lire ciascuno(quando ancora non c'era l'euro)Poi è arrivato l'euro e sono diventati 80 centesimi.Poi è venuta la crisi e sono diventati 85 centesimi.Allora uno dei tre amici dice agli altri: "ma perché dobbiamo spendere così tanto per un caffé? Facciamo così: mettiamo assieme dei soldi, e con questi prendiamo una caffettiera, del caffé, dei bicchierini di plastica, e una cassetta per i soldi. Chi vuol farsi un caffé se lo fa da solo e mette i centesimi nella cassetta. A fine settimana ce li dividiamo e così recuperiamo l'investimento iniziale."Erano tutti d'accordo.Peccato che prima dell'ultimo giorno misteriosamente sparì tutto: la cassetta dei soldi con i soldi, la caffettiera, il caffé macinato e persino i bicchieri di plastica!Cosa volevo dire? Non lo so; però c'ho ragione, e i fatti mi... cosano!
  • Anonimo scrive:
    Projects: 103,977 Users: 1,154,002
    Sourceforge only License OSI-Approved Open Source (68309 projects) Other/Proprietary License (1136 projects) Public Domain (1718 projects) Topic Communications (12276 projects) Database (5026 projects) Desktop Environment (2607 projects) Education (2782 projects) Formats and Protocols (656 projects) Games/Entertainment (11632 projects) Internet (20122 projects) Multimedia (10402 projects) Office/Business (4780 projects) Other/Nonlisted Topic (1964 projects) Printing (395 projects) Religion and Philosophy (242 projects) Scientific/Engineering (8654 projects) Security (2269 projects) Sociology (324 projects) Software Development (15713 projects) System (16271 projects) Terminals (503 projects) Text Editors (2236 projects)Grazie Nessus per il codice rilasciato sinora.
  • Anonimo scrive:
    Re: La verità può adesso essere rivelata
    LOL... ma l'hacker finlandese non era in realtà il sovietico di origine baltica Lynos Torovoltos sotto mentite spoglie?
    • Anonimo scrive:
      Re: La verità può adesso essere rivelata
      - Scritto da: Anonimo
      LOL... ma l'hacker finlandese non era in realtà
      il sovietico di origine baltica Lynos Torovoltos
      sotto mentite spoglie?grande .... oltre la vena razzista che emerge dalla filastrocca dove la russia viene figurata come un paese di stupidi cosa che non è!! per nessun paese al mondo. Reputo che l'open source è una bellissima idea di collaborazione e diffusione di cultura informatica (che nulla ha a che vedere con la russia o quanto meno tanto quanto l'italia), questo non implica che tu non possa continuare con il licensing etc per l'amor di dio, (comunque il mondo non gira solo in torno ai soldi) e non mi parlate di giustizia sui brevetti quando in tutte le parti del mondo ci son persone che non possono curarsi xchè i medicinali costan troppo e son sotto copyright. ma pure questo c'entra poco ora. Personalemente io non demonizzo nulla, ne l'open source ne M$ della qualche anch'io son cliente. Non sono uno scroccone di software e neppure un di quelli che dopo aver scritto un bell'algoritmo si sentono dio. boh non capisco sta mania di scannarsi... è sempre stato così, che delusione. una volta un'altra volta , un altra volta e poi vai a vedere le persone che scrivono ste cose e si lamentano sempre vivon tutte con la mamma e non hanno mai fatto nulla di positivo nella loro vita e son talmente fifone e represse di doversela addirittura prendere con uno stereotipo. grazie a dio, i lettori di questa rivista non son tutti così, anzi ... mi spiace aver scritto queste ovvieta ma a quanto pare l'evoluzione non è uguale per tutti. un saluto Ivan....
  • Anonimo scrive:
    Dimostrazione lampante...
    ...che la GPL non lega le mani agli autori che la adottano come qualcuno vorrebbe far credere.
  • Anonimo scrive:
    Così finisce l'era dell'Open Source
    E' stata bella finchè è durata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Così finisce l'era dell'Open Source
      - Scritto da: Anonimo

      E' stata bella finchè è durata.bella bella direi proprio di no....e sviluppatori di ibm, nokia, google lo sanno
    • Anonimo scrive:
      Re: Così finisce l'era de che?
      - Scritto da: Anonimo

      E' stata bella finchè è durata.e durerà ancora a lungo.Se non ci credi facci un favore: trattieni il respiro fino alla "fine dell'OS".
      • Anonimo scrive:
        Re: Così finisce l'era de che?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        E' stata bella finchè è durata.

        e durerà ancora a lungo.
        Se non ci credi facci un favore: trattieni il
        respiro fino alla "fine dell'OS".
        fanne uno tu a me: trattienilo fino a che linux non si diffonde sui desktop....o finchè ms non fallisce.inizia da adesso....1....2....3....4....5...resisti e ricordati che ormai ms ha le ore contante.....1001....1002....1003...finalmente uno in meno!
    • Mechano scrive:
      Re: Così finisce l'era dell'Open Source
      - Scritto da: Anonimo

      E' stata bella finchè è durata.Beh si stanno chiudendo 1-2 progetti su oltre 100.000. Ma di questi progetti ne sono già nati dei fork, quindi in realtà avranno comunque una continuità.Io non vedo che era deve finire per la GPL...--Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: Così finisce l'era dell'Open Source
        - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: Anonimo



        E' stata bella finchè è durata.

        Beh si stanno chiudendo 1-2 progetti su oltre
        100.000. peccato che di questi 2/3 siano fork della stessa cosa e quasi tutto il restante 1/3 siano progetti in perenne pre-alpha in quel parcheggio per progetti orfani che è sourceforge
        Ma di questi progetti ne sono già nati dei fork,
        quindi in realtà avranno comunque una continuità.

        Io non vedo che era deve finire per la GPL...non ti preoccupare gpl ha la vita lunga ... altrimenti non vedo come le aziende possano sfruttarla sulle spalle dei creduloni come te...anzi proprio come te no perchè non so se contribuisci al oss o ti limiti a scroccare come quasi tutti

        --
        Mr. Mechano
        • Mechano scrive:
          Re: Così finisce l'era dell'Open Source
          - Scritto da: Anonimo
          peccato che di questi 2/3 siano fork della stessa
          cosa e quasi tutto il restante 1/3 siano progetti
          in perenne pre-alpha in quel parcheggio per
          progetti orfani che è sourceforgeSi si, tutto GNU/Linux è un progetto incompiuto. Non funziona su cluster e supercomputer, nè sui desktop, manco sui router, i sistemi embedded, i cellulari e i PDA.Non lo stanno adottando intere nazioni e neppure le più grandi pubbliche amministrazioni europee.Come darti torto? ;-)
          te...anzi proprio come te no perchè non so se
          contribuisci al oss o ti limiti a scroccare come
          quasi tuttiTranquillo li vedrai presto i miei progetti opensource.--Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: Così finisce l'era dell'Open Source
            linux è forse l'unico prodotto riuscito abbastanza bene.Comunque capisco la tua paura, signor Mechano dragasaccocce. Con linux puoi far fessi i clienti ed installare linux, gli chiedi più soldi e tu non spendi nulla alle spalle di chi i tuoi strumenti li ha realizzati sacrificando tante ore della propria giornata e non beccando nulla o al massimo una briciola rispetto a quello che guadagni. Sviluppatori ribellatevi, non vi incoraggiano per il bene dell'umanità come credete ma solo per risparmiare. Provate a chiedere soldi, vedrete come vi volteranno le spalle
          • Anonimo scrive:
            Re: Così finisce l'era dell'Open Source
            - Scritto da: Anonimo
            linux è forse l'unico prodotto riuscito
            abbastanza bene.
            Comunque capisco la tua paura, signor Mechano
            dragasaccocce. Con linux puoi far fessi i clienti
            ed installare linux, gli chiedi più soldi e tu
            non spendi nulla alle spalle di chi i tuoi
            strumenti li ha realizzati sacrificando tante ore
            della propria giornata e non beccando nulla o al
            massimo una briciola rispetto a quello che
            guadagni.
            Sviluppatori ribellatevi, non vi incoraggiano per
            il bene dell'umanità come credete ma solo per
            risparmiare. Provate a chiedere soldi, vedrete
            come vi volteranno le spalleMa tu sei sviluppatore ???Questi discorsi continuo a sentirli solo da gente che con lo sviluppo di software free ha poco o nulla a che fare, e non da quelli che si trovano nel mezzo della situazione...Mha, sara' che a parlare quandando la situazione dal di fuoi son capaci tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Così finisce l'era dell'Open Source
      - Scritto da: Anonimo

      E' stata bella finchè è durata.già, ieri sera è stato bello, finchè non sei tornato a casa e mi è toccato rivestirmi al volo e lasciare tua moglie sola con te :$
  • Anonimo scrive:
    ... tutti quelli che gli danno l'inferno
    "quanti sono davvero pronti a negar loro il purgatorio?"beh, tutti quelli che lo mandano all'inferno :)
  • Anonimo scrive:
    XARA rilascia una versione oss di Xtreme
    http://www.xaraxtreme.org/per uno che se ne va, 100 ne arrivanomancano piu i sw come xara che quelli comenessusgli utenti che sentono la mancanza di nessuspotranno fare un fork o passare a prodotti alternativise nessun non era piu sviluppato da nessunosignifica che la comunità non era piu interessataa nessusrequiescant in peace
    • Anonimo scrive:
      Re: XARA rilascia una versione oss di Xt

      se nessun non era piu sviluppato da nessuno
      significa che la comunità non era piu interessata
      a nessus
      No significa che la maggior parte della comunità scrocca e basta, e qualche furbone ci fa pure dei bei soldini con il lavoro degli altri.
      • Anonimo scrive:
        Re: XARA rilascia una versione oss di Xt
        - Scritto da: Anonimo



        se nessun non era piu sviluppato da nessuno

        significa che la comunità non era piu
        interessata

        a nessus



        No significa che la maggior parte della comunità
        scrocca e basta, e qualche furbone ci fa pure dei
        bei soldini con il lavoro degli altri.Ah PRETORIANO!! E vattene a nanna che domani il DRAGA ti darà il biscottone.
      • Anonimo scrive:
        9 --
        • Anonimo scrive:
          Re: XARA rilascia una versione oss di Xt
          - Scritto da: Anonimo

          la maggior parte della comunità scrocca e basta

          certo marmotta

          come mai allora solo s.forge ha
          UNMILIONECENTOMILA
          ISCRITTI E CENTODIECIMILA
          PROGETTI APERTI ??

          sucaHai detto bene aperti, proprio perchè la maggior parte di quelli che ci sono , sono delle porcherie allo stato puro. Perennemente parcheggiati su sf in beta version che nessuno caga.

          sono quelli come voi, schiavi e scrocconi che
          hanno %li di nascita troppo elevate rispetto a
          quelli che valgono qualcosaEcco l'ennessimo predicare di sto par di @@...Vai a nanna pischello che domani c'è la scuola.
    • Anonimo scrive:
      Re: XARA rilascia una versione oss di Xt
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.xaraxtreme.org/

      per uno che se ne va, 100 ne arrivano

      mancano piu i sw come xara che quelli come
      nessus

      gli utenti che sentono la mancanza di nessus
      potranno fare un fork o passare a prodotti
      alternativi

      se nessun non era piu sviluppato da nessuno
      significa che la comunità non era piu interessata
      a nessus

      requiescant in peaceL' eterno riposodona a Nessus o Signoresplenda x Nessus la Luce Eternariposi in pace.amen.
    • Anonimo scrive:
      [OT] Requiescant in.. che?
      - Scritto da: Anonimo
      requiescant in peaceMa non era "requiescant in pacem"?Che lingua è la tua? Latinese o Inglatino?:P
  • Anonimo scrive:
    Re: La verità può adesso essere rivelata
    ehm ma che ti sei fumato
  • Anonimo scrive:
    GET THE FACTS: GPL = FALLIMENTO BUSINESS
    Dispiace svegliare i sognatori ma questa è la prova che l'opensource non ha futuro.Resta valida per i progetti svolti "in cantina" da smanettoni e appassionati, ma nulla più.E visto che ci sono le prove che ad implementare il codice restano 4 gatti, tanto vale darsi al freeware, se proprio è necessario.Condoglianze, Giancarlo
  • Anonimo scrive:
    Linux" = "libertà"
    NO equazione Linux = Comunismo :@http://michele.sciabarra.com/page/PresaDiDistanzaDaiDefacer"Il software libero non è né di destra né di sinistra " Richard Stallman
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux" = "libertà"

      "Il software libero non è né di destra né di
      sinistra " Richard Stallman
      "Il software libero si prende a postriori" Nessus
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux" = "libertà"
        - Scritto da: Anonimo

        "Il software libero non è né di destra né di

        sinistra " Richard Stallman


        "Il software libero si prende a postriori" Nessusla bruciante realta!anche perchè un pinguino è proprio grosso....
  • Anonimo scrive:
    Ma può farlo?
    Lo sviluppatore del programma è definito "principale", segno che ce ne sono anche altri? Credo di sì. In quel caso per togliere la licenza GPL al software si dovrebbe avere l'accordo di ciascun singolo sviluppatore che abbia realizzato una qualsiasi componente del prodotto. In caso contrario, ci si troverebbe ad incorporare il codice GPL di quel programmatore all'interno di un prodotto chiuso, e questo è proibito dalla licenza GPL.Inoltre, si dice che il sorgente delle vecchie versioni rimane GPL. Come può essere? Il codice GPL non può essere incorporato in un prodotto chiuso. L'autore del programma è libero di cambiare la licenza di ciò che è suo, naturalmente, ma allora, le vecchie versioni dovrebbero essere dichiarate chiuse pure quelle. Poi chi aveva scaricato i sorgenti rimane vincolato in base alle condizioni in vgore al momento dell'acquisizione, mentre per il futuro il regime diventa diverso per tutti. Oppure il nuovo programma rappresnterà una riscrittura from scratch del prodotto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma può farlo?
      Senti è semplice:A) il software l'hanno scritto loroB) hanno ricevuto da programmatori esterni pochissime patch, quindi non devono fare molti sforzi per rimpiazzarle.C) Se il software ha solo il tuo copyright puoi farne anche una versione identica ma chiusaD) Le versioni precedenti rimangono sotto GPL, non è che viene tolta, semplicemente le versioni successive non l'adotteranno.
  • Anonimo scrive:
    Non è il primo che cambia
    http://it.wikipedia.org/wiki/XFree86http://it.wikipedia.org/wiki/XOrg
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è il primo che cambia
      e neppure l'ultimo purtroppo
      • Anonimo scrive:
        9 --
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è il primo che cambia
        - Scritto da: Anonimo
        e neppure l'ultimo purtroppoBeh ma se il progetto merita il fork è immediato e quello che ne nasce non è mica tanto male. Vedi X.org che secondo me sta evolvendo alla grande.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non è il primo che cambia
          Come al solito la miopia impera, così come la partigianeria.Il punto è che, giunti ad un certo punto, il modello economico che stà alla base dello sviluppo del software ha bisogno di risorse (euri !!!) per continuare e per fare un salto di livello.Linari, fatevene una ragione.... prima o poi, dopo che un certo progetto ha avuto a gratis il contributo onesto e volontario di migliaia di persone, i soliti ignoti Vi shippano il Vostro lavoro per farci quadrini.E' già successo in passato e succederà sempre più spesso in futuro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è il primo che cambia
            - Scritto da: Anonimo

            Linari, fatevene una ragione.... prima o poi,
            dopo che un certo progetto ha avuto a gratis il
            contributo onesto e volontario di migliaia di
            persone, i soliti ignoti Vi shippano il Vostro
            lavoro per farci quadrini.
            shippare ...io shippotu akane ... egli takemada ...
          • lele2 scrive:
            Re: Non è il primo che cambia
            - Scritto da: Anonimo
            Come al solito la miopia impera, così come la
            partigianeria.

            Il punto è che, giunti ad un certo punto, il
            modello economico che stà alla base dello
            sviluppo del software ha bisogno di risorse (euri
            !!!) per continuare e per fare un salto di
            livello.

            Linari, fatevene una ragione.... prima o poi,
            dopo che un certo progetto ha avuto a gratis il
            contributo onesto e volontario di migliaia di
            persone, i soliti ignoti Vi shippano il Vostro
            lavoro per farci quadrini.

            E' già successo in passato e succederà sempre più
            spesso in futuro.comunque sono di piu' i software che sono passati da closed a open che il contrarioquelli che l'hanno fatto come in questo caso sono veramente pochi che sappia iovuol dire che tutto sommato la GPL anche se non perfetta funziona
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è il primo che cambia
            in quale senso "economico" lele? tu che mestiere fai?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è il primo che cambia
            - Scritto da: Anonimo
            Il punto è che, giunti ad un certo punto, il
            modello economico che stà alla base dello
            sviluppo del software ha bisogno di risorse (euriE' vero che ci vogliono risorse, ma non necessariamente economiche.Ma umane. Tutto il software libero sta dimostrando al mondo e ad aziende come M$ che neppure lei con tutti i suoi miliardi può competere con milioni di programmatori in giro per il mondo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è il primo che cambia
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Il punto è che, giunti ad un certo punto, il

            modello economico che stà alla base dello

            sviluppo del software ha bisogno di risorse
            (euri

            E' vero che ci vogliono risorse, ma non
            necessariamente economiche.
            Ma umane. Tutto il software libero sta
            dimostrando al mondo e ad aziende come M$ che
            neppure lei con tutti i suoi miliardi può
            competere con milioni di programmatori in giro
            per il mondo.
            beh non esageriamo... i numeri di stallman parlano di circa 200 mila muli anarchici open source e che in pratica producono come 1/10 di quelli closed e coordinati e soprattutto pagati
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è il primo che cambia
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Il punto è che, giunti ad un certo punto, il


            modello economico che stà alla base dello


            sviluppo del software ha bisogno di risorse


            (euri

            E' vero che ci vogliono risorse, ma non

            necessariamente economiche.

            Ma umane. Tutto il software libero sta

            dimostrando al mondo e ad aziende come M$

            che neppure lei con tutti i suoi miliardi può

            competere con milioni di programmatori in giro

            per il mondo.
            beh non esageriamo... i numeri di stallman
            parlano di circa 200 mila muli anarchici open
            source e che in pratica producono come 1/10 di
            quelli closed e coordinati e soprattutto pagatiQuesto dimostra che le ditte commerciali che hanno paura dell'opensource sono solo quelle che non ricercano e non hanno voglia di mettersi a lavorare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è il primo che cambia
      - Scritto da: Anonimo
      http://it.wikipedia.org/wiki/XFree86

      http://it.wikipedia.org/wiki/XOrgNon mi risulta che XFree sia diventato chiuso, nè che sia incompatibile con la GPL (qui potrei anche sbagliarmi ma a naso direi che sono compatibili), tra l'altro la Debian continua ad usare tranquillamente XFree86.http://www.xfree86.org/legal/licenses.htmlCito:What is main the difference between 1.0 and 1.1? The main difference is that both the source code and the binary redistribution are now explicitly addressed and separated, because the original 1.0 license was vague in its reference to "the Software". Traditionally, "Software" in the free software world has meant "source code" but as our license allows for binary-only (i.e. no source need be supplied) redistributions. This made the 1.0 license rather unique in free software, and created a glaring flaw that meant that the licence notices "may" not always be reproduced in full. So the new license, unlike the old one, explicitly requires that the copyright holders and its contributors, are to be acknowledged in the end user documentation that accompanies redistribution, i.e. the binary only redistributions. The original problem has now been solved.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è il primo che cambia
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        http://it.wikipedia.org/wiki/XFree86



        http://it.wikipedia.org/wiki/XOrg

        Non mi risulta che XFree sia diventato chiuso, nè
        che sia incompatibile con la GPL (qui potrei
        anche sbagliarmi ma a naso direi che sono
        compatibili), tra l'altro la Debian continua ad
        usare tranquillamente XFree86.

        http://www.xfree86.org/legal/licenses.htmlDebian ha deciso già tempo fa di abbandonare XFree86 in favore di Xorg (sempre a causa della licenza).Infatti la versione di XFree86 che è inclusa nel ramo stabile (stable/sarge) è la vecchia 4.3 (rilasciata 26 February 2003).Avrebbero potuto lavorare su una versione più recente, ma la versione più recente che era compatibile con le "Linee Guida Debian per il Software Free (DFSG)" era per l'appunto la 4.3, e non era pensabile spostarsi subito ad Xorg, causa freeze per il rilascio della versione stabile.Attualmente, nella versione di sviluppo (unstable) è incluso Xorg6.8.2 e nella versione sperimentale (experimental) è presente la RC0 di Xorg6.9.
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Linaro interuptus
    Come volevasi dimostrare la GPL non protegge una minchia o meglio proteggono gli scrocconi e i fissatidella debian che come gli volti le spalle ti ricattano colforkyeahhh (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      9 --
    • Anonimo scrive:
      Re: Linaro interuptus
      - Scritto da: Anonimo
      Come volevasi dimostrare la GPL non protegge una
      minchiaProtegge il software, non chi lo scrive.
      o meglio proteggono gli scrocconi e i
      fissati della debian che come gli volti le spalle ti
      ricattano col forkIl fork non è un ricatto, è un diritto. Se non vuoi forkare acquista il closed source.
    • bugybugy scrive:
      Re: Linaro interuptus
      - Scritto da: Anonimo
      Come volevasi dimostrare la GPL non protegge una
      minchia o meglio proteggono gli scrocconi e i fissatiDato che per fare queste affermazioni sicuramente avrai letto la licenza, mi dici cosa afferma e in quali parti non tutela chi l'utilizza??
      della debian che come gli volti le spalle ti
      ricattano col forkUn fork è possibile, ma non vedo cosa c'entri debian...loro non vogliono includere software non free nella distribuzione, tutto qui...
      • Anonimo scrive:
        Re: Linaro interuptus
        - Scritto da: bugybugy

        - Scritto da: Anonimo

        Come volevasi dimostrare la GPL non protegge una

        minchia o meglio proteggono gli scrocconi e i
        fissati

        Dato che per fare queste affermazioni sicuramente
        avrai letto la licenza, mi dici cosa afferma e in
        quali parti non tutela chi l'utilizza??
        Se ha detto che protegge gli scrocconi, cosa significa secondo te? Il guaio è proprio questo, tutela solo chi scrocca, ehm utilizza....e tutela relativamente chi produce.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linaro interuptus
          - Scritto da: Anonimo
          Se ha detto che protegge gli scrocconi, cosa
          significa secondo te? Il guaio è proprio questo,
          tutela solo chi scrocca, ehm utilizza....e tutela
          relativamente chi produce.
          esatto tutela gli scrocconi e non da nulla in cambioal programmatore.per ottenere benefici dalla GPL devi essere una societache opera in campo internazionale con un brand della madonna tipo la Trolltech e sopratutto deve possedereun management con le palle quadrate che non si fa intimidire da pezzenti scrocconi tipo i developers Gnome.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linaro interuptus
        - Scritto da: bugybugy

        - Scritto da: Anonimo

        Come volevasi dimostrare la GPL non protegge una

        minchia o meglio proteggono gli scrocconi e i
        fissati

        Dato che per fare queste affermazioni sicuramente
        avrai letto la licenza, mi dici cosa afferma e in
        quali parti non tutela chi l'utilizza??


        della debian che come gli volti le spalle ti

        ricattano col fork

        Un fork è possibile, ma non vedo cosa c'entri
        debian...loro non vogliono includere software non
        free nella distribuzione, tutto qui...Don't feed the troll...
      • Anonimo scrive:
        Re: Linaro interuptus

        Dato che per fare queste affermazioni sicuramente
        avrai letto la licenza, mi dici cosa afferma e in
        quali parti non tutela chi l'utilizza??
        Chiedi a Nessus.
        Un fork è possibile, ma non vedo cosa c'entri
        debian...loro non vogliono includere software non
        free nella distribuzione, tutto qui...
        Un pò come MS che include cio che vuole lei insomma.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linaro interuptus

      volti le spalle ti
      ricattano col
      forkvoltare le spalle non è molto costruttivo
    • Anonimo scrive:
      9 --
  • pikappa scrive:
    giusto per la gpl3
    Io credo che sia un problema che è giusto affrontare anche in previsione della nuova licenza, ritengo, a differenza di molti, che la gpl sia una licenza molto valida, ma che deve essere perfezionata, e adattata alla realtà di oggi, fatta soprattutto di squali e collezionisti di brevetti....In questo caso ci sono stati soggetti che hanno incluso codice facente parte di nessus all'interno dei loro prodotti, mettendosi di fatto in competizione con la società che finanzia lo sviluppo di nessus, a detta dell'autore sfruttando alcune scappatoie della GPL, bene, vediamo queste scappatoie e vediamo di porci rimedio.Credo anche che un grosso problema sia stata la scarsa partecipazione di altri sviluppatori allo sviluppo del motore, mentre esiste una fiorente community per quanto riguarda i plugin, per questo il solo autore ha preferito, anzichè lottare da solo contro chi cercava di approfittare del suo lavoro, fare 2 conti e decidere di chiudere la nuova versione del motore, probabilmente se ci fosse stato un grosso gruppo di lavoro dietro al progetto le cose sarebbero andate diversamente....Ora la notizia è stata fatta apposta (come al solito) per scatenare orde di troll, perchè io penso che questo sia solo uno dei progetti che decide di cambiare licenza al confrontro di altri che invece sono fiorenti con la gpl oppure si muovono verso licenze + libere (ed è il caso di OpenOffice, che ultimamente ha visto il rilascio di tutti i suoi componenti in lgpl anziche alcuni lgpl e altri con la licenza di sun, oppure questo che da proprietario diventa open http://www.xaraxtreme.org/)==================================Modificato dall'autore il 12/10/2005 0.39.15
    • Anonimo scrive:
      Re: giusto per la gpl3
      - Scritto da: pikappa
      ...
      Ora la notizia è stata fatta apposta (come al
      solito) per scatenare orde di troll, perchè io
      penso che questo sia solo uno dei progetti che
      decide di cambiare licenza al confrontro di altri
      che invece sono fiorenti con la gpl oppure si
      muovono verso licenze + libere (ed è il caso di
      OpenOffice, che ultimamente ha visto il rilascio
      di tutti i suoi componenti in lgpl anziche alcuni
      lgpl e altri con la licenza di sun, oppure questo
      che da proprietario diventa open
      http://www.xaraxtreme.org/)altri?
    • Alessandrox scrive:
      Re: giusto per la gpl3
      - Scritto da: pikappa
      Io credo che sia un problema che è giusto
      affrontare anche in previsione della nuova
      licenza, ritengo, a differenza di molti, che la
      gpl sia una licenza molto valida, ma che deve
      essere perfezionata, e adattata alla realtà di
      oggi, fatta soprattutto di squali e collezionisti
      di brevetti....
      In questo caso ci sono stati soggetti che hanno
      incluso codice facente parte di nessus
      all'interno dei loro prodotti, mettendosi di
      fatto in competizione con la società che finanzia
      lo sviluppo di nessus, a detta dell'autore
      sfruttando alcune scappatoie della GPL, bene,
      vediamo queste scappatoie e vediamo di porci
      rimedio.Come ho gia' scritto bisognerebbe mettere dei paletti a chi RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso a chi detiene il copyright (o copyleft): per esempio una GPL modificata potrebbe permettere l' uso commerciale SOLO e unicamente all' autore (o gli autori) originale , chiunque altro potra' rilasciare sw basato su quel codice ma non per fini di lucro.Solo un' esempio.
      • Anonimo scrive:
        Re: giusto per la gpl3
        - Scritto da: Alessandrox
        paletti a chi RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso
        a chi detiene il copyright (o copyleft): per
        esempio una GPL modificata potrebbe permettere l'
        uso commerciale SOLO e unicamente all' autore (o
        gli autori) originale , chiunque altro potra'
        rilasciare sw basato su quel codice ma non per
        fini di lucro.
        Solo un' esempio.La vecchia licenza Yast dell'omonimo programma era proprio così, eppure non era molto amata. Fra l'altro in pochi sapevano che fosse opensource, adesso comunque non esiste più perché Yast è sotto GPL.
      • THe_ZiPMaN scrive:
        Re: giusto per la gpl3

        Come ho gia' scritto bisognerebbe mettere dei
        paletti a chi RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso
        a chi detiene il copyright (o copyleft): per
        esempio una GPL modificata potrebbe permettere l'
        uso commerciale SOLO e unicamente all' autore (o
        gli autori) originale , chiunque altro potra'
        rilasciare sw basato su quel codice ma non per
        fini di lucro.Allora basta adottare una creative commons. Chi usa la GPL lo fa proprio perché vuole che il software resti sempre libero.
  • Anonimo scrive:
    Obiettivi delle licenze liberali
    Una licenza liberale autorizza chiunque ad usare, modificare, integrare, riprodurre, duplicare e distribuire un programma (o qualsiasi lavoro tutelato dalle norme sul diritto d'autore), anche a scopi commerciali in quanto la commercializzazione del programma non è vietata in modo esplicito. Il programma stesso deve essere disponibile anche in una forma leggibile e comprensibile all'uomo.[...]Lo scopo primario delle licenze liberali non è la gratuità del software, ma la sua sopravvivenza ovvero la certezza che vi sia la possibilità per chiunque e in qualunque momento, anche futuro, di apportare miglioramenti o comunque modifiche al programma, e di installarlo senza alcuna limitazione.Per alcuni esponenti della comunità del Software Libero, come Stallman, lo scopo primario è la libertà del software in sé, in quanto più importante rispetto agli aspetti tecnologici!fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Licenza_open_source#Natura_ed_obiettivi_delle_licenze_liberali
    • Alessandrox scrive:
      Re: Obiettivi delle licenze liberali
      - Scritto da: Anonimo
      Una licenza liberale autorizza chiunque ad usare,
      modificare, integrare, riprodurre, duplicare e
      distribuire un programma (o qualsiasi lavoro
      tutelato dalle norme sul diritto d'autore), anche
      a scopi commerciali in quanto la
      commercializzazione del programma non è vietata
      in modo esplicito.E' qui' che interviene la fregatura... detta cosi' chiunque potrebbe usare del sw gpl scritto da altri nei suoi prodotti commerciali...Allora bisognerebbe mettere dei paletti a chi RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso a chi detiene il copyright (o copyleft): per esempio una GPL modificata potrebbe permettere l' uso commerciale SOLO e unicamente all' autore (o gli autori) originale , chiunque altro potra' rilasciare sw basato su quel codice ma non per fini di lucro.Solo un' esempio.... magari da sviluppare ed approfondire
      • Anonimo scrive:
        Re: Obiettivi delle licenze liberali

        Allora bisognerebbe mettere dei paletti a chi
        RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso a chi detiene
        il copyright (o copyleft): per esempio una GPL
        modificata potrebbe permettere l' uso commerciale
        SOLO e unicamente all' autore (o gli autori)
        originale , chiunque altro potra' rilasciare sw
        basato su quel codice ma non per fini di lucro.
        Solo un' esempio.... magari da sviluppare ed
        approfondireottima idea, bucabile in 4 secondi netti
        • Alessandrox scrive:
          Re: Obiettivi delle licenze liberali
          - Scritto da: Anonimo

          Allora bisognerebbe mettere dei paletti a chi

          RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso a chi
          detiene

          il copyright (o copyleft): per esempio una GPL

          modificata potrebbe permettere l' uso
          commerciale

          SOLO e unicamente all' autore (o gli autori)

          originale , chiunque altro potra' rilasciare sw

          basato su quel codice ma non per fini di
          lucro.

          Solo un' esempio.... magari da sviluppare ed

          approfondire
          ottima idea, bucabile in 4 secondi nettiCosa non ti e' chiaro di "Solo un' esempio.... magari da sviluppare ed approfondire" ?Io ho solo esposto un principio, altra cosa e' la sua applicazione reale...
      • Mechano scrive:
        Re: Obiettivi delle licenze liberali
        - Scritto da: Alessandrox
        E' qui' che interviene la fregatura... detta
        cosi' chiunque potrebbe usare del sw gpl scritto
        da altri nei suoi prodotti commerciali...Chi lo ha fatto è stato portato in tribunale ed ha perso.
        Allora bisognerebbe mettere dei paletti a chi
        RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso a chi detiene
        il copyright (o copyleft):Ma i paletti non li ha già chi utilizza sw gpl? Non ha forse l'obbligo di ridistribuirlo anche in forma sorgente?
        per esempio una GPL
        modificata potrebbe permettere l' uso commerciale
        SOLO e unicamente all' autore (o gli autori)
        originale , chiunque altro potra' rilasciare sw
        basato su quel codice ma non per fini di lucro.Ma lo fa già!Come per il caso di Nessus gli autori sono liberi di avere anche una doppia licenza, GPL+commerciale.Stanno infatti chiudendo le loro nuove versioni. La GPL non li sta obbligando a rilasciare libera anche la versione 3.
        Solo un' esempio.... magari da sviluppare ed
        approfondireApprofondire che?La GPL parla chiaro, l'hai mai letta con attenzione?--Mr. Mechano
        • Alessandrox scrive:
          Re: Obiettivi delle licenze liberali
          - Scritto da: Mechano
          - Scritto da: Alessandrox

          E' qui' che interviene la fregatura... detta

          cosi' chiunque potrebbe usare del sw gpl scritto

          da altri nei suoi prodotti commerciali...
          Chi lo ha fatto è stato portato in tribunale ed
          ha perso.Allora perche' Deraison si lamenta che gli fanno concorrenza scroccando il suo codice?E' evidente che c'e' qualcosa cne non funziona come dovrebbe... (magari Deraison stesso eh...)

          Allora bisognerebbe mettere dei paletti a chi

          RIUTILIZZA sw gpl e dare piu' peso a chi
          detiene

          il copyright (o copyleft):
          Ma i paletti non li ha già chi utilizza sw gpl?
          Non ha forse l'obbligo di ridistribuirlo anche in
          forma sorgente?OK e se io prendo il codice cos' com' e' e lo metto in un mio prodotto? Non modifico nulla e ho i miei introiti....

          per esempio una GPL

          modificata potrebbe permettere l' uso
          commerciale

          SOLO e unicamente all' autore (o gli autori)

          originale , chiunque altro potra' rilasciare sw

          basato su quel codice ma non per fini di
          lucro.
          Ma lo fa già!
          Come per il caso di Nessus gli autori sono liberi
          di avere anche una doppia licenza,
          GPL+commerciale.
          Stanno infatti chiudendo le loro nuove versioni.
          La GPL non li sta obbligando a rilasciare libera
          anche la versione 3.Infatti... La GPL non nega il comemrcio ma da momento che altri ci lucrano sopra senza contribuire e dal momento che (GIUSTAMENTE) anche l' autore vorrebbe capitalizzare un po', in QUESTO specifico scenario, questa formulazione della GPL risulta lacunosa...

          Solo un' esempio.... magari da sviluppare ed

          approfondire
          Approfondire che?
          La GPL parla chiaro, l'hai mai letta con
          attenzione?Descrive anche la situazione di cui sopra?Diciamoglielo a Deraison.....
          • Mechano scrive:
            Re: Obiettivi delle licenze liberali
            - Scritto da: Alessandrox
            Allora perche' Deraison si lamenta che gli fanno
            concorrenza scroccando il suo codice?Attenzione Deraison si lamenta di una cosa diversa. Dice che le aziende commerciali creano appliance di sicurezza attorno al suo software senza fornire alcun contributo al suo sviluppo.Non scroccano il codice, ma producono plugin e rivendono pacchetti completi con plugin closed, Nessus opensource, e non aiutano allo sviluppo.
            E' evidente che c'e' qualcosa cne non funziona
            come dovrebbe... (magari Deraison stesso eh...)Deraison ha un'azienda che fa lo stesso dei concorrenti sleali, ossia vorrebbe vendere appliance di sicurezza. Roderebbe un pò anche a me fare un programma e vederlo venduto da chi fa lo stesso mio mestiere senza non dico riconoscermi contributi, ma almeno aiutarmi ad estenderlo e migliorarlo, magari fornendo qualche plugin in sorgenti che si possa usare tutti.A quel punto fa bene a toglierglielo, anche se una cosa deprecabile comunque.
            OK e se io prendo il codice cos' com' e' e lo
            metto in un mio prodotto? Non modifico nulla e ho
            i miei introiti....Si puoi farlo, lo prendi opensource non lo modifichi, lo vendi e anche su richiesta fornisci i sorgenti. Ma vorrei vedere chi ti pagherà per qualcosa che esiste gratis tale e quale in qualsiasi repository di software opensource.
            Infatti... La GPL non nega il comemrcio ma da
            momento che altri ci lucrano sopra senza
            contribuire e dal momento che (GIUSTAMENTE)
            anche l' autore vorrebbe capitalizzare un po', in
            QUESTO specifico scenario, questa formulazione
            della GPL risulta lacunosa...Non è lacunosa la GPL, ma sbagliata la sua scelta da parte dell'autore del progetto quando lo ha iniziato.Se i presupposti erano la capitalizzazione allora doveva scegliere una via diversa, ossia una doppia licenza, con una versione più ricca e sofisticata in forma closed. O fare come hanno fatto i concorrenti creare plugin a pagamento e appliance, che sono applicazioni e servizi di contorno.Tu vedi nella GPL il neo, io lo vedo in chi ha scelto la licenza sbagliata per gli scopi che si era prefissato.O magari ci ha ripensato, all'inizio lo considerava un esperimento, e poi in futuro a visto che se fosse chiuso potrebbe fruttare di più e si è trovato davanti a questa scelta.
            Descrive anche la situazione di cui sopra?

            Diciamoglielo a Deraison.....La GPL è chiara. Sceglierla comporta delle rinunce per l'autore e degli obblighi per il modificatore di opere altrui in questa licenza, e tanta libertà per i fruitori e contributori. Fortunatamente l'autore ha in mano ancora le redini del progetto e può in qualsiasi momento decidere di abbandonare tale licenza per ciò che gli appartiene.--Mr. Mechano
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Obiettivi delle licenze liberali

            Fortunatamente l'autore ha in mano ancora le
            redini del progetto e può in qualsiasi momento
            decidere di abbandonare tale licenza per ciò che
            gli appartiene.Sempreché rinunci ai contributi di chi ha sottomesso patch ed altro materiale.Se io ho inviato una patch per Nessus e questa è stata inclusa nella release, la mia patch non può essere utilizzata in un software commerciale senza la mia esplicita autorizzazione.Chiudere Nessus senza riscriverlo credo che sarà un problema se qualcuno si impunterà.
    • avvelenato scrive:
      Re: Obiettivi delle licenze liberali
      - Scritto da: Anonimo
      Una licenza liberale autorizza chiunque ad usare,
      modificare, integrare, riprodurre, duplicare e
      distribuire un programma (o qualsiasi lavoro
      tutelato dalle norme sul diritto d'autore), anche
      a scopi commerciali in quanto la
      commercializzazione del programma non è vietata
      in modo esplicito. Il programma stesso deve
      essere disponibile anche in una forma leggibile e
      comprensibile all'uomo.

      [...]

      Lo scopo primario delle licenze liberali non è la
      gratuità del software, ma la sua sopravvivenza
      ovvero la certezza che vi sia la possibilità per
      chiunque e in qualunque momento, anche futuro, di
      apportare miglioramenti o comunque modifiche al
      programma, e di installarlo senza alcuna
      limitazione.
      Per alcuni esponenti della comunità del Software
      Libero, come Stallman, lo scopo primario è la
      libertà del software in sé, in quanto più
      importante rispetto agli aspetti tecnologici!

      fonte:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Licenza_open_source#Nstallman è fuori dal mondo, certo, se tutti potessimo vivere a donazioni sarebbe bello.
      • Mechano scrive:
        Re: Obiettivi delle licenze liberali
        - Scritto da: avvelenato
        stallman è fuori dal mondo, certo, se tutti
        potessimo vivere a donazioni sarebbe bello.Stallman ha proposto un modello. Nessuno ti obbliga a seguirlo.Non puoi però pretendere di prendere il lavoro di chi lo ha seguito e sfruttarlo come vuoi per poi dare la colpa di eventuali divieti alla GPL e a Stallman.--Mr. Mechano
        • avvelenato scrive:
          Re: Obiettivi delle licenze liberali
          - Scritto da: Mechano

          - Scritto da: avvelenato


          stallman è fuori dal mondo, certo, se tutti

          potessimo vivere a donazioni sarebbe bello.

          Stallman ha proposto un modello. Nessuno ti
          obbliga a seguirlo.
          Non puoi però pretendere di prendere il lavoro di
          chi lo ha seguito e sfruttarlo come vuoi per poi
          dare la colpa di eventuali divieti alla GPL e a
          Stallman.

          --
          Mr. MechanoStallman ha affermato la funzionalità di un modello, ma non è vero! Non funziona! Non sempre almeno. La gpl non va bene in tutti gli ambiti, a differenza di quanto gli estremisti opensorciari sostengano da tempo.Non mi fraintendere, non sono contro la gpl. Ma sono abbastanza sgamato da credere che se qualcuno trova un modo di futtere gli altri, beh, c'è una seria probabilità che lo sfrutti. E la gpl sembra nata allo scopo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Obiettivi delle licenze liberali
            - Scritto da: avvelenato
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: avvelenato


            stallman è fuori dal mondo, certo, se tutti


            potessimo vivere a donazioni sarebbe bello.

            Stallman ha proposto un modello. Nessuno ti

            obbliga a seguirlo.

            Non puoi però pretendere di prendere il lavoro

            di chi lo ha seguito e sfruttarlo come vuoi per

            poi dare la colpa di eventuali divieti alla GPL

            e a Stallman.
            Stallman ha affermato la funzionalità di un
            modello, ma non è vero! Non funziona! Non
            sempre almeno. La gpl non va bene in tutti
            gli ambiti, a differenza di quanto gli estremisti
            opensorciari sostengano da tempo.Ti diro' una verita' che forse ti potra' stupire... Niente Va Bene Per Tutto :o
            Non mi fraintendere, non sono contro la gpl. Ma
            sono abbastanza sgamato da credere che se
            qualcuno trova un modo di futtere gli altri, beh,
            c'è una seria probabilità che lo sfrutti. E la
            gpl sembra nata allo scopo.E per fortuna ci sei tu che sei sgamato :|
          • avvelenato scrive:
            Re: Obiettivi delle licenze liberali
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: avvelenato

            - Scritto da: Mechano


            - Scritto da: avvelenato



            stallman è fuori dal mondo, certo, se tutti



            potessimo vivere a donazioni sarebbe bello.


            Stallman ha proposto un modello. Nessuno ti


            obbliga a seguirlo.


            Non puoi però pretendere di prendere il lavoro


            di chi lo ha seguito e sfruttarlo come vuoi
            per


            poi dare la colpa di eventuali divieti alla
            GPL


            e a Stallman.


            Stallman ha affermato la funzionalità di un

            modello, ma non è vero! Non funziona! Non

            sempre almeno. La gpl non va bene in tutti

            gli ambiti, a differenza di quanto gli
            estremisti

            opensorciari sostengano da tempo.

            Ti diro' una verita' che forse ti potra'
            stupire... Niente Va Bene Per Tutto :o
            Non venirlo a dire a me ma a certi invasati le cui ghiandole salivari si attivano con frenesia non appena sentono parlare di linux, stallman, gpl e torvalds (ma l'ultimo un po' meno)

            Non mi fraintendere, non sono contro la gpl. Ma

            sono abbastanza sgamato da credere che se

            qualcuno trova un modo di futtere gli altri,
            beh,

            c'è una seria probabilità che lo sfrutti. E la

            gpl sembra nata allo scopo.

            E per fortuna ci sei tu che sei sgamato :|Eh già.Comunque adesso fanno a gara tutti a dire che la gpl non serve per la capitalizzazione del software, mentre prima erano tutti d'accordo che la gpl era una fonte di guadagno:fate un'assemblea e mettetevi d'accordo. :D .
          • Anonimo scrive:
            Re: Obiettivi delle licenze liberali
            - Scritto da: avvelenato

            Ti diro' una verita' che forse ti potra'

            stupire... Niente Va Bene Per Tutto :o
            Non venirlo a dire a me ma a certi invasati le
            cui ghiandole salivari si attivano con frenesia
            non appena sentono parlare di linux, stallman,
            gpl e torvalds (ma l'ultimo un po' meno)Andiamo, sono anni che scrivi sui forum e anocora non sai distinguere (e soprattutto a ignorare) i troll ? (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)


            Non mi fraintendere, non sono contro la gpl.


            Ma sono abbastanza sgamato da credere


            che sequalcuno trova un modo di futtere


            gli altri, beh, c'è una seria probabilità che


            lo sfrutti. E la gpl sembra nata allo scopo.

            E per fortuna ci sei tu che sei sgamato :|
            Eh già.
            Comunque adesso fanno a gara tutti a dire che la
            gpl non serve per la capitalizzazione del
            software, mentre prima erano tutti d'accordo che
            la gpl era una fonte di guadagno: fate
            un'assemblea e mettetevi d'accordo.Sei troppo preso male, togliti un po' di veleno di dosso e comincia a parlare seriamente solo con chi ha intenzione di farlo.
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Obiettivi delle licenze liberali

            Comunque adesso fanno a gara tutti a dire che la
            gpl non serve per la capitalizzazione del
            software, mentre prima erano tutti d'accordo che
            la gpl era una fonte di guadagno:
            fate un'assemblea e mettetevi d'accordo.La GPL è una licenza. Il fare soldi con la GPL è un'abilità che pochi hanno e quei pochi sono molto grossi.Se vuoi fare soldi con la vendita del software e adotti la GPL sei un pirla.Se vuoi fare soldi con i servizi connessi al software allora la licenza non conta e conta solo la tua abilità; in questo caso la GPL può aiutare a creare un prodotto migliore che aumenta di conseguenza la richiesta di servizi collaterali al prodotto.Se non si riesce a cogliere la differenza è meglio non avventurarsi sull'insidioso terreno dell'OSS.
    • vince65 scrive:
      Re: Obiettivi delle licenze liberali
      - Scritto da: Anonimo
      Una licenza liberale autorizza chiunque ad usare,
      modificare, integrare, riprodurre, duplicare e
      distribuire un programma (o qualsiasi lavoro
      tutelato dalle norme sul diritto d'autore), anche
      a scopi commerciali in quanto la
      commercializzazione del programma non è vietata
      in modo esplicito. Il programma stesso deve
      essere disponibile anche in una forma leggibile e
      comprensibile all'uomo.(e snippete)Amico, credo tu abbia fatto un po' di confusione... GPL è una licenza libera, non liberale... un tipo di licenza liberale è, ad esempio, BSD... :)
    • THe_ZiPMaN scrive:
      Re: Obiettivi delle licenze liberali

      Esempio.
      Programma qualsiasi strutturato per Linux e GTK.
      Supponiamo. Fra 20 anni non esiste più Linux, nè
      Windows (nè tantomeno le GKT), ma altri OS che
      non utilizzano più neppure mouse e tastiera, ma
      dispositivi a controllo vocale e di interazione
      intelligente con computer dotati di un livello
      basilare di AI, con multiprocessori a 128 bit o
      chesso io.
      Ok, hai il sorgente di quel software, ma che
      cacchio te ne fai? Fai prima a scriverlo ex-novo
      che a modificarlo/adattarlo/ottimizzarlo.Probabilmente il software in quei vent'anni non è stato fermo ma si è evoluto in parallelo con tutti gli altri prodotti su cui si basa. Se ciò non è avvenuto è perché tale software è già stato rimpiazzato da qualcosa di più adeguato.
  • Anonimo scrive:
    Bisogna stringere la cintura alla GPL
    E' una vita che lo dico: per uno che prende il codice e lo migliora per il bene comune 100 lo copiano, aggiungono due linee proprietarie (Helloworld) e lo vendono come roba loro senza neppure riconoscere un centesimo al chi si è fatto il mazzo.E' ora di aggiornare la gpl: va vietato l'uso di codice gpl in programmi proprietari o in alternativa se una società sfrutta il lavoro di un terzo, sotto gpl (quantificabile in una percentuale ben precisa e solo se vengono introdotte tante novità tali da capovolgere questa percentuale allora quanto dirò non va considerato) allora deve riconoscergli una percentuale. Ma possibile che una licenza nata per diffondere la cultura si stia trasformando in un'occasione per creare soldi a sbafo a danno degli stessi sviluppatori ? :@
    • Anonimo scrive:
      5 --
      Attorno al tuo collo starebbe meglio la cintura da sringere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
      - Scritto da: Anonimo
      E' una vita che lo dico: per uno che prende il
      codice e lo migliora per il bene comune 100 lo
      copiano, aggiungono due linee proprietarie
      (Helloworld) e lo vendono come roba loro senza
      neppure riconoscere un centesimo al chi si è
      fatto il mazzo.
      E' ora di aggiornare la gpl: va vietato l'uso di
      codice gpl in programmi proprietari o in
      alternativa se una società sfrutta il lavoro di
      un terzo, sotto gpl (quantificabile in una
      percentuale ben precisa e solo se vengono
      introdotte tante novità tali da capovolgere
      questa percentuale allora quanto dirò non va
      considerato) allora deve riconoscergli una
      percentuale. Ma possibile che una licenza nata
      per diffondere la cultura si stia trasformando in
      un'occasione per creare soldi a sbafo a danno
      degli stessi sviluppatori ? :@Se invece di passare una vita a dire passassi 5 minuti a leggere forse ti eviteresti post come questo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E' una vita che lo dico: per uno che prende il

        codice e lo migliora per il bene comune 100 lo

        copiano, aggiungono due linee proprietarie

        (Helloworld) e lo vendono come roba loro senza

        neppure riconoscere un centesimo al chi si è

        fatto il mazzo.

        E' ora di aggiornare la gpl: va vietato l'uso di

        codice gpl in programmi proprietari o in

        alternativa se una società sfrutta il lavoro di

        un terzo, sotto gpl (quantificabile in una

        percentuale ben precisa e solo se vengono

        introdotte tante novità tali da capovolgere

        questa percentuale allora quanto dirò non va

        considerato) allora deve riconoscergli una

        percentuale. Ma possibile che una licenza nata

        per diffondere la cultura si stia trasformando
        in

        un'occasione per creare soldi a sbafo a danno

        degli stessi sviluppatori ? :@
        Anche se fosse vietato non cambierebbe nulla, vista che ci ritroviamo a che fare con la disonestà della gente che lucra sul lavoro di altre persone.La licenza BSD è ancora peggiore se ragioniamo da questo punto di vista. Infatti permette di includere il codice in programmi proprietari e non obbliga l'utente a dare i giusti riconoscimenti all'autore.La GPL invece obbliga a rilasciare in forma sorgente le parti che si utilizzano in un programma proprietario e a dare i giusti riconoscimenti all'autore.Se poi qualcuno se ne infischia e continua a scroccare, non servirà a nulla neanche aggiungere una tassa da pagare.
        • Alessandrox scrive:
          Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo
          Anche se fosse vietato non cambierebbe nulla,
          vista che ci ritroviamo a che fare con la
          disonestà della gente che lucra sul lavoro di
          altre persone.Sbagliato... le violazioni di copyright si PAGANO, in tribunale la GPL ha dimostrato di funzionare bene perche' non dovrebbe funzionare una GPL cosi' modificata?
          La licenza BSD è ancora peggiore se ragioniamo da
          questo punto di vista. Infatti permette di
          includere il codice in programmi proprietari e
          non obbliga l'utente a dare i giusti
          riconoscimenti all'autore.
          La GPL invece obbliga a rilasciare in forma
          sorgente le parti che si utilizzano in un
          programma proprietario e a dare i giusti
          riconoscimenti all'autore.
          Se poi qualcuno se ne infischia e continua a
          scroccare, non servirà a nulla neanche aggiungere
          una tassa da pagare.Si OK tante grazie a pinco pallino per il nostro diritto di scrocco....Secondo te questo in ambito commerciale ha un futuro?la GPL (che comunque per altre cose apprezzo) in ambito commerciale, cosi' com'e' senza modifiche non e' proprio adatta.
          • Mechano scrive:
            Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
            - Scritto da: Alessandrox
            la GPL (che comunque per altre cose apprezzo) in
            ambito commerciale, cosi' com'e' senza modifiche
            non e' proprio adatta.Beh ma era nella mente di chi l'ha inventata il non avere a che fare col commercio.La GPL è nata da una persona tradita dall'evoluzione dell'informatica e dalla chiusura della conoscenza.Questa persona (Richard Stallman) sognava un mondo libero in cui la conoscenza potesse circolare senza vincoli di potere ed economici. La GPL vuole questo. Non è stata pensata per il commercio, non vuole avere nulla a che fare con il mondo business.A chi non va bene, non deve stare a giudicarla, perché chi la giudica o non ciu ha capito niente, o è in malafede e gli rode il non poter scroccare ad oltranza.--Mr. Mechano
          • Alessandrox scrive:
            Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
            - Scritto da: Mechano
            - Scritto da: Alessandrox

            la GPL (che comunque per altre cose apprezzo) in

            ambito commerciale, cosi' com'e' senza modifiche

            non e' proprio adatta.
            Beh ma era nella mente di chi l'ha inventata il
            non avere a che fare col commercio.
            La GPL è nata da una persona tradita
            dall'evoluzione dell'informatica e dalla chiusura
            della conoscenza.
            Questa persona (Richard Stallman) sognava un
            mondo libero in cui la conoscenza potesse
            circolare senza vincoli di potere ed economici.
            La GPL vuole questo. Non è stata pensata per il
            commercio, non vuole avere nulla a che fare con
            il mondo business.
            A chi non va bene, non deve stare a giudicarla,
            perché chi la giudica o non ciu ha capito niente,
            o è in malafede e gli rode il non poter scroccare
            ad oltranza.Concordo con tutto Mechano, le so queste cose....Ovvio che non e' nata per soddisfare necessita' commerciali, e va bene cosi'... basta non pretendere cio' che non puo' dare, senza contare che GPL non e' una sola licenza ...Tuttavia, per venire incontro ad un numero crescente di richieste, la GPL e' in corso di revisione
          • Mechano scrive:
            Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
            - Scritto da: Alessandrox
            Concordo con tutto Mechano, le so queste cose....
            Ovvio che non e' nata per soddisfare necessita'
            commerciali, e va bene cosi'... basta non
            pretendere cio' che non puo' dare, senza contare
            che GPL non e' una sola licenza ...
            Tuttavia, per venire incontro ad un numero
            crescente di richieste, la GPL e' in corso di
            revisioneCi sono dei casi in cui il software GPL è una libreria o una classe inglobata, estesa, riutilizzata in programmi closed.Essendo nata prima della programmazione a oggetti la sua natura virale non ha tenuto conto di questo nuovo mondo votato al riutilizzo.Si sta quindi studiando un modo per adattarla a questo tipo di programmi.Io dico che il problema non sussiste, ma a quanto pare molti non sono daccordo.Ci sono dei casi in cui una libreria GPL è più conveniente non sia virale, perché si diffonda.E quindi si stanno studiando questi casi.Un esempio: la glibc (o un'altra libreria basilare) fu rilasciata con licenza lgpl ossia la lesser (o library) gpl che permette il link e il riutilizzo anche in programmi closed, senza obbligare all'apertura. Per il successo di certe librerie, ossia per la loro diffusione, è necessario non imporre l'apertura del programma che le usa, altrimenti verrebbero snobbate da chi produce software closed.Ciò è necessario per rubare fette di mercato ad altre librerie e far diffondere quelle di progetti opensource.--Mr. Mechano
        • elcabesa scrive:
          Re: Bisogna stringere la cintura alla GP

          La GPL invece obbliga a rilasciare in forma
          sorgente le parti che si utilizzano in un
          programma proprietario e a dare i giusti
          riconoscimenti all'autore.a me sembra che la gpl impone di rilasciare come gpl un programma che usa pezzi di sorgente gpl.è nata apposta la lgpl per poter icludere librerie gpl in progetti non gpl.non sò però cosa succede in caso di interfacce grafiche non gpl che si interfacciano con un altro programa gpl.. in teoria sono 2 programmi diversi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
      Hai centrato in pieno il problema, purtroppo....Linari, fatevene una ragione.... prima o poi, dopo che un certo progetto ha avuto a gratis il contributo onesto e volontario di migliaia di persone, i soliti ignoti Vi shippano il Vostro lavoro per farci quadrini.E' già successo in passato e succederà sempre più spesso in futuro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisogna stringere la cintura alla GP
        La GPL in se è buona fin quando si scrivono delle librerie, dei file che permettono cose solo se ci si lavora sopra ulteriormente. Questo obbliga a chi vuole lucrarci a farsi ulteriormente il mazzo. Un esempio è il codec xvid su cellulari nokia: il file xvid da solo permette di vedere i video ma senza player non serve ad una benemerita mazza e così è stato creato il player che vi si appoggia sopra (per di più come componente a parte così non c'è rischio di violare quel poco di sicuro della gpl che c'è): lo smartmovie.Ma se quel programma fosse stato creato come prodotto os, quanto ci sarebbe voluto perchè qualcuno, magari la stessa nokia, lo avesse preso, rinominato, che so... in nokia player, e lo avesse venduto (anche non direttamente ma solo rilasciandolo dentro il firmware del symbian ovviamente legato al cellulare venduto) ?La GPL così com'è non va bene, forse sotto sotto le complicatezze di linux nascono proprio da questo: se la licenza è un colabrodo allora incasiniamo tutto e di più così almeno possiamo rifarci sull'assistenza al semplice uso...
  • Anonimo scrive:
    Morto un Nessus...
    ....la Comunità Open Sorcio ne farà un' altro sempre meglio.Debian fa bene a sbatter fuori dai coglioni Nessus sa salta il fosso.Non capisco tutto sto can can x uno che ha dato di volta il cervello; è nella norma statistica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Morto un Nessus...
      - Scritto da: Anonimo
      ....la Comunità Open Sorcio ne farà un' altro
      sempre meglio.
      Debian fa bene a sbatter fuori dai coglioni
      Nessus sa salta il fosso.
      Non capisco tutto sto can can x uno che ha dato
      di volta il cervello; è nella norma statistica.
      A me questa Nessus sta pure antipatica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Morto un Nessus...
      - Scritto da: Anonimo
      ....la Comunità Open Sorcio ne farà un' altro
      sempre meglio.non c'e' bisogno, basta forkare dall'ultima versione GPLed e continuare lo sviluppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Morto un Nessus...
      Quelli che improvvisamente cambiano sponda come questo Tenable non meritano considerazione.I voltagabbana vanno legnati e Debian fa bene a cacciarlo a calci un CUxO e con disprezzo.Vergona lui e i suoi discendenti.Puzza già di carogna.
      • Anonimo scrive:
        Re: Morto un Nessus...
        - Scritto da: Anonimo
        Quelli che improvvisamente cambiano sponda come
        questo Tenable non meritano considerazione.
        I voltagabbana vanno legnati e Debian fa bene a
        cacciarlo a calci un CUxO e con disprezzo.
        Vergona lui e i suoi discendenti.
        Puzza già di carogna.Ahahah! :)Mi hai tolto le parole di bocca...Un benvenuto al fork.(c64)(amiga)(linux)(bsd)
        • Anonimo scrive:
          Re: Morto un Nessus...
          Come al solito la miopia impera, così come la partigianeria.Il punto è che, giunti ad un certo punto, il modello economico che stà alla base dello sviluppo del software ha bisogno di risorse (euri !!!) per continuare e per fare un salto di livello.Linari, fatevene una ragione.... prima o poi, dopo che un certo progetto ha avuto a gratis il contributo onesto e volontario di migliaia di persone, i soliti ignoti Vi shippano il Vostro lavoro per farci quadrini.E' già successo in passato e succederà sempre più spesso in futuro. :p
          • Anonimo scrive:
            Re: Morto un Nessus...
            - Scritto da: Anonimo
            Come al solito la miopia impera, così come la
            partigianeria.
            Il punto è che, giunti ad un certo punto, il
            modello economico che stà alla base dello
            sviluppo del software ha bisogno di risorse
            (euri !!!) per continuare e per fare un salto
            di livello.
            Linari, fatevene una ragione.... prima o poi,
            dopo che un certo progetto ha avuto a gratis il
            contributo onesto e volontario di migliaia di
            persone, i soliti ignoti Vi shippano il Vostro
            lavoro per farci quadrini.
            E' già successo in passato e succederà
            sempre più spesso in futuro. :pNon capisco perche' la cosa ti faccia rosicare tanto : forse l'incapacita' di sfruttare a tua volta la cosa per farti dei soldi ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Morto un Nessus...
      - Scritto da: Anonimo
      ....la Comunità Open Sorcio ne farà un' altro
      sempre meglio.
      Debian fa bene a sbatter fuori dai coglioni
      Nessus sa salta il fosso.
      Non capisco tutto sto can can x uno che ha dato
      di volta il cervello; è nella norma statistica.diciamo che nessus è un dissidente del regime open sourcea bolscevichi, a laurà!
  • Anonimo scrive:
    l'ho detto centinaia di volte
    "Tra le motivazioni che hanno spinto Deraison a voltare le spalle alla GPL ve ne sono soprattutto due: il fatto che, a suo dire, "negli ultimi 6 anni praticamente nessuno ha contribuito a migliorare il motore di scansione del programma", e che "un certo numero di aziende sta usando il codice sorgente di Nessus contro di noi per vendere o noleggiare appliance di sicurezza, servendosi così di una scappatoia della GPL".L'ho detto io e tanta altra gente, sviluppare open favorisce altre aziende che rubano codice per creare prodotti contro di te.Alla fine le aziende si fanno i cavoli loro, chi ha sgobbato sul codice non si becca nulla. Questo è un esempio sul campo, sarà un caso dite voi?
    • Anonimo scrive:
      Re: l'ho detto centinaia di volte
      - Scritto da: Anonimo
      "Tra le motivazioni che hanno spinto Deraison a
      voltare le spalle alla GPL ve ne sono soprattutto
      due: il fatto che, a suo dire, "negli ultimi 6
      anni praticamente nessuno ha contribuito a
      migliorare il motore di scansione del programma",
      e che "un certo numero di aziende sta usando il
      codice sorgente di Nessus contro di noi per
      vendere o noleggiare appliance di sicurezza,
      servendosi così di una scappatoia della GPL".

      L'ho detto io e tanta altra gente, sviluppare
      open favorisce altre aziende che rubano codice
      per creare prodotti contro di te.
      Alla fine le aziende si fanno i cavoli loro, chi
      ha sgobbato sul codice non si becca nulla. Questo
      è un esempio sul campo, sarà un caso dite voi?No, infatti il GPL è stato inventato per favorire gli scrocconi e sfruttare gli sfigati che passano la loro vita a scrivere sw per essere stimati agli occhi di quel maniaco di STallmann.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'ho detto centinaia di volte
      - Scritto da: Anonimo
      "Tra le motivazioni che hanno spinto Deraison a
      voltare le spalle alla GPL ve ne sono soprattutto
      due: il fatto che, a suo dire, "negli ultimi 6
      anni praticamente nessuno ha contribuito a
      migliorare il motore di scansione del programma",
      e che "un certo numero di aziende sta usando il
      codice sorgente di Nessus contro di noi per
      vendere o noleggiare appliance di sicurezza,
      servendosi così di una scappatoia della GPL".

      L'ho detto io e tanta altra gente, sviluppare
      open favorisce altre aziende che rubano codice
      per creare prodotti contro di te.
      Alla fine le aziende si fanno i cavoli loro, chi
      ha sgobbato sul codice non si becca nulla. Questo
      è un esempio sul campo, sarà un caso dite voi?no!ma il fan dell'oss non ci sente da quell'orecchio.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'ho detto centinaia di volte
      - Scritto da: Anonimo
      "Tra le motivazioni che hanno spinto Deraison a
      voltare le spalle alla GPL ve ne sono soprattutto
      due: il fatto che, a suo dire, "negli ultimi 6
      anni praticamente nessuno ha contribuito a
      migliorare il motore di scansione del programma",
      e che "un certo numero di aziende sta usando il
      codice sorgente di Nessus contro di noi per
      vendere o noleggiare appliance di sicurezza,
      servendosi così di una scappatoia della GPL".

      L'ho detto io e tanta altra gente, sviluppare
      open favorisce altre aziende che rubano codice
      per creare prodotti contro di te.
      Alla fine le aziende si fanno i cavoli loro, chi
      ha sgobbato sul codice non si becca nulla. Questo
      è un esempio sul campo, sarà un caso dite voi?Quella che lui chiama "scappatoia" in realtà è un fatto ben noto e _voluto_ della GPL. Chi sviluppa software GPL sa benissimo che la GPL non restringe l'uso ai fini commerciali e se quindi accetta la GPL allora accetta anche questo particolare.Se il tipo non voleva che questo accadesse poteva usare una licenza diversa, nessuno lo ha obbligato ad usare la GPL.In ogni caso, proprio grazie al fatto che Nessus è GPL, ne permetterà il fork che sarà adottato da tutte le maggiori distro Linux e il Nessus non GPL sarà dimenticato e non supportato più da nessuno. In pratica il Nessus GPL continuerà ad essere sviluppato, aggiornato e così avanti... non lo farà più l'autore originale ma se ne occuperà qualcun'altro... tutto qui.Questo semmai insegna che prima di adottare una licenza sarebbe il caso di leggerla.
    • painlord2k scrive:
      Re: l'ho detto centinaia di volte
      La GPL v.2 ha delle scappatoie.Quando l'hanno creata avevano in mente di risolvere i problemi degli utilizzatori.Qual' è il problema?In futuro, come già è noto, la GPL v.3, oppure un'altra licenza, si prenderà cura di tappare anche questa falla (cioè vendere il programma senza modificarlo e, al massimo, aggiungerci altro software).
      • Anonimo scrive:
        Re: l'ho detto centinaia di volte
        - Scritto da: painlord2k
        La GPL v.2 ha delle scappatoie.come?ma se ogni volta che qualcuno ve lo fa notare ve ne uscite con: ma l'hai letta la licenza?adesso dovrei dirlo io a te?certo che c'è modo di sfondarvelo e quello che vi si fa notare da anni ma voi siete troppo occupati a redimere il mondo in attesa dell'apocalisse per rendervi conto di come talune aziende vi sfruttano
        Quando l'hanno creata avevano in mente di
        risolvere i problemi degli utilizzatori.

        Qual' è il problema?ma nessuno sai.....a parte che come vi si è sempre detto le aziende sviluppano in open per aver mano d'opera gratis e poi scappano nel closed per fare i soldi con il lavoro dei muli
        In futuro, come già è noto, la GPL v.3, oppure
        un'altra licenza,o un'altra ancora o al massimo quella dopo
        si prenderà cura di tappare
        anche questa falla (cioè vendere il programma
        senza modificarlo e, al massimo, aggiungerci
        altro software).
  • Anonimo scrive:
    GLP- Modello fallimentare!
    Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare l'ultimo dei fessi.Pian piano ci stiamo accorgendo che alla fine la GPL tutela esclusivamente gli utilizzatori e meno gli sviluppatori. La GPL è ormai diventato un porto franco per tutti gli scrocconi travestiti da linari, che con la scusa dell'Open Source sfruttano il lavoro e la passione fatta da altri senza contribuire in nessun modo allo sviluppo di ciò che usano, come d'altronde confermato dall'autore di nessus.Alla fine la GPL si è rivelata un modello fallimentare, ed è ore che il buon RIchard Stallman vadi in pensioni, non siamo più negli 80.
    • Anonimo scrive:
      Re: GLP- Modello fallimentare!
      - Scritto da: Anonimo
      Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare
      l'ultimo dei fessi.

      Pian piano ci stiamo accorgendo che alla fine la
      GPL tutela esclusivamente gli utilizzatori e meno
      gli sviluppatori. La GPL è ormai diventato un
      porto franco per tutti gli scrocconi travestiti
      da linari, che con la scusa dell'Open Source
      sfruttano il lavoro e la passione fatta da altri
      senza contribuire in nessun modo allo sviluppo di
      ciò che usano, come d'altronde confermato
      dall'autore di nessus.

      Alla fine la GPL si è rivelata un modello
      fallimentare, ed è ore che il buon RIchard
      Stallman vadi in pensioni, non siamo più negli
      80.Vadi però prima lei, ragionier Fantozzi...
      • Anonimo scrive:
        Re: GLP- Modello fallimentare!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare

        l'ultimo dei fessi.



        Pian piano ci stiamo accorgendo che alla fine la

        GPL tutela esclusivamente gli utilizzatori e
        meno

        gli sviluppatori. La GPL è ormai diventato un

        porto franco per tutti gli scrocconi travestiti

        da linari, che con la scusa dell'Open Source

        sfruttano il lavoro e la passione fatta da altri

        senza contribuire in nessun modo allo sviluppo
        di

        ciò che usano, come d'altronde confermato

        dall'autore di nessus.



        Alla fine la GPL si è rivelata un modello

        fallimentare, ed è ore che il buon RIchard

        Stallman vadi in pensioni, non siamo più negli

        80.

        Vadi però prima lei, ragionier Fantozzi...

        ti brucia vero?
        • Anonimo scrive:
          Re: GLP- Modello fallimentare!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare


          l'ultimo dei fessi.





          Pian piano ci stiamo accorgendo che alla fine
          la


          GPL tutela esclusivamente gli utilizzatori e

          meno


          gli sviluppatori. La GPL è ormai diventato un


          porto franco per tutti gli scrocconi
          travestiti


          da linari, che con la scusa dell'Open Source


          sfruttano il lavoro e la passione fatta da
          altri


          senza contribuire in nessun modo allo sviluppo

          di


          ciò che usano, come d'altronde confermato


          dall'autore di nessus.





          Alla fine la GPL si è rivelata un modello


          fallimentare, ed è ore che il buon RIchard


          Stallman vadi in pensioni, non siamo più negli


          80.



          Vadi però prima lei, ragionier Fantozzi...





          ti brucia vero?Il fatto che ci siano tanti italiani ignoranti ? Ebbene si...
    • Anonimo scrive:
      Re: GLP- Modello fallimentare!
      - Scritto da: Anonimo
      Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare
      l'ultimo dei fessi.
      Raymond non e' mai andato daccordo con la GPL, e' lui che ha inventato il termine OpenSource.
    • gattosiamese scrive:
      Re: GLP- Modello fallimentare!
      - Scritto da: Anonimo
      Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare
      l'ultimo dei fessi.

      Pian piano ci stiamo accorgendo che alla fine la
      GPL tutela esclusivamente gli utilizzatori e meno
      gli sviluppatori. La GPL è ormai diventato un
      porto franco per tutti gli scrocconi travestiti
      da linari, che con la scusa dell'Open Source
      sfruttano il lavoro e la passione fatta da altri
      senza contribuire in nessun modo allo sviluppo di
      ciò che usano, come d'altronde confermato
      dall'autore di nessus.

      Alla fine la GPL si è rivelata un modello
      fallimentare, ed è ore che il buon RIchard
      Stallman vadi in pensioni, non siamo più negli
      80.
      yahhhhhhhhhhwnnnnnnnma che ore sono?ancora che parli vai a letto su
      • Anonimo scrive:
        Re: GLP- Modello fallimentare!
        - Scritto da: gattosiamese

        - Scritto da: Anonimo

        Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare

        l'ultimo dei fessi.



        Pian piano ci stiamo accorgendo che alla fine la

        GPL tutela esclusivamente gli utilizzatori e
        meno

        gli sviluppatori. La GPL è ormai diventato un

        porto franco per tutti gli scrocconi travestiti

        da linari, che con la scusa dell'Open Source

        sfruttano il lavoro e la passione fatta da altri

        senza contribuire in nessun modo allo sviluppo
        di

        ciò che usano, come d'altronde confermato

        dall'autore di nessus.



        Alla fine la GPL si è rivelata un modello

        fallimentare, ed è ore che il buon RIchard

        Stallman vadi in pensioni, non siamo più negli

        80.



        yahhhhhhhhhhwnnnnnnn
        ma che ore sono?
        ancora che parli vai a letto suSe non ti piace leggere la realtà, allora vai a letto su pischello che domani c'è la scuola.
        • gattosiamese scrive:
          Re: GLP- Modello fallimentare!
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: gattosiamese



          - Scritto da: Anonimo


          Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare


          l'ultimo dei fessi.





          Pian piano ci stiamo accorgendo che alla fine
          la


          GPL tutela esclusivamente gli utilizzatori e

          meno


          gli sviluppatori. La GPL è ormai diventato un


          porto franco per tutti gli scrocconi
          travestiti


          da linari, che con la scusa dell'Open Source


          sfruttano il lavoro e la passione fatta da
          altri


          senza contribuire in nessun modo allo sviluppo

          di


          ciò che usano, come d'altronde confermato


          dall'autore di nessus.





          Alla fine la GPL si è rivelata un modello


          fallimentare, ed è ore che il buon RIchard


          Stallman vadi in pensioni, non siamo più negli


          80.






          yahhhhhhhhhhwnnnnnnn

          ma che ore sono?

          ancora che parli vai a letto su

          Se non ti piace leggere la realtà, allora vai a
          letto su pischello che domani c'è la scuola.ah ah ah ah ti rode eh?bella la tua realta?
          • Anonimo scrive:
            Re: GLP- Modello fallimentare!










            yahhhhhhhhhhwnnnnnnn


            ma che ore sono?


            ancora che parli vai a letto su



            Se non ti piace leggere la realtà, allora vai a

            letto su pischello che domani c'è la scuola.


            ah ah ah ah
            ti rode eh?
            bella la tua realta?Si perchè cosa hai da contestare? L'articolo conferma questa cruda realtà, o forse vuoi dire che non è così? Tu sei uno di quelli che collabora attivamente al software OSS che utilizza, o sei uno dei tanti scrocconi?
    • Anonimo scrive:
      Re: GLP- Modello fallimentare!
      - Scritto da: Anonimo
      Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare
      l'ultimo dei fessi.Tu non hai letto ciò che ha detto Reymond, altrimenti sapresti che lui non ha detto che la GPL sia un modello fallimentare, anzi.
      • Anonimo scrive:
        Re: GLP- Modello fallimentare!

        Tu non hai letto ciò che ha detto Reymond,
        altrimenti sapresti che lui non ha detto che la
        GPL sia un modello fallimentare, anzi.
        A me la GPL piace moltissimo anzi se ha qualcosa da farmi copiare la ringrazio pure.
      • Anonimo scrive:
        Re: GLP- Modello fallimentare!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Lo dice anche Eric Raymond, che non mi pare

        l'ultimo dei fessi.

        Tu non hai letto ciò che ha detto Reymond,
        altrimenti sapresti che lui non ha detto che la
        GPL sia un modello fallimentare, anzi.
        Mi sa che non l'hai letto tu allora.
  • devil64 scrive:
    Purtroppo ha ragione
    Se i concorrenti si comportano da pescecani. Mettiamoli a cuccia.Questo non vuol dire che il modello open source sia fallimentare, anzi è vero il fatto che personaggi che si attribuiscono meriti che non gli competono vengano messi in ombra da chi è più capace. Un grazie anche tangibile avrebbe giovato a tutti, ma si vede che non è mai arrivato.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Purtroppo ha ragione
      - Scritto da: devil64
      Se i concorrenti si comportano da pescecani.
      Mettiamoli a cuccia.
      Questo non vuol dire che il modello open source
      sia fallimentare, Appena uno scoreggia c' è sempre un pirla che tenta di mettere in discussione il "modello" Open Source.....chissà come mai.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Purtroppo ha ragione

        Appena uno scoreggia c' è sempre un pirla che
        tenta di mettere in discussione il "modello" Open
        Source.....
        chissà come mai.....
        Chiedilo a Nessus.
        • Anonimo scrive:
          Re: Purtroppo ha ragione
          - Scritto da: Anonimo

          Appena uno scoreggia c' è sempre un pirla che

          tenta di mettere in discussione il "modello"
          Open

          Source.....

          chissà come mai.....


          Chiedilo a Nessus.Porello,.......è noto a tutta la comunità Open Sorcio da tempo che quel povero cristo è impazzito.
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Purtroppo ha ragione
      - Scritto da: devil64
      Se i concorrenti si comportano da pescecani.
      Mettiamoli a cuccia.
      Questo non vuol dire che il modello open source
      sia fallimentare, anzi è vero il fatto che
      personaggi che si attribuiscono meriti che non
      gli competono vengano messi in ombra da chi è più
      capace. Un grazie anche tangibile avrebbe giovato
      a tutti, ma si vede che non è mai arrivato.
      Saluti.Essendo GPL dovevano _anche_i_concorrenti_ pubblicare i sorgenti. Quanto ci vuole per dimostrare che i concorrenti hanno solo cambiato il nome, come sostiene.
  • Anonimo scrive:
    poveri mulo-utenti
    I poveri utenti dei muli si arrabbiano perche' non possono piu' scroccare
    • Anonimo scrive:
      Re: poveri mulo-utenti
      - Scritto da: Anonimo
      I poveri utenti dei muli si arrabbiano perche'
      non possono piu' scroccareBzzzz, mi spiace, niente bambolina.
    • Anonimo scrive:
      Re: poveri mulo-utenti
      - Scritto da: Anonimo
      I poveri utenti dei muli si arrabbiano perche'
      non possono piu' scroccareChi è arrabbiato?Avrà avuto le sue buone ragioni per farlo, io sono per l'open ma sono anche convinto che ognuno ha il diritto di fare ciò che vuole del suo lavoro. Anche di chiuderlo e cambiare idea sulla GPL.Per quanto riguarda Debian e compagnia, non è che sono arrabbiati, è che semplicemente per politica installano di default solo sw gpl
    • Anonimo scrive:
      Re: poveri mulo-utenti
      - Scritto da: Anonimo
      I poveri utenti dei muli si arrabbiano perche'
      non possono piu' scroccareVai a scroccare quella bona donna di tua madre.
    • Anonimo scrive:
      Re: poveri mulo-utenti
      tu nn sai neppure di cosa si sta parlando
      • Anonimo scrive:
        Re: poveri mulo-utenti
        - Scritto da: Anonimo
        tu nn sai neppure di cosa si sta parlandolo sa 100 volte meglio di te.ti brucia che i fatti continuino a dare ragione alle critiche mosse contro l'oss.continua pure ad osannare santoni da barboni come stallman....e continua a vivere nei tuoi sogni perchè la realtà è ben diversa
        • Anonimo scrive:
          Re: poveri mulo-utenti
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          tu nn sai neppure di cosa si sta parlando

          lo sa 100 volte meglio di te.
          ti brucia che i fatti continuino a dare ragione
          alle critiche mosse contro l'oss.
          continua pure ad osannare santoni da barboni come
          stallman....e continua a vivere nei tuoi sogni
          perchè la realtà è ben diversaMa a te che frega se qualcuno scrive codice e ti fa anche leggere i sorgenti?Vuoi usare solo il closed? Fallo pure, chi mai te lo impedisce!Hai paura di perdere il posto? Nessun problema, se sviluppi o vendi closed e sei bravo continuerai a vendere.I tuoi sogni sono diversi? Goditeli e lascia sognare gli altri!
          • Anonimo scrive:
            Re: poveri mulo-utenti
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            tu nn sai neppure di cosa si sta parlando



            lo sa 100 volte meglio di te.

            ti brucia che i fatti continuino a dare ragione

            alle critiche mosse contro l'oss.

            continua pure ad osannare santoni da barboni
            come

            stallman....e continua a vivere nei tuoi sogni

            perchè la realtà è ben diversa

            Ma a te che frega se qualcuno scrive codice e ti
            fa anche leggere i sorgenti?sarà forse perchè distrugge un settore ed abbassa le paghe di chi ci lavora?
            Vuoi usare solo il closed? Fallo pure, chi mai te
            lo impedisce!nessuno...però i fanatici religiosi come te che pur di fare guerra santa a ms e macromedia (come richiesto dai vostri leader spirituali) sono pronti a lavorare gratis fanno si che le paghe dei programmatori siano peggiori di quelle degli spazzini.
            Hai paura di perdere il posto?in italia dici?SI...ho paura che domani un fanatico religioso accetti di produrre a gratis quello che produce la mia azienda mettendo sulla strada tanta gente (nokia, sony e ibm docit).
            Nessun problema,
            se sviluppi o vendi closed e sei bravo
            continuerai a vendere.certo con la gente che prende gimp perchè è gratis (e i fanatici che provano a convincerti che è pure meglio di photoshop)....c'è un'unica differenza: adobe è una multinazionale e può sopravvivere a questo...se la mia azienda produce sw di grafica non riuscira a sopravvivere a gimp e alle vostre menate anti-multinazionali anche se il nostro prodotto è 10 volte meglio di gimp....il dubing dei cinesi sono sciocchezze rispetto al free
            I tuoi sogni sono diversi? Goditeli e lascia
            sognare gli altri!ricordatene ogni volta che rompi le scatole alla gente che non usa linux.....io ti lascio pure sognare ma voi lasciate la lavorare la gente....se vi sentite così comunisti andate dove il comunismo c'è
          • Anonimo scrive:
            Re: poveri mulo-utenti
            - Scritto da: Anonimo
            sarà forse perchè distrugge un settore ed abbassa
            le paghe di chi ci lavora?Quando sviluppavo sotto Windows guadagnavo 1.400.000 lire al mese. Poi sono passato a fare il sistemista su Windows e ho cominciato a guadagnare prima 2 milioni di lire al mese e poi piano piano fino a 3.Poi mi sono stufato di Windows e sono gradualmente passato a Linux. Lo stipendio è gradualmente passato dai 1500 euro fino ai 2500 attuali.Evidentemente se ti abbassano la paga non è colpa del software, ma è solo colpa tua.
            sono
            pronti a lavorare gratis fanno si che le paghe
            dei programmatori siano peggiori di quelle degli
            spazzini.Evidentemente sono programmatori non validi. Quelli validi vengono pagati bene sia nel mondo OSS che in quello closed.Certo, nel mondo OSS, solo i migliori emergono, potendo tutti valutare come uno lavora. Nel mondo closed invece anche la feccia degli incapaci può continuare a vivere al riparo dei giudizi.
            SI...ho paura che domani un fanatico religioso
            accetti di produrre a gratis quello che produce
            la mia azienda mettendo sulla strada tanta genteEvidentemente sai di non avere un buon prodotto. Un buon prodotto si vende sia che sia OSS sia che sia closed, sia che costi caro, sia che costi poco.
            se la mia azienda produce
            sw di grafica non riuscira a sopravvivere a gimp
            e alle vostre menate anti-multinazionali anche se
            il nostro prodotto è 10 volte meglio di
            gimp...Se il tuo software fosse realmente meglio di gimp lo venderesti senza problemi come fa adobe. Se invece è meglio solo sulle brochure allora ci credo che non lo vendi.
            ricordatene ogni volta che rompi le scatole alla
            gente che non usa linux.....io ti lascio pure
            sognare ma voi lasciate la lavorare la
            gente...Allora lasciami lavorare con Linux. O non dovrei poterlo fare?
            se vi sentite così comunisti andate dove
            il comunismo c'èPer tua sfortuna sono berlusconiano.
          • Anonimo scrive:
            Re: poveri mulo-utenti
            hai appena detto che sei un sistemista...cioe' un mulo-user mica un mulo...come ti permetti di parlare di un lavoro che non e' il tuo?
          • Anonimo scrive:
            Re: poveri mulo-utenti

            hai appena detto che sei un sistemista...cioe' un
            mulo-user mica un mulo...come ti permetti di
            parlare di un lavoro che non e' il tuo?Forse perché oltre che fare il sistemista faccio anche lo sviluppatore?
Chiudi i commenti