Microsoft indagata in Giappone

La locale Commissione sul mercato vuole capire se i contratti di licenza con i costruttori di computer non abbiano violato le leggi sul libero commercio. Blitz negli uffici di Microsoft Japan


Tokyo (Giappone) – La Commissione per il commercio giapponese nelle scorse ore ha aperto una indagine su Microsoft Corporation e come primo atto ha coordinato una ispezione negli uffici della divisione giapponese del colosso del software.

L’indagine è dovuta all’intenzione delle autorità nipponiche di valutare se Microsoft abbia realizzato contratti di licenza per il suo sistema operativo Windows XP che possano aver svantaggiato la posizione di mercato di alcuni costruttori di computer giapponesi.

In particolare, l’inchiesta della Commissione vuole appurare se sia vero che l’azienda di Bill Gates abbia impedito ai costruttori di computer di commercializzare macchine con Windows XP allorquando non venissero rispettate certe condizioni relative alla composizione del software offerto ai clienti.

Come noto, i costruttori interessati a distribuire le proprie macchine con Windows devono firmare un accordo con il big di Redmond con cui si impegnano a pagare le licenze sul software e a mantenere la segretezza sulle informazioni relative al sistema operativo che vengono loro passate dall’azienda. Accordi che ora la Commissione vuole chiarire ritenendo che possano andare ad impattare negativamente sulla libertà di commercio.

Il Mainichi Shimbun , giornale finanziario giapponese, ricorda come nel 1998 si concluse nel nulla l’inchiesta nata dal sospetto che Microsoft avesse richiesto ai costruttori di installare anche il suo software “Word” sui PC ove venissero installati altri componenti della suite Office dell’azienda, come Excel.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Modi per aggirare le censure?
    La Cina spinge sull'Open Source. Il compagno Bill si può anche fottere, ma aggirare le censure è un po' più complesso... Comunque i sistemi ci sono. Il punto è che un mercato in forte sviluppo, interessante come quello cinese, che sembra destinato a segnare le nuove tecnologie nei prossimi annivedi ricerca spaziale, I&D nel settore software e hardware ... colpendo le censure e scommettendo contemporaneamente sull'Open Source ... sembra proprio darsi la zappa sui ... beh, diciamo sui piedi, per il momento(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Modi per aggirare le censure?
    - Scritto da: Anonimo
    Esistono sicuramente modi per aggirare le
    censure. E siccome la tecnologia per la
    censura viene fornita alla Cina da fratello
    Bill Gates (ehi, e' notizia di qualche
    giorno fa, non le farneticazioni di qualche
    "compagnero"), abbiamo anche la speranza che
    qualche baco aiuti i dissidenti.ma che cazzate dici ?http://punto-informatico.it/p.asp?i=45847http://punto-informatico.it/p.asp?i=45156
  • Anonimo scrive:
    Re: Modi per aggirare le censure?
    - Scritto da: Anonimo
    Esistono sicuramente modi per aggirare le
    censure. E siccome la tecnologia per la
    censura viene fornita alla Cina da fratello
    Bill Gates (ehi, e' notizia di qualche
    giorno fa, non le farneticazioni di qualche
    "compagnero"), abbiamo anche la speranza che
    qualche baco aiuti i dissidenti.ma che cazzate dici ?http://punto-informatico.it/p.asp?i=45847http://punto-informatico.it/p.asp?i=45156
  • Anonimo scrive:
    Re: già
    - Scritto da: Anonimo
    io sinceramente non vedo molta differenza,
    anche qui c'è una legge che, dicono,
    è fatta per regolare il giornalismo
    sul web. ma in questi anni sono sempre e
    solo stati chiusi siti scomodi al potere.
    adesso registrano il traffico telefonico e
    il traffico internet e continuano ad essere
    chiuse le poche radio indipendenti che
    ancora parlano di politica invece di
    trasmettere le stesse 5 canzoni idiote tutto
    il giorno.
    quindi per quanto riguarda la libertà
    di comunicazione non mi sembra che qui si
    stia meglio che sotto la dittatura cinese.
    certo qui non si viene fucilati in piazza,
    ma più che altro credo sia una
    questione culurale ad impedirlo -_-.vai a vivere in Cina allora, visto che disprezzi questa Italia
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
  • Sandino scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    ???????????????????-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 11.59-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO

    Quoto. I comunisti dovrebbero stare zittiGia', qua in Italia ci pensano gia' gli Americani ad abbattere i nostri arei civili, come ad Ustica, o a mettere bombe dove capita.
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO

    Quoto. I comunisti dovrebbero stare zittiSai finche Berlusconi, Bush e Bill parlano male dei comunisti e poi ci fanno affari o gli stringono la mano per farsi fare la fotografia, mi chiedo cosa mai cambiera'.
    (tappargli la bocca :@). Da troppo tempo in
    Cina nn c'è libertà e
    democrazia, c'è un regime maledetto.
    Cina di merda!:@Sai che bello, se oltretutto poi quel cesso di governo che hanno, cede, e ti ritrovi con 1 miliardo di persone che ti bussano alla porta.
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    Guarda che il WTO è un'associzione e delinquere di stampo mafioso quindi i cinesi ci stanno dentro proprio bene. Anzi dovrebbero essere i paesi veramente democratici ad uscirne.
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO

    Quoto. I comunisti dovrebbero stare zitti
    (tappargli la bocca :@). Da troppo tempo in
    Cina nn c'è libertà e
    democrazia, c'è un regime maledetto.
    Cina di merda!:@Accidenti ma allora perché quei campioni di democrazia che sono Bush e Berlusconi (cito loro perché sono al governo in questo momento puoi sostiuire Clinton (o Kerry) e Prodi se vuoi) ci vanno in visita ufficiale e sono tutti sorrisi e strette di mano!Me lo volete spiegare una buona volta perché alcuni comunisti come Castro sono cattivi invece quelli cinesi sono buoni? Cos'è la cattiveria è inversamente proporzionale alla distanza dalle coste della Florida?
  • Baruch scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    Tappare la bocca a quei comunisti dici? Tranquillo, e' proprio quello che stanno facendo con la censura. E naturalmente noi gli stiamo dando una mano (beh, la tecnologia per il controllo e il filtraggio e' Microsoft).E per il WTO non ci dovrebbe essere problema, non sara' la Cina a pesare; saranno alcune multinazionali con partecipazioni cinesi a farlo. Quindi tranquilli, redini salde in mano ai grandi gruppi economici, come sempre.W la democrazia!- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Caro compagno,

    si parla di Cina non di USA. In Cina ti

    mettonop dentro se esprimi parere
    contrario

    al governo, in USA il governo ti PAGA
    per

    esprimere pareri contrari a lui (vedi
    il tuo

    amato Ciomscai)

    è mai possibile che ogni volta
    che si

    citano le (innumerevoli) repressioni
    della

    libertà nei Paesi post-comunisti
    (o

    ancora comunisti come cubbba)
    c'è il

    solito compagnero che se ne esce che

    "Però anche in USA..."

    ebbbasta compagneros! si parla di Cina
    in

    questa notizia, gli USA non sono
    nominati e

    non c'entrano nulla

    eddai fatti un'altra canna e non
    rompere i

    coglioni qui su!




    Quoto. I comunisti dovrebbero stare zitti
    (tappargli la bocca :@). Da troppo tempo in
    Cina nn c'è libertà e
    democrazia, c'è un regime maledetto.
    Cina di merda!:@
  • Anonimo scrive:
    già
    io sinceramente non vedo molta differenza, anche qui c'è una legge che, dicono, è fatta per regolare il giornalismo sul web. ma in questi anni sono sempre e solo stati chiusi siti scomodi al potere. adesso registrano il traffico telefonico e il traffico internet e continuano ad essere chiuse le poche radio indipendenti che ancora parlano di politica invece di trasmettere le stesse 5 canzoni idiote tutto il giorno.quindi per quanto riguarda la libertà di comunicazione non mi sembra che qui si stia meglio che sotto la dittatura cinese. certo qui non si viene fucilati in piazza, ma più che altro credo sia una questione culurale ad impedirlo -_-.
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    La moneta cinese è legata a doppio filo al Dollaro. Finchè rimarrà questa impalcatura, il WTO potrà essere controllato, quando cadrà saranno guai. Gli USA hanno gia previsto il crollo e stanno gia mettendo in atto contromisure atte a prevenire la possibile arroganza cinese. Rientrano in questo progetto sia la guerra in Afghanistan sia quella in Iraq sia un nuovo asse che va formandosi nella zona asiatica.
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    - Scritto da: Anonimo
    Caro compagno,
    si parla di Cina non di USA. In Cina ti
    mettonop dentro se esprimi parere contrario
    al governo, in USA il governo ti PAGA per
    esprimere pareri contrari a lui (vedi il tuo
    amato Ciomscai)
    è mai possibile che ogni volta che si
    citano le (innumerevoli) repressioni della
    libertà nei Paesi post-comunisti (o
    ancora comunisti come cubbba) c'è il
    solito compagnero che se ne esce che
    "Però anche in USA..."
    ebbbasta compagneros! si parla di Cina in
    questa notizia, gli USA non sono nominati e
    non c'entrano nulla
    eddai fatti un'altra canna e non rompere i
    coglioni qui su!
    Quoto. I comunisti dovrebbero stare zitti (tappargli la bocca :@). Da troppo tempo in Cina nn c'è libertà e democrazia, c'è un regime maledetto. Cina di merda!:@
  • Anonimo scrive:
    Re: Modi per aggirare le censure?
    Esistono sicuramente modi per aggirare le censure. E siccome la tecnologia per la censura viene fornita alla Cina da fratello Bill Gates (ehi, e' notizia di qualche giorno fa, non le farneticazioni di qualche "compagnero"), abbiamo anche la speranza che qualche baco aiuti i dissidenti.- Scritto da: Anonimo
    Se il governo cinese decidesse di censurare
    i newsgroup potrebbe vietare agli ISP locali
    di veicolarli.
    Ma come farebbero ad impedire l'accesso a
    servizi come Google news?
    Possibile che tecnicamente non esista la
    possibilità di aggirare queste
    censure maledette?
  • Baruch scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    In effetti stiamo andando un po' fuori tema. Anche perche' la Cina e' l'unico paese in cui si violano i diritti umani (forse no, ma e' quello che si evince dalle notizie di PI).Il "compagnero" penso che abbia posto l'accento sul fatto che la Cina effettivamente e' nel WTO. Sono tutti d'accordo che la Cina sia un paese in cui i diritti umani non sono rispettati (in maniera peggiore di molti altri, USA compresi).Ma si faceva notare come nonostante questo, al WTO non importasse praticamente nulla.Ora, il WTO e' un'organizzazione internazionale, e sicuramente la Cina sarebbe *molto* sensibile a pressioni su questo fronte. Ma a quanto pare sono state troppo deboli, o non ce ne sono state.E poi leggiamo un giorno si e l'altro pure notizie sulla Cina... OK, siamo tutti d'accordo e condanniamo quei comunisti bast*rdi... ma esiste solo la Cina? - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Caro compagno,

    si parla di Cina non di USA. In Cina ti

    mettonop dentro se esprimi parere
    contrario

    al governo, in USA il governo ti PAGA
    per

    esprimere pareri contrari a lui (vedi
    il tuo

    amato Ciomscai)

    è mai possibile che ogni volta
    che si

    citano le (innumerevoli) repressioni
    della

    libertà nei Paesi post-comunisti
    (o

    ancora comunisti come cubbba)
    c'è il

    solito compagnero che se ne esce che

    "Però anche in USA..."

    ebbbasta compagneros! si parla di Cina
    in

    questa notizia, gli USA non sono
    nominati e

    non c'entrano nulla

    eddai fatti un'altra canna e non
    rompere i

    coglioni qui su!

    Approvo, condivido ed aggiungo...

    Avete una vaga idea di quanto, quando e come
    viene applicata la pena capitale in cina?
    Sì, lo so. Un paese civile non
    dovrebbe avere la pena di morte come gli USA
    ma...
  • Anonimo scrive:
    Modi per aggirare le censure?
    Se il governo cinese decidesse di censurare i newsgroup potrebbe vietare agli ISP locali di veicolarli.Ma come farebbero ad impedire l'accesso a servizi come Google news?Possibile che tecnicamente non esista la possibilità di aggirare queste censure maledette?
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    - Scritto da: Anonimo
    Caro compagno,
    si parla di Cina non di USA. In Cina ti
    mettonop dentro se esprimi parere contrario
    al governo, in USA il governo ti PAGA per
    esprimere pareri contrari a lui (vedi il tuo
    amato Ciomscai)
    è mai possibile che ogni volta che si
    citano le (innumerevoli) repressioni della
    libertà nei Paesi post-comunisti (o
    ancora comunisti come cubbba) c'è il
    solito compagnero che se ne esce che
    "Però anche in USA..."
    ebbbasta compagneros! si parla di Cina in
    questa notizia, gli USA non sono nominati e
    non c'entrano nulla
    eddai fatti un'altra canna e non rompere i
    coglioni qui su!Approvo, condivido ed aggiungo...Avete una vaga idea di quanto, quando e come viene applicata la pena capitale in cina?Sì, lo so. Un paese civile non dovrebbe avere la pena di morte come gli USA ma...
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
  • Anonimo scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    Quando un paese entra nel WTO vuol dire che è governato dalle multinazionali. Niente a che vedere con i diritti umani.Non c'è molto da scandalizzarsi della Cina. Loro non hanno vergogna a vietare per legge la dissidenza. In altri paesi, USA ad esempio, è lo stesso ma non per legge. Là basta essere denunciati per essere condannati a vivere in uno scatolone nella metropolitana. Nessuna persona normale può permettersi una difesa decente in un sistema giudiziario dove tutti gli avvocati bravi sono privati e dove l'accusa ti vuole condannare, la difesa scagionare e dove nessuno è interessato alla giustizia. Anche qui da noi sta diventando la stessa cosa. Aspettate ancora qualche anno. Quindi imparate a tenere la bocca chiusa e a sventolare sempre la bandierina del vincitore.
  • Baruch scrive:
    Re: sono GROSSI e sono nel WTO
    Ma secondo te l'ingresso nel WTO e' anche solo lontanamente collegato ai diritti umani? Qualcuno sostiene che sia una delle piu' importanti organizzazioni antidemocratiche internazionali.E poi c'e' gia' qualcuno che detta le sue regole e i diritti umani li rispetta solo in patria (a volte).- Scritto da: Anonimo
    voi non vi preoccupate?
    non ci sono libertà, c'è
    violenza, c'è repressione
    e li abbiamo fatti entrare nel WTO.

    sono più grossi di tutti nel WTO ...
    tra un po' detteranno LORO le regole.
    da loro la tirannia e la piramide del potere
    esiste da sempre... tra MILLE ANNI avremmo
    dovuto farli entrare ... mille anni da OGGI,
    supponendo che OGGI inizi il processo
    PUBBLICO di redenzione, con impegno costante
    verso la trasparenza, ammissione pubblica di
    tutte le porcate e accettazione della
    DEMOCRAZIA, accesso all''informazione,
    cultura, sindacati

    e CONTROLLO DELLE NASCITE , cazzo!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    sono GROSSI e sono nel WTO
    voi non vi preoccupate?non ci sono libertà, c'è violenza, c'è repressionee li abbiamo fatti entrare nel WTO.sono più grossi di tutti nel WTO ... tra un po' detteranno LORO le regole.da loro la tirannia e la piramide del potere esiste da sempre... tra MILLE ANNI avremmo dovuto farli entrare ... mille anni da OGGI, supponendo che OGGI inizi il processo PUBBLICO di redenzione, con impegno costante verso la trasparenza, ammissione pubblica di tutte le porcate e accettazione della DEMOCRAZIA, accesso all''informazione, cultura, sindacatie CONTROLLO DELLE NASCITE , cazzo!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    A BERLUSCO': INVIDIA E ...
    secondo me potrebbe essere un articolo tradotto da un quotidiano cinese e che parla dell'italia!anzi, e' proprio cosi'
Chiudi i commenti