Microsoft lavora agli UMPC next gen

Il big di Redmond ha delineato le prime specifiche alla base di Origami 2.0, la piattaforma Ultra-Mobile PC di nuova generazione basata su Windows Vista e sulla nuova piattaforma hardware di Intel

Roma – Ad oltre un anno dal loro debutto sul mercato, gli Ultra-Mobile PC sembrano ancora molto lontani dal diventare un prodotto mainstream. Nonostante ciò, Intel e Microsoft stando investendo moltissimo in questa giovane piattaforma mobile: la prima sviluppando nuovi design e tecnologie hardware , la seconda lavorando alla sua piattaforma Origami di nuova generazione.

Le specifiche preliminari di Origami 2.0, presentate al recente WinHEC, delineano device generalmente più compatti, snelli e leggeri di quelli visti fino ad oggi, con nuovi metodi di input e risoluzioni video più elevate. In particolare, Microsoft vuole affiancare agli attuali modelli con schermo da 7 pollici anche sistemi con display da 5 pollici , e portare la risoluzione standard dall’attuale 800 x 480 punti a 1.024 x 600 punti . I nuovi schermi utilizzeranno inoltre sistemi di retroilluminazione basati su LED, capaci di consumare sensibilmente meno rispetto a quelli con lampade al neon.

In Origami 2.0 verrà anche aggiunto il supporto allo standard wireless WiMAX , che si affiancherà a Bluetooth e 802.11b/g, e a tastiere QWERTY integrate , che faranno da complemento all’attuale metodo di input basato su stilo e display sensibile al tocco.

Gli UMPC 2.0 dovrebbero inoltre sfoggiare quantità di memoria RAM di 1 GB o più, un chipset grafico DirectX 9, una batteria a tre celle con autonomia minima di 3 ore e, come dispositivo di storage, un disco a stato solido (dunque niente più hard disk tradizionali). I componenti opzionali includeranno doppia fotocamera, ricevitore GPS e sensore biometrico.

Alla base di Origami 2.0 vi sarà una versione “lite” di Windows Vista , ma questa non è la prima volta che il nuovo sistema operativo di Microsoft viene utilizzato sugli UMPC: il primo PC ultracompatto basato su Vista è infatti stato presentato lo scorso marzo da Samsung .

Come si è detto, anche Intel è impegnata nel promuovere e sviluppare la piattaforma UMPC, ma se inizialmente si è limitata a seguire più o meno fedelmente le linee guida della partner di Redmond, oggi segue una strada più autonoma: ad esempio, la sua piattaforma McCaslin introduce il supporto ufficiale a Linux. I componenti hardware alla base di McCaslin saranno tuttavia pienamente compatibili anche con Origami, e verranno utilizzati dalla stragrande maggioranza dei produttori di UMPC.

Il successo degli UMPC sul mercato dipenderà fortemente dal loro prezzo. Microsoft afferma che i modelli entry-level dei sistemi basati su Origami 2.0 costeranno intorno ai 500 dollari : resta da vedere se i produttori riusciranno a “stare dentro” a questo prezzo e, se sì, con quali sacrifici in termini di qualità costruttiva.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non va bene.
    lezione di mercato per amd:fai la stessa identica cosa che fa intel con centrino, ma falla "better, faster, cheaper".creare altri standard è una scelta pericolosa e, contro centrino, perdente...ma è solo la mia opinione... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: non va bene.
      - Scritto da:
      lezione di mercato per amd:
      fai la stessa identica cosa che fa intel con
      centrino, ma falla "better, faster,
      cheaper".
      creare altri standard è una scelta pericolosa e,
      contro centrino,
      perdente...

      ma è solo la mia opinione... :)Occhio, Centrino non è molto gradito da molti costruttori di notebook, ma, più che altro, subìto obtorto collo.
  • Anonimo scrive:
    AMD lenta
    AMD e' troppo lenta nel proporre nuovi prodotti!Si sarebbe potuto pensare che avrebbe potuto approfittare delle maggiori performance del suo K8 rispetto al netburst per progettare con calma la nuova generazione, ma dal tempo che stanno impiegando per immetterla sul mercato sembrerebbe che abbiano iniziato a progettarla dopo che Intel ha fatto uscire il core 2 duo...
    • Anonimo scrive:
      Re: AMD lenta
      - Scritto da:
      AMD e' troppo lenta nel proporre nuovi prodotti!
      Si sarebbe potuto pensare che avrebbe potuto
      approfittare delle maggiori performance del suo
      K8 rispetto al netburst per progettare con calma
      la nuova generazione, ma dal tempo che stanno
      impiegando per immetterla sul mercato sembrerebbe
      che abbiano iniziato a progettarla dopo che Intel
      ha fatto uscire il core 2
      duo...Si sono addormentati sugli allori, come fece in passato intel, devono svegliarsi e farsi dare da IBM, tutto l'aiuto possibile.Almeno però sono in vantaggio (grazie ad IBM) nella litografia ad immersione e a parità di processo sono anche in vantaggio nei consumi: AMD dichiara i consumi massimi, intel i tipici, quelli massimi sono sempre superiori ad AMD, a parità di processo, anzi, addirittura le prime CPU intel a 65nm (i Presler) consumavano più delle AMD a 90nm e venivano ugualmente battute senza pietà.
  • Anonimo scrive:
    AMD sia aggressiva sui prezzi.
    Se terrà i prezzi alti, intel reagirà pompando all'inverosimile le prestazioni, ora che su quel fronte è in vantaggio.AMD deve invece puntare sulla fascia media e bassa con prezzi cui la struttura elefantiaca di intel non possa controbattere facilmente.Se poi la nuova architettura rivelasse potenzialità prestazionali elevate, farà sempre in tempo a sfornare modelli di punta più costosi, ma sbaragliare intel nella fascia bassa è irrinunciabile.intel in questo periodo è troppo agguerrita, occorre attendere che abbassi la guardia per sferrare efficacemente nuovi attacchi, e non giocare subito tutti gli assi, ma riservarsene alcuni per controbattere diverse volte, ripetutamente, le sue contromosse.Diciamoci anche la verità: in fascia bassa, prima dei recenti Core 2 Duo entry level intel avrebbe meritato negli ultimi 7 anni di essere spazzata via, non è esistito un solo fetente Celeron che non venisse battuto con prestazioni superiori e prezzi inferiori da un Duron prima e un Sempron poi.
    • Anonimo scrive:
      Re: AMD sia aggressiva sui prezzi.
      Oh meno male che ci sei tu a dare consigli alla AMD su punto-informatico altrimenti si sentirebbero persi.
      • Anonimo scrive:
        Re: AMD sia aggressiva sui prezzi.
        Consigli sbagliati.Intel proprio perchè è più grande può distruggere AMD se non nel breve nel medio-lungo periodo, parlando di prezzi.AMD deve puntare a invadere le nicchie lasciate da intel... come se la vedano loro O)
        • Anonimo scrive:
          Re: AMD sia aggressiva sui prezzi.
          - Scritto da:
          Consigli sbagliati.
          Intel proprio perchè è più grande può distruggere
          AMD se non nel breve nel medio-lungo periodo,
          parlando di
          prezzi.
          AMD deve puntare a invadere le nicchie lasciate
          da intel... come se la vedano loro
          O)Consigli giusti invece: AMD ha dovuto recentemente tagliare drasticamente i prezzi per riposizionare i propri processori su rapporti prezzi/prestazioni più favorevoli dei Core 2 Duo.Ovviamente non si parla di arrivare al dumping, ma di mantenere almeno questo punto sempre favorevole ad AMD.intel è stata ed è sempre molto restia ad abbassare i prezzi, esclusi i normali cali all'uscita di modelli e/o versioni più prestanti, specie quando è in vantaggio, ormai è un comportamento consolidato.Anzi, se guardiamo al passato recente, notiamo che intel non ha abbassato i prezzi dei modelli di punta neppure quando venivano stracciati da AMD: i Pentium EE erano carissimi nonostante appena usciti AMD li risuperasse subito.
  • Anonimo scrive:
    AMD/ATI
    Diciamo anche che AMD/ATI ha annunciato che rilascerà i sorgenti dei driver per le schede video:http://enterpriselinuxlog.blogs.techtarget.com/2007/05/09/amd-will-deliver-open-graphics-drivers/
    • Anonimo scrive:
      Re: AMD/ATI
      - Scritto da:
      Diciamo anche che AMD/ATI ha annunciato che
      rilascerà i sorgenti dei driver per le schede
      video:
      http://enterpriselinuxlog.blogs.techtarget.com/200quando li vedo ci credo.per ora ATI su linux vale zero ed e' da sconsigliare
      • Anonimo scrive:
        Re: AMD/ATI
        Infatti è una notiza di rilievo, mi domando come mai punto informatico (e forse anche HWupgrape) non ne ha parlato...
        • Anonimo scrive:
          Re: AMD/ATI
          - Scritto da:
          Infatti è una notiza di rilievo, mi domando come
          mai punto informatico (e forse anche HWupgrape)
          non ne ha
          parlato...forse perchè (credo) viene ripetuta sempre nei momenti di crisi?
          • Anonimo scrive:
            Re: AMD/ATI
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Infatti è una notiza di rilievo, mi domando come

            mai punto informatico (e forse anche HWupgrape)

            non ne ha

            parlato...
            forse perchè (credo) viene ripetuta sempre nei
            momenti di
            crisi?Ma se AMD è da poco che ha ATI quando ha detto una cosa simile in precedenza?
    • Anonimo scrive:
      Re: AMD/ATI
      - Scritto da:
      Diciamo anche che AMD/ATI ha annunciato che
      rilascerà i sorgenti dei driver per le schede
      video:
      http://enterpriselinuxlog.blogs.techtarget.com/200L'inizio della fine per AMD/ATI. Stanno alla frutta come Sun con Java che è diventato opensource/GPL.
      • Anonimo scrive:
        Re: AMD/ATI
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Diciamo anche che AMD/ATI ha annunciato che

        rilascerà i sorgenti dei driver per le schede

        video:


        http://enterpriselinuxlog.blogs.techtarget.com/200

        L'inizio della fine per AMD/ATI. Stanno alla
        frutta come Sun con Java che è diventato
        opensource/GPL.
        ATI entrò in crisi la prima volta quando scontentò in vari i modi i suoi clienti, non vedo proprio come potrebbe portarle male accontentarne una parte in un modo che nulla toglie a tutti gli altri.
        • Anonimo scrive:
          Re: AMD/ATI
          Anche AMD scontentò moltissimo i clienti togliendo di mezzo le validissime CPU su Socket 939. Probabilmente AMD rilascerà i sorgenti delle schede video, probabilmente in dialetto di programmazione bergamasco.
      • Anonimo scrive:
        Re: AMD/ATI
        - Scritto da:
        L'inizio della fine per AMD/ATI. Stanno alla
        frutta come Sun con Java che è diventato
        opensource/GPL.
        Dai almeno se vuoi trollare fai un discorso sensato. Vendono le schede ATI sia che il driver sia open, sia che sia closed.
Chiudi i commenti